Sinner batte un altro top 20: sconfitto Bautista Agut al Bett1aces di Berlino

Flash

Sinner batte un altro top 20: sconfitto Bautista Agut al Bett1aces di Berlino

Sinner supera in due set il tennista spagnolo e affronterà Haas o Thiem in finale, già sfidati sull’erba qualche giorno fa. Difficile parlare di progressi, con un talento così. Servono i tornei veri

Pubblicato

il

 
 

Sinner cresce? No. O meglio, contestualizziamo: Jannik Sinner possedeva già da qualche mese il livello necessario a battere avversari del calibro di Roberto Bautista Agut, specie sul fondo indoor, e non è del tutto una sorpresa che ci sia riuscito nella bizzarra cornice offerta dall’hangar di Templehof, dove si sta disputando la seconda tappa dell’esibizione Bett1aces. Prevalendo con il punteggio di 7-6 6-2, Sinner si è qualificato per la finale in cui affronterà Dominic Thiem, che lo ha sconfitto in semifinale nella precedente esibizione su erba. L’austriaco è venuto a capo di un Haas tirato a lucido – lo ricordiamo, 42 primavere, ha giocato l’ultimo torneo ufficiale tre anni fa – e capace di impegnarlo sino in fondo nel primo set, concluso al tie-break.

L’incipit non vuole dunque andare a detrimento della prestazione di Jannik, che è stata di ottimo livello. Né si vuole gettare discredito sul valore della partita, perché se di esibizione si tratta, è altresì vero che dopo quasi cinque mesi senza competizioni ufficiali nessuno vuol perdere; lo dimostra la racchetta sfasciata da Bautista in apertura di secondo set, a seguito di uno schiaffo al volo di dritto piuttosto sciagurato che ha regalato il break al suo avversario.

L’incipit vuole piuttosto essere una presa di coscienza delle qualità naturali tennista italiano: Sinner è già in grado, nelle condizioni di gioco a lui più congeniali, di sconfiggere un tennista che ha trascorso più tempo in top 20 che fuori negli ultimi sei anni (ci è entrato la prima volta nel luglio del 2014). Di qui a riuscirci quando la palla pesa un po’ di più, e magari più volte all’interno dello stesso torneo, ci passa ancora qualcosa. Esperienza, attitudine, malizia. Ma dal punto di vista strettamente tennistico, lo strapotere di Sinner è evidente.

 

Quando l’allievo di Piatti può colpire in proiezione offensiva, e sulle superfici rapide gli capita piuttosto spesso, persino un campione di regolarità come Bautista è costretto agli straordinari per fare il punto. Deve remare, provare a usare i tagli, chiamarlo a rete; qualsiasi cosa sia utile a spezzargli il ritmo, perché se Sinner ‘monta’ sulla palla alle sue condizioni è difficile da contenere.

Il primo set della sfida di Berlino è stato anche godibile, e dalla rimonta completata da Sinner con relativa facilità (era finito sotto 1-3) è stato subito chiaro come la sua velocità di palla fosse superiore a quella del valenciano. Nel tennis, però, questo non basta a indirizzare una partita. Bautista ha infatti giocato centinaia di match del genere, contro avversari che colpiscono più forte di lui, e tante volte ha trovato il modo di uscirne vincitore; si è messo a fare le cose semplici, ha annullato due palle break sul 4-5 e nel game successivo il servizio di Sinner gli ha offerto tre opportunità di andare a servire per il set. Qui il ragazzino ha mostrato i muscoli e si è guadagnato il tie-break, probabilmente indirizzato da un lob sbagliato dallo spagnolo (sarebbe andato avanti 5-3) a cui però Sinner, finito sotto di un mini-break, ha fatto seguire un dritto stretto vincente – la palla ha rimbalzato dentro il quadrato del servizio! – che un pubblico più numeroso sugli spalti avrebbe certamente salutato con un’ovazione.

Nel secondo set Bautista Agut ha un po’ mollato e Sinner non ha dovuto salvare palle break né affrontare game particolarmente complicati a parte l’ultimo, risolto alla fine da una combinazione servizio-dritto.

La difficoltà di giudicare con obiettività i progressi di Jannik Sinner sta nel fatto che è complicato dire qualcosa di sensato senza avere a disposizione una serie di partite o (ancor meglio) una serie di tornei. Come abbiamo già detto, sulla singola partita Sinner è già da tempo un giocatore capace di tenere il livello di un top 20 e talvolta persino di superarlo. Si tratterebbe di ripetere ogni volta l’ammirazione per la sua palla pesante e veloce, per il suo formidabile istinto coordinativo, per la sua attitudine offensiva che pure ancora si arena su qualche esecuzione di volo troppo grezza. Jannik Sinner è già molto forte, anche le esibizioni lo confermano ma non possono dirci di più. Per quello serviranno tornei veri, altre pressioni, la routine del circuito.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP/WTA Cincinnati: il programma di Ferragosto, all’una di notte Berrettini vs Tiafoe

Matteo unico azzurro in campo in singolare. Nel torneo di doppio Fognini e Bolelli sfidano Kyrgios e Kokkinakis in prima serata

Pubblicato

il

Nemmeno il tempo di archiviare l’Open del Canada e la giornata di Ferragosto regala subito un super programma al Western&Southern Open di Cincinnati altro combined 1000 ATP e WTA.

Si gioca su 7 campi di cui 5 dedicati ai match di singolare a partire dalle ore 17 italiane.

Per quanto riguarda i colori azzurri un solo match di singolare ci interessa: Matteo Berrettini aprirà la prima sessione serale all’1 di notte sul Centrale contro il giocatore di casa Frances Tiafoe, esordio tutt’altro che banale dopo la sconfitta di Matteo all’esordio a Montreal contro Carreno Busta. Un solo precedente vinto dal nostro giocatore sulla terra di Roma nel lontano 2018.

 

Si segnala sul Centrale come terzo match, la sfida classica tra due ex vincitori a Flushing Meadows: Stan Wawrinka contro Andy Murray: precedenti 12-9 in favore dello scozzese.

Per quanto riguarda i colori azzurri da non perdere sul Campo N.11 il match di doppio Italia vs Australia: Bolelli/Fognini vs Kokkinakis/Kyrgios in programma come secondo match non prima delle 20:30 italiane.

Diretta televisiva integrale su SKY Sport Tennis (torneo maschile) e Supertennis (torneo femminile) a partire dalle 17:00 italiane

Qui il programma completo del 15 agosto:

Continua a leggere

ATP

Scanagatta: “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi” [VIDEO]

Il commento del direttore: Carreno Busta come Fabio Fognini: primo Masters 1000 dopo i 30 anni. Dai 2 azzurri di Montreal ai 5 di Cincinnati. Ma brutti sorteggi

Pubblicato

il

Da Orbetello a Montreal 9 anni dopo. “Carreno Busta dice che a 31 anni non è mai troppo tardi”.

CONFERENZA CARRENO BUSTA

TABELLONE ATP 1000 CINCINNATI

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, convocazioni: i cinque azzurri scelti da Volandri

Matteo Berrettini e Jannik Sinner guidano l’Italia per il girone di Bologna. Fognini, Bolelli e Musetti completano il roster

Pubblicato

il

Matteo Berrettini e Jannik Sinner (foto Twitter @federtennis)

In vista della fase a gironi delle Davis Cup by Rakuten Finals 2022, che si svolgerà
dal 13 al 18 settembre prossimi sul veloce indoor della Unipol Arena di Casalecchio di Reno a Bologna,
il capitano della Nazionale italiana, Filippo Volandri, ha convocato i seguenti giocatori:

  • Matteo Berrettini
  • Simone Bolelli
  • Fabio Fognini
  • Lorenzo Musetti
  • Jannik Sinner

La Davis Cup by Rakuten torna dopo 46 anni nella città di Bologna ospitando uno dei quattro gironi della
fase finale e vedrà protagoniste quattro squadre: oltre all’Italia, Argentina, Croazia e Svezia. Il ritorno
della più antica competizione sportiva mondiale per squadre nazionali nel capoluogo regionale coincide
con un anniversario storico: ricorre infatti quest’anno il centenario dalla prima partecipazione della
Nazionale italiana alla Coppa Davis.

Filippo Volandri, capitano della Nazionale italiana di Coppa Davis:
“Quello di Bologna è un girone molto duro, probabilmente uno dei più equilibrati, ma allo stesso tempo
molto stimolante. Ritrovare la Croazia, contro cui abbiamo perso lo scorso anno a Torino, sarà un motivo
ulteriore di rivincita e faremo tesoro dell’esperienza del 2021. Sono sicuro che la squadra si farà trovare
pronta e darà il massimo per centrare la qualificazione ai quarti e volare così a Malaga per la fase
decisiva. Giugno e luglio hanno visto i nostri tennisti conquistare bellissimi successi in singolare con
Matteo, Lorenzo e Jannik e abbiamo anche una coppia di doppio competitiva e affiatata come quella
composta da Fabio e Simone, che di recente hanno vinto il torneo a Umago e giocato la finale a Bastad:
non a caso sono in corsa per la qualificazione alle Nitto ATP Finals di Torino in doppio. C’è un grande
entusiasmo per il nostro sport, come testimoniano lo spazio sempre più ampio sui media,
i dati
dell’audience televisiva e, soprattutto, il fatto che si sente parlare sempre più di tennis e non soltanto di
calcio. È ovvio che questo ti dà delle responsabilità in più però per me queste rappresentano un
privilegio: gestire una squadra importante e forte come la nostra mi rende molto fiducioso, anche per
l’attaccamento che i ragazzi dimostrano quando vestono la maglia azzurra: in Coppa Davis la coesione
del gruppo è un elemento fondamentale che può anche essere decisivo”.

 

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Gli incontri della fase a gironi si giocheranno in quattro differenti città: oltre a Bologna, le sedi sono
Amburgo, Glasgow e Valencia. Le 16 squadre partecipanti sono state suddivise in quattro gironi da
quattro, con le prime due classificate che accederanno alla fase finale. La formula prevede per ogni
incontro la disputa di due singolari e di un doppio, tutti al meglio dei due set su tre.
Fase a gironi:
Gruppo A (Bologna): Croazia, Italia, Argentina, Svezia
Gruppo B (Valencia): Spagna, Canada, Serbia, Corea del Sud
Gruppo C (Amburgo): Francia, Germania, Belgio, Australia
Gruppo D (Glasgow): Usa, Gran Bretagna, Kazakhstan, Olanda

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Tutti i match della fase a gironi saranno visibili su SuperTennix, la piattaforma di streaming on line della
Federazione Italiana Tennis.
Questo il calendario del Gruppo A, con gli incontri che prenderanno il via alle ore 15:
13 settembre: Argentina-Svezia
14 settembre: Italia-Croazia
15 settembre: Croazia-Svezia
16 settembre: Italia-Argentina
17 settembre: Croazia-Argentina
18 settembre: Italia-Svezia
È possibile acquistare online i biglietti per i sei match del girone di Bologna collegandosi al sito web
tickets.italy.daviscupfinals.com e su quello di Ticket One (www.ticketone.it).

UFFICIO STAMPA FIT

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement