Caos Covid-19 al Roland Garros: tra la minaccia legale di Dzumhur e i dubbi per il freddo

Flash

Caos Covid-19 al Roland Garros: tra la minaccia legale di Dzumhur e i dubbi per il freddo

Zapata Miralles e il bosniaco sono stati mandati a casa per i contatti con i rispettivi allenatori, positivi al test del torneo ma negativi al ritorno in patria. Il medico del torneo: “Con pioggia e umidità serviranno più tamponi per distinguere un raffreddore dal Covid”

Pubblicato

il

Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)
 

Roland Garros 2020, le entry list aggiornate. SORTEGGIO ALLE 18

Continuano le polemiche sulla gestione dei controlli sanitari per l’accesso ai tornei. Il caso Paire ad Amburgo si proietta chiaramente sul Roland Garros, dove già sono stati cinque gli esclusi dal tabellone maschile delle qualificazioni. Il comunicato del torneo parla di due positività accertate tra i giocatori e di tre esclusi cautelativamente in quanto a contatto con un coach risultato positivo. Lo spagnolo Bernabe Zapata Miralles (144 ATP) è stato mandato a casa perché il suo allenatore Carlos Navarro era risultato positivo asintomatico, ma i due hanno fatto sapere – una volta rientrati a Valencia – che per entrambi il tampone di controllo ha dato esito negativo.

Situazione simile per il numero 114 del mondo Damir Dzumhur e il suo coach Petar Popovic: “È uno scandalo come è stata gestita la cosa – ha dichiarato il bosniacoandrò in tribunale e sono sicuro che vinceremo. Abbiamo subito un’ingiustizia e una discriminazione“. Il portale bosniaco Klix.ba dà conferma del fatto che Dzumhur – che nel frattempo ha pubblicato in una storia Instagram il referto del test negativo di Popovic – si sia mosso per affidare la questione a un avvocato portando in giudizio la Federazione francese.

CARICA VIRALE – L’allenatore aveva spiegato così la sua versione in un’intervista a L’Equipe: “Ho superato 20, 25 test tra gli USA, l’Italia e anche qui a Parigi, dove siamo arrivati sei giorni fa. Tuttavia siccome ho già contratto il virus due mesi e mezzo fa, può darsi che ci siano degli anticorpi che possano ancora far risultare il mio test positivo”. L’organizzazione del Roland Garros – è la loro accusa principale – non gli avrebbe consentito di effettuare in loco il tampone di controllo, per scongiurare l’ipotesi che il primo non fosse attendibile. Al ritorno in Serbia, Popovic è risultato negativo ben due volte.

Bernard Montalvan, responsabile medico del torneo, ha spiegato però il protocollo stabilito dal comitato scientifico parlando sempre al quotidiano francese: “Non vengono effettuati due tamponi, ma lo stesso viene analizzato da due macchine differenti a distanza di cinque ore e serve un responso univoco da parte di entrambe per dichiarare la positività. Può rimanere una carica virale bassa anche in chi ha già avuto il virus a luglio e sviluppato anticorpi, come nel caso di Popovic. Per questo abbiamo sconsigliato ai giocatori di condividere le stanze con i loro coach“.

Damir Dzumhur – Parigi-Bercy 2018 (foto Erika Tanaka)

IL PESO PSICOLOGICO – Rimanendo aperta la questione della diversità dei protocolli nei singoli Paesi – il motivo per cui Paire in Germania ha potuto giocare -, Montalvan ha reso pubblico un tema latente tra le righe sin dalla nuova calendarizzazione del Roland Garros in autunno. “Il freddo autunnale previsto nelle due settimane del torneo probabilmente ci costringerà a fare più tamponi, perché non sarà semplice distinguere una febbre a 38 con il naso che cola per un raffreddore da un ipotetico caso di Covid“. Problematica oggettiva che verso l’inverno complicherà la vita al mondo intero, ma con una specificità per i tennisti.

È impossibile rinchiuderli in una bolla – ha concluso Montalvan -, viaggiano in aereo, cambiano alberghi ogni settimana, per quanto si possano prendere tutte le precauzioni rimangono una delle popolazioni sportive maggiormente esposte al rischio. Capisco che per loro è anche psicologicamente difficile, sono giovani e possono essere fermati da un test positivo anche se si sentono in forma (ne aveva parlato Schwartzman a Roma, dopo la finale, ndr). Cerchiamo anche di ascoltarli, pur dovendo rispettare le regole in vigore. Capisco bene che per gli atleti sia un periodo logorante anche dal punto di vista mentale“.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash4 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria2 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza5 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Sorpresa Sonego, Sinner vince e convince, Musetti riprova a battere Djokovic”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement