Da Giorgi al tennista del club: Fabrizi Tennis costruisce la racchetta perfetta per tutti

Area test

Da Giorgi al tennista del club: Fabrizi Tennis costruisce la racchetta perfetta per tutti

Fabrizi Tennis è un brand italiano che costruisce racchette con materiali avanzati sulle precise specifiche del tennista, da quello del circolo fino ai professionisti come Camila Giorgi

Pubblicato

il

C’è sempre più attenzione da parte dei brand più famosi delle racchette nel produrre telai di qualità maggiore: ci sono marchi che hanno di recente messo in vendita telai pro-stock, quelli dei professionisti, o altri che, da qualche anno, consentono di scegliere due racchette identiche in sede di acquisto. Questo ammodernamento dell’offerta lo si deve anche a quei marchi che stanno puntando sulla qualità dei prodotti invece che su quantità e diffusione, costruendo telai che riescono a soddisfare meglio di tanti e più diffusi marchi le esigenze del tennista, da quello di quarta categoria fino al professionista.

Fabrizi Tennis è uno di questi, una sorta di artigiano che produce telai secondo le caratteristiche richieste avendo come mantra e come fine ultimo la qualità del prodotto. Avete presente la racchetta usata dalla nostra Camila Giorgi? Esatto, è un telaio Fabrizi Tennis. Per loro, far uscire una racchetta dal mold, lo stampo, dev’essere un arte, non un processo industriale su larga scala. I telai sono interamente realizzati in materiale composito con la stessa tecnologia impiegata per la costruzione di componenti di Formula 1 e Moto Mondiale, interamente prodotti a mano in Italia in ogni loro fase e per questo sono realizzabili su precisa specifica del giocatore. Gli stessi operatori impiegati per la realizzazione di componenti per Moto GP e Formula 1 lavorano anche sui telati realizzati secondo le specifiche di peso, bilanciamento e altre caratteristiche scelte direttamente dal giocatore, di qualsiasi livello.

Chi possiede un telaio Fabrizi, possiede un telaio interamente realizzato a mano, prodotto, verniciato ed assemblato in Italia seguendo gli standard ed i processi tecnologici più evoluti nell’impiego dei materiali compositi avanzati

Emanuele Fabrizi

L’idea di Fabrizi Tennis nasce dall’ingegner Emanuele Fabrizi, che vanta una esperienza decennale in Lamborghini e che ha deciso di mettersi in proprio per sviluppare le competenze acquisite nel settore dei materiali compositi, quali sono le racchette da tennis. Ed è così che nasce Officine Italiana Compositi, proprietaria del marchio. Parliamo di un’azienda che lavora nella fornitura di componenti aerospaziali, quindi per super car, moto e macchine da Gran Premio, e che realizza manufatti investendo ogni giorno su ricerca e sviluppo per aumentare la qualità del prodotto finito.

Emanuele Fabrizi

Ed è proprio Emanuele Fabrizi a spiegarci l’idea del progetto Fabrizi Tennis. Come nasce l’idea di dedicarsi al tennis? Passione?

“L’idea di cimentarsi in questo progetto nasce da una fortissima passione per il tennis e per la tecnologia applicata ai materiali compositi. Sfruttando l’opportunità di un progetto di ricerca e sviluppo, abbiamo studiato e sperimentato il comportamento dinamico dei materiali compositi avanzati applicati ad un telaio da tennis”.

Che innovazioni ci sono rispetto al processo tradizionale /industriale di costruzione di un telaio?

“Abbiamo cioè costruito telai con i migliori materiali compositi di vario genere e ‘modulo di resistenza a trazione’ curati in autoclave. La differenza rispetto ai telai retail è stata impressionante considerando che la quasi totalità dei telai in circolazione sono prodotti con fibre multi assiali di carbonio e con tessuti in fibra di vetro, curati in pressa. Durante questa lunga sperimentazione abbiamo potuto individuare quali materiali ed in quale configurazione riescono a caratterizzare separatamente le singole specifiche che caratterizzano il comportamento ed il feeling del telaio. Abbiamo individuato quali materiali contribuiscono alla reattività del telaio, quali caratterizzano la rigidezza e quali contribuiscono alla pastosità della racchetta. Il nostro obbiettivo non è stato la costruzione di un modello matematico universale che consentisse di progettare telai ad hoc, bensì un metodo basato sulla sperimentazione che permetta ai nostri tecnici di utilizzare tutti i dati ed i parametri archiviati e finalizzarli per costruire telai sulle specifiche richieste dei clienti. Il processo di cura in autoclave che azzera la presenza di inclusioni di aria nel laminato del telaio, il sistema di assorbimento delle vibrazioni, inserito in fase di laminazione del telaio ed il manico realizzato in una particolare resina espansa fresato uno ad uno ‘dal pieno’ a controllo numerico per ciascun telaio, consente inoltre di avere telai praticamente esenti da vibrazioni percepite“.

Perché bisognerebbe scegliere un telaio custom rispetto a uno commerciale dal punto di vista della Fabrizi Tennis.

“In questi tre anni abbiamo sperimentato circa trecento piani di laminazione diversi catalogando una enorme quantità di informazioni, che mettono in relazione i vari materiali impiegati per la costruzione e la loro quantità, con il comportamento dinamico del telaio e le sensazioni percepite dal giocatore. Possiamo cioè progettare e realizzare un telaio che vada incontro alle esigenze di ogni singolo giocatore. In conclusione, chi possiede un telaio Fabrizi, possiede un telaio interamente realizzato a mano, prodotto, verniciato ed assemblato in Italia presso i nostri stabilimenti in provincia di Firenze e Bologna seguendo gli standard ed i processi tecnologici più evoluti nell’impiego dei materiali compositi avanzati”.

Ad oggi sono quattro i modelli principali che i tennisti possono customizzare per “farli propri”:

F-95

Con uno schema corde 18/20 e uno spessore del frame di 22 millimetri, è una racchetta per tennisti di alto livello tecnico. Ideale per chi predilige un gioco pulito, offre comunque grandissime prestazioni sulle rotazioni back e slice. La sua laminazione e le caratteristiche tecnologiche dei materiali garantiscono un superlativo mix di potenza e precisione.

F-98

Presenta uno schema corde atipico 16/20, ideale per massimizzare le sue prestazioni. Come la F-95, è una racchetta adatta per tennisti che prediligono un gioco piatto e pulito, ma a differenza dell’altra ha una migliore attitudine alle rotazioni: buon top spin, ottimo kick e un back chirurgico. La racchetta offre una maneggevolezza estrema e splendide sensazioni a rete. Si rivolge a un’ampia gamma di giocatori “a tutto campo”, garantendo massime prestazioni per quasi tutti gli stili di gioco.

F-102

Con uno piatto-corde più grande della F-98 e della F-95 e un profilo superiore di 23 millimetri, si presenta come una semi-profilata. Grazie anche allo schema corde di 16-19 e una rigidezza di 62-64 RA, predilige un gioco molto potente e arrotato, rivolgendosi essenzialmente a un target di giocatori esperti da fondo campo, dotati di un gioco moderno. Il piatto-corde grande la rende efficacissima nei recuperi e grazie alla sua particolare lavorazione, mantiene sempre una discreta precisione anche sotto rete.

S-100

Profilata al 100%, è la racchetta con la maggiore grandezza di piatto-corde e un profilo di 24 millimetri. Le caratteristiche tecniche di questa racchetta unite alla peculiarità dei materiali tecnologici esaltano le rotazioni. La sua maneggevolezza la rende adatta ad un ampio target di giocatori.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza5 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement