2.000 spettatori domenica. Il direttore Scanagatta sul "È roba da matti" di Binaghi: "Ha ragione ma..."

Flash

2.000 spettatori domenica. Il direttore Scanagatta sul “È roba da matti” di Binaghi: “Ha ragione ma…”

Alla reazione del Presidente FIT sulla decisione di Spadafora di aprire a 1.000 spettatori (per sessione) domenica e lunedì, Ubaldo denuncia imbarazzo per l’immagine incoerente dell’Italia. “Ma le autonomie regionali in materia sanitaria esistono”

Pubblicato

il

 
 

Il Presidente della FIT Angelo Binaghi ha ringraziato il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora per la decisione presa di sua iniziativa di aprire a 1000 spettatori anche il Foro Italico per le giornate di domenica (semifinali) e lunedì (finali). Attenzione: con l’ultima novità, tre sessioni di gioco (due domenica e una lunedì), gli spettatori saranno 3.000 in due giorni. Non nasconde però la sua amarezza per il ritardo di tale presa di posizione:

Questo conferma ancora di più l’ingiustizia e l’illogicità e viviamo in un Paese nel quale probabilmente ci sono organismi che dovrebbero essere collegati meglio per poter ottenere decisioni per il bene del nostro Paese senza che debba essere un ministro sotto la sua responsabilità a prendere una decisione che ognuno di noi senza mille comitati dietro avrebbe preso perché non è possibile che a Bologna dove l’epidemia è più grossa ci siano 1500 persone al chiuso per la finale di basket, bravo il mio amico Petrucci che ci riesce e qua in uno stadio da 10.000 persone all’aperto non ci possa entrare una persona, ma in che Paese viviamo?

E aggiunge: “Stiamo facendo questa operazione quasi sicuramente in perdita o comunque con un grosso rischio ma abbiano deciso di farla lo stesso. I primi 1000 che dalle 15 di oggi registreranno la loro mail sul nostro sito tra coloro che avevano i biglietti originali per semifinali o finali sul Centrale entreranno. Per gli altri rimane valido il super voucher. Abbiamo solo un giorno e mezzo per rimettere in sicurezza l’impianto. Se invitassi allo stadio mille miei amici non avrei alcun vincolo burocratica, se voglio far entrare i possessori dei biglietti o degli abbonamenti siamo soggetti a tutta una serie di adempimenti burocratici che ci creano ansia costi e anche la possibilità di sbagliare qui cercheremo di sbagliare il meno possibile”.

Insomma la confusione regna sovrana ma almeno le fasi finali degli Internazionali d’Italia non saranno prive di pubblico.


IL COMMENTO DEL DIRETTORE

Non appena ho saputo della pronuncia del ministro Spadafora e poi della reazione di Angelo Binaghi, ho chiesto alla redazione di fare subito quel titolo che abbiamo fatto. Inclusa, ovviamente, la frase “e ha pure ragione”. Perché secondo me ce l’ha. Per quanto riguarda il mio preannunciato commento che compare nel sottotitolo, sapevo purtroppo che non sarei riuscito a farlo subito. Ciò a causa delle varie partite in atto, Berrettini-Travaglia, Sinner-Dimitrov, Musetti con Koepfer, le interviste in rapida successione e i concitati colloqui con la redazione in remoto (con quella maledetta tendenza moderna alle chat che ti fanno perdere un sacco di tempo per obiezioni cui ti tocca rispondere e spiegare), con le pratiche e i protocolli COVID in continua evoluzione che arrivano dall’ufficio stampa del Roland Garros per procedere al completamento degli accrediti.

 

Ovviamente a Parigi ho zero problemi, non è come a Roma dove vengono perfino censurate da Supertennis le domande che faccio ma non le risposte dei giocatori. Me lo hanno segnalato lettori che se ne sono accorti perché un paio di giocatori mi hanno chiamato per nome nel rispondermi… Io non avendo guardato le interviste mandate in onda su Supertennis non potevo saperlo.

Ho fatto titolare che Binaghi stavolta ha ragione, per tutta la prima parte delle sue dichiarazioni. In effetti mi chiedo che cosa possa essere mai cambiato in pochi giorni se quel che era stato negato in un primo momento (giusto o sbagliato che fosse quel provvedimento) viene concesso in un secondo. La figura internazionale che fa il nostro Paese è pessima. Sembriamo davvero un Paese poco serio. Per molta gente non è una novità, però non c’era bisogna di dar ragione a chi già lo pensava. Se i nostri politici, di qualunque partito, si preoccupassero maggiormente dell’immagine del Paese, degli interessi del Paese, anziché dei propri personali, non ci troveremmo a sottolineare criticamente quel che sta succedendo.

Io ho sempre sperato che fosse dato l’ok alla presenza del pubblico leggete quanto ho scritto nell’articolo… La parte cui mi riferivo era la seguente in corsivo: “Chi pensa che io possa essere stato contento perché il torneo di quest’anno sarà giocato senza pubblico non capisce granchè. Non sono stato contento soltanto perché la vicenda non è stata gestita bene dalla FIT, nei tempi e nei modi. E con troppa arroganza. Senza la quale forse il risultato avrebbe potuto essere diverso. Così sono andati a sbattere contro un muro. Dovrebbe essere chiaro a chiunque che un sito di tennis ha tutto l’interesse a che un evento tennistico italiano abbia il maggiore successo possibile, sotto tutti i profili. Commerciale in primis: se l’attenzione e l’interesse sono diffusi tutte le aziende del tennis vanno meglio, se la FIT va meglio, si investirà di più nel tennis, nei vari rivoli. Forse anche in Ubitennis.

Ci ho tenuto a chiarirlo perché c’è sempre chi crede di aver capito tutto e non ha invece capito un bel nulla. Il fatto che chi scrive – il sottoscritto – abbia preso una posizione decisamente critica nei confronti della FIT per l’inaccettabile ingiustizia legata al mancato rimborso dei biglietti venduti in prevendita per una cifra di oltre 7 milioni di euro senza che nessuno abbia accennato a come sarebbero stati spesi né a un minimo di scuse vero i creditori – quella somma è tanta roba e non può essere assolutamente trattenuta con la gabola del presunto Super-voucher che avrebbe semmai potuto essere soltanto un’opzione alternativa – non significa davvero che io non mi augurassi che il pubblico, anche poche migliaia di appassionati per creare un minimo di atmosfera, fosse ammesso a sedersi almeno sul centrale, pur rispettando il giusto distanziamento”.

Ma ritenevo anche fosse impensabile che allo stadio Olimpico per Roma e Lazio, 80.000 posti a 200 metri dal Foro, si negasse l’accesso a uno spettatore e invece per il tennis si dovesse dare l’ok. O tutti e due gli impianti o nessuno, avrebbe detto chiunque dotato di un minimo di coerenza. Così come, per un minimo di coerenza, è inspiegabile contraddirsi a una settimana dall’altra. Ora si dice che alla base dell’ultimo intervento del ministro Spadafora ci sarebbe la considerazione che sia molto più facile controllare 1.000 presenze distribuite in un solo stadio, piuttosto che le stesse in libera circolazione fra un campo e l’altro.

Premessa: mi è stato detto da persone bene informate che le richieste a suo tempo avanzate da FIT sono state avanzate in modo poco diplomatico (arrogante?). Si pretendeva inizialmente dalle autorità competenti un ok a 5.000/6.000 spettatori. Solo in un secondo tempo, a un giorno dal sì o al no, si sarebbe accettato come minimo i 3.000 spettatori. Pareva infatti a Binaghi e& che aprire i cancelli per solo 1.000 avrebbe creato più costi economici in controlli e servizi piuttosto che vantaggi. Ciò premesso, però, perché adesso si può garantirne l’accesso e prima no? Così, all’ultimo tuffo?

Le domande non finiscono qui. Non si sapeva che le semifinali e le finali sono pochi incontri che quindi si possono programmare in un unico stadio? Eppoi – e qui capisco che la mia è una malignità di tipo andreottiano…”a pensare male si fa peccato ma spesso ci si indovina” – il provedimento ministeriale non sarà mica una conseguenza del grande risalto che hanno avuto in questi giorni e su tutti i media (anche quelli che al tennis dedicano poco o zero spazio) gli exploit record dei 4 azzurri in ottavi? Non sarà mica una conseguenza dell’aver avvertito il generale rimpianto per l’assenza di spettatori a celebrare le  imprese dei nostri piccoli e grandi eroi, del duo Maravilha, di Berrettini (l’ho espresso più volte anch’io)?

Non sarà allora che il ministro Spadafora abbia pensato di ricavarsi una vetrina importante riaprendo al pubblico, sia pure soltanto a questi 1.000 spettatori, guadagnandosi così i pubblici ringraziamenti di Binaghi, quelli di tanti appassionati (oltre ai 1.000 che avranno accesso al Foro?) e magari di qualche elettore per le prossime scadenze? Binaghi ha detto del ministro Spadafora quel che il ministro voleva certo sentirsi dire: “Il Ministro ha mostrato una grande intelligenza intellettuale, c’è voluto anche un pizzico di eroismo perché ha ha combattuto da solo una battaglia sensata contro una grande idiozia”. Mah, i veri motivi per i quali un ministro, un qualsiasi politico, decide qualcosa, li conosce solo lui.

Che poi la situazione COVID sia in perenne osmosi, per cui ogni provvedimento è suscettibile di venir smantellato quasi da un giorno all’altro è certo vero e costituisce un bell’alibi per tutti. Consente di fare e disfare, su tutto. A scapito della serietà percepita. A Parigi, abbiamo visto, siamo passati dall’ok per 11.500 presenze suddivise in tre zone non incrociabili a un ok ristretto per 5.000 spettatori che invece potrebbero incrociarsi. Questo a causa dell’intensificarsi dei contagi. Ma a Roma per la verità la situazione COVID non mi sembra sia granchè cambiata fra una settimana fa e oggi. Credo sia piuttosto stazionaria.

Quindi se ho detto che Binaghi ha ragione quando sostiene che il nostro Paese dà un’immagine da… ”roba da matti”, dico anche però che non si può scoprire solo oggi perché si parla di tennis e di sport, che in Italia le autonomie regionali sul discorso sanità si sono manifestate da marzo a oggi. Non è una novità. La si può discutere, contestare, ma non è una novità. In Emilia Romagna c’è pubblico al circuito di Misano e in Lombardia a quello di Monza no. In Toscana al Mugello sì. In Emilia Romagna per il basket al chiuso sì e da un’altra parte no. A Palermo 300 persone hanno potuto seguire il torneo e a Roma, fino a oggi, no.

Ma se usciamo dal terreno dello sport abbiamo visto anche nei protocolli sanitari sui tamponi, i test sierologici, l’obbligo delle mascherine nei locali chiusi, in quelli aperti, che ogni regione ha deciso autonomamente dalle autorità centrali. Quindi fare l’esempio, sentito mille volte per casistiche simili ma trattate diversamente da regione a regione, è un po’ demagogico, populista. O si cambiano le leggi di questo Paese rimettendo in discussione certe autonomie oppure si deve soltanto, con più o meno rassegnazione, prenderne atto. La Lombardia può fare e decidere una cosa, il Veneto che pure è amministrato da una compagine politica identica (la Lega) farne tutta un’altra.

Dire o lamentare “ma perché lui sì e io no?” si può farlo, ma alla fine ha l’aria di una lamentazione quasi infantile, comunque vana. “Perché Petrucci e il basket sì a Bologna e io e il tennis no a Roma?” Uno che non sa nulla, dirà, “cavolo, ha proprio ragione!”. Ma se non si arriva a una revisione legislativa per la quale chissà quanto tempo ci vorrà, non serve a nulla sottolineare queste discrasie.

Resta tuttavia un fatto: all’estero, perfino dove ci sono organizzazioni politiche federali e discretamente autonome (Svizzera, Germania, Stati Uniti per citare le prime tre che mi vengono a mente) penseranno le peggiori cose di noi, e prenderà sempre più corpo lo stereotipo dell’Italia Paese  inaffidabile e incoerente (anche se poi ce ne sono tanti messi pure peggio!). Chi glielo va a spiegare come siamo messi noi nel nostro buffo Paese, se facciamo fatica a capirlo noi?

Sulla parte finale del discorso di Binaghi che dice “stiamo facendo quest’operazione quasi sicuramente in perdita”, beh mi sorprende il quasi. Spero abbiano fatto bene i loro calcoli. Fino a una settimana fa sembrava che sarebbe stata sicuramente in perdita.

Sul discorso i primi 1000 che dalle 15 di oggi registreranno la loro mail sul nostro sito tra coloro che avevano i biglietti originali per semifinali o finali sul Centrale entreranno” capisco che non era facile trovare una soluzione equa. Forse sarebbe stato più giusto rispettare un ordine cronologico nelle prenotazioni fatte a suo tempo. Ma magari sbaglio. Così penso che – anche se siamo in un’epoca in cui computer, telefonini e email siano ormai diventato il pane quotidiano della stragrande maggioranza degli italiani – quegli appassionati di una certa età non pratici di email, verranno danneggiati, insieme a quelli che oggi lavoravano e non sapevano nemmeno di poter attivarsi. Mica tutti sono obbligati a star sempre sulla notizia!

Infine: capisco bene che un giorno e mezzo per rimettere in sicurezza l’impianto costringa tutto lo staff organizzativo non sia una tempistica ideale, però che altro si può fare? Invece il ribadire che chi non sarà fra i 1.000 “privilegiati” non ha alternative al famigerato “supervoucher” riconferma l’ostinata volontà di Binaghi di distinguersi da tutti gli altri Masters 1000 che invece hanno provveduto a rimborsare i creditori dei biglietti.

Poi però ecco l’ultimo stratagemma del presidente che non guarda in faccia ai creditori, ma che di certo non è stupido. Se per tutto il pomeriggio dalle stesse dichiarazioni di Binaghi si era capito chiaramente che soltanto i primi 1.000 spettatori avrebbero avuto accesso, ecco che in un secondo momento ha annunciato: “Faremo 3 sessioni quotidiane di gioco, quindi potremo ospitare 1.000 spettatori per sessione, 3.000 per ogni giornata”.

Poi però ecco un terzo momento e un nuovo cambiamento di programma (non so ancora a che cosa dovuto): 2 sessioni saranno previste domenica e 1 unica sessione lunedì. In conclusione per i 2.000 spettatori di domenica e per i 1.000 di lunedì non ci sarà obbligo di restituzione dei biglietti!

Diminuisce di un migliaio, grazie alle due sessione di domenica, il numero dei creditori cui si dovrà restituire i biglietti. Tuttavia continuo a non capire, anche se ormai è stato già rieletto presidente per i prossimi 4 anni e il sesto mandato, perché proprio Binaghi non riesca a calarsi nei panni di quegli sfortunati acquirenti cui non offre neppure una seconda opzione. Pervicacemente.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Roland Garros, Tsitsipas: “Sinner e Musetti sono lì. Dimenticate la classifica. Sinner tirava più forte un anno fa…Musetti ha più talento. Però non cambia mai posizione”

Sette ragazze top-ten sono out. Come nel ’76. E dal 2013 non c’erano 4 azzurri, tra uomini e donne, al terzo turno. Le 500 vittorie di Simon e le oltre 1000 dei Fab. Gasquet: “Nadal era più forte di Alcaraz”. Brutti e bei gesti a Parigi. Da squalifica e da applausi. 25 “vittime” nel seeding

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Se cominciassi dando i numeri? A una certà età succede. Dunque…era dal 1976, l’anno del mio primo Roland Garros e del trionfo di Adriano Panatta – scegliete voi quale sia l’amarcord più importante – che non accadeva che ben 7 delle prime dieci tenniste del mondo fossero schizzate fuori già al giovedì, nei primi due turni.

Sotto, nel finale di questo articolo troverete chi sono le sette “vittime”. Qui vi dico che le tre superstiti sono Iga Swiatek, n.1 manco a dirlo!, Paula Badosa n.3 e Aryna Sabalenka n.7 e prossima avversaria di Camila Giorgi.

La Swiatek ha vinto il suo trentesimo match di fila, nonché 16 incontri su 18 al Roland Garros, percentuale dell’89%. Solo la Court (95%), la Evert (92%) e la Graf hanno registrato percentuali superiori nella loro storia di questo torneo. Per inciso ho visto che un dritto della Swiatek è stato cronometrato a 127 km e uno di Rafa Nadal a 126. Meglio non farlo sapere a Rafa.

 

Chi fermerà Iga? La polacca avrebbe dovuto affrontare la Samsonova al terzo turno e invece ha trovato la Kovinic. Poi al quarto turno doveva esserci o  Ostapenko o Halep e invece troverà o Qinwen Zheng o Cornet. Insomma ha già un piede nei quarti. Dove potrebbe ritrovare la Pegula, già demolita a Roma.

La presenza di Camila al terzo turno, aggiunta a quella di Martina Trevisan che gioca stamani per un posto in ottavi contro la…russa d’Australia Daria Gavrilova in Saville, mi consente di dare un atro numero: era dal 2013 che non avevamo almeno due donne e due uomini contemporaneamente al terzo turno. Nel 2013 furono Fognini e Seppi, Pennetta, Vinci e Schiavone. I due uomini sono Jannik Sinner che ha battuto in 4 set e 3h e 44 minuti Carballes Baena, soffrendo più del previsto perché secondo me – ma forse non secondo lui – non ha giocato tanto bene, e Lorenzo Sonego che ha vinto in tre set e 2h e 40 m – ma potevano essere 4 perché il primo lo ha riacciuffato in modo abbastanza rocambolesco annullando due setpoint a Joao Sousa – e però sia Lorenzo che il suo coach Gipo Arbino si sono detti entusiasti della sua performance: “Una delle migliori della mia carriera” ha detto Lorenzo facendo eco al coach.

Non so se esserne contento. Perché la migliore avrebbe dovuto conservarla per il prossimo incontro, quello con il norvegese Ruud che lo ha battuto tre volte su tre in circa 18 mesi e solo l’ultima, a Vienna 2021, è stata partita davvero lottata. Insomma Lorenzo dovrebbe riuscire a giocare un’altra delle sue migliori partite in carriera, perché il norvegese n.8 del mondo è di una soldiità impressionante e se prende l’iniziativa con il dritto anomalo ha una palla che pesa moltissimo. Lorenzo lo sa e cercherà di evitarla.

Sulla carta dovrebbe essere più semplice il compito di Jannik Sinner contro l’avversario battuto in finale a Washington, Mackenzie McDonald, che ha battuto un Basilashvili che fatica a ritrovare se stesso. Sulla terra rossa l’americano, n.58 del mondo potrebbe rivelarsi meno pericoloso di Carballes che ieri sera ha messo davvero alla frusta il nostro.

Sono andato ieri sera a parlare di Sinner e Musetti con Tsitsipas, che si è miracolosamente sottratto al quinto set con il qualificato ceco Kolar che nel tiebreak del quarto è stato avanti 6-2, con quattro set point consecutivi. Ma Tsitsipas è decisamente uno che ha gli attributi. Rimonta da due set a zero con Musetti senza perdersi d’animo, rimonta 4 setpoint con Kolar. Se mettere Tsitsipas knock-down non è così impossibile, lo diventa il metterlo k.o. (salvo che l’avversario si chiami Djokovic).

A Stefanos, che con me è sempre gentile, anche se all’apparenza ha un approccio che può sembrare scorbutico, ho chiesto: “Grande lotta con Musetti, grande lotta stasera, dipende più dal tuo servizio o dagli avversari? E poi una curiosità: Sinner è molto davanti a Musetti in classifica ATP (12 e 57=45 posti di gap), ma quando li vedi giocare entrambi, si ha l’impressione che Musetti abbia molti più colpi, molto più talento. E’ solo un’impressione, la superficiale impressione di uno spettatore, o quando ci giochi contro, a Sinner come a Musetti, pensi che i due sono in realtà molto vicini, dimenticando le classifiche?

 Tsitsipas: “Sì, lascio perdere le classifiche, assolutamente. Musetti ha un bellissimo e talentuoso tennis con il suo rovescio a una mano. E’ un po’ un misto di Gasquet con un gioco più d’attacco e uno stile di gioco più aggressivoPuò essere imprevedibile, ma anche lui resta su quel che fa. Non l’ho visto cambiare troppo le sue posizioni e quel che è il suo gioco. Penso che se è nel momento buono può crearsi davvero tanti bei colpi con il suo rovescio a una mano.  In termini di potenza però Sinner…ne ha di più. Ha una gioco assai potente, colpisce duro. E si appoggia molto ai suoi colpi più forti. Mi ricordo che Sinner nei primi tempi colpiva davvero fortissimo la palla. Ora penso che tiri un po’ meno forte, abbia ridotto…E’ sempre così quando sei un newcomer, alla prime, giochi libero, senza preoccuparti in un certo senso. Poi il circuito ti cambia, ti sviluppa e struttura in un modo diverso. Due stili davvero diversi, ma loro due sono molto, ma molto vicini, davvero”.

Avviso ai lettori: c’è un racconto live della giornata su Instagram con l’esito dei match in tempo reale, nelle storie, ma ci sono anche i post con i miei video. Sono tutte cose molto più brevi di quelle che scrivo qua. Se avete poco tempo andate lì.

Visto che Tsitsipas ha citato Gasquet, beh segnalo che è appena uscita una autobiografia di Gasquet e che a scriverne la prefazione è stato Rafa Nadal, suo coetaneo e avversario fino da che erano bambini e si affrontarono al torneo dei Petit As. Non ho ancora letto il libro ma credo di ricordare che il primo match lo abbia vinto Richard. Da professionisti però Nadal ha battuto Gasquet 17 volte su 17!

Non mi ha per nulla sorpreso quindi sentire Gasquet che rispondeva a chi gli chiedeva se Alcaraz fosse più forte di Nadal alla sua età con queste parole: “No davvero, all’età di Alcaraz Rafa aveva già vinto uno Slam, il primo di 13 Roland Garros. Non credo proprio che Alcaraz sia più forte di quanto lo era Rafa…”.

Gasquet è stato battuto mercoledì da Korda che nel match clou serale di questo venerdì giocherà la “bella” contro Alcaraz. Lo spagnolo vinse il NextGen con le sue buffe regole in finale, l’americano si è vendicato a Montecarlo che è un torneo vero…però i favori del pronostico, nonostante Carlitos si sia salvato annullando un matchpoint con Ramos Vinolas, sono per lui.

Però ricordo che per anni si è scritto di Zverev che sciupava troppe energie nei primi turni degli Slam per arrivare in fondo e infatti vinceva i Masters 1000 ma deludeva negli Slam.

 Alcaraz ha un tennis molto dispendioso per incontri sulla lunga distanza dei tre set su cinque. Dovrà imparare a far meno fatica. Nadal imparò alla svelta. Se c’era da infliggere punteggi netti non si faceva pregare. Come Bjorn Borg (che nel Roland Garros del ’78 vinse il torneo perdendo in tutto 32 game in 21 set. Fate un po’ la media a set…). Infatti i “veterani” si sanno ammnistrare: Nadal è stato fin qui in campo soltanto 4 ore e 11 minuti in due incontri, Djokovic 4 ore e 14, Alcaraz 6 ore e 24, Tsitsipas 7 ore e 40.

Se Gasquet e Tsonga sono fuori dal torneo (dove Monfils non è riuscito nemmeno a giocare), invece Gilles Simon è ancora dentro. Battendo Johnson ha conquistato la sua vittoria n.500. Anche se non sono 1.000 come quelle raggiunte recentemente da Djokovic, sono sempre tante. Soltanto 56 giocatori nella storia ATP hanno superato quel muro. Due francesi però hanno vinto più di lui: Gasquet 574, Monfils 523. Un ripassino? Federer è a quota 1251 e Nadal a 1053, Djokovic a 1003.

E io continuo imperterrito a dar numeri: solo due giocatori fin qui non hanno perso il servizio. Hubi Hurkacz e Grigor Dimitrov. Per Hubi faccio spesso il tifo, anche se gli toglierei volentieri quella H iniziale. Quando ieri Cecchinato continuava a dire “devo fare i complimenti a Hubi”, tre o quattro volte, alla fine non ho potuto esimermi dal ringraziarlo, facendoli miei.

Ma è poi certo una cattiveria tipicamente fiorentina sottolineare che il polacco che in patria riscuote un decimo delle attenzioni riservate a Iga Swiatek in quanto tipo incredibilmente riservato, ha giocato contro due italiani, Zeppieri e Cecchinato: ha servito per 29 game e non solo li ha vinti tutti ma non ha offerto neppure una pallabreak in sei set. Bravo lui, ma meno bravi i nostri, se mi è concesso.

Dimitrov ha vinto i suoi sei set con punteggi ancora più netti che non Hubi: ha dato 6-1,6-1,6-1 a Giron e poi 6-0,6-4,6-3 a Coric. 24 servizi vinti su 24. Sono curioso di vedere che cosa farà con Schwartzman, nel duello fra la testa di serie n.18 (il bulgaro) e la n.15 (El Peque argentino). Io dico che almeno un servizio lo perderà. El Peque risponde come pochi.

Un numero meno interessante: 9. Sono i matchpoint di cui ha avuto bisogno Pegula per battere finalmente la Kalinina 6-1,5-7,6-4, quando pareva non volesse proprio vincere. Se avesse perso anche la Pegula, testa di serie n.11, un posto davanti alla n.12 Raducanu e alla n.13 Ostapenko (battuta dalla francese Cornet che qui era arrivata l’ultima volta al terzo turno nel 2017, quando il torneo fu vinto proprio dalla Ostapenko), a quel dato delle 7 “teste rotolate in questa rinnovata…rivoluzione francese della racchetta” avrei segnalato che avremmo avuto ben 10 k.o. con corona sulle prime 13 regine del torneo. Invece sono…solo 9. E fa meno effetto. Magari avesse vinto la Kalinina. Così avrei potuto scrivere 10 su 13. Suonava meglio.

Una ex n.1 del mondo, ed ex  campionessa al Roland Garros, Simona Halep ha vissuto per la prima volta una crisi di panico mentre stava vincendo abbastanza tranquillamente, avanti un set e un break. Così la cinese Qinwen Zheng, n. 74 WTA da non confondere con la Shuai Zhang n.41 che aveva perso al primo turno con Camila Giorgi, ha approfittato della…paura della Halep, paura vera mica braccino!, per vincere in tre set. La Zheng all’inizio del 2021 era appena n.270 del mondo. E questi progressi li ha fatti senza poter giocare in patria. Non l’avrebbero fatta uscire causa COVID, a quanto mi è stato detto. Fosse stata la Li Na, avrebbe potuto. Ma per la n.270 del mondo non si facevano eccezioni.

Ho visto – anche nel video che abbiamo pubblicato su Ubitennis LINK- la rumena Begu che, sul campo 13, tirando rabbiosamente la racchetta su uno sgabello sponsorizzato dalla Perrier (ma non era una ghiacciaia…o forse sì?) quando era sotto 2-0 nel terzo, se l’è vista rimbalzare per finire in mezzo al pubblico, spaventando un bambino al punto da farlo scoppiare in lacrime. Non ho visto se era stato proprio colpito. La squalifica, anche se la Begu non l’aveva certo fatto apposta, sembrava inevitabile dopo che l’arbitro ha chiamato il Supervisor. Non lo aveva fatto apposta tanti anni fa, nel ’92, il mitissimo Stefano Pescolido in Australia. Anche lì la racchetta rimbalzò in modo strano e finì addosso a una signora in prima fila. Ma è un caso analogo a quello di Djokovic che tirò quella pallata colpendo la giudice di linea la quale, per lo spavento, stramazzò a terra all’US open. Tutti, Pescosolido, Henman, Djokovic (e anche una ragazza italiana che colpì una giudice di linea inavvertitamente…furono squalificati.

La Begu no. Sorprendentemente. Nonostante le urla del pubblico che disapprovava. La sua avversaria, la Alexandrova che era in vantaggio 2-0 al terzo, era furibonda. Voleva lo scratch. Non il massimo del fairplay, ma forse ne aveva diritto, stando alle regole sempre applicate. Non glielo hanno dato e lei ha perso la testa e il match, non senza aver cacciato una palla fuori dallo stadio rivolgendosi all’arbitro in tono polemico “E ora che mi fai? Mi squalifichi?”. Ha beccato anche lei una ammonizione, come la Begu. In conferenza stampa la Begu ha rifiutato più volte di commentare l’episodio, salvo scusarsi ripetutamente.

Ma secondo me sia lei sia Rublev hanno avuto una fortuna sfacciata a trovarsi ancora in gara. E da favoriti del prossimo round perché la Begu incontrerà la francese Leoolia Jeanjean, vittoriosa sulla Pliskova e protagonista di una storia incredibile che non ho avuto il tempo di scrivere…dopo che a 12 anni era considerata una tal promessa che la Nike l’aveva già messa sotto contratto.  Rublev forse rischia di più: Garin non è avversario così morbido.

Dopo aver parlato di possibili squalifiche segnalo un bel gesto: Casper Ruud a fine partita vinta con Ruusuvuori nel campionato della Scandinavia Unita, ma non so se l’arbitro sia stato Layani, ha lanciato un suo asciugamano a un ragazzino che lo aveva invocato. Solo che un signore più alto e agile ha spiccato un salto tipo Michael Jordan e glielo ha soffiato sotto il naso. Ruud però non lo ha permesso: “Così non si fa!” gli deve aver detto e finchè il mancato cestista non ha restituito l’asciugamano al ragazzino costernato e suo legittimo proprietario il bravo Casper non se ne è andato. Missione compiuta. E applaudita.

Gli americani applaudono, in assenza delle Williams, le loro ragazze: ne hanno diverse in corsa, Keys, Pegula, Rogers, Anisimova, Stephens, Gauff. Fra lgi uomini per ora la metà: il “vecchio” Isner, McDonald (per il quale non farò il tifo quando giocherà con Sinner) e i più giovani Nakashima (che ha Zverev) e Korda che ho ricordato essere in procinto di rimisurarsi con Alcaraz e non lo invidio.

Sono saltate 25 teste di serie su 64, assai più di un terzo. L’ultima in serata la Ostapenko, campionessa qui nel 2017

MASCHILE – 11”vittime” (in grassetto quelle di ieri)

13 Fritz (2T Zapata Miralles)
14 Shapovalov (1T Rune)
16 Carreno Busta (1T Simon)
17 Opelka (1T Krajinovic)
19 De Minaur (1T Gaston)
22 Basilashvili (2T McDonald)*
24 Tiafoe (2T Goffin)*
25 Davidovich Fokina (1T Grieekspoor)
29 Evans (2T Imer)*
30 Paul (1T Garin)
31 Brooskby (1T Cuevas)


FEMMINILE – 14

2 Krejcikova (1T Parry)
4 Sakkari (2T Muchova)
5 Kontaveit (1T Tomljanovic)
6 Jabeur (1T Linette)
8 Pliskova (2T Jeanjean n.227 Wta)*
9 Collins (2T Rogers)*
10 Muguruza (1T Kanepi)
12 Raducanu (2T Sasnovich)

13 Ostapenko (2t Cornet)
19 Halep (2T Zheng)*
25 Samsonova (1T Kovinic)
26 Cirstea (2T Stephens)
30 Alexandrova (2T Begu)*
32 Kvitova (2T Saville)

A domani. Oggi tifiamo per la sola azzurra in gara: ore 12.30 circa, Trevisan-Saville Gavrilova.

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, un brutto Sinner vince a fatica

Prestazione negativa di Jannik Sinner che riesce comunque a vincere in quattro set contro lo spagnolo Carballes Baena e avanza al terzo turno dove affronterà Mcdonald

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Da Parigi, il nostro inviato

[11] J. Sinner b. R. Carballes Baena 3-6 6-4 6-4 6-3

Non tutte le partite sono uguali e non tutte le giornate negli Slam sono di luna buona, ma la versione odierna di Sinner è stata davvero troppo brutta per essere vera. Per sua fortuna di fronte c’era Roberto Carbelles Baena, un onesto pedalatore della racchetta numero 89 di un ranking costruito soprattutto nelle dure battaglie dei challenger e il nostro campioncino è riuscito a portare il risultato a casa, sebbene dopo tre ore e quarantaquattro di lotta.

 

Al terzo turno affronterà l’americano Mackenzie Mcdonald numero 60 del mondo, battuto da Jannik 7-5 al terzo nell’unico precedente, la finale di Washington dello scorso anno. Decisamente un tabellone abbordabile sin qui, ma servirà tutt’altra continuità e attitudine per sperare di andare avanti nel torneo. Oggi per lunghi tratti Jannik è apparso tatticamente confuso, incerto tra lo spingere come di consueto o giocare un tennis più ragionato con alcune varianti.

La partita

Per un’ora e dieci c’è una versione sconcertante di Sinner in campo. Fallosissimo, lento e stranamente anche poco esplosivo nei colpi.

Nonostante Carballes Baena non faccia nulla di particolarmente rilevante oltre a rimandare di là della rete ogni cosa e alzare la traiettoria il più possibile, Jannik riesce nella difficile impresa di perdere per ben tre volte il servizio nel primo set, nonostante provi a scuotersi invocando l’aiuto del pubblico del campo 14 (il match era stato programmato inizialmente sul 7), che è tutto dalla sua parte. Il primo parziale si chiude con numeri inquietanti ed eloquenti : 19 errori gratuiti  e 45% di prime in campo.

Le due pericolose palle break  salvate con coraggio  nel secondo gioco del secondo set danno respiro a Jannik che esulta quasi a volersi scuotere e riesce finalmente, sempre tra alti e bassi, ad essere più incisivo e a portarsi in vantaggio (4-2).

Jannik Sinner – Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell’Olivo)

Il pubblico fa la “Ola” trascinata da numerose bandiere spagnole sugli spalti e la nostra giovane stella al momento di chiudere il set sul 5-4 si caccia di nuovo nei pasticci con tre brutti errori. Una prima vincente, un vincente di diritto lungolinea e uno dei rarissimi errori dello spagnolo lo fanno risalire dalla buca. Dopo un’ora e 54 di patimenti, Jannik rivede la luce e lo urla al cielo plumbeo di Parigi.

Lo spagnolo, che la scorsa settimana vinceva il challenger di Tunisi, accusa il colpo e cede subito il servizio in avvio di terzo set. Jannik finalmente rinfrancato, inizia a sciogliere il braccio (con due ore di ritardo) ritrovando anche il servizio fin qui assente ingiustificato.

Come insegna il grande Rino Tommasi, non siamo qui a vendere tappeti e dunque ci tocca dire che il match è oggettivamente orribile.

Due ragazze tedesche che siedono un paio di file sotto di noi decidono che è ora che i rispettivi fidanzati vadano a comprare delle birre per ristorarle dello spettacolo non godibilissimo. Torneranno dopo un’oretta abbondante (le file agli stand sono allucinanti) e le troveranno addormentate, accasciate sugli spalti: non riusciamo a biasimarle.

Jannik prosegue nella sua giornata mediocre, alternando qualche buona accelerazione a troppi errori da fondo. Per fortuna sul finale di set si ricorda della palla corta e ne gioca un paio notevoli che trovano il gradimento di quel che resta del pubblico che lentamente ha preso coscienza che è ora di cena (beati loro): 6-4 e due set a uno avanti.

Le regole non scritte del tennis vorrebbero che ora il giocatore più forte prenda l’abbrivio per una rapida conclusione di partita e invece Jannik continua la sua galleria degli orrori e va subito sotto di un break (0-2). Reagisce subito, almeno il carattere e la tigna sono quelle di sempre, e riesce a ribaltare il parziale portarsi avanti 4-2, approfittando anche di un Carballes che appare in debito di ossigeno. Ma è un’illusione, perché lo spagnolo è un cagnaccio e nel turno di battuta successivo salva ben 5 palle del doppio break  che porterebbero l’azzurro a servire per il match, aggiudicandosi il game fiume da 22 punti e 13 minuti. La sofferenza dura ancora due game poi finalmente Sinner può esultare per lo scampato pericolo, anche se le quasi quattro ore di gioco rischiano di pesare sul prosieguo del torneo.

L’applauso finale del pubblico avrà svegliato anche le due ragazze tedesche: non se ne abbiano a male, ma il tennis è anche sudore e sofferenza.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: continua la favola di Gilles Simon, ora sfida a Cilic. Avanti Gaston e Garin

Il giocatore di Nizza, all’ultimo ballo, batte anche Steve Johnson e si qualifica per il terzo round. Marin rimonta Fucsovics, Hugo e il cileno facili su Cachin e Ivashka

Pubblicato

il

Sono belle le favole, specie quelle provviste di lieto fine, anche se, almeno per il momento, di fine è ancora prematuro parlare. Gilles Simon, all’ultimo ballo sui campi del Bois-de-Boulogne in quella che in ogni caso sarà l’ultima stagione della sua carriera, ha inteso fare un altro passettino verso la gloria: l’atto finale della sua epopea sulla terra battuta di casa non è ancora stato scritto. Giocherà il terzo round, Gillou, e con ogni probabilità non sarà una partita chiusa quella contro Marin Cilic. Intanto, dopo la vittoria da brividi strappata al quinto set contro Carreno Busta nel delirio della notte parigina di ieri l’altro, è arrivato un altro successo, stavolta contro Steve Johnason. Un avversario dal pedigree meno pregiato, specie sul rosso, ma pur sempre favorito da bookmakers che nonostante i venti e più anni trascorsi sui campi di tutto il mondo non hanno ancora capito l’essenza del soldato Simon.

Gli sono bastati tre set, ma tre set alla Gillou, dipanatisi in più di due ore e mezza di lotta e conditi da un finale da colpetto apoplettico. Subito costretto a rimontare il break di svantaggio incassato nel primo gioco dell’incontro, il tennista nizzardo si è messo paziente con i piedi incollati sulla linea di fondocampo a rimandare di là il possibile e l’impossibile, raccogliendo notevoli ovazioni quando ha scelto di ribaltare l’inerzia degli scambi con il proverbiale rovescio lungolinea. Rimontato e vinto il primo set per 7-5, Gilles ha giocato una seconda frazione memorabile, pur agevolato dai molti errori commessi nel frangente dallo sventato californiano.

Il terzo è proseguito sulla falsariga dei primi due set, ma stavolta Simon, due volte avanti di un break, ha offerto al rivale altrettanti appigli per rientrare. Gillou non si è tuttavia disunito quando ha sprecato l’opportunità di servire per l’incontro e, riparato al tie break, ha comunque chiuso la partita al secondo set point. L’ultimo viaggio a Parigi non è ancora dunque concluso. Ci sarà ad attenderlo almeno un’altra sfida con Marin Cilic, già affrontato sette volte in carriera. Il croato, dopo aver buttato il primo set contro Marton Fucsovics, ha giocato bene gli altri tre, e infine vinto con agio. I precedenti parlano nettamente francese, con sei vittorie di Simon a fronte della sola ottenuta da Cilic: match aperto, come dicevamo.

 

Nella parte bassa del tabellone via libera anche per Cristian Garin e Hugo Gaston, quest’ultimo felice di regalare altre gioie al pubblico di casa. Il genietto da Tolosa ha battuto senza difficoltà alcuna l’argentino Pedro Cachin, ma al prossimo turno avrà un incontro molto complesso al cospetto del caldissimo Holger Rune. Il Tanque di Arica ha invece avuto la meglio su Ilya Ivashka in quattro set, e al terzo round dovrà incrociare la racchetta con Andrey Rublev.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement