Intervista a Paolo Givri, presidente del Park Tennis Club di Genova

Circoli in vista

Intervista a Paolo Givri, presidente del Park Tennis Club di Genova

Il tennis è fermo, ma non del tutto: domenica si giocano le semifinali di ritorno della Serie A1. Il Park proverà a rimontare Vigevano con la spinta del suo primo tifoso: il presidente Paolo Givri

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti, in forza al Park Tennis Club da quando aveva dodici anni (foto Roberto Dell'Olivo)

A impregnare le malinconiche atmosfere dell’off-season di una parvenza di tennis giocato ci pensa una competizione spesso snobbata, invero l’unico epiteto che non ci sentiremmo di attribuire alla Serie A di tennis dopo averla tastata più da vicino parlando con uno dei protagonisti. Abbiamo intervistato telefonicamente Paolo Givri, notaio di Genova, la cui qualifica che più ci interessa è però quella di presidente del Park Tennis Club della città ligure, uno dei quattro team che si è qualificato per le semifinali dell’edizione 2019 del massimo campionato a squadre italiano.

La gara di andata non è andata benissimo per il Park, sconfitto 4-2 in casa del Selva Alta di Vigevano, ma Paolo Givri si è detto molto fiducioso sulla possibilità di ribaltare il risultato nella sfida di domenica 1 dicembre facendo leva sulla superficie favorevole – la terra battuta, a differenza del sintetico indoor di Vigevano – e sull’apporto del pubblico genovese. Pioggia permettendo: “Se giocassimo all’aperto ci sarebbero un migliaio di persone domenica, purtroppo le previsioni sono brutte e si dovrebbe giocare dentro ai palloni, così rischia di diventare un match neutro“.

Ero a Vigevano con la squadra, io sono sempre presente” ci racconta poi Givri. “Siamo consapevoli che Vigevano abbia la squadra più forte dopo la nostra. Senza peccare di presunzione, la nostra rosa fa impressione: Andujar, Bolelli, Mager, Musetti – e avevamo gente fuori, Giannessi e Arnaboldi che poi ha giocato il doppio. Andrea Basso per esempio, che si è rotto lo scafoide della mano destra a settembre, ha battuto Sinner in finale delle pre-qualificazioni al Foro Italico“.

 

Cosa è andato storto nel match di andata, allora? “Il problema di queste competizioni è che spesso ha la meglio chi arriva più preparato. Mager ha disputato una grande stagione ma adesso è un po’ giù di tono. Loro comunque hanno tre giocatori molto bravi, Baldi, Marcora e Hoang che è stato davvero una sorpresa anche se sapevamo fosse forte“. Il 24enne francese, numero 117 del mondo, ha battuto in due set Pablo Andujar, ma dalle parole del presidente genovese scopriamo come lo spagnolo fosse parecchio acciaccato. “Andujar è arrivato sabato sera dalla Francia, gioca la serie A anche lì per il Tolosa; fa il campionato a squadre anche in Spagna, e ci sono altri giocatori che giocano addirittura anche la Bundesliga tedesca. Ovviamente il volano è quello economico, poiché il gettone di presenza non è irrilevante per giocatori non di primissima fascia.

In Francia avrebbe dovuto giocare solo il singolare, un match che ha perso con doppio 6-3 dal duecento del mondo come non gli capitava da tempo“, racconta Givri. “Alla fine invece ha fatto anche il doppio ed è arrivato a mezzanotte a Malpensa, dove ha confessato di essere a pezzi. Lui però è un ragazzo d’oro, è con noi da sette anni e non si può non farlo giocare. Poi al mattino si è addirittura svegliato con la faccia gonfia per un allergia; si è riempito di antistaminici ma ha perso in due set contro Hoang. Non credo per via della superficie rapida: lo scorso anno ha battuto Berrettini in due set sul veloce, per esempio“.

Pablo Andujar – Serie A1 2019 (foto Park Tennis Club Genova)

Oltre che per le condizioni imperfette di Andujar, un pizzico di rammarico esiste per alcune decisioni arbitrali che avrebbero penalizzato il Park. “A dir la verità mi sono un po’ incavolato. Ho parlato anche con il giudice arbitro a lungo, ovviamente non credo possa esserci malafede, ma c’è stata tutta una serie di decisioni a senso unico. Nel doppio decisivo (si era sul 3-2 per Vigevano, Mager e Arnaboldi avrebbero potuto portare il punto del pareggio al Park, ndr) sul 3-2 per noi nel super tie-break, su un loro lungolinea out il giudice ha cambiato idea a punto concluso; nel singolare di Bolelli dopo trenta secondi da un break ottenuto da Simone per doppio fallo di Marcora l’arbitro li ha fatti tornare in campo per rigiocare… il punto successivo, quello del 30-40, e a quel punto Simone ha perso game e set“.

Non acredine né un tentativo di trovare una scusa per la sconfitta (ok, forse un pochino sì; ma leggendo questa ricostruzione dei fatti, come dargli torto?), ma una forte passione e la voglia di rivincita dopo una delusione sportiva animano le parole di Givri, che ci tiene a sottolineare come siano da rispettare i principi regolamentari della competizione sportiva. “Quando giochiamo in casa abbiamo cura che ci siano almeno cinque giudici di linea per campo, a Vigevano erano soltanto tre; con palle che viaggiano a 200 all’ora, come si può vedere la riga dalla parte opposta? Insomma, siamo tornati a casa con un magone pazzesco e i giocatori erano incavolati; ora mi scrivono tutti i giorni, anche Pablo dalla Spagna: “Stai tranquillo che al ritorno la ribaltiamo!“.

Quasi stupisce questo attaccamento dei giocatori a una competizione di cui, siamo pronti a scommettere, la maggior parte degli appassionati italiani ignora praticamente tutto. Givri invece si dimostra gestore assai interessato… e preparato, se è vero che conosce molto bene tutti gli avversari affrontati. “Baldi ha ottimi fondamentali ed è cresciuto molto ultimamente. Marcora anche mi piace tantissimo, gioca veramente bene. Loro penso che schiereranno gli stessi tre dell’andata, sono forti e in forma. Sulla nostra formazione per domenica c’è ancora qualche dubbio – il capitano mi uccide se vi svelo la formazione! – e bisogna vedere come sta Pablo, lui è fondamentale: se sta bene penso possa ribaltarla contro Hoang. Noi schierando Musetti da numero quattro abbiamo un bel vantaggio, perché lui se la gioca anche col numero 100 del mondo“.

Il regolamento della serie A infatti impone di schierare almeno due giocatori cresciuti nel vivaio del club: per Genova si tratta di Mager e Musetti, in forza al Park da quando aveva dodici anni. Givri conta proprio su questo vantaggio, poiché, accanto a Baldi, il secondo uomo del vivaio di Vigevano – Davide Dadda – è un giocatore di caratura inferiore ed è stato dominato da Musetti all’andata. Intanto, per spingere il Park verso la rimonta, il vice-capitano Pietro Ansaldo (campione europeo under 16, ha giocato in A fino a tre anni fa) ha redatto un comunicato d’incoraggiamento.

I ragazzi della squadra di A1 hanno da dirci qualcosa…Cari Socie e Soci, Come la maggior parte di voi saprà…

Pubblicato da Park Tennis Club Genova su Mercoledì 27 novembre 2019

Dovesse prevalere nel doppio confronto, il Park Tennis Club affronterebbe – da favorito – una squadra siciliana nella finale di Lucca(6-8 dicembre): il Match Ball Siracusa o il CT Vela di Messina, quest’ultimo forte del 4-2 ottenuto all’andata. “Siracusa non li conosco quasi per nulla, ma credo che Messina abbia qualcosa in più. Con loro c’è Gianluca Naso, che nel 2016 era con noi quando abbiamo vinto lo scudetto (unico della storia del Park, ndr): adesso ha sposato una ragazza genovese e si occupa dei nostri agonisti. Insomma, lavora da noi ma gioca la A con Messina: sarebbe bello incontrarci in finale“.

FUOR DI SERIE A: SPONSOR.. E RIVALITÀ

Dopo la lunga chiacchierata sul campionato in corso, Paolo Givri ci ha parlato a 360 gradi della gestione del circolo genovese, a partire dal cruciale aspetto economico. “Quest’anno abbiamo fatto il record di sempre con gli sponsor, ne abbiamo trovati 45; non senza difficoltà, anche perché è un compito che spetta principalmente a me e un paio di consiglieri. Sono principalmente imprenditori locali ma c’è anche Banca Carige. Noi abbiamo un brand importante, siamo in un quartiere ‘bene’ di Genova, il quartiere Albaro, come potrebbe essere Parioli a Roma. La stampa locale ci aiuta molto e per questo abbiamo un notevole risalto; quest’anno qualche sponsor ci ha cercato spontaneamente e non era mai successo“.

Nonostante la serie A costituisca un nucleo di uscite piuttosto oneroso, tra trasferte e gettone di presenza per i giocatori più importanti, Givri è felice di affermare che il ritorno economico degli sponsor riesce non solo a finanziare interamente la competizione per il Park ma addirittura a generare un piccolo tesoretto. “Questo è fondamentale perché non a tutti i soci piace la serie A. Poi abbiamo una scuola tennis con più di venti squadre e una quindicina tra maestri, preparatori atletici e fisioterapisti. Questo ci costa un sacco e ci perdiamo qualcosa, ma recuperiamo grazie alla Serie A. Agli sponsor piace il fatto che il loro nome possa rimanere poi in vista per tutta la stagione, non soltanto durante il campionato di serie A“.

La chiusura è stimolata da una nostra domanda sui rapporti con il TC Genova 1893, una realtà più piccola del Park che però quest’anno si è tolta la soddisfazione di raggiungere le semifinali della serie A1 femminile (ed è vicinissima alla finale, avendo battuto 4-0 il CT Lucca in trasferta all’andata). “Beh, se segui il calcio l’esempio perfetto è il rapporto tra Genoa e Sampdoria. C’è un rapporto di sana rivalità sin da quando giocavo io da ragazzino. Una quindicina di anni fa è stato istituita una cosa secondo me unica in Italia: lo chiamiamo ‘Challenger’, è una giornata – un anno da noi e un anno da loro – in cui si giocano una cinquantina di sfide di doppio, tutti i campi dalle otto del mattino alle sette di sere vengono riservati per queste sfide tra soci. Si accumulano i punti e a chi vince va una coppa… che è quasi sempre da noi, ma ogni tre-quattro anni passa anche da loro!“, dice Givri con un pizzico di soddisfazione.

Paolo Givri

Credo sia una gran bella iniziativa, alla fine si cena insieme, da noi o da loro. Con il loro presidente (Giovanni Mondini, anche presidente di Confindustria Genova e nipote di Edoardo Garrone, figlio di Riccardo storico patron della Samp, ndr) ho buoni rapporti e stiamo studiando una strategia per offrire ai soci di uno dei due club la possibilità di iscriversi anche all’altro club pagando il 50% della quota“. C’è sempre tennis, da qualche parte, in ogni momento dell’anno. Basta sapere dove cercare.

Continua a leggere
Commenti

Circoli in vista

Serie A1 maschile: il Park Tennis Genova conquista il secondo scudetto

La squadra ligure vince i primi 3 singolari su TC Italia, poi chiude al primo doppio. Vittorie di Giannessi, Musetti e Mager. Questi ultimi vincono anche in doppio

Pubblicato

il

Serie A1 2020 - Premiazione Park Tennis Club Genova (foto Marta Magni)

Dopo quattro anni lo scudetto maschile torna nelle mani del Park Tennis Genova. Nella finale di Serie A1 BWW disputata sui campi del Tennis Club Todi il club ligure ha battuto 4-2 il Tc Italia Forte dei Marmi. Il punto decisivo, quello del 4-1, lo hanno firmato Gianluca Mager e Lorenzo Musetti battendo 6-2 6-4 Stefano Travaglia e Marco Furlanetto. Per Genova è il secondo titolo dopo quello conquistato nel 2016: sfuma invece il tris per il circolo toscano, a segno nel 2012 e nel 2015.

Era la miglior finale possibile. Perché Tc Italia Forte dei Marmi e Park Tennis Genova mettevano in campo quattro dei cinque protagonisti della squadra di Coppa Davis che a fine febbraio a Cagliari – subito prima del lockdown – si era sbarazzata della Corea del Sud: Lorenzo Sonego e Stefano Travaglia nel team toscano, Gianluca Mager e Simone Bolelli in quello ligure. E perché entrambe le squadre avevano dominato a punteggio pieno i rispettivi gironi. Anche se poi in semifinale Forte dei Marmi aveva dovuto dare fondo a tutte le proprie risorse per avere ragione dei campioni in carica del Selva Alta Vigevano, mentre era stata senza storia la sfida tra Genova e Crema, archiviata già all’andata. Ma il campo ha sottolineato il valore di Genova, che ha “rischiato” di chiudere il discorso già dopo i singolari.

MUSETTI IN BICICLETTA – Poca storia nella sfida che ha aperto la finale, quella tra i numeri 4, che ha visto il netto successo del Park grazie a Lorenzo Musetti che regola per 6-0 6-0, in appena 52 minuti di partita, Edoardo Graziani.

 

Primo set dominato dal 18enne di Carrara, uno dei migliori classe 2002 nel circuito mondiale: Lorenzo se lo aggiudica 6-0 con un bilancio complessivo di 24 punti a 5. La musica non cambia nella seconda frazione anche perché Musetti non sbaglia nulla e in Graziani subentra anche un po’ di frustrazione: ed è un altro 6-0.“Ho lavorato tanto dopo gli Assoluti perché ce n’era bisogno – sottolinea Musetti – e l’allenamento ha portato i suoi frutti. Del match di oggi sono molto soddisfatto: non ho sbagliato praticamente nulla. Era importante per il Park partire bene: lo scorso anno abbiamo avuto due match-point nel doppio decisivo contro Selva Alta, stavolta vogliamo lo scudetto. Giocare in squadra è diverso: è molto più bello condividere le emozioni”.

GIANNESSI RADDOPPIA – Il secondo punto del Park porta la firma di Alessandro Giannessi che nella sfida tra i numeri 3 si impone con un doppio 6-3, in poco meno di un’ora e mezza di gioco, su Marco Furlanetto. Nel primo set il 19enne toscano è già bravo a recuperare uno dei due break subiti in avvio. Nel secondo set Furlanetto prova anche l’allungo (3-1) ma finendo per incassare un parziale di cinque game di fila dal 30enne spezzino, punto fermo del club ligure.

MAGER FA TRIS – C’è lotta nella sfida tra i numeri 2 ma il successo arride ancora al Park grazie a Gianluca Mager che sconfigge 6-3 7-5, in un’ora e 31 minuti Stefano Travaglia.

Grande equilibrio nel primo parziale fino al 3 pari, poi un lunghissimo settimo gioco vinto da Mager fa la differenza con il 25enne sanremese che nel game successivo piazza il break e poco dopo sigla il 6-3. Travaglia prova a reagire e resta attaccato a Mager che qualcosa in più sbaglia, come nel decimo gioco quando concede un set-point al suo avversario che però lo spreca cacciando fuori il diritto. Gianluca ringrazia, infila un parziale di sette punti consecutivi e chiude 7-5. “Sapevo che non sarebbe stato facile e per questo sono molto contento – commenta Mager a caldo -. Io e lui abbiamo più o meno stesso ranking: Stefano ha accusato un paio di passaggi a vuoto e io ne ho approfittato. Questo 2020 è stato incredibile per me: la finale a Rio de Janeiro, l’esordio con la maglia della nazionale in Davs poi è arrivato il lockdown e tutto si è fermato ma per fortuna non mi sono ammalato”.

SONEGO PER L’ONORE – Ecco già un match-point per Genova l’ultimo dei quattro singolari previsti ma Lorenzo Sonego non è d’accordo: il portacolori del Tc Italia supera per 7-6(3) 6-4, dopo una maratona di due ore e 27 minuti, Pablo Andujar rimettendo in corsa Forte dei Marmi.

Sonego torna sul campo che lo ha incoronato Campione d’Italia agli Assoluti di giugno. L’inizio non è dei migliori con il 25enne torinese del Tc Italia che va sotto 0-40: si salva e poi ingrana benissimo e nel quarto gioco centra il break allungando poi sul 4-1. Nel sesto gioco Sonego fallisce la chance del 5-1 e in un attimo Andujar lo riaggancia sul 4 pari. Ed è battaglia vera. Nel dodicesimo gioco Lorenzo non sfrutta un set-point e a decidere è il tie-break. Sul 3-2 per Sonego due doppi falli dello spagnolo spediscono il portacolori del Tc Italia sul 5-2: Andujar continua a sbagliare, il 25enne torinese ringrazia e chiude per 7 punti a 3, aggiudicandosi il primo set per Forte dei Marmi in questa finale. Nel quarto gioco del secondo set Sonego annulla una delicata palla-break e in quello successivo è lui a strappare il servizio allo spagnolo allungando poi sul 4-2. Lorenzo continua a complicarsi la vita (qualche doppio fallo di troppo) ma riesce a difendere il break di vantaggio archiviando la pratica per 6-4 al quarto match-point.

“Era fondamentale vincere questa partita altrimenti si tornava a casa – scherza Sonego – ora dovremo dare l’anima nei doppi. Lui è un avversario duro ma ce l’ho fatta a conquistare questo punto: a Todi mi trovo benissimo e non ho mai perso. In questo periodo sto lavorando sul servizio ma anche sulla risposta e non vedo l’ora di andare in America”.

MAGER E MUSETTI CHIUDONO I CONTI – Discorso scudetto rinviato ai doppi, ma solo per poco. Con una prestazione maiuscola infatti Gianluca Mager ed un Lorenzo Musetti in versione de luxe conquistano il quarto e decisivo punto per il Park Tennis Genova battendo per 6-2 6-4, in appena 58 minuti, Stefano Travaglia e Marco Furlanetto. Un unico passaggio a vuoto della coppia ligure che nel finale del secondo set ha rimesso per un momento in corsa gli avversari restituendo il break di vantaggio ma poi hanno siglato il successo strappando il servizio a Travaglia.

Irrilevante l’esito dell’altro doppio – giocato in contemporanea – che ha visto il successo di Lorenzo Sonego ed Edoardo Graziani che hanno superato Simone Bolelli e Alessandro Giannessi, ritiratisi sul punteggio di 26 4-3. “Per me è un onore aver vinto questo doppio decisivo”, sottolinea Mager. “Per me è il primo scudetto ed è una nuova emozione – gli fa eco Musetti -. Alla fine è andata bene anche se non era facile, e stasera si festeggia”.

Finale Serie A1 BMW maschile 2020

TC Italia Forte dei Marmi – Park Tennis Club Genova 2-4
Lorenzo Musetti (P) b. Edoardo Graziani (I) 6-0 6-0
Alessandro Giannessi (P) b. Marco Furlanetto (I) 6-3 6-3
Gianluca Mager (P) b. Stefano Travaglia (I) 6-3 7-5
Lorenzo Sonego (I) b. Pablo Andujar (P) 7-6(3) 6-4
Mager/Musetti (P) b. Travaglia/Furlanetto (I) 6-2 6-4
Sonego/Graziani (I) b. Bolelli/Giannessi (P) 2-6 4-3 rit. (per risultato acquisito)

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 femminile: Lucca scuce lo scudetto a Prato, a Todi finisce 3-0

Il derby Toscano assegna il titolo 2020: il CT Lucca vince tutti i singolari e conquista lo scudetto nella città umbra. Vittorie di Tatiana e Jessica Pieri, in mezzo quella di Bianca Turati

Pubblicato

il

Serie A1 2020 - Premiazione Circolo Tennis Lucca (foto Marta Magni)

La finale della Serie A1 BMW femminile ha incoronato il Circolo Tennis Lucca, che dopo due semifinali consecutive, stavolta può festeggiare il primo scudetto. Il team capitanato da Ivano Pieri si è imposto per 3-0 sul Tennis Club Prato, alla settima finale in otto anni (sei scudetti).

UN MATCH POI SALVATO – Nel match che ha aperto la finale/scudetto, quello tra le numero 3 dei rispettivi team, primo punto per Lucca grazie a Tatiana Pieri che ha battuto in rimonta per 2-6 7-6(4) 15-13, in due ore e 19 minuti, Lucrezia Stefanini dopo averle annullato anche un match-point.

Primo set dominato dalla 22enne di Carmignano che ha avuto qualche difficoltà solo al momento di chiuderlo mentre la 21enne lucchese ha pagato la bassa percentuale con la seconda di servizio. Più equilibrio in avvio di seconda frazione: nel terzo gioco un doppio fallo ed un rovescio di Stefanini mandano per la prima volta in vantaggio Pieri (2-1) ma per poco (2-2). Ancora break Lucca (3-2) e contro-break Prato (3-3) con Stefanini che infila tre giochi consecutivi e sale 5-3. Al momento di chiudere però la portacolori di Prato cede ancora la battuta e Lucca torna in corsa (5-5). In una fase di partita caratterizzata da diversi errori da entrambe le parti addirittura Pieri prende un break di vantaggio ma a decidere è il tie-break che Lucca si aggiudica per 7 punti a 4. Nel super tie-break decisivo Stefanini sale 4-1, 8-5 e sul 10-9 si procura una chance per chiudere ma Pieri si salva e poi si impone per 15-13 al quinto match-point.

 

“È stato un match incredibile, sono felicissima. Non so nemmeno quanti match-point ho avuto… – ha detto Pieri -. Nel primo set giocavo un po’ corto: poi dal secondo in poi ho giocato sempre meglio e lei ha iniziato a sbagliare qualcosa in più. Per Lucca era importante partire bene. Questa Serie A è stata importantissima per riprendere confidenza con il tennis agonistico dopo il lockdown”.

ALTRO SUPER TIE-BREAKBianca Turati ha poi ribaltato il pronostico superando 5-7 6-4 10-7, dopo oltre due ore e mezza di lotta, la slovacca Kristina Kucova nel match tra le numero 2.

Prima un improvviso scroscio di pioggia, poi il vento forte: condizioni di gioco tutt’altro che facili. Break in avvio per Turati ma subito contro-break per Kucova, quest’anno imbattuta in campionato. La 23enne di Como gioca due metri dietro la riga di fondo: la 30enne di Bratislava con i piedi ben piantati in campo. Nell’ottavo game la slovacca di Prato centra il break (5-3) ma in quello successivo sciupa tutto cedendo la battuta a zero con un doppio fallo finale. Nel decimo gioco Turati salva un set-point al termine di uno scambio infinito e poi è 5 pari, ma due game più tardi con uno smash piazzato Kucova sigla il 7-5. Il secondo set inizia sulla falsariga del primo. Nel quarto gioco la slovacca non sfrutta la chance per allungare 3-1 e poi inizia a complicarsi la vita nei turni di servizio innervosendosi e permettendo a Turati di prendere per tre volte un break di vantaggio (3-2 e 4-3 e 5-4): e la comasca al decimo gioco finalmente pareggia il conto dei set (6-4). A decidere ancora una volta è un combattutissimo super tie-break: Turati prende tutto e allunga sull’8-4, Kukova prova a recuperare (8-7) ma Bianca chiude per 10 punti a 7 regalando il doppio vantaggio a Lucca.

“Non ci posso credere”, le prime parole di Turati. “Siamo tutte ragazze che lottano su ogni punto…. Dopo il primo st il capitano mi ha detto che dovevo cambiare il modo di servire…. Potevamo essere 2-0 sotto ed invece siamo in vantaggio: ora speriamo che Jessica Pieri completi l’opera”.

IL TRIONFO DI JESSICA – Nella sfida tra le numero 1 ancora una sorpresa con la vittoria di Jessica Pieri che ha regolato per 6-1 6-4, in poco meno di un’ora ed un quarto di gioco, Martina Trevisan, non in grandissima giornata.

Partenza bruciante della 23enne di Bagni di Lucca che vola 4-0 giocando un tennis da favola: la 26enne fiorentina, irriconoscibile soprattutto col diritto, prova in qualche modo a contenere la sua avversaria che gioca profondo e sbaglia poco, ma Jessica Pieri con il terzo break archivia il parziale (6-1). Nel secondo set la reazione della Trevisan si concretizza in un break – il primo dell’incontro – al terzo gioco che Pieri però si riprende immediatamente (2-2). Di nuovo break Prato e contro-break Lucca per due volte (4-4). Nel nono game Pieri tiene finalmente un turno di servizio (da segnalare un pallonetto millimetrico e un gran passante) e poi con il terzo game di fila brekka ancora Trevisan e regala lo scudetto a Lucca.

Non me l’aspettavo – ammette Jessica Pieri – entrare in campo sul 2-0 è stato un bel vantaggio e sono davvero felicissima. In una stagione complicata dal coronavirus ci godiamo questo successo. Stare fuori dal campo per mesi e mesi non è stato facile per noi che siamo abituate a viaggiare tutto l’anno”.

Finale Serie A1 BMW femminile 2020

TC Prato – CT Lucca 0-3
T. Pieri (L) b. Stefanini (P) 2-6 7-6(4) 15-13
Turati (L) b. Kucova (P) 5-7 6-4 10-7
J. Pieri (L) b. Trevisan (P) 6-1 6-4

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1: tutto pronto per le finali, Genova unica intrusa nel dominio toscano

Mercoledì la finale femminile tra le campionesse in carica del TC Prato e il CT Lucca. Gli uomini in campo giovedì: il Park Tennis Genova con Mager e Musetti se la vedrà con il TC Italia Forte dei Marmi di Sonego e Travaglia

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti (Park Tennis Genova) ai Campionati Italiani Assoluti di Todi (foto Marta Magni)

L’intenso mese dedicato alla Serie A1 di tennis sta per volgere al termine e c’è solo un capitolo che resta da scrivere, il più importante: quello della finale. Tutto si svolgerà a Todi, città umbra che già aveva ospitato gli assoluti italiani a giugno. Le prime a scendere in campo mercoledì 12 agosto saranno le donne e ancora una volta ci sarà il TC Prato, squadra campione in carica, che difenderà il titolo contro il CT Lucca in una sfida tutta toscana. “Sarà un vero derby” ha infatti notato il direttore sportivo del TC Prato Fausto Fusi. “Il capitano della squadra di Vicopelago Ivano Pieri è stato nostro giocatore per molti anni e tante giocatrici si allenano e giocano insieme. Sarà una gara equilibrata e complicata perché giocarsi lo scudetto con un team della stessa regione è qualcosa di straordinario”. Il Tennis Club Prato partirà da favorito, come dimostrano anche i risultati recenti: 7 finali negli ultimi 8 anni (andrà a caccia del settimo scudetto della sua storia).

Mercoledì dunque i match in programma dovrebbero vedere di fronte nel primo incontro, alle 12, Tatiana Pieri (CT Lucca) contro Lucrezia Stefanini (TC Prato) e a seguire le numero due Bianca Turati (CT Lucca) e Cristina Kucova (TC Prato). Per ultime scenderanno in campo Jessica Pieri (CT Lucca) e Martina Trevisan (TC Prato prima del doppio. L’attaccamento alla maglia e soprattutto la voglia di far parte di questa squadra è davvero incredibile ha spiegato il presidente del TC Prato Riccardo Marini. “Kucova doveva giocare un torneo WTA e ha annullato tutto per essere della partita. Questo per noi è un segnale forte. Inoltre porteremo tutte le ragazze under che quando chiamate si sono fatte trovare pronte”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il capitano del TC Prato Gianluca Rossi: “Sapere che Kucova sceglie il campionato a squadre anziché un torneo internazionale è sufficiente per capire cosa significa per lei giocare per questo club inoltre avere due giocatrici che hanno sempre difeso i colori del TC Prato come Martina Trevisan e Lucrezia Stefanini e hanno giocato campionati giovanili e ora affrontano un’altra finale scudetto è la dimostrazione che c’è tanto entusiasmo e la partita sarà molto sentita perché le ragazze si conoscono“.

TC Prato

Anche nella finale maschile si affronteranno due squadre di grande prestigio, tanto che ci saranno quattro dei cinque giocatori scesi in campo nell’ultima sfida di Coppa Davis dell’Italia contro la Corea del Sud a Cagliari. Gianluca Mager e Simone Bolelli difenderanno i colori del Park Tennis Genova mentre Lorenzo Sonego e Stefano Travaglia saranno tra le fila del TC Italia Forte dei Marmi. Quest’ultima squadra ha eliminato in semifinale i campioni in carica del Selva Alta Vigevano in una sfida equilibratissima, ma questo non sembra bastare per poterli considerare i favoriti per la finale. Possono sì contare su due top 100 come Sonego (46) e Travaglia (86) ma Genova dalla sua, oltre a Mager (79), ripone molta fiducia nel giovane Lorenzo Musetti il quale magari non sarà proprio Federer come ha suggerito Gianluca Naso, tuttavia potrà sicuramente essere decisivo in questa sfida che partirà giovedì 13 agosto alle ore 11.

 

Le finali di Serie A1 saranno trasmesse in diretta su SuperTennis. La finale maschile si giocherà in contemporanea su due campi: gli incontri in programma su quello principale andranno in diretta sul canale tv della FIT, quelli sul campo secondario potranno essere seguiti in diretta streaming sulle pagine Facebook di SuperTennis e Federtennis.

FINALE FEMMINILE – mercoledì 12 agosto (inizio alle ore 12 su un solo campo)

  • singolare tra le n.3
  • singolare tra le n.2
  • singolare tra le n.1
  • eventuale doppio
  • eventuale doppio di spareggio

FINALE MASCHILE – giovedì 13 agosto (inizio alle ore 11)

  • su due campi in contemporanea singolare tra i n.4 e singolare tra i n.3
  • a seguire sul campo principale singolare tra i n.2 e singolare tra i n.1
  • a seguire su due campi in contemporanea primo doppio e secondo doppio
  • a seguire sul campo principale eventuale doppio di spareggio

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement