WTA Guangzhou, qualificazioni: Errani fuori al primo turno, avanza Paolini

Flash

WTA Guangzhou, qualificazioni: Errani fuori al primo turno, avanza Paolini

Sarita subito eliminata dal torneo cinese (duplice 6-2 da Zavatska), mentre Jasmine batte in tre set Liang

Pubblicato

il

Jasmine Paolini (foto San Marco)

La prima carrellata di match per la qualificazione al main draw ha aperto il WTA International di Guangzhou. Due azzurre hanno debuttato nel torneo cinese. Sara Errani è entrata nel tabellone cadetto grazie a una wild card e ha affrontato la testa di serie numero sei Katarina Zavatska. L’ucraina (137 WTA) l’ha spuntata con un doppio 6-2 mettendo subito fine al torneo della giocatrice emiliana.

Esulta invece Jasmine Paolini, terza giocatrice del seeding, che ha raggiunto il secondo e ultimo turno. La toscana ha battuto in tre set la cinese di Tapei En-Shuo Liang (210 del mondo) per 6-4 5-7 6-4 dopo due ore esatte di gioco. Ora l’azzurra sfiderà la vincente del match tra Dalila Jakupovic e Natalija Kostic per guadagnare un posto nel tabellone principale (sarebbe il settimo torneo dell’anno nel Tour maggiore).

Poche le sorprese negli altri match. L’unico risultato da segnalare è l’uscita di scena della seconda testa di serie Varvara Lepchenko. La statunitense si è ritirata sul 2-6 0-3 lasciando strada a Magdalena Frech.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Quattro squadre si contendono un posto nella serie A di Padel

Obiettivo serie A per quattro club italiani di Padel

Pubblicato

il

Cristina Dolce, in forza al Monviso Sporting club

A partire da venerdì 18 Ottobre si svolgeranno a Sassuolo gli spareggi tra le quattro squadre meglio classificate nei gironi della serie B di padel. Dopo aver passato il primo round nel tabellone nazionale, i quattro team sono ora pronti a darsi battaglia per conquistare l’accesso alla massima divisione. Sui campi del circolo Ca’ Marta Sport & Fun Società SSD di Sassuolo incroceranno le racchette circoli storici del tennis come il Parioli (in formazione tra gli altri Michele Bruno – neo campione italiano e convocato dalla Nazionale italiana per i prossimi Europei – Alfonso Viuda, Esther Lasheras, Adriana Lavoretti, Daniela Cigna, Manfredi Tesauro, Alessandro Fuzio, Marco Siciliani, Damiano Di Ienno, Federica Spazzacampagna e Aldo De Florio) e il favoritissimo Monviso Sporting club, che può contare sulle fortissime Cristina Dolce e Manuela Savini, i prima categoria Alvaro Cepero Rodriguez e Stefano Pupillo, oltre a Matteo Spizzica, Matteo Savoldi, Simone Licciardi e Alessandro Gullotta.

Il Magic Padel di Roma ha a disposizione ben tre prima categoria (Mauricio Andreini, Gustavo Sarmiento e Franesca Romana Zacchini), e sei seconda categoria (Mireia Herrada Ruiz, Anna Profumi, Marco Vitali, Giacomo Bitelli, Corrado Graziotti e Daniele Scopece). Infine il Padel Club Riccione, unico club a vincere il primo turno del tabellone per 4 a 0, potrà schierare quattro giocatori classificati 21 (Alan Maldini, Gianluca Berardi, Riccarod Rondinelli, Yuri Succi) e altri tre seconda categoria (Matteo Bartolini, Alessandro Pecci e Romana Fede).

Le final four si preannunciano avvincenti, con il sorteggio in programma oggi, venerdì 18 ottobre alle 12:30; a seguire inizieranno i primi incontri, che proseguiranno per tutto il weekend.   

Aldo De Florio

 

Continua a leggere

Flash

Federer e la vita dopo il ritiro: “Mi piacerebbe insegnare tennis alla Rafa Nadal Academy”

Roger non ha ancora idee precise sul proprio ritiro, ma sa perfettamente cosa fare dopo: insegnare ai giovani, magari insieme al rivale di sempre

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Roger Federer (photo credit: Rafa Nadal Academy by MOVISTAR)

Negli ultimi tempi, Roger Federer è inevitabilmente costretto a parlare un po’ più spesso del proprio futuro. Con l’approssimarsi della stagione 2020, molti si chiedono infatti quali siano le intenzioni dello svizzero. Il campione di Basilea nei giorni scorsi ha svelato alcuni dettagli circa la sua programmazione per il prossimo anno, confermando la sua intenzione di giocare sia le Olimpiadi di Tokyo che il Roland Garros.

L’argomento caldo però, quando si parla del futuro dello svizzero, è ovviamente la questione ritiro su cui lo stesso Federer non sembra avere ancora le idee precise. “Me lo chiedono da un po’, mi dispiace, vi deludo ancora… Non ho deciso quando smetterò“, ha rivelato lo svizzero a SportWeek (il settimanale sportivo allegato a La Gazzetta dello Sport in uscita domani). Nel corso della stessa intervista, Roger ha però dimostrato di avere un piano ben preciso per quanto riguarda la vita fuori dal circuito.Mi piacerebbe insegnare tennis ai giovani. E mi piacerebbe farlo con la Rafa Nadal Foundation“. Una dichiarazione speciale che certifica ancora una volta l’evoluzione del rapporto tra questi due campioni, passato dalla semplice stima dei primi tempi a quella che forse potremmo anche definire amicizia.

Rafa Nadal e Roger Federer (Crédito: Rafa Nadal Academy by MOVISTAR)

Federer inoltre è sempre stato un grande sostenitore dell’Accademia di Nadal, alla cui inaugurazione ha presenziato come ospite d’onore. “Se i miei figli vorranno giocare a tennis, sicuramente li manderò qui“, aveva detto in quell’occasione. Ora sembra essersi aperto più di uno spiraglio per una storica collaborazione che potrebbe proiettare il progetto del maiorchino verso una dimensione completamente diversa.

 

Continua a leggere

Flash

A Tokyo ancora non si vedono i campi per il torneo olimpico: “Pronti per marzo 2020”

Ancora non c’è traccia dei quattro campi secondari, da costruire attorno all’Ariake Coliseum. Ma dal Giappone arrivano rassicurazioni

Pubblicato

il

280 giorni ci separano dai Giochi della XXXII Olimpiade, in programma a Tokyo nella prossima estate. Tuttavia, come già accaduto quattro anni fa a Rio de Janeiro, c’è un minimo di apprensione per quanto riguarda il tennis. Nessun problema per il campo principale, l’Ariake Coliseum, dove si disputa il Rakuten Japan Open (vinto due settimane fa da Novak Djokovic) e la superficie (cemento outdoor) verrà confermata anche per i Giochi. L’arena può ospitare circa 10000 spettatori ed è dotata di un tetto retrattile, che potrebbe rivelarsi utile non tanto per la pioggia, bensì per proteggere i presenti dal gran caldo, che i giapponesi si augurano non sia così pressante come nella scorsa estate.

Non sono ancora pronti invece i campi secondari che dovranno circondare la struttura principale. Ci sono quattro ‘court’ progettati e pronti per la costruzione, l’area (l’Ariake Tennis Park) è stata già delineata, ma ancora non si vede nessuno sviluppo dei lavori. Si dovrebbe partire dal campo numero 2, mentre l’intero complesso sarà pronto per marzo. “Il governo metropolitano di Tokyo è in possesso dell’area e i quattro campi saranno pronti per marzo 2020 rassicura un portavoce dei Giochi Olimpici. “C’è qualche lavoro extra da fare per aggiungere dei posti a sedere, ma non c’è preoccupazione”.

Il torneo di tennis attirerà un enorme massa di pubblico. Sono recenti le notizie che riguardano Roger Federer e Naomi Osaka, due dei giocatori più seguiti al mondo. Il venti volte campione Slam ha deciso di prendere parte al torneo Olimpico, sarà la sua quinta apparizione alle Olimpiadi dove ha conquistato un argento in singolare e un oro in doppio. A quasi 39 anni sarà in campo per conquistare il primo oro in singolare per la sua Svizzera. La scelta di Osaka era ben più complessa. Doveva decidere se essere a tutti gli effetti giapponese o cambiare passaporto e giocare per la bandiera degli Stati Uniti. Naomi non abbandonerà il suo Giappone e tenterà di regalare una medaglia alla sua gente nella prossima estate.

 

Una novità nel format del torneo è stata introdotta in aprile: dalla prossima edizione non si giocherà più la finale maschile al meglio dei cinque set, ma sarà un due su tre (in linea al resto del torneo) a decretare il vincitore del metallo più prezioso

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement