A Praga, Giorgi vince in rimonta. Halep passa al settimo match point

Italiani

A Praga, Giorgi vince in rimonta. Halep passa al settimo match point

Camila a corrente alternata. Esordio complicato per la n.2 del mondo. La spuntano entrambe al tie-break decisivo

Pubblicato

il

Simona Halep - Praga 2020 (via Twitter, @Simona_Halep)

Il lunedì di pioggia lascia il posto a una giornata almeno inizialmente calda e soleggiata in quel di Praga. Fra i tanti incontri in programma, sono impegnate anche le due tenniste azzurre presenti in tabellone, Paolini e Giorgi, con diverse fortune, la favorita del seeding Halep e la sua principale antagonista Martic. Non sono mancati neanche i forfait: non sono scese in campo Daria Kasatkina per un infortunio agli ischiocrurali, la campionessa di Palermo Fiona Ferro a causa di un problema a una costola e Dayana Yastremska per un meno “atletico” mal di denti, sostituite da tre lucky loser. E abbiamo visto il gold badge Kader Nouni vestire i panni di uomo dei campi (in senso figurato, letteralmente ha solo indossato la mascherina) per passare ripetutamente lo “straccio” bonificando la palude in cui gli addetti avevano trasformato il campo 10 al termine del primo set di un incontro poco interessante.

CAMILA SUL FILO DI LANA – Dopo il bel torneo della settimana scorsa, Camila Giorgi torna in campo per un’altra battaglia e batte la diciottenne ucraina Marta Kostyuk al tie-break del terzo. Una Giorgi che “ha fatto il suo gioco” e ha avuto ragione di un’avversaria che, attualmente n. 140 WTA, si conferma ottima promessa.

Un doppio fallo e un tentativo di smorzata di Giorg permettono il 3-1 a Kostyuk che, inesperta, probabilmente pensa al contrario (“non regalare punti facili”), incespica sul servizio e fa rimanere in scia Camila che poi completa la rimonta all’ottavo gioco. Entrambe sembrano adottare il principio del non mettere pressione all’avversaria quando si trova sotto nel punteggio del game e regalano punti invece di tenere la palla in campo. Non proprio inaspettati, due errori necessariamente macroscopici di Giorgi chiudono il set a favore di Kostyuk. È però tutta un’altra musica nel secondo parziale: oltre a un punto importante giocato prendendosi l’opportuno margine sulla rete che per un attimo fa preoccupare per le condizioni di salute di Camila, la nostra aggiusta almeno momentaneamente la mira travolgendo Marta, pressoché impossibilita a contenere come era riuscita a fare finora; un piccolo passaggio a vuoto nella fase centrale non compromette l’esito del parziale che termina 6-2.

La partenza è invece da dimenticare nel set decisivo, ma l’azzurra ritrova i colpi riprendendosi il break e pareggiando al sesto gioco. Kostyuk tiene un servizio che vale oro, ma il vantaggio esterno che Camila annulla con decisione è altrettanto determinante, anche se la risposta torna a essere poco incisiva e la 2002 di Kiev può tornare avanti senza sprecare energie. Giorgi non vacilla servendo per restare nel match e interpreta il tie-break alla sua maniera, staccando Kostyuk con vincenti clamorosi, ma con sbavature che la tengono in vita (tennistica). È però l’ucraina a compromettere l’esito sbagliando la risposta aggressiva sul 4-5 che accompagna con uno dei soliti urli acutissimi e Camila si guadagna il secondo turno contro Elise Mertens.

La belga si è imposta su Jasmine Paolini per 7-5 4-6 6-3 in un incontro estremamente equilibrato durato due ore e tre quarti. Complessivamente più che buona la prestazione dell’azzurra che ha perso il match per qualche imprecisione sui punti pesanti, nonostante sia riuscita a rientrare nel primo parziale annullando un set point sul servizio belga con un bel dritto, per poi cedere nuovamente la battuta e fallire due occasioni per il tie-break. Persa la seconda partita, Mertens accelera nel finale e vince il suo primo incontro dalla ripartenza dopo la precoce sconfitta palermitana inflittale da Sasnovich.

 

HALEP, CHE FATICA – Come aveva già fatto nei due confronti del 2019, Polona Hercog costringe al terzo set Simona Halep per poi cedere alla numero 2 del mondo. Simona, che aveva allungato di una settimana l’attesa dei fan con il forfait di Palermo, ha scelto di ripartire dal torneo di Praga, al termine del quale deciderà se partecipare allo US Open.

Dopo i primi due giochi combattuti, Halep prende il largo tra le usuali solidità e facilità nei cambi in lungolinea. Il 6-1 e il break in apertura suggeriscono che ormai siamo a metà della sessione di allenamento, ma Polona si riaccende quasi dal nulla dopo un paio di bei punti e la partita gira completamente: Simona cala in modo evidente, si irrigidisce, sbaglia, mentre la slovena piazza smorzate vincenti e soprattutto 6 giochi di fila. La lotta infuria nella partita finale, Simona sfodera tutta la sia grinta, eppure si fa prima raggiungere dal 3-1 poi dal 5-3, quando serve invano per il secondo turno e poi non sfrutta tre match point consecutivi in risposta – risposta non pervenuta in nessuna delle occasioni. Altre tre palle per andare in doccia evaporano al dodicesimo game finché, al tie-break Halep trasforma prontamente (per così dire) il primo di altri tre match point con un gran rovescio lungolinea scoccato in allungo ben lontana dal campo. Al prossimo turno troverà la wild card ceca Barbora Krejcikova, ottava del mondo in doppio ma oltre la centesima posizione in singolare.

PETRA, LINDA E LE ALTRE – La n. 2 del tabellone Petra Martic supera in due set la russa Varvara Gracheva, mentre cadono le teste di serie Pavlyuchenkova (n. 6), Strycova (7) e Sevastova (9) per mano rispettivamente di Arantxa Rus, Sara Sorribes Tormo e Irina-Camelia Begu. Primo incontro nel Tour WTA per la quindicenne ceca Linda Fruhvirtova che si arrende in due set alla connazionale Kristyna Pliskova, n. 69 del ranking. Allieva della Mouratoglou Academy con la sorella Brenda, Linda gioca già piuttosto bene, ma la differenza tra le due è evidente e la mancina di Louny, gettati due match point consecutivi in risposta che riaprono il secondo parziale, torna ad affidarsi a dritto e servizio (oltre che alle seconde “da quindicenne” e a un paio di errori dell’avversaria) e chiude 7-5.

Risultati:

[1] S. Halep b. P. Hercog 6-1 1-6 7-6(3)
[2] P. Martic b. V. Gracheva 7-6(2) 6-3
C. Giorgi b. M. Kostyuk 4-6 6-2 7-6(4)
I.C. Begu b. A. Sevastova 6-2 6-2
[3] E. Mertens b. J. Paolini 7-5 4-6 6-3
A. Rus b. [6] A.Pavlyuchenkova 7-5 6-2
[WC] B. Krejcikova b. M.P. Tig 6-4 6-3
S. Sorribes Tormo b. [7] B. Strycova 7-6(3) 6-1
Kr. Pliskova b. L. Fruhvirtova 6-2 7-5
L. Tsurenko b. E. Alexandrova 6-2 6-4
M. Frech b. E-G. Ruse 7-6(8) 6-3
L. Kung b. A. Bolsova 6-4 6-3
A Bogdan b. S. Sanders 6-1 6-1
T. Zidansek vs K. Siniakova 6-3 3-6 sospesa
L. Siegemund vs [Q] M. Sherif 4-6 4-0 sospesa

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Commenti

Flash

Challenger Forlì: Musetti strepitoso, battuto Tiafoe. Derby con Seppi ai quarti

Tutti in piedi per il giovanissimo talento azzurro che elimina la testa di serie N.1 del torneo e ora trova il veterano italiano. Avanzano anche Caruso e Pellegrino

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - ATP Challenger Forlì 2020 (foto Felice Calabrò)

Il numerosissimo pubblico sul Centrale di Forlì in piedi ad applaudire e Lorenzo Musetti che, commosso, ringrazia. Questa immagine riassume in modo eloquente la magnifica vittoria del nostro tennista contro Frances Tiafoe, prima testa di serie del torneo e n. 67 della classifica ATP. Sapevamo da Roma che Musetti stava attraversando un ottimo periodo di forma, ma francamente vederlo tenere il campo con tale autorità contro il 22enne talento americano è stata una bella sorpresa. “Sono partito forte anche se lui serviva molto bene. Devo però dire che nello scambio non mi sentivo per niente inferiore, anzi direi che la maggior parte degli scambi lunghi li ho vinti io”.

Il primo set viene deciso da un solo break a favore di Lorenzo che riesce a far suo il parziale con un convincente 6-4. Molto più combattuto il secondo set dove entrambi hanno avuto le loro occasioni ma il primo a concretizzare è stato lo statunitense che sul 5-5, alzando il proprio livello di gioco soprattutto nella risposta, riesce a strappare il servizio a Musetti e si aggiudica il parziale. Il nostro giocatore attraversa a questo punto il momento più difficile dell’incontro perché perde nuovamente il servizio all’inizio del terzo e decisivo set e va sotto 0-2“Nonostante la sconfitta nel secondo set molto lottato e il break subito ad inizio terzo sono riuscito ad avere un buon atteggiamento, accettando quel momento di difficoltà. Sono così riuscito a restituire il break, facendo tanto gioco e ricominciando ad usare il diritto su cui mi ero un po’ addormentato”.

Musetti non solo ha restituito il break ma non ha più fatto giocare l’avversario fino a chiudere per 6-2. Ma non è certo stato un monologo, Tiafoe infatti non aveva nessuna intenzione di perdere e il nostro tennista ha dovuto ricorrere al meglio del proprio repertorio sciorinando a piene mani il suo tennis facile ed elegante ma, allo stesso tempo, molto concreto. Accelerazioni di diritto e rovescio, palle corte e quando l’americano si avventurava a rete passanti millimetrici. Un vero spettacolo in cui gran parte degli spettatori ha intravvisto squarci di futuro. Un futuro pieno di benessere per il tennis italiano.

 

Nei quarti di finale Musetti affronterà, in un derby pieno di significati, Andreas Seppi che ha battuto il brasiliano Thomaz Bellucci (7-5 6-3). “Con Seppi non ho mai giocato, sarà sicuramente un turno difficile ma mi sento in forma e pronto per affrontarlo. Anche perché se è vero che in questa stagione il mio obiettivo è vincere un Challenger, perché non farlo proprio qui a Forlì?”.

Da Forlì, Massimo Gaiba

Risultati ottavi di finale

[WC] L. Musetti b. [1/WC] 6-4 5-7 6-2
[7] A. Seppi b. T. Bellucci 7-5 6-3
[4/WC] S. Caruso b. M. Vrbensky 7-5 7-5
[6] L. Harris b. B. Fratangelo 7-6(6) 6-4
[Q] T. Monteiro b. R. Bonadio 2-6 7-6(2) 6-4
[LL] A. Ritschard b. P. Sakamoto 5-7 6-3 6-1
G. Clezar b. (8) F. Coria 7-6(6) 6-7(4) 6-4
A. Pellegrino b. [2] C. Norrie 6-2 6-4

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, qualificazioni: Cecchinato, Marcora e Giustino al turno decisivo

Tre italiani vincenti su cinque in questa terza giornata di qualificazioni. Eliminati in tre set Giannessi e Moroni

Pubblicato

il

Marco Cecchinato - Qualificazioni Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Si conclude con un bilancio in positivo la terza giornata di qualificazioni per gli italiani: dei cinque azzurri impegnati in campo oggi tre sono riusciti a qualificarsi per il terzo e decisivo turno. Il primo a farcela è stato Marco Cecchinato che ha lasciato appena cinque giochi a Constant Lestienne in poco più di un’ora di gioco. L’azzurro ha servito benissimo, vincendo più l’85% di punti con la prima e l’80% con la seconda (zero le palle break offerte), e in risposta è riuscito a fare la differenza sulla seconda dell’avversario. Al turno decisivo affronterà Kimmer Coppejans.

Più sofferte invece le vittorie di Roberto Marcora (7-6 3-6 6-3 a Tristan Lamasine) e Lorenzo Giustino (3-6 6-4 7-5 a Hugo Grenier). Il primo avrà un terzo turno abbordabile contro Benjamin Bonzi, mentre per Giustino si profila una sfida insidiosissima contro Dustin Brown. Niente da fare invece per Alessandro Giannessi, superato in rimonta da Marc Polmans, e Gian Marco Moroni, che ha mancato un set point nel tiebreak del primo set, finendo poi per cedere in tre set a Ulises Blanch.

Il tabellone di qualificazione completo con tutti i risultati aggiornati

 

Continua a leggere

Flash

Musetti parte bene al Challenger di Forlì e sfiderà Tiafoe: “Non vedo l’ora”. Avanzano anche Seppi e Caruso

Bonadio vince il derby con Zeppieri: “È un momento difficile per chi ha una classifica come la mia, il livello delle entry list è molto alto”

Pubblicato

il

Salvatore Caruso - Challenger Forlì 2020 (foto Felice Calabrò)

Questa volta bisogna davvero iniziare dalla fine, e cioè da quando Salvatore Caruso, ormai sotto la luce dei riflettori, saluta il pubblico che gli sta tributando una standing ovation. Ha appena stretto la mano al 21enne spagnolo Sanchez Izquierdo, arresosi dopo una strenua lotta durata oltre tre ore e terminata con un doppio tie-break. La morale è quella che conosciamo: mai sottovalutare uno spagnolo sulla terra battuta. Il ragazzino sarà anche n. 355 ma proprio non sembrava. Grande reattività muscolare, palla molto veloce e idee tattiche ben chiare. Dall’altra parte della rete ha trovato il solito Caruso che in una partita del genere va a nozze. Palleggi intensissimi e, nonostante il ritmo infernale, pochi errori gratuiti. E più la partita si avvicinava al suo epilogo più si alzava il livello di gioco di entrambi i giocatori con il pubblico tanto ammirato quanto stupito che i due non crollassero a terra stremati.

Un match ricco di break e contro-break, come da copione in una partita senza grandi battitori, con una tensione in alcuni momenti quasi spasmodica. Il decimo gioco del secondo set rappresenta la sintesi perfetta dell’incontro: Sanchez al servizio sul 5-4 in proprio favore con Caruso costretto ad annullare ben quattro set point per poi strappare il servizio al nono tentativo. Durata del game quasi mezzora. Nel tie-break (9-7) Salvatore, tanto per non farsi mancare niente, è stato costretto ad annullare altri tre set point. “Lui è stato veramente bravissimo”, dice l’azzurro a fine incontro. “Partita tostissima, tre ore di gioco per due soli set, non c’è niente da aggiungere. Come al solito sono stato lì punto dopo punto anche perché era l’unico modo per portarla a casa. Contentissimo di non aver dovuto giocare un terzo set”.

In precedenza la giornata aveva dato grandi soddisfazioni ai nostri giocatori promuovendo al secondo turno Musetti, Bonadio e Seppi. Eliminati Zeppieri (ma il suo era un derby) e Filippo Baldi, al termine di un match molto equilibrato con lo statunitense Bjorn Fratangelo. Lorenzo Musetti ha prevalso 6-2 6-4 sul russo Teymuraz Gabashvili, giocatore solido (ex n. 43) e soprattutto molto esperto come i suoi 35 anni lasciano intuire. “Sono molto soddisfatto perché sapevo che non era una partita facile”, ha ammesso Lorenzo. “L’avversario è stato molto forte e anche oggi, a tratti, gioca ancora molto bene”. Il nostro portacolori ha avuto ben pochi problemi, mettendo in mostra il suo gioco vario e brillante. Un solo passaggio a vuoto ad inizio secondo set quando si è ritrovato sotto 0-3 ma non ha mai dato l’impressione di poter perdere.

Musetti è atteso adesso dalla sfida con il primo favorito del seeding Frances Tiafoe: “A livello ATP ho fatto in tutto appena un paio di tornei. Quello è il paradiso ma la mia realtà è ancora questa. E qui a Forlì si sta davvero bene. Non vedo l’ora di giocare il secondo turno contro Tiafoe. Ormai tutte le partite sono dure, indipendentemente dal ranking. È un giocatore giovane con molto talento. Di sicuro sarà un match difficile ma mi sento pronto per affrontarlo”. Con Lorenzo si torna per un attimo a parlare di Jannik Sinner: “L’ho già ringraziato in privato per quello che ha detto e devo dire che adesso che ci stiamo frequentando di più nei tornei siamo anche abbastanza amici. Speriamo di condividere una bella carriera insieme.

Lorenzo Musetti – ATP Challenger Forlì 2020 (foto Marta Magni)

Diversamente è andata al suo amico Giulio Zeppieri che è uscito sconfitto nel derby contro Riccardo Bonadio (6-3 6-3). Riccardo ha giocato davvero bene, soprattutto di rovescio, ma bisogna riconoscere che il suo avversario ha avuto una giornata piuttosto complicata. Durante il terzo gioco si è un po’ deconcentrato per una chiamata arbitrale (“Diciamo che sbagliare una palla del genere proprio sotto il tuo naso non è facile”, racconta Giulio a fine match) e all’inizio del secondo set è stato costretto a chiamare un “medical time-out” per un affaticamento muscolare all’avambraccio sinistro. Problema che è andato a sommarsi al mal di schiena e al dolore al ginocchio che aveva ereditato dalle fatiche del torneo romano. Ora una settimana di riposo non potrà che giovargli. “Ho giocato tante partite e sono stanco. Comunque niente da dire, Riccardo ha giocato bene e ha pienamente meritato la vittoria. L’obiettivo è essere pronto per il Challenger di Parma.

“È stato un match abbastanza difficile anche se dal punteggio non sembra. Zeppieri in questo periodo sta tenendo un livello molto alto anche se oggi probabilmente non era al 100%. Io però ho giocato una partita molto solida con pochi momenti in cui ho concesso punti facili”, racconta Bonadio dopo il successo nel derby. Al prossimo turno, l’azzurro se la vedrà con il qualificato brasiliano Thiago Monteiro: “Personalmente non lo conosco ma Uros Vico l’anno scorso lo ha visto giocare diverse volte nel circuito ATP. Quindi oggi pomeriggio ci sentiremo e vedremo come affrontare questo match”. Prossima programmazione e obiettivi? Adesso il livello delle entry list è molto alto e non so se riuscirò ad entrare a Biella e Barcellona. Aspetto di vedere dove riesco ad entrare e partirò anche all’ultimo minuto. È un momento difficilissimo per quelli che hanno una classifica come la mia. Del resto i tornei ITF danno troppi pochi punti per invogliarmi. L’obiettivo è cercare di migliorare la mia classifica per poter entrare nelle qualificazioni degli Australian Open.

Andreas Seppi non ha avuto troppi problemi col giovane francese Jules Okala, a dispetto del punteggio (7-6 6-2) che sembra parlare di una partita abbastanza equilibrata. Troppo superiore la velocità di palla di Andreas che ha sempre costretto il francese sulla difensiva. E anche quando nel primo set si è trovato sotto 3-5 e servizio dell’avversario sembrava chiaro che bastasse dare un colpo di pedale in più per prevalere. Servizio strappato e il resto tutta discesa. L’anca va abbastanza bene, abbiamo avuto tanta pausa e ho avuto modo di lavorarci sopra”, ci dice Andreas dopo il match. “La cosa negativa della pausa è che ho giocato davvero poco e mi mancano partite. Quindi ogni partita che vinco per me è meglio così metto carburante nel serbatoio”. 36 anni, ma la voglia c’è ancora: “Sicuramente l’età non mi aiuta. L’importante però è stare bene fisicamente. Poi dipende anche dalla classifica, se inizi a scendere e cominci a giocare tante qualificazioni non è facile. La voglia però c’è ancora. Un sogno per l’ultima fase di carriera? “Difficile da dire, in fin dei conti ho 36 anni. Non so quante altre occasioni potrò avere. Un sogno sarebbe comunque di andare avanti in Davis. Anche l’anno scorso ci ha detto un po’ male.

Massimo Gaiba

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement