Bresnik ne ha per tutti: Zverev è un “fallimento totale”, Tsitsipas “da schifo”, Shapo e Kyrgios...

Focus

Bresnik ne ha per tutti: Zverev è un “fallimento totale”, Tsitsipas “da schifo”, Shapo e Kyrgios…

L’ex allenatore di Dominic Thiem parla dei Next Gen e della sua nuova esperienza come coach nella WTA

Pubblicato

il

Diversamente da alcuni colleghi anche più blasonati, Günter Bresnik non dà l’idea di andare alla ricerca di dichiarazioni inutilmente clamorose con il solo fine di far parlare di sé urtando (volentieri?) l’altrui suscettibilità. Tuttavia, quando gli si pone una domanda, per quanto innocua all’apparenza, sarebbe ingenuo e ingeneroso aspettarsi che a 58 anni si attardi in perifrasi per addolcire i suoi pensieri. Intervistato dal quotidiano austriaco Heute, tra una battuta sulla sua nuova avventura al femminile e l’immancabile question time sulla “questione Thiem”, succede allora che il coach viennese risponda con cruda sincerità a proposito dei next gen, locuzione che avrà anche stancato (e non da ora), ma che, probabilmente, per tutta la carriera resterà appiccicata come una sanguisuga ai nati dalla seconda metà degli anni ’90.

IL SUO FUTURO È ROSA – Cominciamo però dall’inizio, vale a dire dalle donne: sì, perché il nuovo progetto del buon Günter si chiama Mira Antonitsch, figlia ventenne dell’ex n. 40 ATP Alex, ora direttore del torneo di Kitzbuhel. Mira ha sfiorato l’ingresso fra le prime 500 due anni fa e ora occupa il 659° posto del ranking, ma Bresnik intuisce in lei una potenziale top 100. E non vede difficoltà nel lavorare per la prima volta con una tennista perché “ho quattro figlie, due sorelle e una moglie, vengo da una casa di donne: sono bravo con loro. Non posso dire se funzionerà visto che non ci ho mai provato seriamente [con la WTA]. Di sicuro, lo sport è lo stesso e senza grinta e impegno non si arriva al vertice”.

IL FUTURO DEI MASCHI, INVECE – Naturalmente, continua a seguire con interesse il circuito maschile (“ho guardato lo US Open dalle 17 fino a notte fonda su tre canali contemporaneamente”) e Daniil Medvedev è quello che lo ha colpito davvero. “Lo scorso febbraio a Buenos Aires, suggerivo a Dominic di non guardare solo davanti a sé a Djokovic, Nadal, Federer, ma anche indietro: ‘sta arrivando Medvedev’ ho detto e lui mi ha preso in giro. Medvedev è intelligente, ha lo humor russo, si muove estremamente bene. Gli altri giovani non sono a quel punto”.

Cosa significa in pratica è presto detto: “Zverev è un fallimento totale, Tsitsipas è stato pessimo negli ultimi due Slam. Shapovalov sarebbe pericoloso perché ha le armi, ma non è stato allenato bene negli ultimi anni. Rimane Kyrgios: non sarà mai costante per un’intera stagione, ma solo per una o due settimane – va così”. Bisognerebbe domandargli e domandarsi come due di queste ‘tragedie ambulant’ siano saldamente in top ten ma, forse saggiamente, al coach con il cappello viene invece chiesto chi abbia più potenziale. “Dominic Thiem” replica senza incertezze. “Non ha debolezze sotto il profilo tecnico, può giocare in controllo ai ritmi più sostenuti. Lo scorso anno a New York è stato più vicino a battere Nadal di Medvedev quest’anno, è una cosa che dimenticano in tanti. Ma deve recuperare il suo livello”.

 

ANCORA CON QUESTA ROTTURA – Un po’ ci ha messo del suo nominandolo pur non invano, ma l’argomento è ormai introdotto. La scorsa primavera, il numero 5 del mondo ha chiuso la storica collaborazione iniziata quando aveva appena dieci anni per affidarsi interamente alle cure tecniche di Nicolas Massu, appena arrivato proprio su consiglio di Bresnik: come ha processato la rottura Günter? Non ne soffro, ma sono deluso. Devo solo smettere di scervellarmici”. Forse, è proprio qui che va ricercato il motivo delle parole fin troppo dure riservate a quei giovani: parafrasando un suo collega, Günter non è un coach, ma un uomo ferito che insegna tennis.

Continua a leggere
Commenti

Area test

Dunlop lancia la nuova linea di racchette FX

La linea di racchette che presenta la nuova tecnologia POWER BOOST GROOVE per produrre più potenza e garantire controllo e grande comfort

Pubblicato

il

Composta da cinque racchette da tennis ad alte prestazioni, la serie Dunlop FX è ricca di tecnologie ed è la prima a presentare l’innovativa tecnologia POWER BOOST GROOVE, che offre ai giocatori una superficie utile all’impatto più ampia, aumentando la potenza e permettendo di giocare con “Power at Full Force” (Potenza a Piena Forza).

La serie FX è stata accuratamente testata dagli ingegneri Dunlop Srixon a Kobe, in Giappone: le racchette dimostrano una proprietà di rimbalzo superiore del 4,8% in tutte le zone di impatto rispetto alle stesse racchette senza la scanalatura del POWER BOOST GROOVE. Il risultato: colpi più veloci ed efficaci.

La serie FX è il risultato del lavoro instancabile del nostro team globale di ricerca e sviluppo“, ha dichiarato Masahiro Asahino, responsabile della divisione tennis di SRI. “Il prodotto finale è una gamma di racchette progettate per il gioco moderno con giocatori che beneficiano di maggiore potenza, controllo e sensibilità in ogni colpo. Ogni giocatore, indipendentemente dalla sua abilità, è alla ricerca della potenza ed è esattamente ciò che offre questa serie. Questa gamma si unisce a quelle già esistenti (SX – Spin, CX – Control): ora abbiamo una racchetta tecnicamente all’avanguardia per ogni tipo di stile di gioco che contribuisce a diffondere la salute e la felicità attraverso il tennis“.

 

La serie FX offre 4 tecnologie chiave per garantire massima potenza e sensibilità in ogni colpo:
POWER BOOST FRAME GEOMETRY: forma aerodinamica del telaio caratterizzata da linee affilate e moderne che tagliano bene l’aria garantendo velocità del movimento e stabilità.

FLEX TOUCH RESIN: un materiale completamente nuovo con un composto elastomerico termoplastico unico ad alte prestazioni, con elevata elasticità, proprietà di riduzione delle vibrazioni e con conseguente aumento della sensibilità.

SONIC CORE MADE WITH INFINERGY BY BASF: Le racchette della serie FX beneficiano anche del Sonic Core realizzato con Infinergy® da BASF, tecnologia innovativa vista per la prima volta nella serie CX. Situato alle ore 2 e 10 della racchetta, Infinergy® è il primo E-TPU al mondo (poliuretano termoplastico espanso) sviluppato da BASF.

POWERGRID STRING TECH: La serie FX eredita dalla serie CX anche il POWER GRID STRING TECH: uno schema corde più denso al centro e più largo nella parte superiore della racchetta. Questa tecnologia garantisce una distribuzione uniforme della potenza, in particolare verso la parte superiore della racchetta, sempre più utilizzata dai giocatori moderni.

La serie FX va a completare la gamma Dunlop “powered by Srixon”: si associa alla serie SX, ideata per garantire più spin, e alla serie CX, ideata per garantire un maggiore controllo. Il nome FX riflette il nuovo concetto di denominazione di Dunlop: Elements of the Game, progettato per semplificare il messaggio al consumatore e riflettere il principale vantaggio in termini di prestazioni di ciascuna gamma di racchette; FX – Potenza, SX – Spin, CX – Controllo.

LA GAMMA

FX 500 Tour

La racchetta più pesante della gamma che combina velocità, potenza e comfort con un controllo aggiuntivo per perfezionare il gioco. La versatilità della FX 500 Tour fa sì che ogni parte del gioco riceva una spinta. Ideale per giocatori di livello intermedio o avanzato.

Specifiche della racchetta FX 500 Tour:

  • Piatto Corde (cm2 / in2): 632/98
  • Lunghezza (cm / pollici): 68,6 / 27
  • Peso senza corde (G / Oz): 305 / 10,8
  • Bilanciamento (mm): 315
  • Profilo (mm): 21-23-22
  • RA / Rigidità: 70
  • Schema corde: 16×19

FX 500

Conquista gli angoli con la potente e maneggevole FX 500, la racchetta per eccellenza. Se giochi una partita d’attacco, ora hai grande potenza e uno sweetspot più ampio a sostenerti.

Specifiche della racchetta FX 500:

  • Piatto Corde (cm2 / in2): 645/100
  • Lunghezza (cm / pollici): 68,6 / 27
  • Peso senza corde (G / Oz): 300 / 10.6
  • Bilanciamento (mm): 320
  • Profilo (mm): 23-26-23
  • RA / Rigidità: 71
  • Schema corde: 16×19

FX 500 LS

Questa racchetta si basa sulle caratteristiche della FX 500 e offre una grande maneggevolezza grazie al peso più leggero. Perfetta per i giocatori di medio e alto livello alla ricerca di un attrezzo comodo e leggero.

Specifiche della racchetta FX 500 LS

  • Piatto Corde (cm2 / in2): 645/100
  • Lunghezza (cm / pollici): 68,6 / 27
  • Peso senza corde (G / Oz): 285 / 10.1
  • Bilancia non fissata (mm): 320
  • Larghezza del fascio (mm): 23-26-23
  • RA / Rigidità: 71
  • Schema corde: 16×19

FX 500 Lite

Potenzia ogni colpo con la racchetta più veloce e leggera della serie FORCE. Giocatori intermedi e junior avanzati troveranno più facile giocare colpi efficaci e potenti grazie alla stabilità della FX 500 Lite.

Specifiche della racchetta FX 500 Lite:

  • Piatto Corde (cm2 / in2): 645/100
  • Lunghezza (cm / pollici): 68,6 / 27
  • Peso senza corde (G / Oz): 270 / 9.5
  • Bilanciamento (mm): 330
  • Profilo (mm): 23-26-23
  • RA / Rigidità: 71
  • Schema corde: 16×19

FX 700

Sentiti a tuo agio mentre aumenti la potenza. La FX 700 vanta il piatto più grande della serie FORCE, quindi è una racchetta che perdona molto e che offre molta potenza. Perfetta se hai uno swing medio-corto o stai cercando di migliorare il tuo gioco.

Specifiche della racchetta FX 700:

  • Piatto Corde (cm2 / in2): 690/107
  • Lunghezza (cm / pollici): 69,8 / 27,5
  • Peso senza corde (G / Oz): 265 / 9.3
  • Bilanciamento (mm): 340
  • Profilo (mm): 23-27-23
  • RA / Rigidità: 70
  • Schema corde: 16×19

I Prezzi della Gamma FX vanno da €164.95 a €199.95 e sono disponibili in pre-ordine sul sito www.dunlopsports.com

Continua a leggere

Focus

1×12 – Ubi Radio: Wimbledon, pioggia di ricordi… di pioggia

Nuovo episodio del podcast di Ubitennis. Ubaldo Scanagatta ricorda i giorni di pioggia a Wimbledon e le “famose” domeniche di mezzo.

Pubblicato

il

Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Secondo appuntamento di Ubi Radio dedicato ai Championships di Wimbledon, che sarebbero stati in dirittura d’arrivo in questi giorni. Il direttore Ubaldo Scanagatta, insieme con l’host Vanni Gibertini, ricordano le lunghe interruzioni per pioggia che caratterizzano il torneo inglese, e le “domeniche di mezzo” che dovettero essere improvvisate in tre occasioni per recuperare il ritardo di match provocato dal maltempo. Scanagatta racconta i suoi magheggi per giocare a tennis al Queen’s Club nell’unica giornata libera nella quindicina del torneo, e rivive una brutta avventura vissuta con la “Vespa” attaccando un poster di Ubitennis.

Sintonizzatevi sulla pagina Spreaker di Ubitennis, oppure sulle principali piattaforme di podcast come Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

Continua a leggere

Italiani

Adriano Panatta, settant’anni di citazioni

“Non voglio insegnare un tipo di gioco frustrante”. Ripercorriamo alcune frasi del campione romano su come vede il tennis e su come vorrebbe insegnarlo

Pubblicato

il

Adriano Panatta, oggi settantenne, è certamente il più grande tennista italiano (uomo) dell’Era Open, l’unico in grado di conquistare uno Slam (o di raggiungerne la finale) e l’unico ad aver procurato frequenti dispiaceri ad uno dei più grandi, vale a dire Bjorn Borg, tanto da essere l’unico ad aver battuto l’Orso a Bois de Boulogne, e per ben due volte.

Anche dopo il ritiro dalle scene, Panatta è riuscito a rimanere una figura familiare alla gran parte del pubblico italiano, non solo per i suoi trascorsi sui campi (e ora pure al cinema…), ma piuttosto per due caratteristiche da sempre molto nette della sua dialettica: da un lato, la schiettezza, che l’ha spesso portato a prendere posizioni controverse su vari temi; dall’altro, la deprecatio temporum dello stile di gioco contemporaneo, un aspetto che l’ha reso il paladino di una vena nostalgica comune a tanti appassionati, e per questo ancora più amato. Il suo gioco (che con espressione vetusta viene sempre definito “dei gesti bianchi”) e il suo approccio al professionismo sono passati, grazie alle sue affermazioni successive, a incarnare un idealismo tennistico fondato sulle sue sfumature più ludiche ed estetizzanti, lontane dal podismo della pressione da fondo e dalla velocità delle racchette moderne.

La combinazione dei due tratti, non comune fra i grandi del tennis, quasi sempre dediti all’encomiastica dello sport in quanto ben consapevoli che la storicizzazione del presente ne consoliderà la genealogia e quindi il loro ruolo all’interno di essa, ha reso le sue affermazioni motivo di interesse e di scalpore, seppur non sempre condivisibili (motivo per cui microfoni ed editori continuano a cercarlo con notevole frequenza), ed è per questo che UbiTennis ha deciso di celebrarlo con una raccolta delle sue migliori frasi, frasi che più di tutto raccontano Adriano Panatta, un uomo che guarda il tennis come l’ha giocato.

 

“A me piace parlare dello sport allegro. Il tennis di Nastase è allegro, il tennis di Noah è allegro. […] Lo sport professionistico non fa bene a nessuno, perché i giocatori sono macchine da corsa portate all’estremo. In più nel tennis sei sempre solo, e giocando tanto inevitabilmente diventi un po’ matterello [sic]”, La7, presentazione di “Il tennis è musica” del 2018 con Gaia Tortora.

“Ah, la veronica non si insegna: viene naturale. Quella per annullare il match point a Pavel Hutka, seguita da una volée in tuffo, al primo turno di Parigi ‘76, è forse la più celebre. Il nome veronica lo inventò il giornalista Rino Tommasi. Forse, per non alimentare la mia falsa fama di seduttore, era meglio chiamarla Filiberto!”, Corriere, 2020.

“Mica ce l’ho con il rovescio a due mani. Ho solo detto che a una mano è più elegante e che, se posso, lo insegno così. Ma se arriva un bimbo che naturalmente attacca l’altra mano e colpisce bene, non sarò certo io a staccargliela, per carità di Dio. Quello che volevo dire è che nella mia scuola vorrei insegnare un tennis facile e voglio che i miei collaboratori la pensino come me, e non come si fa altrove. Perché le cose facili sono per certi versi le più complicate da insegnare, ma anche quelle che rendono felici. Se un ragazzino inizia a giocare, cresce, si diverte e ha tante soluzioni in campo, difficilmente smetterà. Non voglio insegnare un tipo di gioco frustrante, cioè quello che oggi fanno quasi tutti […] non è una questione ideologica, è che per fare quel tennis lì, botte di dritto e botte di rovescio e corse forsennate, servono qualità fisiche e forza mentale straordinarie, e mica tutti ce l’hanno. […] Chi diffonde quel tipo di gioco, secondo me, non fa il bene della maggior parte dei giocatori. Crei molti infelici”, in un’intervista di oggi a Federico Ferrero su Tennis Magazine Italia.

“Borg e Vilas hanno rovinato una generazione di giocatori. Oggi non c’è più un giocatore d’attacco, capace di ammorbidire la palla. Andre Agassi è stato l’evoluzione di questo tennis. Ha inventato un nuovo modo di giocare, primo attaccante a fondo campo. Oggi trovi degli energumeni che impugnano l’attrezzo. Il tennis è un’altra cosa. Guardo Federer. Lui gioca troppo bene. Lui è un illuso, vorrebbe battere quella belva di Nadal giocando bene a tennis. Impossibile, Panorama, 2006.

“Non l’ho mai detto a nessuno, conservo un’unica cosa: la pallina del match point contro Vilas a Roma, una Pirelli. Se la fece regalare mio padre Ascenzio, custode del Tc Parioli. Quando è mancato, riordinando casa, l’ho trovata. Poi è sparita di nuovo, misteriosamente. L’ha ripescata di recente mia figlia Rubina in un cassetto. È sbiadita, dura come un sasso. E con il tempo si è rimpicciolita, come i vecchi”, Corriere, 2020.

“Al Roland Garros in particolare giocai il miglior tennis della mia vita, dopo aver annullato con un tuffo un match point dell’avversario e surclassato Borg nei quarti di finale. Sessanta secondi di pienezza totale, di felicità, alla fine della finale con Harold Solomon e poi basta. La sera, nella cena di gala, ricordo, ero già molto triste. Un senso di vuoto. Quasi una depressione, che mi è durata tre settimane di seguito, Panorama, 2006.

“[P]er Berlinguer dovevamo andare in Cile. E voleva lo sapessimo. Per il segretario del Pci non sarebbe stato giusto che la Coppa finisse nelle mani del Cile del regime-Pinochet piuttosto che nelle nostre. Da lì in poi la strada verso la partenza si fece in discesa. Fu come un liberatutti. Il governo Andreotti disse che lasciava libero il Coni di decidere, quest’ultimo lasciò libera la Federazione e di fatto ci ritrovammo a Santiago, liberi di vincere. Grazie a Berlinguer. La Repubblica, 2009.


TUTTI GLI ARTICOLI DI UBITENNIS SU ADRIANO PANATTA

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement