Coppa Davis, Madrid: lo choc dei francesi viziati dai 25.000 di Lille

Coppa Davis

Coppa Davis, Madrid: lo choc dei francesi viziati dai 25.000 di Lille

C’erano solo 300 fan per Tsonga (pro nuova Davis), Monfils e i due campioni delle ATP Finals Herbert/Mahut. Herbert: “Finalmente mi sono sentito cantare la ‘Marseillese’”. Il doppio: importante fino a che punto?

Pubblicato

il

Jo-Wilfried Tsonga - Finali Coppa Davis 2019 (photo by Manuel Queimadelos / Kosmos Tennis)

da Madrid, il direttore

Certo che per i francesi che avevano giocato o seguito le finali di Coppa Davis a Lille perse nel 2014 e nel 2018 (Svizzera e Croazia), come quella vinta del 2017 con il Belgio con una media di 25.000 spettatori al giorno… ritrovarsi a queste finali di Madrid con Francia-Giappone e solo 400 spettatori (50/80 giapponesi, 300 francesi, qualche neutrale) in uno stadio con una capacità di 3.200 posti deve essere stato un gran brutto choc, un vero trauma, un’atmosfera completamente diversa. Perfino lo scorso anno a Genova gli “allez les Bleus” si erano mobilitati in un migliaio per seguire Pouille e Chardy battere gli azzurri.

In Francia si è formato un gruppo assai folto di contestatori, l’ASEFT (Association des Supporters Equipe France Tennis: racchiude tutti i club che vanno a sostenere le squadre nazionali francesi, Davis e Fed Cup), che vorrebbe reinstituire la vecchia Coppa Davis che, volenti o nolenti, purtroppo deve invece ormai considerarsi seppellita insieme ai suoi 119 anni di storia leggendaria. Anche i giocatori francesi, salvo Tsonga che si è sempre dimostrato favorevole a un cambio (i maligni lo accusano in Francia di aver sposato i tanti soldi che il gruppo Kosmos-Piqué-ITF-Rakuten ha investito nel nuovo evento… anche se Jo-Wilfried nella vecchia Davis ha sempre dato tutto se stesso anche quando qualcuno degli altri coequipier la disertava), in massima parte si erano schierati contro: in particolare Pouille e Mahut. Abbastanza neutrale è rimasto in genere Herbert.

Dai tempi della Rivoluzione Francese, ai moti del maggio 1968, alla rivolta dei gilet gialli, quando c’è da protestare e scendere in piazza contro qualcosa, in Francia non si fanno mai mancare nulla, sono sempre in prima fila. Herbert è stato spiritoso quando ha detto: “Finalmente sono riuscito a sentire me stesso che cantavo la Marsigliese! Speravo che Nico (Mahut) la cantasse alla perfezione perché così potevo seguire il ritmo e il resto”. E Mahut: “Sì, una sensazione molto strana. Quando giochi la Davis di solito lo stadio è pieno. Ma una volta che cominci e hai scritto Francia sul retro della maglietta ti dimentichi tutto, giochi per te, per il capitano, per i compagni, per la gente che ti sostiene. Noi siamo solo tennisti, non organizzatori. Siamo contenti di essere qui e giocare per il nostro Paese, non è la stessa atmosfera, ma una volta che giochi per la Francia devi dare tutto quello che hai e dimenticarti dell’atmosfera”.

A Mahut ho chiesto, fuori dalla conferenza, come commentava le parole del capitano Dancevic che al nostro Vanni Gibertini in Canada aveva detto che il doppio poteva essere spesso determinante. E lui ha replicato: “Nei gironi eliminatori senza dubbio, ma dai quarti di finale in poi i doppisti potrebbero anche non scendere in campo. Infatti sul 2-0 si può anche non giocarli. Invece nella Coppa Davis vecchio formato, che sia un primo turno oppure una finale il doppio lo giochi sempre. Ed essendo l’unico match del giorno se ne parla parecchio, alla vigilia e dopo, perché può essere stato il punto del 3-0 per una squadra o l’altra, o il punto del tentativo di recupero da uno 0-2… Poi i due set su tre non sono come i tre set su cinque”.

Mahut deve aver pensato questo soprattutto quando, dopo aver vinto nove match di fila fra Bercy e le finali ATP, che lui e il “recuperato” amico Herbert hanno recuperato (dopo che Mahut si era offeso non poco per essere stato “abbandonato” da Herbert quando Andy Murray gli aveva chiesto di giocare il doppio a Wimbedon), si è trovato sotto di un set con il duo giapponese formato da Uchiyama e Ben McLachlan, la coppia che due anni fa aveva vinto il torneo di Tokyo! È chiaro che Mahut non ha fatto mai misteri di preferire la vecchia Davis.

Ho comunque poi richiesto anche a Dancevic proprio poco dopo che il Canada aveva annunciato di dare forfait nel doppio (e secondo me il regolamento andrebbe rivisto: basterebbe dire che se un team dà forfait quello che lo vince non lo può calcolare 6-0 6-0 ma una vittoria 6-7 7-6 7-6 di modo che non possa accumulare vantaggi nei confronti delle altre seconde del gruppo per via del minor numero dei set e dei game persi), cosa ne pensasse di quel che ha detto Mahut – dopo aver citato l’intervista a Dancevic di Gibertini – soprattutto dopo aver vinto due incontri già dopo i singolari e lui: ”Beh, però i confronti qui sono molti equilibrati, a prescindere da quel che è successo a noi, il doppio rappresenta un terzo dei punti in palio e credo che molte volte i match finiranno sull’1 a 1, quindi il doppio avrà un’importanza spesso decisiva”.

Tsonga è sempre stato il più favorevole al nuovo format: “Bisogna dare tempo al tempo – mi dice fuori dalla conferenza stampa anche se io ho registrato il suo audio con le radio francesi e spero che qualcuno sia in grado di tradurlo (o nella peggiore delle ipotesi ascoltarlo in lingua  originale) – ed è chiaro che al primo anno verranno fuori diverse magagne, correzioni da apportare. Ma ho visto che Italia e Canada hanno giocato bellissime partite e davanti a tanta gente… 11 mila spettatori per tre incontri al primo giorno, in un giorno feriale, non sono pochi, e poi chi può sapere quante tv si sono collegate e quanti spettatori hanno raccolto? Anche in tanti tornei, perfino al Roland Garros, se metti sul centrale un match alle 11 c’è lo stadio semi vuoto. Secondo me occorre avere un approccio più costruttivo. Ci sarebbero stati Nadal e Djokovic nella vecchia Coppa Davis, alle fasi finali? Io penso di no… è uno dei problemi della vecchia Davis – lo dice uno che ha sempre cercato di giocarla quando ha potuto – era che i migliori del mondo non c’erano e l’interesse al di fuori dei Paesi che giocavano le fasi finali, erano inesistente”.

Dello stesso avviso, più o meno capitan Grosjean, all’esordio in quel ruolo: “Io sono orgoglioso dei ragazzi che hanno risposto presente e si sono battuti per la Francia come se avessero giocato con 20.000 spettatori a incitarli. Spero che in futuro il pubblico francese torni a sostenerci. Non giochiamo per noi stessi quanto per la Francia…”. È chiaro che il fatto che il presidente corso Bernard Giudicelli avesse sposato il nuovo format della Coppa Davis contro il parere della maggior parte dei giocatori e dei tanti club aderenti all’ASEFT, ha creato maggior antagonismo all’interno delle due correnti di pensiero francesi. Sono curioso di vedere che cosa succederà se la Francia dovesse andare avanti nella competizione: in fondo Madrid da Parigi dista poco più di 1200 km e dal confine meno di 500 km. I biglietti costano relativamente poco e i giocatori che scendono in campo sono di primo livello. Il ne faut pas oublier.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, tutti i convocati. Ci sono Djokovic e Medvedev, assente Zverev: “Voglio vincere la vera Davis!”

La Russia sempre più temibile ma la Spagna ha un buon gruppo. Tante nazioni privi di top player offrono chances a tutti i partecipanti

Pubblicato

il

Trofeo Coppa Davis (photo by Manuel Queimadelos / Kosmos Tennis)

Dopo un anno di sospensione a causa della pandemia, le fasi finali della Coppa Davis sono pronte a tornare in scena e a concludere l’anno tennistico. Il formato è simile a quello del 2019 quando ci fu una radicale modifica a seguito dell’accordo Kosmos-Coppa Davis: adesso infatti non sono più solamente due nazioni a contendersi il trofeo bensì saranno 18 paesi divisi in sei gruppi da tre nazione ciascuno. Da quest’anno i match si disputeranno in tre sedi differenti: Madrid, Torino e Innsbruck e l’evento avrà inizio il 25 novembre. Nella giornata di ieri sono state rilasciate le convocazioni dei capitani e, dopo avervi riportato quelle della nazionale italiana (e dei suoi avversari del girone), qui di seguito elenchiamo tutti gli altri tennisti scelti. Sia il n. 1 del mondo Djokovic che il n. 2 Medvedev saranno presenti e insieme a loro gli altri due top 10 presenti sono il n. 6 Rublev e il n. 7 Berrettini.

Ovviamente la Spagna sarà priva di Nadal – che da tempo ormai ha concluso la stagione – ma nonostante questa pesante assenza la nazione detentrice del trofeo è riuscita a trovare un buon mix con giocatori di sostanza come Carreno e Bautista, affiancati dal giovane Alcaraz e dal veterano Lopez. Altrettanto temibile è il Canada, finalista dell’ultima edizione che si presenta con il roster al completo. L‘assente di lusso invece sarà Alexander Zverev, attualmente impegnato nell’ATP 500 di Vienna. Il n. 4 del mondo già varie volte in passato ha affermato di non apprezzare questo nuovo formato della Coppa Davis e ha ribadito il concetto in questi giorni alla stampa tedesca. Il format va cambiato, sono uno che mantiene la mia parola ha detto riferendosi alla sua intenzione di non prenderne parte. “Non gioco in Davis da più di due anni e anche per questa stagione non sarà presente. Voglio vincere in futuro la Coppa Davis, ma voglio vincere la vera Coppa Davis e non una competizione ideata da una persona fuori dal tennis”.

Group A – Madrid, Spain

 

Spain:
Pablo Carreno Busta
Roberto Bautista Agut
Carlos Alcaraz
Feliciano Lopez
Marcel Granollers
Capitano: Sergi Bruguera

RTF:
Daniil Medvedev
Andrey Rublev
Aslan Karatsev
Karen Khachanov
Evgeny Donskoy
Capitano: Shamil Tarpischev

Ecuador:
Emilio Gomez
Roberto Quiroz
Diego Hidalgo
Gonzalo Escobar
Cayetano March
Capitano: Raul Viver

Group B – Madrid, Spain

Canada:
Felix Auger-Aliassime
Denis Shapovalov
Vasek Pospisil
Brayden Schnur
Peter Polansky
Capitano: Frank Dancevic

Kazakistan:
Alexander Bublik
Mikhail Kukushkin
Dmitry Popko
Aleksandr Nedovyesov
Andrey Golubev
Capitano: Yuriy Schukin

Svezia:
Mikael Ymer
Elias Ymer
Jonathan Mridha
Andre Goransson
Capitano: Robin Soderling

Group C – Innsbruck, Austria

Francia:
Ugo Humbert
Arthur Rinderknech
Richard Gasquet
Pierre-Hugues Herbert
Nicolas Mahut
Capitano: Sebastien Grosjean

Gran Bretagna:
Cameron Norrie
Daniel Evans
Joe Salisbury
Neal Skupski
Capitano: Leon Smith

Repubblica Ceca:
Jiri Vesely
Thomas Machac
Zdenek Kolar
Jiri Lehecka
Lukas Rosol
Capitano: Jaroslav Navratil

Group D – Turin, Italy

Croazia:
Marin Cilic
Borna Coric
Borna Gojo
Nikola Mektic
Mate Pavic
Captain: Vedran Martic

Australia:
Alex de Minaur
John Millman
Jordan Thompson
Alexei Popyrin
John Peers
Capitano: Lleyton Hewitt

Ungheria:
Marton Fucsovics
Attila Balazs
Zsombor Piros
Fabian Marozsan
Mate Valkusz
Capitano: Gabor Koves

Group F – Innsbruck, Austria

Serbia:
Novak Djokovic
Filip Krajinovic
Dusan Lajovic
Laslo Djere
Miomir Kecmanovic
Capitano: Viktor Troicki

Germania:
Jan Lennard Struff
Dominik Koepfer
Peter Gojowczyk
Kevin Krawietz
Tim Puetz
Capitano: Michael Kohlmann

Austria:
Dennis Novak
Jurij Rodionov
Gerald Melzer
Oliver Marach
Philipp Oswald
Capitano: Stefan Koubek

Continua a leggere

Coppa Davis

Le convocazioni dell’Italia per la Coppa Davis: prima volta in azzurro per Sinner e Musetti

L’Italia esordirà a Torino il 26 novembre contro gli Stati Uniti, i quali hanno anch’esso reso noti i nomi dei tennisti convocati quest’oggi

Pubblicato

il

Madrid, Finali Coppa Davis 2019 (foto via Twitter, @DavisCupFinals)

Jannik Sinner e Lorenzo Musetti per la prima volta in Nazionale. Il capitano Filippo Volandri ha diramato le convocazioni per la Coppa Davis, con la fase a gironi che per gli azzurri si disputerà al Pala Alpitour di Torino (le altre sedi sono Innsbruck e Madrid, sempre sul cemento indoor) dal 25 al 28 novembre contro Stati Uniti e Colombia nel Gruppo E. Volandri ha chiamato Matteo Berrettini (numero 7 ATP), Jannik Sinner (numero 11), Lorenzo Sonego (23), Fabio Fognini (36) e Lorenzo Musetti (67). Per Sinner e Musetti si tratta appunto della prima convocazione di sempre in maglia azzurra.

Gli incontri prevedono due singolari (si scontrano i numeri 2 e i numeri 1 delle nazioni fra loro) e il doppio. L’esordio dell’Italia è fissato per le 16 di venerdì 26 novembre contro gli Stati Uniti: il capitano a stelle e strisce, Mardy Fish, ha diramato anch’egli le convocazioni oggi, chiamando John Isner (oggi numero 26 ATP), Reilly Opelka (27), Taylor Fritz (28), Jack Sock (152) e Rajeev Ram (numero 4 ATP in doppio). L’ultimo incontro tra Italia e Stati Uniti in Coppa Davis risale all’ultima edizione disputata, quella del 2019, quando gli azzurri persero 2-1 con Berrettini sconfitto da Fritz e Fognini vincitore su Opelka (l’eliminazione fu sancita, per gli incroci del tabellone, prima del doppio, che vide Querrey e Sock battere Bolelli e Fognini).

Per quanto riguarda la Colombia del capitano Alejandro Falla, i nominativi sono i seguenti: Daniel Galan (attualmente numero 106 ATP), Nicolas Mejia (274) e i doppisti Robert Farah e Juan Sebastian Cabal (rispettivamente numeri 11 e 14 della classifica ATP di doppio). Il quinto nominativo sarà ufficializzato a ridosso della competizione, che vedrà i sudamericani esordire contro l’Italia il 27 novembre.

 

La vincente del Gruppo E affronterà nei quarti di finale, lunedì 29 novembre, sempre a Torino, la prima classificata del girone D – con Australia, Croazia e Ungheria – anch’esso ospitato al Pala Alpitour.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Belgio e Argentina la spuntano alla distanza

I ‘diavoli rossi’ rimontano uno svantaggio di 0-2 sulla Bolivia. La sconfitta di Schwartzman è indolore

Pubblicato

il

Ruben Bemelmans - Coppa Davis 2021 (via Twitter, @DavisCup)

Era partito con un sobbalzo inaspettato il week-end di Coppa Davis per la nazionale argentina, con il loro n. 1 Diego Schwartzman sconfitto da un tennista bielorusso addirittura senza ranking ATP. Alla vittoria di Daniil Ostapenkov però la nazionale europea non ha saputo dare seguito e alla fine l’Argentina ha ribaltato la sfida senza problemi chiudendo 4-1. Il primo passo è stato aggiudicarsi il doppio in rimonta con la coppia Maximo Gonzalez/Horacio Zeballos contro Erik Arutiunian/Daniil Ostapenkov, e poi hanno chiuso la pratica i singolari di Diego Schwartzman e Federico Coria.

Sul campo neutro del Rakiura Resort ad Asuncion, Paraguay, la Bolivia dopo la prima giornata di match era sorprendentemente avanti 2-0 sul Belgio. I ‘diavoli rossi’ però per la prima volta nella loro storia hanno rimontato da uno svantaggio del genere facendo valere la loro maggior esperienza nella competizione chiudendo alla fine 3-2; con questo risultato adesso il Belgio potrà giocare per aggiudicarsi un posto nelle finali del 2022 mentre la nazionale sud-americana prenderà parte ai play-off per restare nel World Group all’inizio del prossimo anno. A guidare la rimonta sono stati prima i doppisti Sander Gille/Joran Vliegen che in due set hanno superato Boris Arias/Federico Zeballos e poi sono arrivate le vittorie di Michael Geerts e Ruben Bemelmans.

Tra le altre sfide, si registra l’agevole vittoria dell’Olanda sull’Uruguay per 4-0, con l’ultimo punto decisivo messo a segno dal 34enne Robin Haase, attuale n. 223 del mondo che in totale ha preso parte a 66 incontri con la sua nazionale vincendone 41. Mentre dopo l’1-1 della prima giornata è arrivato il successo per la Romania sul Portogallo per 3-1; decisivo Marcus Copil, sia in coppia con Horia Tecau che in singolare contro Joao Sousa.

 

Nel World Group II invece l’assenza last minute di Stefanos Tsitsipas ha avuto un risvolto determinante per la sua nazionale. La Grecia infatti non ha saputo risorgere dopo le due sconfitte in singolare della prima giornata e ha ceduto 3-1 alla Lituania; decisiva la vittoria in doppio di Ricardas Berankis/Laurynas Grigelis su Markos Kalovelonis/Petros Tsitsipas. Soffertissima invece è stata la vittoria della Tunisia per 3-2 sulla Repubblica Dominicana con il punto decisivo arrivato nell’ultimo singolare grazie ad Aziz Dougaz vittorioso 6-3 6-4 su Nick Hardt.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement