Marcora sorprende ancora a Pune: battuto Paire (con polemiche), è nei quarti ATP per la prima volta

ATP

Marcora sorprende ancora a Pune: battuto Paire (con polemiche), è nei quarti ATP per la prima volta

Roberto rifila un doppio 6-4 a una brutta (e nervosa) versione del francese, primo favorito del seeding. Sfiderà James Duckworth per un posto in semifinale

Pubblicato

il

Roberto Marcora - ATP Pune 2020 (foto via Twitter @MaharashtraOpen)

La prima vittoria in un torneo ATP non è bastata a Roberto Marcora. All’ATP 250 di Pune l’azzurro (il giocatore italiano più “anziano” a vincere per la prima volta un match del Tour maggiore, lui che è classe ’89) ha battuto il numero uno del tabellone Benoit Paire conquistando il primo successo su un top 20 e il primo quarto di finale a livello ATP. Un’ora e diciassette per infliggere al francese un doppio 6-4: tra qualificazione e main draw il lombardo non ha ceduto ancora un set e ha confermato di sentire benissimo la palla sul cemento indiano, anche grazie al servizio che sta facendo registrare ottimi numeri.

Non affrontava la miglior versione di Paire, che si è vista a sprazzi in questo inizio di 2020, totalmente assente nel suo debutto nel torneo. Il francese aveva grandissime possibilità di vittoria, al di là del suo status di numero uno del seeding. Visti gli avversari sembrava facile pronosticare un suo successo finale, ma Roberto gli ha subito sbarrato la strada. L’italiano (attualmente al 171esimo posto nel ranking ATP) ha trovato il break nel quinto gioco di entrambi i set, riuscendo ad arginare l’estro di Benoit e spesso gestendo lo scambio da fondo. Nel secondo ha concesso l’immediato controbreak, ma si è rifatto poco più tardi, approfittando dell’ennesima sbavatura del match di Paire sul 4-4. Recuperando da 15-40, ha tenuto l’ultimo turno di servizio della sua grande partita e ha vinto la sfida. Dopo il match point i due hanno anche avuto un piccolo diverbio: Paire era visibilmente nervoso anche nelle ultime fasi del match.

Contatto telefonicamente dal nostro direttore, Marcora ci ha spiegato l’origine del diverbio. “C’erano già delle vecchie ruggini dall’anno scorso, quando abbiamo giocato a Sophia Antipolis e non mi diede la mano. Da quella volta non ci salutiamo più e anche ieri prima di scendere in campo ci siamo ignorati volutamente. La partita comunque è stata tranquilla fino a quando lui, a metà secondo set, dal nulla ha iniziato a scimmiottarmi e urlare “Forza, forza!” in italiano per darmi fastidio, dopo ogni mio errore gridava ‘il est nul!’ (‘fa schifo’, ndr) oppure “il Peux pas jouer au tennis, il peux pas!’ (non può giocare a tennis, non può, ndr). Io sono rimasto zitto fino alla stretta di mano, che non mi ha concesso neanche stavolta, e allora gli ho solo detto ridendo “So, it happened again!” (è successo di nuovo, ndr) perchè anche l’anno scorso l’avevo battuto“.

 

Ora Marcora non vorrà certo fermarsi: James Duckworth è il prossimo ostacolo verso le semifinali. L’australiano è reduce da una lotta di quasi tre ore con Taro Daniel, battuto 6-3 al terzo set.

Risultati:

[Q] R. Marcora b. [1] B. Paire 6-4 6-4
[6] J. Duckworth b. T. Daniel 6-7(4) 7-6(3) 6-3
[4] S. Kwon b. P. Gunneswaran 6-3 7-6(5)
[8] E. Gerasimov b. [Q] N. Milojevic 2-6 6-3 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

ATP

Zverev ruggisce a Madrid: supera Thiem e vola in finale

Sascha serve benissimo e gestisce in tranquillità la semifinale contro uno spento Thiem. Ottava finale in un Masters 1000 e seconda a Madrid dopo il titolo del 2018

Pubblicato

il

Alexander - ATP Madrid 2021 (ph. Ángel Martínez)

[5] A. Zverev b. [3] D. Thiem 6-3 6-4

Alexander Zverev è il primo finalista del Mutua Madrid Open 2021. Il tedesco supera in due set piuttosto agevoli Dominic Thiem e domenica proverà a bissare il titolo conquistato su questi campi nel 2018, quando sconfisse nell’ultimo atto proprio il suo avversario odierno.

La partita non ha regalato particolari brividi: dopo una buona partenza, Thiem è infatti calato progressivamente, incapace di tenere il ritmo da fondo di Zverev e soprattutto di scardinare il suo servizio (se si esclude il break concesso di pura distrazione dal tedesco sul 4-1 nel secondo set). I maggiori fastidi per Sascha sono stati probabilmente connessi con la moviola, che in ben tre occasioni ha dichiarato dentro o fuori la palla (ovviamente a suo sfavore), mostrando però immagini apparentemente in contrasto con la chiamata.

 

Al di là dei bisticci con la tecnologia però, Zverev ha mostrato buona solidità e lucidità e domenica andrà a caccia del quindicesimo titolo in carriera e del quarto Masters 1000. Tra lui e il trofeo cercherà di frapporsi il vincente della sfida tra Matteo Berrettini (2-1 i precedenti in favore di Sascha, 1-1 su terra) e Casper Ruud (nessun precedente). Il tedesco dovrà gestire bene le energie in vista della finale, dal momento che è ancora in corsa nel tabellone di doppio insieme al connazionale Tim Puetz. I due giocheranno la semifinale contro Granollers/Zeballos con la prospettiva per Sascha di una storica doppietta.

IL MATCH – Zverev mostra da subito un discreto feeling col servizio. In particolare sceglie spesso di servire al centro da destra, sia con la prima sia con delle ottime seconde cariche che saltano alte sul rovescio dell’avversario. Nonostante ciò, Thiem reagisce bene, soprattutto alle seconde, e si rende pericoloso in risposta nel terzo game. Un bellissimo rovescio vincente dal centro del campo lo porta a palla break, ma Zverev si cava d’impiccio col servizio, impedendo di fatto all’austriaco di giocare i successivi tre punti.

Tocca poi al tedesco avere la chance di ottenere il break, ma Thiem fa buona guardia a rete dopo il solito gran servizio in kick. Un doppio fallo rimette nei guai l’austriaco, che si salva con una prima vincente, contestata da Zverev che polemizza con l’arbitro nonostante l’intervento di Foxtenn. Effettivamente l’immagine non sembrerebbe corrispondere con la scritta “IN” (“dentro”) comparsa sul maxischermo dello stadio, ma tutti non possono che adeguarsi a quanto sentenziato dalla tecnologia. Un secondo doppio fallo costringe Thiem a salvare una terza palla break, stavolta con un poderoso rovescio lungolinea vincente. L’austriaco però concede troppo con il dritto e alla fine cede, alla quarta occasione concessa, mandando Zverev sul 3-1.

Uno dei frame “incriminati”

Thiem sembra avere qualche problema con la presa sulla racchetta, forse per l’eccessiva sudorazione, e addirittura chiede al giudice di sedia se è possibile avere della segatura (rimedio d’altri tempi). Anche il vento rappresenta una discreta incognita – ovviamente per ambedue i semifinalisti – soprattutto perché sembra avere un andamento irregolare, a folate. Nonostante ciò si vedono alcune ottime soluzioni, frammiste a scelte discutibili, da parte di entrambi. Dal punto di vista del punteggio però non ci sono grandi sussulti: Zverev concede davvero poco al servizio (solo tre punti in tre turni di battuta) e dopo 43 minuti va a sedersi in vantaggio di un set.

Il tedesco gestisce benissimo gli scambi da fondo con il proprio rovescio e si procura una palla break subito in avvio di secondo set. Thiem però riesce a evitare il peggio e tiene il servizio, grazie anche a un nastro fortunato e a due errori dell’avversario. Il break è solo rimandato, perché Zverev ha il totale controllo del palleggio e non fatica a salire 3-1. La palla dell’austriaco non corre come al solito, chiaro segnale che la miglior forma è ancora lontana, e se a questo aggiungiamo il rendimento quasi perfetto al servizio di Zverev, allora le cose sì che si fanno difficili. Il tedesco ormai colpisce in scioltezza, mentre Thiem è costretto a remare da fondo. Un secondo break lo proietta sul 4-1, ma un po’ di leggerezza nelle scelte tattiche (un paio di discese a rete decisamente rivedibili) regala il contro-break immediato all’avversario.

Dominic Thiem – Madrid 2021

Thiem si aggrappa a quel poco che il suo tennis gli consente oggi e va sul 4-3, al termine di un game da sedici punti e non prima di aver cancellato tre palle break che avrebbero di fatto chiuso il match. Il moto d’orgoglio dell’austriaco non è però sufficiente a riaprire davvero la partita e Zverev chiude senza ulteriori patemi con il punteggio di 6-4 dopo un’ora e quaranta minuti di gioco. Partirà favorito in finale, e avrà l’opportunità di diventare il primo giocatore esterno alla cerchia dei Fab a vincere due volte lo stesso Masters 1000 dai tempi di Andy Roddick, capace di imporsi due volte a Miami.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Il tabellone maschile di Roma 2021

Sorteggiato il tabellone maschile dell’edizione 2021 degli Internazionali BNL d’Italia. Tsitsipas e Thiem dalla parte di Djokovic. Fognini-Nishikori, Musetti-Hurkacz e Berrettini-Basilashvili. Sinner sfida Humbert, secondo turno con Nadal?

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Per gli azzurri non è vietato sognare. Nasce ufficialmente l’edizione 2021 degli Internazionali d’Italia a Roma: è stato sorteggiato questa mattina il tabellone maschile del Masters 1000 tricolore, che torna nell’abituale collocazione primaverile dopo il torneo giocato lo scorso anno a settembre e che vedrà una riapertura al pubblico (ingressi disponibili fino al 25% della capienza a partire dagli ottavi).

La 78esima edizione del torneo sa di (parziale) ritorno alla normalità ed è contrassegnata dalle grandi ambizioni degli atleti azzurri. Sono otto quelli che accedono direttamente al main draw, in attesa dei risultati delle qualificazioni. Anzitutto Berrettini (oggi impegnato nella semifinale di Madrid contro Ruud), insignito della testa di serie numero 9; poi Fognini, Sinner, Sonego e le wild card Travaglia, Musetti, Caruso e Mager.

Al Foro Italico sono in arrivo nove dei primi dieci giocatori del mondo: manca solo Federer, che giocherà a Ginevra prima del Roland Garros. Il campo di partecipazione è dunque di qualità assoluta, ancor più elevata di quello di Madrid se si considera che a Roma risponderà presente anche il numero uno del mondo e campione in carica Novak Djokovic. Sarà Rafael Nadal il primo sfidante del serbo: lo spagnolo è accreditato dei favori di molti pronostici viste le sue nove vittorie al Foro Italico. La schiera di chi cercherà un acuto importante è poi composta, tra gli altri, da TsitsipasThiemZverev Rublev.

IL TABELLONE – Parte alta

IL TABELLONE – Parte bassa

 

Il link al tabellone completo (aggiornato quotidianamente)

OTTAVI TEORICI

[1] N. Djokovic vs [16] G. Dimitrov
[9] M. Berrettini vs [5] S. Tsitsipas
[4] D. Thiem vs [14] G. Monfils
[10] R. Bautista Agut vs [7] A. Rublev

[8] D. Schwartzman vs [12] D. Goffin
[15] H. Hurkacz vs [3] D. Medvedev
[6] A. Zverev vs [11] P. Carreno Busta
[13] D. Shapovalov vs [2] R. Nadal

IL SORTEGGIO DEGLI ITALIANI

[9] M. Berrettini vs N. Basilashvili
J. Sinner vs U. Humbert
F. Fognini vs K. Nishikori
L. Sonego vs [14] G. Monfils
[WC] L. Musetti vs [15] H. Hurkacz
[WC] S. Travaglia vs B. Paire
[WC] G. Mager vs A. de Minaur
[WC] S. Caruso vs [12] Goffin

INFORMAZIONI SUL TORNEO

Entry list

  • tabellone a 56 giocatori (16 teste di serie, 8 bye)
  • 45 giocatori entrati per accettazione diretta
  • 7 qualificati (il tabellone delle quali)
  • 4 wild card

Il sito ufficiale del torneo

Copertura televisiva

Il torneo di Roma, come tutti quelli di categoria Masters 1000, sarà trasmesso in diretta da SKY Sport.

Calendario di gioco

Domenica 9: primo turno
Lunedì 10: primo turno
Martedì 11: primo e secondo turno
Mercoledì 12: secondo turno
Giovedì 13: ottavi di finale
Venerdì 14: quarti di finale
Sabato 15: semifinali
Domenica 16: finale

Continua a leggere

ATP

L’urlo di Berrettini dopo 11 game consecutivi: è semifinale a Madrid, la seconda in un ‘1000’

MADRID – Matteo Berrettini rimonta una partita che sembrava persa contro Garin: sotto 7-5 3-1 infila undici giochi consecutivi. Sfiderà Ruud per la rivincita di Roma e un posto in finale

Pubblicato

il

da Madrid, il nostro inviato

Prosegue il cammino dell’ultimo azzurro rimasto in gara nel Masters 1000 di Madrid, che con straordinaria caparbietà ha rimesso in piedi un match che sembrava compromesso. Matteo Berrettini infatti ha battuto Christian Garin (5-7 6-3 6-0) per la seconda volta in carriera su tre precedenti, la prima sulla terra dopo la sconfitta nella finale di Monaco 2019. La seconda parte di una rivincita che Matteo si era già preso parzialmente a Shanghai nel 2019, il primo (e fino a oggi unico) 1000 in cui aveva centrato una semifinale. Con questa edizione del torneo di Madrid diventano due, a conferma della capacità che Berrettini ha avuto negli ultimi mesi: pur tra un infortunio e l’altro, ha saputo capitalizzare al meglio le poche settimane in cui è riuscito a stare in campo dall’inizio alla fine.

Oggi il n.1 d’Italia è rimasto in campo due ore e 6 minuti e l’ha spuntata al terzo dopo esser stato sotto di un set e un break. A quel punto Matteo si è aggrappato al match con grande determinazione e, approfittando di un calo contemporaneo del suo avversario, ha ribaltato la situazione con una serie di 11 giochi consecutivi; tutte le certezze del cileno sono svanite in un attimo, pur senza particolari segnali.

 

LA PARTITA – La tensione per l’elevata posta in palio ha fatto subito il suo effetto dato che, nonostante le grandi doti alla battuta dei due, il match si è aperto con due break. Spesso perdere il servizio a freddo può lasciare strascichi che possono compromettere l’intero set, ma se si riesce a rimediare all’istante – com’è stato bravo a fare Matteo con un ottimo dritto – l’inerzia può girare a proprio vantaggio e il sollievo per il pericolo scampato può tramutarsi in coraggio per passare in vantaggio. Purtroppo però questo non è accaduto e il primo set alla distanza è andato a Garin. Fare eccessivo affidamento sulla prima di servizio può avere come controindicazione il fatto che, quando viene a mancare, ci si trovi sprovvisti di alternative. A Berrettini è accaduto nell’undicesimo game: sul 30-30 Matteo ha giocato due punti con la seconda palla e il cileno ne ha approfittato. Alla fine, un attacco troppo debole dell’italiano ha decretato il break e avanti 6-5 Garin ha continuato a insistere con il suo servizio sul rovescio di Berrettini, che raramente ha saputo controllare le bordate del suo avversario. Dopo 39 minuti di gioco, Berrettini si è ritrovato sotto 7-5.

Nel secondo parziale Berrettini si è ritrovato di nuovo in difficoltà in avvio, e un game un po’ sciagurato (una smorzata in rete e qualche accelerazione di dritto sballata) lo hanno mandato sotto nel punteggio. Il piccolo battibecco con l’arbitro, per una prima palla di Garin considerata out dall’italiano ma certificata in dall’occhio di falco, deve aver in qualche modo scosso Matteo che di solito in campo è molto compassato. Questo pizzico di ‘pepe’ in una partita che viveva di folate e non particolarmente spettacolare, né facile da controllare per la solidità dell’avversario, gli ha dato la carica giusta proprio quando sembrava essere con l’acqua alla gola: da uno svantaggio di 7-5 3-1, infatti, Berrettini ha preso le redini dell’incontro e ne ha completamente stravolto l’andamento. Il tennis sa essere simile a una bilancia, e per un avversario che sale quasi sempre c’è l’altro che scende, ma il calo di Garin è stato addirittura verticale dopo più un’ora giocata con grande concentrazione.

Berrettini, di fronte a un avversario quasi ipnotizzato, ha infilato cinque game consecutivi e con il dodicesimo ace a 211km/h ha rimesso in equilibrio l’incontro. Da un lato c’è da considerare le responsabilità di Garin, ma Berrettini ha confermato ancora una volta una straordinaria dote nella lettura dell’incontro: appena si è reso conto del cedimento dell’avversario, è riuscito immediatamente ad aumentare i giri del motore e non ha commesso di guardare nello specchietto retrovisore una volta affiancato l’avversario in corsia di sorpasso.

A inizio terso set il pubblico, che inizialmente pendeva leggermente verso il cileno com’era facile intuire dai frequenti “Vamos Chile“, si è appassionato alla rimonta del n. 10 del mondo e i tanti italiani presenti sugli spalti hanno trovato il coraggio di far sentire la propria voce. Berrettini in qualche modo li ha ripagati e ha proseguito la sua cavalcata trionfale annichilendo, anche un po’ ingenerosamente per quanto visto nella prima parte dell’incontro, un avversario ormai visibilmente scosso e incapace di reagire. All’aumentare del vantaggio di Matteo è invece diminuita la quantita di spettattori sugli spalti, che sono stati definitivamente evacuati alle 22:45 quando restava un game da giocare; a causa del coprifuoco, tutti gli spettatori sono stati invitati a uscire.

Pochi istanti più tardi, in un Manolo Santana Stadium ormai vuoto, l’urlo di liberazione a seguito dell’ace a 217km/h che ha messo fine alla partita è risuonato ancora più intensamente, con tanto di rimbombo. Sabato Berrettini giocherà, non prima delle 21, la seconda semifinale in un Masters 1000 dopo quella persa a Shanghai 2019 contro Zverev. Contro Casper Ruud non sarà facile, anzi, la sensazione è che Matteo parta sfavorito anche in virtù del precedente giocato a Roma qualche mese fa. C’è però una cosa che Berrettini ha dimostrato a chi forse lo aveva dimenticato troppo presto: se il titolo di numero uno d’Italia è sulle sue spalle, se la permanenza in top 10 (pur con gli aiuti del nuovo regolamento) sta durando così tanto, non è per nulla un caso.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement