Watson in finale dopo tre anni: sfiderà Peterson per il titolo di Tianjin

WTA

Watson in finale dopo tre anni: sfiderà Peterson per il titolo di Tianjin

Battute in semifinale Kudermetova e Jabeur. La britannica va a caccia del quarto titolo in carriera, la svedese del secondo nel giro di un mese

Pubblicato

il

Heather Watson - Tianjin 2019 (foto via Twitter, @WTA)

A darsi battaglia domenica per il trofeo del Tianjin Open saranno Heather Watson e la svedese Rebecca Peterson. La 27enne britannica tornerà a giocare una finale WTA a distanza di tre anni dall’ultima disputata: correva infatti l’anno 2016 quando Watson conquistò a Monterrey il terzo titolo della sua carriera. Quella di domani a Tianjin sarà la sua quarta finale WTA, nelle tre precedenti occasioni non ha mai perso: oltre a Monterrey, ha trionfato a Hobart nel 2015 e a Osaka nel 2012. La britannica (attualmente numero 125 del mondo, ma vanta un best ranking di numero 38 raggiunto nel gennaio del 2015), è arrivata in finale superando una dopo l’altra Kateryna Bondarenko, la testa di serie numero 2 Qiang Wang, la numero 8 Magda Linette nei quarti e la 22enne russa Veronika Kudermetova in semifinale (6-1 6-4 in 74 minuti di gioco).

La 24enne Rebecca Peterson ha invece iniziato il suo torneo superando al primo turno Venus Williams, per poi ‘fare fuori’ le due Wang (prima Xinyu, poi Yafan) e infine Ons Jabeur in rimonta dopo aver rimediato un bagel nel primo parziale. La svedese ha chiuso poi per 7-5 al terzo dopo due ore di partita, guadagnandosi la sua seconda finale nel giro di un mese. La numero 59 del mondo ha infatti trionfato a inizio settembre a Nanchang, conquistando il primo titolo della sua carriera. Un unico precedente tra le due finaliste, che si sono affrontate tre settimane fa nelle qualificazioni di Wuhan: vittoria in due set per Peterson.

Risultati:

R. Peterson b. O. Jabeur 0-6 6-4 7-5
H. Watson b. V. Kudermetova 6-1 6-4

Il tabellone completo

 

Continua a leggere
Commenti

US Open

Kerber, Svitolina, Bertens: quanti dubbi su questo US Open

In WTA si accende il dibattito su New York. Gavrilova punzecchia: “Alcuni tennisti sarebbero sollevati se il torneo venisse annullato”. Dopo Halep, altre giocatrici importanti rischiano di dare forfait

Pubblicato

il

Elina Svitolina - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Le pessime notizie che arrivano dagli Stati Uniti sul numero dei contagi hanno un risvolto anche nel mondo del tennis. Dal 14 agosto infatti si ripartirà (in teoria) con il torneo di Washington seguito a ruota dal duo newyorkese Cincinnati-US Open, ma al momento sono molti i dubbi che circolano su questi eventi. Qualche settimana fa alcuni giocatori si lamentavano delle condizioni troppo restrittive imposte dagli organizzatori dello US Open, mentre adesso la situazione sembra essersi ribaltata e in molti considerano un viaggio in America troppo rischioso. Soprattutto dalle protagoniste del tennis femminile giungono voci che indicano esplicitamente la volontà di non prendervi parte. Voci che si aggiungono alle intenzioni della numero 2 del mondo Simona Halep, che ripartirà da Palermo senza troppe intenzioni di recarsi poi negli States.

Angelique Kerber, parlando all’agenzia di stampa tedesca DPA ha detto chead oggi onestamente non riesco a immaginare che i tornei negli Stati Uniti si svolgeranno. Non penso che nessuno voglia prendere un aereo e volare a New York. Al momento nessuno sa bene cosa sta succedendo e come si evolverà la situazione”. La 32enne tedesca, che a Flushing Meadows vinse il suo secondo titolo Slam nel 2016, ha aggiunto: “Tengo fortemente in considerazione la possibilità di un contagio, mio o di un membro del team, e in quel caso saremmo bloccati senza sapere come procedere”. L’incertezza comunque la fa da padrona e lo ricorda ancora una volta: “Non sappiamo cosa succederà, potremmo non giocare per due anni o forse potremmo giocare fra tre settimane. Sarebbe meglio aspettare una settimana o due anziché iniziare troppo presto”.

Non è di un parere troppo diverso Elina Svitolina, impegnata al momento in Germania nel torneo di esibizione Bett1Aces. L’ucraina già qualche giorno fa aveva espresso i suoi dubbi: “Continuo a guardare la situazione negli Stati Uniti e ipotizzare quali rischi potrebbero esserci. Quando vedi il numero di infetti lì, è un po’ spaventoso. La situazione potrebbe essersi stabilizzata a New York, ma è molto diverso negli altri stati”. Nel frattempo, indiscrezioni provenienti da Berlino danno quasi per certo il suo rientro sulla terra madrilena.

 

Ancora incerto è invece il destino di Kiki Bertens, anche lei impegnata sull’erba di Berlino. “Penso che mi iscriverò allo US Open e a Cincinnati ma deciderò all’ultimo momento ha detto l’olandese. Al momento non vorrei andarci, francamente. Ma molto può ancora cambiare. Se è abbastanza sicuro andremo, altrimenti resteremo a casa e ci prepareremo per la stagione sulla terra battuta”. Resta poi il forte dubbio sull’eventuale quarantena da fare una volta rientrata in Europa dalla trasferta nordamericana, che la costringerebbe a saltare i tornei di Madrid e Roma. Se così fosse, Kiki non ha dubbi: “Non ci andrei. Comunque, questo può cambiare in una o due settimane. Quindi aspetto comunicati ufficiali e poi deciderò se è abbastanza sicuro andare o no, e se penso che valga la pena andarci”.

In mezzo a tante voci che esprimono incertezza sulla loro partecipazione, c’è tuttavia anche chi giudica eccessivo, persino sbagliato questo tentennamento. L’australiana Daria Gavrilova si è espressa così sull’argomento rispondendo alla sua collega Priscilla Hon: “Abbiamo la possibilità di scegliere. Personalmente mi piace sapere che ho l’opportunità di giocare e guadagnare. Ma sembra che i giocatori non vogliano prendere una decisione difficile e forse sarebbero sollevati se il torneo venisse annullato“.

Continua a leggere

Personaggi

Anisimova, la prossima Amanda

“I paragoni con Sharapova mi gratificano, ma sarei già molto contenta se riuscissi a interpretare la miglior versione di me stessa”

Pubblicato

il

Amanda Anisimova - Roland Garros 2019 (foto via Twitter, @rolandgarros)

Amandina è pronta a tornare, come quasi tutte le sue colleghe, peraltro. Ma la biondissima russa da Freehold, New Jersey, attira di più, molto di più, di molte di loro, è un fatto. Talento eufemisticamente precoce, Amanda era una superstar in pectore già ad anni tre, quando, messale una racchetta in mano, il padre Konstantin si avvide della notevole predisposizione al tennis della figlioletta, e decise di percorrere in direzione sud duemila chilometri sulla I-95 per trasferire la dimora della famiglia a Miami, là dove si trovano i più qualificati campionifici della Confederazione.

Premesse buone, risultati pure, almeno per ora, sembra di poter affermare. Finalista al French Open per ragazze nel 2017 e pochi mesi dopo campionessa a New York sempre tra le under, ad Amanda il temutissimo passaggio al professionismo ha fatto il solletico: a sedici anni, Indian Wells edizione 2018, prima vittoria su una top ten di non trascurabile pedigree come Petra Kvitova. L’anno dopo, quarto turno a Melbourne, primo titolo nel circuito grosso a Bogotà e addirittura semifinale a Parigi – prima ragazza nata nel nuovo secolo a finire tra le prime quattro in uno Slam – con scalpo della detentrice Halep nei quarti di finale. Come logica conseguenza, la classifica ha risposto di lì a poco gratificandola con la ventunesima piazza mondiale, tutt’ora best ranking per l’ambiziosissima ragazzina prodigio.

Com’è noto, in periodi di vita piuttosto brevi una stella precoce accumula una serie di esperienze, gioie e rimpianti che una persona ordinaria mette insieme in una vita. Così, assaggiati molto presto celebrità e successo, Anisimova ha già dovuto conoscere il dramma della morte, che la scorsa estate ha portato via il suo papà-coach Konstantin, colpito da un attacco cardiaco. Un trauma così profondo forse non merita che se ne descrivano le conseguenze sull’attività lavorativa, figuriamoci se il lavoro è uno sport, eppure ci tocca anche questo: ovviamente saltato lo US Open 2019 e ripresentatasi solo a Wuhan, Amanda non ha più ritrovato il passo, riuscendo fino al momento del lockdown a vincere più di un match solo in tre tornei, l’ultima volta a Doha. C’è da pensare che lo stop forzato, con ranking congelato, non le sia dispiaciuto: per pensare a difendere la semifinale di Parigi c’è ancora un po’ di tempo.

 

Un saliscendi emozionale, sportivo e umano, che tocca quasi solo ai prescelti, e Amanda è prescelta da quando ha imparato a camminare senza aiuti terzi. Diva, quello lo è diventata poco dopo, dal preciso momento in cui molti l’hanno insignita del prestigioso e temuto titolo di erede di Maria Sharapova. Indubbiamente bionda, sicuramente talentuosa e molto probabilmente provvista della giusta mentalità, l’attuale ventotto WTA il paragone potrebbe reggerlo, eppure lo schiva: certo non per timore. “Masha è stata una giocatrice unica, ha ottenuto risultati pazzeschi ed esserle paragonata è un onore immenso. Il mio obiettivo sarebbe però quello di essere me stessa e di mantenere le promesse, rispettare le aspettative che in molti e da molto tempo ripongono su di me“. Decisa, la ragazzina.

L’impatto mediatico dell’erede, se non ancora paragonabile a quello avuto dalla diva Maria, è comunque conseguente allo strombazzamento generale. Qualche settimana fa, Amanda, già da tempo super testimonial per azienducce quali Nike e Gatorade, ha firmato un accordo pluriennale con la Therabody di Los Angeles, brand guida del più moderno benessere tecnologico e delle terapie a percussione, che ormai da tempo si prende cura dei muscoli dei più influenti esponenti del jetset hollywoodiano. Un’esposizione globale che gonfia il portafoglio ma che può far perdere di vista il focus, se non addirittura far tremare le gambe. “Serve un livello di maturità superiore rispetto a quello normalmente richiesto a una ragazza della mia età” ha dichiarato, sicurissima, Amanda. “Occorre capire chi sei, cosa stai facendo e soprattutto dividere i due ambiti lavorativi, quello commerciale e quello sportivo, per non finire travolti“. Una lucidità non scontata, mi si perdoni la considerazione. “Quando giochi a tennis a determinati livelli sei in ogni caso costretto a crescere molto in fretta, quindi o maturi, o maturi, altrimenti conviene cambiare mestiere“.

E a lavorare per davvero si tornerà presto, lo si dica sottovoce, per non stimolare ulteriori inghippi indigesti. Per Amanda è quasi finito il tempo dei blandi allenamenti ai trentasette gradi di South Beach e delle prolungate sessioni di pet therapy domestica in compagnia del cane Miley. “Sono pronta, ogni giorno guardo il calendario e vedo che manca sempre meno tempo alla resa dei conti, ai due Slam in meno di un mese. Mi preoccupa l’assenza del pubblico, perché finora il pubblico è stato parte integrante del gioco, ma con tutto quello che mi e ci è capitato, il solo fatto di tornare a giocare rappresenta uno stimolo più che sufficiente“.

Salvo cataclismi o mattane ancora possibili, dopotutto Amanda non ha ancora compiuto diciannove anni, si ha il sospetto che la guida della prossima generazione potrebbe essere proprio lei. E forse i tempi d’attesa non saranno così lunghi.

Continua a leggere

WTA

Original 9, Valerie Ziegenfuss: “Sarei più brava oggi: potrei pagare un allenatore!”

Le donne che hanno cambiato la storia della WTA. Oggi tocca a Valerie Ziegenfuss: “Alla gente piaceva veder giocare le donne perché gli scambi erano più lunghi. Ora la situazione si è capovolta”

Pubblicato

il

Valerie Ziegenfuss (photo via Twitter, @usopen)

Dopo l’articolo introduttivo sulle ‘Original 9’ e una breve carrellata sulle donne che rivoluzionarono il tennis femminile, vi proponiamo i relativi approfondimenti. L’ottava protagonista, Valerie Ziegenfuss, ripercorre i primi anni ’70 quando contribuì a costruire un audace futuro per il tennis professionistico femminile. Qui l’articolo originale pubblicato sul sito WTA


Valerie Ziegenfuss aveva 21 anni quando si iscrisse per competere nell’innovativo Virginia Slims Invitational di Gladys Heldman, a Houston nel settembre 1970. Nel corso della sua carriera, la nativa di San Diego raggiunse il terzo turno in tre Major: lo US Open nel 1969 e nel 1975 e il Roland Garros nel 1972. Sul nascente circuito di Virginia Slims raggiunse la finale a Oklahoma nel 1972, dove Rosie Casals riuscì a fermarla. Quattro volte semifinalista Slam in doppio, due volte a Wimbledon e due volte agli US Open, vinse sei titoli nella disciplina a squadre.

Valerie riflette: “Ricordo che non sapevo cosa avrebbe portato il torneo di Houston. Eravamo preoccupate che ci stessimo esponendo troppo e che potessero vietarci di giocare i tornei. Ma nel complesso, avevo molta fiducia in Billie Jean come nostro leader e anche in Gladys Heldman come nostra promotrice. Mi piaceva il tennis femminile: credevo tanto nel nostro prodotto”.

 

Per me, in quel momento, era più importante avere pari opportunità di giocare che parità di montepremi. Credo che lo meritassimo perché la gente ci seguiva. Abbiamo avuto un ottimo feedback. La gente diceva: ‘Oh, ci piace guardare le ragazze, gli scambi sono molto più lunghi’. Penso quasi che la situazione si sia capovolta ora; con le palle più pesanti e i campi più lenti gli uomini in vetta alle classifiche stanno giocando rally più lunghi!”.

Penso che ad un certo punto stessi giocando 14 settimane su 16, ma non posso lamentarmi – noi volevamo il nostro tour, quindi qualcuno doveva farlo! Si aggiunse la responsabilità di promuoverlo, ma a me piaceva questa responsabilità e penso di essere stata anche brava sotto questo aspetto. Ognuno ha aiutato come meglio poteva per far progredire il nostro circuito, e questo creò un vero legame, come se fossimo tutte sorelle. Quando tutte noi nove ci riuniamo, ci guardiamo e diciamo: ‘Oh, wow, guarda cosa abbiamo creato!“.

Erano altri tempi, ma abbiamo potuto goderci un po’ di glamour grazie a Teddy Tinling. Mi creò un vestito nero in velluto che si allacciava al collo con strass lungo la scollatura, abbinato a una gonna in lamé color argento. Era stato creato per essere indossato sotto le luci in un palazzetto dello sport ed era bellissimo. Un’altra gonna era ricoperta di paillettes…. era un po’ pesante per giocarci!”.

I momenti più belli erano in doppio e quando giocavo Fed Cup e Wightman Cup per gli Stati Uniti. Ero una giocatrice a tutto campo e la mia forza era il mio gioco molto fisico. Ma penso che sarei molto più brava se giocassi oggi, anche perché potrei pagare un allenatore! Avrei avuto mio padre, George, lì in un’istante”.

Intervista di Adam Lincoln – Traduzione di Gianluca Sola


Per conoscere meglio le nove protagoniste, il sito della WTA sta pubblicando anche delle brevi video-interviste in cui vengono rivolte a tutte le stesse domande. Di seguito le risposte di Rosie Casals.

Chi era il tuo idolo?
“Una pattinatrice, Peggy Fleming, che rappresentò gli Stati Uniti alle Olimpiadi. Era bella e piena di talento. All’epoca il tennis non si vedeva in TV e c’erano pochi libri, quindi non ho un idolo nel mondo del tennis

I tuoi colpi migliori come tennista?
“Il gioco sopra la testa (gli smash, ndr) e il gioco di volo

Torneo preferito?
“US Open, sicuramente. Da tennista americana adoro il cemento. L’adattamento alla terra battuta era difficile, quindi non mi piaceva il Roland Garros; l’erba di Wimbledon era veloce, buono per chi faceva serve&volley come me, ma dico senza dubbio US Open

Cosa serve per essere un campione?
“Perseveranza, amore per lo sport e dedizione”

Momento clou della tua carriera nel tennis?
“Quando ho giocato per gli Stati Uniti in Fed Cup. Giocare in team e rappresentare il mio paese fu grandioso per me

La partita che credevi fosse vinta?
“Lo ricordo bene perché non dormii quella notte: contro la mia compagna di doppio Mary Ann Eise ero in vantaggio 5-2 40-40… e persi quella partita. Ci fu una chiamata contestata: lei disse che avevo colpito una volée oltre la linea della rete, quel punto mi avrebbe dato la vittoria. Una sconfitta che mi fece male

Quale avversaria sceglieresti in un match di fantasia?
“Contro chiunque? Credo sarebbe contro Roger Federer: che campione, che brava persona. Non lo conosco ma a vederlo giocare da 20 anni…. amo il tennis maschile, cioè amo anche quello femminile ma questa sarebbe la mia scelta

Tennista preferito da veder giocare?
“Federer, e mi piace molto anche Djokovic. Lo rispetto, è un combattente e ha grandi colpi da fondocampo. Al femminile mi piace veder giocare le ragazze americane, mi vengono in mente Madison Keys, Sloane Stephens e ovviamente le sorelle Williams

Traduzione a cura della redazione


  1. Original 9: Kristy Pigeon 
  2. Original 9: Julie Heldman
  3. Original 9: Judy Dalton
  4. Original 9: Jane ‘Peaches’ Bartkowicz
  5. Original 9: Kerry Melville Reid
  6. Original 9: Rosie Casals
  7. Original 9: Nancy Richey

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement