US Open, accadde oggi: il 30 agosto nella storia

Flash

US Open, accadde oggi: il 30 agosto nella storia

Le gran partite di Arthur Ashe, McEnroe contro Nastase, gli esordi di Sampras e Courier

Pubblicato

il

da New York, il nostro inviato

30 agosto 1978: prima giornata completa di partite allo USTA National Tennis Center. Arthur Ashe salva tre match-point e batte Ross Case, 4-6 7-6 6-1 (si giocarono i primi turni al meglio dei tre set). Ashe definisce l’impianto “la cosa più grande dopo l’invenzione del pane già affettato”.

30 agosto 1979: in uno dei match più matti che si ricordino, John McEnroe batte Ilie Nastase 6-4 4-6 6-3 6-2. nastase, a un certo punto viene squalificato dall’arbitro Frank Hammond, il che scatena una gazzarra di quasi 20 minuti, con il pubblico totalmente fuori controllo. Interviene il supervisor Mike Blanchard, che riammette in gara Nastase, e sostituisce Hammond sulla sedia fino alla fine. Poco prima, Kathy Horvath avva perso al primo turno 7-6 6-2 da Diane Fromholtz, diventando la persona più giovane ad aver disputato uno US Open, a 14 anni e 5 giorni.

 

30 agosto 1988: il diciottenne Jim Courier e il diciassettenne Pete Sampras fanno il loro esordio nel torneo. Courier batte l’austriaco Horst Skoff 7-5 6-4 6-3, Sampras perde dal peruviano Jaime Yzaga 6-7 6-7 6-4 7-5 6-2.

30 agosto 2014: John Isner perde da Philippe Kohlschreiber 7-6 4-6 7-6 7-6. Per incredibile coincidenza statistica, è la terza volta di fila che Philippe batte John esattamente al terzo turno dello US Open.

30 agosto 2016: Ivo Karlovic realizza il record di ace allo US Open, scagliandone 61 contro Lu Yen-Hsun, e battendolo 4-6 7-6 6-7-6 7-5. Ivo piazza 22 ace nel solo secondo set.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Internazionali di Roma, il programma di venerdì 18 settembre: la giornata degli azzurri

Quattro italiani in campo negli ottavi di finale: Musetti, Sinner e il derby tra Berrettini e Travaglia. Djokovic e Nadal si prendono il Centrale

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Internazionali d'Italia 2020 (foto del torneo)

La giornata da record del tennis italiano (quattro azzurri negli ottavi degli Internazionali non li vedevamo dal 1979…) scatterà alle 11 di venerdì con il derby tra Matteo Berrettini e Stefano Travaglia (sfida inedita che si giocherà sul Centrale). A seguire sarà la volta di Simona Halep (opposta a Yastremska) e Novak Djokovic (derby contro Krajinovic), mentre Rafa Nadal sfiderà Dusan Lajovic a partire dalle 17. Per quanto riguarda i due giovani azzurri Musetti e Sinner, Jannik se la vedrà con Grigor Dimitrov sulla Grand Stand Arena alle 11, mentre Lorenzo scenderà in campo sul Pietrangeli non prima delle 17 per affrontare il qualificato tedesco Dominik Koepfer.

IL PROGRAMMA COMPLETO

Centraledalle 11
[4] M. Berrettini vs [WC] S. Travaglia
non prima delle 13
[1] S. Halep vs D. Yastremska
[1] N. Djokovic vs F. Krajinovic
non prima delle 19
D. Lajovic vs [2] R. Nadal
P. Hercog vs [12] M. Vondrousova

Pietrangelidalle 11
[Q] A. Blinkova vs [2] Ka. Pliskova
U. Humbert vs [12] D. Shapovalov
[9] G. Muguruza vs [7] J. Konta
non prima delle 17
[Q] L. Musetti vs [Q] D. Koepfer
non prima delle 19
S. Kuznetsova vs [4] E. Svitolina

Grand Stand Arenadalle 11
[15] G. Dimitrov vs [WC] J. Sinner
non prima delle 14
C. Ruud vs M. Cilic
[SE] V. Azarenka vs [Q] D. Kasatkina
[8] D. Schwartzman vs H. Hurkacz

Court 1dalle 11
[Q] D. Kovinic vs [11] E. Mertens
[10] E. Rybakina vs Y. Putintseva

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Il tabellone femminile di Roma con tutti i risultati aggiornati

 

Continua a leggere

Flash

Niente Roland Garros per Naomi Osaka

La coscia infortunata impedirà alla campionessa dello US Open di scendere in campo a Parigi

Pubblicato

il

Naomi Osaka - US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Purtroppo l’ultimo Slam di questa stagione ha perso una delle potenziali protagoniste. La neo campionessa dello US Open Naomi Osaka ha fatto sapere attraverso i suoi canali social che non potrà essere della partita a Parigi.

Ciao a tutti, innanzitutto grazie per il vostro sostegno durante le ultime tre settimane. Non ce l’avrei mai fatta senza di voi. Sfortunatamente non sarò in grado di giocare gli Internazionali di Francia quest’anno. Il mio adduttore è ancora dolorante e non c’è abbastanza tempo per prepararmi a giocare sulla terra – questi due tornei sono troppo ravvicinati per me in questa occasione. Auguro ogni bene agli organizzatori e a tutti gli altri tennisti. Mi mancate, ma ci vedremo molto presto. Con tanto amore, Naomi”.

 

L’infortunio all’adduttore sinistro che ha impedito a Osaka di disputare la finale del Western&Southern Open e che l’ha costretta a giocare con una vistosa fasciatura tutti i match della vittoriosa campagna allo US Open non è quindi completamente guarito e la nipponica preferisce non rischiare.

Le entry list aggiornate del Roland Garros 2020

Continua a leggere

Fed Cup

La Fed Cup cambia nome in onore di Billie Jean King

Per la prima volta una competizione internazionale a squadre porterà il nome di una donna

Pubblicato

il

Nel corso di una conferenza stampa in diretta su Youtube, l’ITF ha annunciato un’importante novità che riguarda la Fed Cup. La competizione cambierà nome e si chiamerà Billie Jean King Cup by BNP Paribas, in onore della campionessa statunitense, icona di questo sport e molto impegnata nella lotta in difesa dei diritti civili e dell’uguaglianza sociale. Per la prima volta una competizione mondiale a squadre porterà dunque il nome di una donna. Un altro cambiamento dopo la riforma del format, sull’onda della Coppa Davis.

Molto soddisfatto il presidente dell’ITF David Haggerty che ha detto: ′′Dal giocare la prima Fed Cup come membro della vittoriosa squadra statunitense nel 1963, dal fondare la WTA e divenirne il suo primo presidente, ad essere la prima atleta femminile premiata con la Medaglia Presidenziale della Libertà americana, Billie Jean King non ha mai smesso di superare ogni barriera. Oggi aggiunge un’altra ′′prima volta′′ a quella lista. Il nuovo nome è un tributo adatto a tutto ciò che ha ottenuto e fornirà un’eredità duratura che ispirerà le future generazioni di giocatori e tifosi.”

Giustamente orgogliosa Billie Jean King che ha lanciato ancora una volta un messaggio alle nuove leve: ′′Non c’è niente come la sensazione di rappresentare il tuo paese e di far parte di una squadra, per questo motivo questa competizione è così speciale e importante per me. È un onore che la coppa del mondo femminile di tennis porti il mio nome e una responsabilità che non prenderò alla leggera. Il nostro lavoro è condividere questa visione con le future generazioni di ragazzine, perché se riesci a immaginarla, puoi esserla.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement