Makarova dice basta a 31 anni: in doppio ha sfiorato il career Grand Slam

Flash

Makarova dice basta a 31 anni: in doppio ha sfiorato il career Grand Slam

Insieme ad Elena Vesnina ha vinto tutti i Major, tranne l’Australian Open. Tanti gli incroci con Errani/Vinci, tra cui una delle tre finali perse a Roma

Pubblicato

il

Non si vedeva nel circuito maggiore da febbraio 2019, ultima apparizione a Dubai. Da quel momento per Ekaterina Makarova, appena 31 anni, solo tornei di sottobosco e la continua lotta con i guai fisici. Fino all’annuncio del ritiro, arrivato martedì con un post su Instagram. “Voglio ringraziare chi ha condiviso con me tutti questi anni di carriera, a partire da quando ero giovanissima. Sono molto felice e orgogliosa della mia carriera sportiva. È tempo di andare avanti e iniziare una nuova tappa della mia vita“.

View this post on Instagram

Dear friends! I have important news for you today. I made a difficult decision to end my professional career in tennis. Today I want to thank everyone who has been with me shoulder to shoulder all these years. Who took part in my sports career, starting from my childhood and ending with it. I was lucky enough to work with the best team of professionals. My favorite coaches, sparring, massage therapists, and osteopaths. My team has always been my mainstay and support. I would like to thank my lovely family and friends who have always been there for me. I always feel your love and support. My family is my source of energy and inspiration. My dear, faithful fans! You have always supported me anywhere in the world. Thank you from the bottom of my heart! Your faith in me, gave me strength and helped me move forward to victories! I am very happy and proud of my sports career. It's time to move on and start a new stage in my life. Your Kate❤ Дорогие друзья! Сегодня у меня для вас важная новость. Я приняла непростое решение о завершении профессиональной карьеры в теннисе. Сегодня я хочу поблагодарить каждого, кто был со мной плечо к плечу все эти годы. Кто принимал участие в моей спортивной карьере, начиная с самого детства и до ее завершения. Мне посчастливилось работать с лучшей командой профессионалов. Мои любимые тренеры, спарринги, массажисты, остеопаты. Моя команда всегда была для меня опорой и поддержкой. Самую большую благодарность я выражаю моей любимой семье, мои близким, что всегда были рядом. Я всегда чувствую вашу любовь и поддержку. Моя семья – мой источник энергии и вдохновения. Дорогие мои, преданные фанаты! Вы всегда меня поддерживали в любой точке земного шара. Благодарю вас от всей души! Ваша вера в меня придавала мне сил и помогала двигаться вперед, к победам! Я очень довольна и горжусь своей спортивной карьерой. Наступило время двигаться дальше и начинать новый этап в своей жизни. Ваша Катя❤️

A post shared by Ekaterina Makarova | Макарова (@katemakarova1) on

 

La mancina di Mosca si è tolta la soddisfazione di entrare in top 10 sia in singolare sia in doppio, ma è in quest’ultima specialità che ha lasciato il segno portando a casa tre Slam insieme alla connazionale Elena Vesnina. Tanti gli incroci con le azzurre. La coppia russa ha conquistato il Roland Garros 2013 (battendo Errani/Vinci), lo US Open 2014 (contro Pennetta/Hingis) e Wimbledon 2017, perdendo due finali all’Australian Open (nel 2014 ancora contro Errani/Vinci e nel 2018 lasciando il trofeo a Babos/Mladenovic). Se hanno fallito per un soffio il career Grand Slam, possono comunque vantarsi di aver conquistato nel 2016 la medaglia d’oro olimpica di Rio e le Finals di specialità. Rimarrà per loro stregato il Foro Italico, con tre finali perse: nel 2012 (neanche a dirlo, vinsero Errani/Vinci), nel 2016 cedendo il passo a Hingis/Mirza e l’anno successivo contro Hingis-Chan.

Ekaterina Makarova ed Elena Vesnina – Wimbledon 2017

In doppio misto con Bruno Soares, Makarova ha fatto suo lo US Open 2012. In singolare è stata numero 8 WTA nel 2015 raggiungendo due semifinali Slam (Flushing Meadows 2014 e Melbourne 2015), centrando 32 vittorie su avversarie top 10. Tre i titoli conquistati: Eastburne 2010, Pattaya 2014 e Washington 2017.

Continua a leggere
Commenti

Flash

È scomparso a 83 anni Ashley Cooper, vincitore di quattro tornei dello Slam

Il tennista australiano aveva dominato per due stagioni negli Anni ’50 prima di passare al professionismo

Pubblicato

il

Ashley Cooper all'Australian Open nel 2018 (foto Tennis Australia)

Venerdì scorso si è spento dopo una lunga malattia l’ex campione australiano Ashley Cooper. Aveva 83 anni.

Nato a Melbourne nel 1936, Cooper ha vissuto le sue migliori stagioni nel 1957 e 1958, quando dominò la scena aggiudicandosi quattro titoli del Grande Slam (due Australian Open, un Wimbledon e un US Open) e raggiungendo la finale in altre due occasioni. Nelle sei finali giocate in un Major incontrò per tre volte Malcom Anderson (due vittorie e una sconfitta), per due volte Neale Frasier (bilancio in parità) e una volta Lew Hoad (da cui perse a Wimbledon nel 1957). Al Roland Garros non riuscì mai ad andare oltre la semifinale, raggiunta in tre edizioni consecutive (dal 1956 al 1958).

Non particolarmente alto, Cooper si era sempre distinto per la sua forma fisica che curava con lunghe sessioni in palestra per supportare il suo gioco d’attacco, tipico della scuola australiana. Dopo aver dominato la stagione 1958, Cooper passò professionista e si unì al circo itinerante di Jack Kramer negli Stati Uniti per potersi confrontare con i migliori al mondo e per monetizzare la sua fama. In Australia infatti Cooper era molto popolare anche in virtù del suo matrimonio con Helen Wood, Miss Australia 1957. In occasione delle loro nozze, celebrate a Brisbane il 2 gennaio 1959, più di 3000 persone si assieparono fuori dalla chiesa per poter rubare qualche immagine della cerimonia.

 

Ashley Cooper fu introdotto nella International Tennis Hall of Fame nel 1991.

Continua a leggere

Flash

Slittano i Campionati Italiani Assoluti di Todi… aspettando Berrettini?

Il torneo slitta di una settimana, un po’ per fare spazio alle qualificazioni e un po’ per aspettare Berrettini (e forse Fognini). Ci saranno Caruso e Gaio, davanti a 150 spettatori (alla volta)

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

L’idea di resuscitare gli Assoluti facendoli disputare a Todi dal 22 giugno – la data è slittata di una settimana e vi dirò perché – è senz’altro buona. E penso che sarà pure organizzata meglio, vista l’esperienza che ha in materia Marcello Marchesini con le sue figlie gemelle che mandano avanti la MEF, di quanto abbiano mostrato gli americani nel lanciare il torneo sotto egida UTR (Universal Tennis Rating) di West Palm Beach, cioè quello vinto da Opelka, prima di quello femminile con protagoniste Anisimova, Collins, Tomljanovic e Riske. Chi li ha visti ha provato una gran tristezza.

Anche Djokovic con Tipsarevic sembra intenzionato a organizzare una serie di eventi lungo quattro weekend (fra Belgrado e altre località adriatiche) nel mese di giugno dopo esser riuscito a convincere Thiem, Dimitrov e probabilmente altri tennisti delle regioni balcaniche a prender parte all’AdriaCup (strano non aver trovato uno sponsor… quando sei il n.1 del mondo non dovrebbe essere troppo difficile. Se invece lo chiamasse “Not too bad“?).

Se in Umbria, regione fra le meno colpite dal Coronavirus, si potessero rivedere intanto alcuni degli otto top-100 italiani – e poi magari anche qualche europeo, la settimana successiva a Perugia, dove però Marchesini cercherà quasi certamente di privilegiare la partecipazione italiana – gli appassionati sarebbero certamente contenti.

 

Certamente Supertennis trasmetterà l’evento, ma chissà che non sia interessato a farlo anche SKY. Trattative sono in corso.

Todi può contare su cinque campi. Gli ingressi saranno controllati e al momento l’idea è quella di far prenotare agli spettatori un singolo match alla volta. In modo da non avere più di 150 spettatori alla volta, ma di consentire una rotazione fra gli interessati.

Il tabellone maschile avrà 32 giocatori, mentre quello femminile sarà da 16. Per le qualificazioni maschili non si è ancora deciso se saranno aperte a 32 o a 48 tennisti. Lo si dovrebbe decidere. Da lunedì 22 a giovedì 25 si potrebbero giocare sei match maschili sul centrale, venerdì i quattro quarti di finale, sabato le due semifinali e domenica la finale. Le partite del singolare femminile si giocherebbero sul Grand Stand (perché si debba usare questa terminologia inglese per battezzare i nostri campi non lo capisco e condivido, ma d’altra parte ormai l’inglese ha invaso tutto e di più e se ne fa un baffo dell’Accademia della Crusca).

Lo slittamento al 22, dalla data originariamente prevista, potrebbe essere stato dettato da molteplici motivi. Il più importante è forse che fino al 14 giugno non si dovrebbero poter giocare eventi sportivi, e allora non sarebbe stato possibile far disputare le qualificazioni, che invece da sabato 20, con svolgimento domenica e lunedì, non costituiscono un problema potendo disporre di 5 campi.

Ma forse, premesso che più in là si va nel calendario e più si avranno certezze sull’evoluzione positiva o negativa del virus (usare questi aggettivi, positivo e negativo, è diventato sempre più a rischio di equivoci, come ben sa chi ha assistito all’ultimo exploit comunicazionale di Trump) potrebbe avere inciso sullo slittamento di data anche il desiderio di favorire il ritorno di Matteo Berrettini, che stando all’ultima intervista rilasciata a ‘Repubblica‘ ha in programma di rimane in Florida ancora tre settimane. In tale circostanza, dovessero aggiungersi le due settimane di quarantena, sarebbe impossibile vederlo in campo a Todi.

Rimane incerta anche la presenza di Fabio Fognini. Il ligure ha aderito al torneo ideato da Mouratoglou a Nizza che dovrebbe svolgersi, dopo un primo slittamento dal 16 maggio, a partire dal 13 giugno. Del resto la sua presenza non era stata assicurata contrariamente a quanto era stato annunciato un po’ avventurosamente: papà Fognini, che non regge nemmeno un cece, come si dice a Firenze, era stato subito prontissimo a far sapere che non gli risultava – seguito a stretto giro dal figlio.

Ovviamente ora Todi e FIT dovranno aspettare il beneplacito del Governo e del ministro Spadafora, che ultimamente ha allentato parecchio le briglie (vedi calcio). Se il torneo si disputerà, mentre Salvatore Caruso e Federico Gaio fanno già sapere che ci saranno tramite l’ufficio stampa del torneo, si sa per certo che invece non ci saranno né raccattapalle né giudici di linea. Chissà come si ritroveranno gli arbitri a dover giudicare sulle righe più lontane, dopo essere stati viziati per tanti anni. Dovranno dimostrarsi più bravi del solito. I tennisti dovranno dar loro una mano. L’occhio di Falco a Todi (ma nemmeno al Roland Garros) non c’è.

Ma è evidente che più numerosi saranno i migliori italiani compresi fra i top 100 – sono otto – e maggior richiamo eserciterà il torneo. Per il pubblico e anche per i media.

Jannik Sinner, numero 4 d’Italia (Marsiglia 2020 – foto Cristina Criswald)

UN PO’ DI STORIA – Consentitemi, e scusatemi, un inciso personale per degli Assoluti che verranno nuovamente giocati in Umbria dopo tanti anni. A Perugia, tanti anni fa, direi il 1973 (o il 1972?), è legato il ricordo di un paio di vittorie su altrettanti prima categoria (direi Paolo Bodo e Beppe Pozzi, ma del primo non sono sicurissimo) e di una dignitosa sconfitta con Corrado Barazzutti (ottavi?) con il quale persi 7-5 6-2 7-5 dopo aver condotto per 5-2 sia nel primo sia nel terzo set. Che rabbia! Non mi era apparso imbattibile, anche se il punto lo faceva più spesso lui e sarebbe arrivato in finale contro Panatta. Una parte di quel match, che io decisi di giocare serve&volley perché da fondocampo a Corrado non avrei mai fatto il punto, fu addirittura teletrasmesso dalla RAI e alla fine ricordo che fui intervistato da Guido Oddo – che fu telecronista assieme a Galeazzi: evidentemente in Rai non sapevano cosa altro far vedere!

In doppio invece insieme a Maurizio Bonaiti, in coppia con il quale avevamo vinto i campionati italiani di seconda categoria e per questo eravamo stati ammessi a giocare quelli di prima, perdemmo dal duo Maioli-Marzano che quell’anno – se era il ’73… – giocarono a Mosca per l’Italia in Coppa Davis. Il rimpianto fu ancora maggiore che per il singolare: perdemmo 11-19 al quarto set dopo aver mancato mille occasioni per arrivare al quinto, ma con la convinzione di poter vincere se fossimo approdato al set decisivo. Mentre contro Barazzutti non mi sarei mai illuso. 

REGOLE E BIGLIETTI – Riprendo a parlare di cose più serie: il nostro Alessandro Stella ha intervistato Lorenzo Musetti (l’articolo completo verrà pubblicato nei prossimi giorni) che si sta allenando intensamente a La Spezia con Alessandro Giannessi, ed è emerso che Musetti non ha ricevuto comunicazioni ufficiali dall’organizzazione del torneo. Immaginando che il criterio di partecipazione sia il ranking, il 18enne di Carrara avrebbe con ogni probabilità diritto a partecipare – è il 21° italiano in ordine di classifica, ma ci ha spiegato che valuterà con il suo allenatore Simone Tartarini se partecipare o meno quando avrà notizie più certe.

Il costo dei biglietti? Non è una priorità, direi. Non credo che Marchesini ci faccia affidamento. Semmai potrebbe essere il rapporto eventuale con SKY, a costituire una pezza importante al bilancio di un organizzatore che quest’anno ha visto saltare tutti i suoi sei challenger e non può sapere come andrà a finire con le Final Four (altro inglesismo, dopo play-off e play out) del campionato di Serie A.

Dove saranno alloggiati i giocatori? Presumibilmente in un hotel i tennisti e in un altro le tenniste (accompagnate al massimo da una sola persona, come sembra aver richiesto la WTA per i tornei del suo circuito, Palermo incluso…se si farà). Per i giornalisti non sono ancora state fissate le date per inoltrare le richieste d’accredito.  

Continua a leggere

Flash

Luca Bottazzi ci spiega qual è il primo comandamento del tennis

Probabilmente lo avete intuito guardando il frame di Federer e Djokovic a Wimbledon: si tratta di saper perdere, l’abilità fondamentale per inseguire e raggiungere la vittoria

Pubblicato

il

Vi aggiorniamo sulla pubblicazione dei nuovi contenuti sul canale YouTube Bottazz Vincente di Luca Bottazzi, commentatore, scrittore e studioso del tennis. Trovate qui la puntata precedente, nella quale Bottazzi ha provato a rispondere alla domanda che precede tutte le altre: perché si gioca a tennis?

Il suo viaggio all’interno dei segreti della tecnica di gioco prosegue con due nuovi video, che di seguito vi introduciamo.

Qual è il primo comandamento del tennis? Luca non ha dubbi: si tratta di saper perdere, un’abilità fondamentale per costruire il coraggio utile a cogliere, nel momento che conta, la vittoria. Perché saper perdere, nel tennis come nella vita, è la cosa più difficile. E dunque la più importante, per diventare ‘campioni di se stessi’.

 

Saper trattare la palla con destrezza è una abilità importante, ma saper giocare al gioco del tennis è un’altra cosa“. Bottazzi introduce così la pillola che si propone di spiegare cosa significa saper giocare. Che in qualche modo si ricollega alla precedente, perché rivela l’umanità dei grandi campioni che, pur dotati di mezzi tecnici straordinari, hanno finito per perdere partite quasi vinte perché hanno ‘sbagliato nel saper giocare’. Cercare continuamente la luna e le stelle, a beneficio di tifosi e spettacolo, non determina però affatto il saper giocare. Anzi, si tratta piuttosto dell’esatto contrario…

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement