-4 al Palermo Ladies Open 2020: date, orari di gioco ed entry list aggiornata

Flash

-4 al Palermo Ladies Open 2020: date, orari di gioco ed entry list aggiornata

Mancano poche ore alla ripresa del tennis agonistico sulla terra di Palermo. Martic e Vondrousova le prime due favorite, Giorgi entra in tabellone

Pubblicato

il

Petra Martic - Roland Garros 2019 (foto via Twitter, @rolandgarros)
 
 

Quattro mesi dopo l’ultimo torneo targato WTA, il mondo del tennis femminile è pronto a ripartire e lo farà con il Palermo Ladies Open, in programma dal 3 al 9 agosto. Il torneo di categoria International sarà il primo evento agonistico ufficiale dopo la sospensione delle attività a causa della pandemia di COVID-19 e le giocatrici scenderanno in campo sabato 1 agosto alle ore 16:00 per le qualificazioni.

Sarà questo l’orario di inizio di gioco per tutte le giornate, fatta eccezione per il sabato quando le semifinali inizieranno alle 18:30 e la domenica con la finale in programma a partire dalle ore 19:30. A partire da lunedì 3 agosto, quando cominceranno i primi turni del tabellone principale, due match quotidiani saranno trasmessi in chiaro dalla RAI mentre a Super Tennis spetta la copertura integrale dell’evento. Di seguito il programma completo:

SABATO 1 AGOSTO
Ore 16:00 Qualificazioni

 

DOMENICA 2 AGOSTO
Ore 16:00 Qualificazioni

LUNEDÌ 3 AGOSTO
Ore 16:00 Primi turni

MARTEDÌ 4 AGOSTO
Ore 16:00 Primi turni

MERCOLEDÌ 5 AGOSTO
Ore 16:00 Secondi turni

GIOVEDÌ 6 AGOSTO
Ore 16:00 Secondi turni

VENERDÌ 7 AGOSTO
Ore 16:00 Quarti di finale

SABATO 8 AGOSTO
Ore 18:30 Semifinali

DOMENICA 9 AGOSTO
Ore 19:30 Finale

Il torneo si disputerà con gli spettatori sugli spalti, ma le presenze saranno contingentate. “Siamo felici che si possa giocare davanti al pubblico, sia pure in numero drasticamente ridotto per le misure anti-COVID. Mai come questa volta avremmo potuto riempire ogni giorno uno stadio da 5.000 spettatori” ha detto il direttore del torneo Oliviero Palma, annunciando inoltre che dei 2250 tagliandi messi a disposizione è rimasto disponibile un solo biglietto per la finale e una decina per il resto del torneo. L’incasso totale ammonterà a 40.000 euro.

UN PO’ DI STORIA

Quella che andrà in scena nel capoluogo siciliano sarà l’edizione n. 31 di un torneo che vanta una storia prestigiosa. Per 21 volte infatti a trionfare è stata una tennista che in carriera è stata in top 20 – prima, durante o dopo la partecipazione al torneo – e indubbiamente la vincitrice più illustre è stata Mary Pierce. L’ex tennista francese, come Federer, ha vinto sul suolo italiano il primo titolo della carriera: aveva 16 anni quando trionfò sulla terra di Palermo nel 1991 e difese il titolo con successo l’anno seguente. Tutto questo fu di slancio per la sua grande carriera nella quale ha portato a casa due Slam (Australian Open 1995 e Roland Garros 2000) raggiungendo la terza posizione mondiale. Mary ha dedicato anche un video-saluto speciale ai tifosi italiani.

Altre (future) campionesse Slam a cui la vittoria a Palermo ha portato bene sono Anastasia Myskina, che vinse a 18 anni il torneo nel 1999 e cinque anni più tardi divenne la prima russa a vincere un major, il Roland Garros, e ovviamente Flavia Pennetta. L’ex tennista pugliese, campionessa nel 2009 (la prima edizione del torneo sotto la categoria International), avrebbe vinto lo US Open sei anni dopo. La prima vittoria di una italiana invece era arrivata l’anno precedente con Sara Errani (2008), capace poi di ripetersi nel 2012 e raggiungere nuovamente la finale nel 2013 salvo essere sconfitta da Roberta Vinci.

L’EDIZIONE 2020

Lo status di primo torneo di tennis ufficiale dopo la pandemia aveva indotto lecite speranze negli organizzatori di riuscire ad attirare tenniste di primissimo livello, soprattutto tra quelle europee, e infatti sembrava cosa fatta l’accordo per la partecipazione di Simona Halep. L’aumento di casi in Romania e qualche timore di viaggiare in queste settimane incerte hanno indotto Halep a rinunciare al torneo, successivamente anche Johanna Konta si è chiamata fuori (preferendo il torneo di Lexington) e nelle ultime ore si sono aggiunti altri forfait illustri (Sevastova, Kuznetsova, Mushova e Swiatek). Nonostante le assenze, la lista delle partecipanti resta pur sempre degna di interesse e può vantare la presenza di tre top 20.

Il tabellone principale sarà sorteggiato sabato alle 19:00 e la prima testa di serie spetterà alla croata Petra Martic. La seconda favorita del seeding sarà la finalista del Roland Garros, Marketa Vondrousova, a questo punto una delle favorite per la vittoria finale anche in virtù del suo grande feeling con la superficie. La 21enne ceca era stata ferma durante la seconda parte del 2019 a causa di un intervento al polso sinistro e l’inizio del 2020 non era stato affatto brillante; la lunga pausa può averle dunque giovato, specie perché parliamo di una giocatrice dotata di un’ottima tecnica di base che potrebbe reagire bene alla ripartenza dopo la lunga sosta.

Chi ha fatto molto bene lo scorso sulla terra italiana, in particolare quella romana, è Maria Sakkari, presente a Palermo come terza testa di serie. La greca ha raggiunto la semifinale nell’ultima edizione degli Internazionali d’Italia e in generale tutto il 2019 è stato un anno di grande crescita per lei, soprattutto sul piano della fiducia nei propri mezzi; qualcosa di buono lo aveva mostrato anche nei primi mesi di questa stagione, con gli ottavi a Melbourne e la semifinale a San Pietroburgo. Sarà dunque una giocatrice da tenere d’occhio.

Scorrendo i nomi delle partecipanti, tra le più esperte ai piani alti spicca senza dubbio Elise Mertens, recentemente meritevole di un articolo di AGF in cui l’inizio della sua carriera di tennista combattiva e sempre difficile da battere viene fatto risalire a delle curiose sliding doors. La belga, che in giornata sa essere assai performante sia sul veloce che sulla terra, sarà n. 6 del seeding e va inserita tra le pretendenti al titolo. Una tennista che è riuscita a battere Mertens (ben due volte, sempre sulla terra) è Darya Kasatkina, 23enne dal gioco molto variegato che ama il rovescio tagliato e considera la terra rossa la sua superficie preferita. Ex numero 10, è scesa alla posizione n. 66 ma sembra avere tutte le intenzioni di ripartire con un nuovo piglio.

I diversi forfait, e in particolar modo l’ultimo di Blinkova, hanno consentito l’accesso diretto in tabellone della numero uno d’Italia, Camila Giorgi, a cui era stata inizialmente promessa una wild card. L’annuncio dell’assegnazione degli inviti – assieme al sorteggio del tabellone di qualificazione – avverrà venerdì 31 luglio, nel corso di una conferenza stampa programmata alle 16 al Country Time Club di Viale dell’Olimpo a Palermo. A questo punto è assai probabile che una wild card venga assegnata a Jasmine Paolini, che dopo aver vinto gli Assoluti di Todi si era detta sicura di partecipare al torneo di Palermo.

Jasmine Paolini – Campionati Italiani Assoluti 2020 (ph. Marta-Magni)

In ottica wild card – sono quattro quelle previste per il tabellone principale – occhi puntati anche su Gatto-Monticone, Trevisan, Cocciaretto ed Errani, al momento tutte incluse nella entry list delle qualificazioni. Per quanto attiene al torneo cadetto, il direttore Oliviero Palma ha assicurato che tre delle quattro wild card verranno assegnate dal settore tecnico della FIT (una in particolare dal comitato regionale siciliano).

Durante l’incontro con la stampa – all’aperto e nel pieno rispetto delle misure di prevenzione anti-COVID – interverranno anche il Director tournament relations Europe & Southern Asia-Pacific, Fabrizio Sestini, e il prof. Antonio Cascio, Ordinario di Malattie Infettive all’Università di Palermo nonché Consulente Anti-COVID del Torneo, il quale comunicherà i primi dati sui controlli effettuati e presenterà l’intero protocollo sanitario. I primi tamponi alle giocatrici sono stati effettuati due giorni fa – gran parte delle giocatrici ha già raggiunto Palermo – e solo l’esito negativo garantisce il rilascio del pass di accesso al Country Club. Per garantire la sicurezza dei presenti, i test verranno ripetuti ogni quattro giorni.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros: Sinner sul velluto, si vedono miglioramenti al servizio

Nessun problema per Jannik Sinner all’esordio contro Bjorn Fratangelo. Prevista la partecipazione ad Halle, Eastbourne e Wimbledon nella stagione sull’erba

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

[11] J. Sinner b. [Q] B. Fratangelo 6-2 6-2 6-3

Ormai Sinner si è guadagnato il diritto di essere uno di quei giocatori per i quali un primo turno vinto molto nettamente ormai non fa nemmeno più notizia. Il suo avversario di primo turno, il qualificato Bjorn Fratangelo che dopo una brillante carriera junior finora è riuscito a passare solamente una settimana nella Top 100, non era di quelli che dovevano impensierire Jannik, ma si trattava comunque di un giocatore che veniva da tre vittorie consecutive, quindi certamente in palla.

La partita non c’è stata, Sinner è sempre stato in vantaggio, è subito scappato 4-1 nel primo set e da lì non si è mai guardato indietro. Altra solida prestazione alla battuta per l’altoatesino, che ha ottenuto quasi l’80% di punti sulla prima di servizio e il 63% sulla seconda. Sicuramente il servizio è una parte del mio gioco nella quale sono migliorato [da quando lavoro con Simone Vagnozzi], anche se ci sono ancora delle partite in cui servo meno bene di altre. Con alcuni giocatori non basta tirare forte, bisogna anche variare gli angoli, per devo ancora riflettere su ciò che faccio. L’obiettivo è comunque quello di migliorare ancora e di continuare a lavorare su questo colpo”.

 

Sinner si è presentato a Parigi con largo anticipo, quasi una settimana prima del suo esordio, e in questo periodo ha avuto tempo di acclimatarsi sulla terra del Roland Garros che è un po’ diversa rispetto all’altura di Madrid e ai fondi più rapidi del Foro Italico. Fisicamente tutti gli acciacchi della prima parte della stagione sono dimenticati: “I problemi fisici che ho avuto negli ultimi tornei possono sembrare più gravi di quanto in realtà non siano. A Indian Wells sono stato male, e può succedere; a Miami ho avuto una vescica come mi era già capitato altre volte; l’unico problema vero è stato a Roma dopo l’ultimo punto del primo set, per cui non sono preoccupato per la mia condizione fisica, e mi sento bene. Spero di poter continuare a giocare come oggi e ad avere partite come quella di oggi per poter continuare a conoscere campi e palle”.

Al prossimo turno per Sinner ci sarà Roberto Carballes Baena (n. 89 del ranking ATP), con il quale non ha mai giocato e non si è mai nemmeno allenato, “per cui sarà una palla nuova da imparare, una palla nuova da gestire”. Come sempre concentrato sull’avversario successivo, Sinner non ha voluto parlare del tabellone e di eventuali traguardi importanti in questo Roland Garros, e non ha ancora pensato al da farsi per quel che riguarda la stagione erbivora alla luce degli ultimi sviluppi della vicenda Wimbledon-punti ATP: “Non ci ho ancora pensato, per cui non ho avuto occasione di formarmi la mia opinione. Al momento il nostro programma prevede Halle e probabilmente Eastbourne, dato che non ho fatto molte partite sull’erba. Naturalmente dipende da quante partite giocherò ad Halle, ma è un torneo molto vicino a Londra, per cui non c’è problema. Per il momento il programma prima di Wimbledon è questo, e speriamo di giocare qualche partita sull’erba in più rispetto all’anno scorso”.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Halep e Sabalenka soffrono ma vincono, Badosa sul velluto

Halep e Sabalenka cedono un set ma vincono. Travolgenti Badosa e Kasatkina

Pubblicato

il

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Esordio sofferto ma vincente per la nuova pupilla di Patrick Mouratoglou, nonché ex n. 1 del mondo ed ex campionessa del Roland Garros, Simona Halep. La rumena, attuale n. 19 del mondo, ha ceduto il secondo set alla lucky loser Nastasja Shunk riuscendo poi ad intascare la vittoria al terzo con lo score di 6-4 1-6 6-1. Al prossimo round incrocerà la racchetta con quella della cinese Qinwen Zheng.

Soffre anche Aryna Sabalenka. La bielorussa si fa sorprendere al primo set dalla francese Chloé Paquet che se lo aggiudica per 6-2. Ma, alla distanza, è Aryna a dominare chiudendo 2-6 6-3 6-4. La sua prossima avversaria sarà l’americana Brengle.

 

Una passeggiata di salute, invece, per la n. 4 del mondo Paula Badosa. La spagnola non ha lasciato diritto di replica a Fiona Ferro, travolgendola 6-2 6-0. Al prossimo round ci sarà per lei la slovena Kaja Juvan.

Daria Kasatkina conferma le buone sensazioni del momento infliggendo un netto 6-2 6-0 alla lucky loser Sramkova, così come passa senza problemi Jessica Pegula contro la cinese Qiang Wang.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Gaston batte De Minaur al quinto e infiamma il Lenglen. Bene anche Rublev e Tiafoe

Hugo Gaston uno dei protagonisti della giornata di martedì, batte De Minaur al quinto dopo quasi quattro ore di gioco

Pubblicato

il

Hugo Gaston - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Grandi emozioni per il tennis di Francia nella giornata di martedì. Dopo la profonda commozione per l’addio alle gare di Jo-Wilfried Tsonga sul Philippe Chatrier, fermato da Casper Ruud e un infortunio alla spalla, sul campo Suzanne Lenglen, Hugo Gaston, dopo quasi quattro ore di gioco e cinque set, fa piangere di gioia il pubblico parigino eliminando l‘ostico Alex De Minaur, testa di serie n. 19, con lo score di 4-6 6-2 6-3 0-6 7-6(4).

Non c’è che dire, Gaston dà il meglio di sé sull’ocra di Porte d’Auteuil, come testimoniano la performance vincente contro Stan Wawrinka al quinto set e la maratona, sempre al quinto set, persa contro Dominic Thiem, nell’edizione 2020.

 

Nell’edizione 2022, Hugo viene a capo di un match dai tanti volti, supportato e acceso a sua volta dal pubblico in delirio del Suzanne Lenglen. Al secondo turno, il n. 74 del mondo se la vedrà con l’argentino Pedro Cachin.

Passa al secondo round anche Frances Tiafoe (n. 24 del draw). All’americano bastano tre set, seppur molto combattuti (7-5 7-5 7-6), per superare un altro transalpino, Benjamin Bonzi. È andata male anche ad un altro tennista di Francia, Adrien Mannarino, che inciampa sul veterano Federico Delbonis (6-1 7-6 6-2 lo score per l’argentino).

Fatica di più invece Andrey Rublev che concede sul filo di lana il primo parziale al coreano Kwon, per poi recuperare e chiudere il match con il punteggio di 6-7 6-3 6-2 6-4. Esordio vincente a Parigi anche per l’ex n. 7 del mondo David Goffin, che sconfigge il ceco Lehecka in quattro set (6-4 4-6 6-4 6-4).

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement