WTA Awards 2019: ecco tutte le nomination

Flash

WTA Awards 2019: ecco tutte le nomination

A contendersi il premio di giocatrice dell’anno saranno Andreescu, Barty, Halep, Osaka e Pliskova. Coco Gauff tra le ‘newcomer’ dell’anno insieme a Bianca, Muchova, Yastremska, Rybakina e Swiatek

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - US Open 2019 (foto Luigi Serra)

La stagione del tennis femminile si è ufficialmente chiusa con le WTA Finals di Shenzhen. E così, mentre le giocatrici si godono il meritato riposo e annunciano i nuovi team per il 2020, la WTA come da tradizione si prepara ad assegnare i suoi “Oscar”. Cinque le categorie annunciate, a partire da quella relativa alla giocatrice dell’anno (premio assegnato lo scorso anno a Simona Halep). A votare saranno i ‘media’ e i nomi delle vincitrici saranno comunicati il giorno 11 dicembre. Vediamo tutte le nomination.

GIOCATRICE DELL’ANNO

1. Ashleigh Barty: 4 titoli in stagione, 57/13 il record
Salita per la prima volta in carriera sulla vetta del ranking WTA a giugno, la tennista australiana ha chiuso la stagione da numero 1 del mondo, conquistando il suo primo titolo Slam al Roland Garros e le WTA Finals di Shenzhen.

2. Karolina Pliskova: 4 titoli in stagione, 52/17 il record
La numero 2 del mondo si conferma la regina degli ace: sono 488 quelli messi a segno dalla ceca in questo 2019. È l’unica tra le cinque candidate al premio di giocatrice dell’anno a non aver vinto uno Slam: il suo miglior risultato in stagione a livello Major è la semifinale raggiunta all’Australian Open.

3. Naomi Osaka: 3 titoli in stagione, 40/11 il record
Il punto più alto del 2019 della giocatrice giapponese rimane il trionfo all’Australian Open a inizio anno, cui ha aggiunto i successi a Tokyo e Pechino nel finale di stagione. Nel mezzo, qualche eliminazione precoce di troppo: vedi la sconfitta al primo turno di Wimbledon contro Putintseva.

4. Simona Halep: 1 titolo in stagione, 43/17 il record
Un solo trofeo alzato dalla rumena nel 2019, ma è quello più ‘pesante’ di tutti: Simona ha infatti trionfato a sorpresa sui verdi prati di Wimbledon superando in finale Serena Williams con un doppio 6-2 6-2. Quando un titolo vale una stagione.

5. Bianca Andreescu: 3 titoli in stagione, 48/7 il record
Aveva chiuso il 2018 da numero 178 del mondo, finisce il 2019 da quinta giocatrice del mondo. È salita alla ribalta vincendo il titolo a Indian Wells, si è confermata trionfando in casa alla Rogers Cup ed è definitivamente esplosa a settembre conquistando allo US Open il suo primo Slam.

DOPPIO DELL’ANNO

1. Mertens/Sabalenka: 3 titoli (Indian Wells, Miami, US Open)
2. Hsieh/Strycova: 4 titoli (Dubai, Madrid, Birmingham, Wimbledon)
3. Babos/Mladenovic: 3 titoli (Istanbul, Roland Garros, WTA Finals)
4. Zhang/Stosur: 1 titolo (Australian Open)

GIOCATRICE PIÙ MIGLIORATA

1. Bencic: 22 anni, n.8, 2 titoli (Dubai, Mosca), W/L 50/22
2. Kenin: 21 anni, n.14, 3 titoli (Hobart, Maiorca, Guangzhou), W/L 49/23
3. Riske: 29 anni, n.18, 1 titolo (‘s-Hertogenbosch), W/L 36/24
4. Vekic: 23 anni, n.19, 2 finali (San Pietroburgo, Nottingham), W/L 35/24
5. Anisimova: 18 anni, n. 24, 1 titolo (Bogotà), W/L 24/15
6. Zheng: 25 anni, n.41, 1 titolo (San José), W/L 26/24

Gli ultimi due premi riguardano ‘il ritorno dell’anno’ (candidate Belinda Bencic, Svetlana Kuznetsova e Bethanie Mattek-Sands) e la ‘newcomer’, il riconoscimento assegnato alla giovane più promettente. Sei le tenniste in gara:

1. Andreescu: 19 anni, n.5, 3 titoli, W/L 48/7
2. Muchova: 23 anni, n.21, 1 titolo (Seoul), W/L 38/14
3. Yastremska: 19 anni, n.22, 2 titoli (Hua Hin, Strasburgo), W/L 35/22
4. Rybakina: 20 anni, n.36, 1 titolo (Bucarest), W/L 57/21
5. Swiatek: 18 anni, n. 60, 1 finale (Lugano), W/L 33/16
6. Gauff: 15 anni, n.68, 1 titolo (Linz), W/L 29/15

Continua a leggere
Commenti

Flash

Thiem 7: a Kitzbuehel parte bene Berrettini

Vittoria in due set per Matteo Berrettini nel match d’apertura contro Dennis Novak. Ora per lui Bautista-Agut (diretta Eurosport 1 alle ore 13)

Pubblicato

il

Dominic Thiem a Kitzbuehel (foto Facebook Generali Open Kitzbuehel)

Considerando che Dominic Thiem è uno dei giocatori più stakanovisti del circuito, non è sorprendente che in questo periodo di esibizioni abbia organizzato anche lui il “suo” evento per ritrovare la condizione in vista della ripresa del circuito ATP. Nella magnifica cornice del Kitzbuehel Stadium, che ospiterà il suo ATP 250 durante la seconda settimana dello US Open a inizio settembre, è andata in scena la prima giornata del “Thiem 7”, manifestazione che vede due gironi all’italiana da quattro giocatori affrontarsi in un torneo molto simile nella formula alle ATP Finals.

Oltre al padrone di casa Thiem (n. 3 ATP) sono impegnati nell’evento anche Andrey Rublev (n.14), Jan-Lennard Struff (n.34), Casper Ruud (n. 36), Roberto Bautista-Agut (n.12), Karen Khachanov (n.15), Dennis Novak (n.85) e il nostro Matteo Berrettini (n.8), che dopo la disputa dell’UTS in Costa Azzurra lo scorso weekend ha preso un aereo privato ed è volato sulle Alpi austriache per riprendere contatto con la terra battuta.

Bella vittoria per Matteo nella prima giornata contro l’austriaco Novak: nonostante qualche alto e basso, tutto sommato prevedibile considerando il repentino cambio di superficie, Berrettini ha saputo mantenere elevata l’attenzione nei momenti importanti aggiudicandosi il match per 7-6(6), 6-3.

 

Vittorie anche per lo spagnolo Bautista-Agut contro Khachanov, per Rublev contro Struff e anche per il padrone di casa Thiem, che ha avuto la meglio in due set equilibrati del norvegese Ruud.

Nella seconda giornata del Thiem 7, trasmesso in diretta su Eurosport 1 a partire dalle 13, Berrettini aprirà il programma contro Bautista Agut, seguito da Khachanov contro Dennis Novak. A segure sarà la volta di Jan-Lennard Struff contro Casper Ruud, mentre Thiem giocherà in sessione serale contro Andrey Rublev.

I risultati di martedì:

A.Rublev b. J-L. Struff 3-6 6-4 15-13
D. Thiem b. C. Ruud 7-5 7-6(4)
M. Berrettini b. D. Novak 7-6(6) 6-3
R. Bautista b. K. Khachanov 6-4 6-3

Continua a leggere

Flash

Gli aggiornamenti di Federer: “L’obiettivo è essere pronto nel 2021”

A margine della presentazione delle sue scarpe, lo svizzero racconta le sue riflessioni dopo le due operazioni e il piacere di trascorrere del tempo in casa. “Ma mi manca Wimbledon, sarei voluto essere lì sul Centrale”

Pubblicato

il

Roger Federer - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

A margine della presentazione della sua nuova linea di scarpe da passeggio, Roger Federer è tornato anche a fare il punto sulla scelta di chiudere la stagione 2020 per riprendersi al meglio dalla doppia operazione al ginocchio destro. Senza nascondere momenti di riflessione, anche ad ampio raggio: “Il momento dopo le due operazioni è stato importante per capire se davvero desiderassi continuare – ha raccontato a Zurigo -, perché sono consapevole che per tornare a certi livelli serve un cammino molto lungo. Il mio obiettivo è continuare con la riabilitazione ogni giorno, un passo alla volta. Non sono ancora tornato al mio livello di forma ma punto a quello, il vero obiettivo è farmi trovare pronto per la prossima stagione. Nel frattempo, apprezzo i lati positivi di poter passare tanto tempo in casa“.

OBIETTIVO 2021 – La dimensione familiare, evidentemente, risulta di suo gradimento. “Da 25 anni sono sempre in giro per il mondo – ha raccontato -, a casa non avevo mai passato più di cinque o sei settimane. Prendo il buono che c’è, ma è chiaro allo stesso modo che Wimbledon mi manca. Vorrei tanto essere sul Centrale a giocarmi un posto nella seconda settimana del torneo. È per questo che mi sottopongo quotidianamente alla riabilitazione, lavoro duramente e mi appresto ad affrontare un blocco di venti settimane di preparazione fisica. Wimbledon mi ha dato tutto, tornerò a giocarlo il prossimo anno“. Dopo essere tornato in pista già dal prossimo Australian Open – è l’auspicio di tutti – in un anno speciale anche perché sarà inaspettatamente olimpico.

Continua a leggere

Flash

Inizia il torneo di Thiem, in campo anche Berrettini: il programma di martedì 7 luglio

Otto protagonisti nell’esibizione di Kitzbuhel, sabato la finale. Tutto in diretta su Eurosport. Ammessi 500 spettatori, ma il padrone di casa assicura: “Ho imparato la lezione a Belgrado, qui massima sicurezza”

Pubblicato

il

Dominic Thiem - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Non è banale organizzare un torneo aperto al pubblico in Europa dopo l’esperienza negativa dell’Adria Tour. “Ma a Belgrado ho imparato al lezione – ha assicurato Dominic Thiem alla Gazzetta dello Sport – qui a Kitzbuhel il rispetto dei protocolli sarà rigido per i 500 spettatori ammessi a ogni sessione di gioco“. Nasce su questi presupposti il Thiem’s 7, esibizione sulla terra cara al numero uno d’Austria. Tra gli otto protagonisti divisi in due gironi, ci sarà anche Matteo Berrettini. La copertura televisiva è assicurata da Eurosport 1, fino alla finale in programma sabato alle 13.

GRUPPO IFA
Dominic Thiem [AUT] #1
Andrey Rublev [RUS] #4
Jan-Lennard Struff [GER] #6
Casper Ruud [NOR] #7

GRUPPO SOCCERCOIN
Matteo Berrettini [ITA] #2
Roberto Bautista Agut [ESP] #3
Karen Khachanov [RUS] #5
Dennis Novak [AUT] #8

L’ordine di gioco di martedì 7 luglio

Dalle 13
A. Rublev vs J.L. Struff
D. Thiem vs C. Ruud
M. Berrettini vs D. Novak
Dalle 18:30
K. Khachanov vs R. Bautista Agut

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement