Marat Safin sul suo ritiro: "Se non puoi battere Federer, Nadal o Djokovic, cosa continui a fare?"

Flash

Marat Safin sul suo ritiro: “Se non puoi battere Federer, Nadal o Djokovic, cosa continui a fare?”

L’ex numero 1 russo elogia il connazionale Medvedev: “È un bravo ragazzo ma bisogna migliorarsi ogni anno”. A Rublev una bella strigliata: “Non deve crollare in situazioni difficili”

Pubblicato

il

Ci sono sportivi che vale la pena seguire sia in campo che fuori, come nel caso di Marat Safin. L’ex numero 1 del mondo ha parlato pochi giorni fa alla testata russa gotennis.ru iniziando da alcune considerazioni sull’ultimo torneo della stagione, le ATP Finals vinte proprio dal suo connazionale Daniil Medvedev. “È uno dei miei tornei preferiti. Gli otto migliori giocatori dell’anno duellano per vedere chi esce con il trofeo da campione e con tanti soldi in tasca. Quando perdi una partita in qualsiasi torneo vai subito a casa, mentre qui hai ancora la possibilità di lottare per entrare in semifinale. Sono riuscito a raggiungere la semifinale due volte, ma in entrambe ho avuto problemi fisici. Il fatto di giocare molte partite per tutto l’anno mi ha penalizzato partecipando a questo torneo”.

I guai fisici purtroppo sono anche alla base del suo prematuro ritiro dal tennis agonistico, arrivato nel 2009 quando Marat aveva 29 anni. Gli acciacchi gli hanno impedito di restare al livello che avrebbe voluto e, nonostante sembrasse prendere tutto con superficialità, competere al massimo era quello che gli interessava di più. “In questo sport, o sei tra i primi cinque o non sei da nessuna parte. Non volevo continuare a giocare a tennis da numero 11, 12 o 20 al mondo. Giocare con tennisti più giovani, stancarti e correre con un ginocchio molto dolorante è solo screditare sé stessi. Ho sempre pensato che fosse meglio smettere di fare sport prima che lo sport ti abbandonasse. Se il ginocchio non mi avesse dato così tanto fastidio, avrei potuto giocare ancora un paio d’anni, ma non è stato così. Ero già stanco di questo mondo. Mi sono annoiato, bruciato e dopo diversi anni posso dire di aver vinto il tennis. Non avevo alcuna motivazione e ho iniziato a perdere con tennisti sconosciuti. Se non puoi più battere giocatori come Federer, Nadal o Djokovic, allora cosa ci fai lì?“.

Chi invece al momento sembra riuscire in questa impresa con continuità è Daniil Medvedev. “Quando una persona cresce, diventa più saggia e capisce quali cose deve eliminare dalla sua vita. Medvedev ha una tecnica piuttosto interessante. Sa di avere molte opzioni per poter fare grandi cose in questo sport. Nell’ATP Cup ho potuto passare del tempo con lui. L’ho conosciuto più da vicino e la verità è che è un bravo ragazzo. L’ho aiutato molto a giocare meglio a rete. Se vuoi competere con i più grandi, devi aggiornare un po’ di più il tuo stile di gioco ogni anno. Altrimenti sei perduto”.

 

All’apparenza ci sarebbe anche un altro suo connazionale che non ha affatto sfigurato in questa stagione, cioè Andrey Rublev che con 41 incontri vinti nel 2020 è quello ad aver ottenuto più vittorie insieme a Novak Djokovic. Tuttavia la maggior parte di questi successi sono arrivati a livello ATP 500 e Safin non gradisce la cosa. Andrey è un junior e continuerà ad esserlo ha detto il due volte campione Slam, usando parole dure ma veritiere. L’intento qui non è semplicemente criticare una giovane promessa, bensì indicargli una strada più proficua per l’avvenire, anche usando modi bruschi ma non per questo meno efficaci.

“È riuscito a vincere cinque tornei nel 2020, ma nessuno è stato un Masters 1000 o uno Slamha proseguito Safin. “Novak, vincendo meno tornei, ha concluso l’anno da numero 1 al mondo. Rublev ha bisogno di cambiare e saper giocare meglio nei tornei più importanti. È un bravo tennista che sa competere e battere i migliori, ma bisogna vederlo gareggiare in semifinale o in finale degli Slam. Lui sa di cosa sto parlando. Preso ci vedremo e gli dirò tutto, siamo costantemente in contatto. Un’altra cosa da aggiungere è che Andrey ha bisogno di imparare a non crollare in situazioni difficili“.

E qui Safin chiosa con una riflessione, spesso presente nelle sue interviste, sulla parte mentale del tennis alla quale bisogna dare sempre maggior rilevanza: “In generale, molte persone non capiscono cosa siano gli sport professionistici. Il tennis ai massimi livelli non consiste solo nell’imparare a colpire la palla, ma ciò che conta è quanto tempo puoi resistere in una situazione stressante“. E considerando l’elevata quantità di racchette rotte dal diretto interessato in momenti di frustrazione, possiamo dargli credito per queste parole.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Internazionali d’Italia 2021: a Mager l’ultima wild card, Cecchinato si lamenta su Instagram

Il ligure si è aggiudicato l’ultimo invito dopo che Cecchinato è stato eliminato da Bautista Agut a Madrid. Il siciliano ha polemizzato sui social per la scelta

Pubblicato

il

Gianluca Mager sarà il beneficiario dell’ultima wild card disponibile per gli Internazionali d’Italia 2021. Il ligure ha vinto il “ballottaggio” con Marco Cecchinato, che non è sembrato gradire la scelta e ha pubblicato una storia su Instagram dal sapore polemico. “Evidentemente non è bastato fare il ‘bravo bimbo’ per meritarmi la caramella… Che belle le prese per il c**o“, questo è il laconico commento che sembra proprio alludere al mancato invito nel Masters 1000 di casa. Cecchinato dovrebbe comunque poter usufruire di una wild card nel torneo di qualificazione.

In realtà le wild card sono state assegnate in base al ranking e il dubbio su chi tra Mager e Cecchinato dovesse riceverla permaneva per il semplice motivo che Marco, facendo bene a Madrid, avrebbe potuto scavalcare il connazionale in classifica. Il sorpasso non è avvenuto, dato che Cecchinato è stato eliminato (con onore) da Roberto Bautista Agut, e la scelta è dunque ricaduta su Mager, che andrà ad aggiungersi a Stefano Travaglia, Salvatore Caruso e Lorenzo Musetti. Ricordiamo che in campo femminile, invece, gli inviti per il tabellone principale sono stati assegnati a Giorgi, Trevisan e Cocciaretto; Paolini ed Errani dovranno accontentarsi di un invito nel tabellone di qualificazione.

TUTTE LE ENTRY LIST AGGIORNATE DI ROMA

 

Continua a leggere

ATP

ATP Madrid: buona la prima per Medvedev. Karatsev sommerge Schwartzman di vincenti

MADRID – Il n.3 del mondo ritrova campo e vittoria dopo lo stop per coronavirus. Vince anche Zverev. Schwartzman sconsolato: “Ha iniziato a tirare 2 vincenti a game!”

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - ATP Madrid 2021 (ph. Alberto Nevado)

dal nostro inviato a Madrid

La sfida inedita tra il 21enne idolo di casa Alejandro Davidovich Fokina, in tabellone grazie a una wild card, e Daniil Medvedev ha aperto il programma di giornata sul centrale della Caja Magica. L’ha spuntata il russo in rimonta (4-6 6-4 6-2), sebbene sia stato lo spagnolo a interpretare meglio il match dal punto di vista tattico: ha preso la rete quando era il momento di farlo, accelerato quando ne aveva l’opportunità e ha tenuto lo scambio da fondo quando il russo cercava di prendere il sopravvento.

Questo mercoledì è la prima vera giornata calda del torneo, con la temperatura sempre sopra i 20°, e Davidovich l’ha scaldata ulteriormente costringendo il suo avversario a scattare spesso in avanti per rincorrere le sue palle corte. Nel primo set con questo colpo ha avuto più fortuna, e la sua maggior dimestichezza con la superficie gli ha permesso di recuperare un break e vincere persino il primo parziale 6-4.

 

Nel secondo set Medvedev ha iniziato ad innervosirsi un po’, sia per il campo a suo dire non perfetto (ha ricevuto anche un warning per aver colpito il suolo con la racchetta) sia per certe palle imprendibili del suo avversario, ma tutto sommato questa frustrazione ha avuto un effetto benefico sul suo tennis. Il n. 3 del mondo si è fatto leggermente più solido da fondo e questo è bastato per rimettersi in corsa; Davidovich Fokina invece, che ha comunque sempre lottato alla pari col suo avversario per quasi due ore, ha pagato a caro prezzo un solo game denso di errori grazie al quale Daniil ha rimesso il punteggio in parità restituendogli il 6-4.

Nel set decisivo Davidovich è calato sensibilmente e Medvedev ne ha approfittato sfiancandolo con i suoi classici scambi lunghi ed estenuanti, chiudendo 6-2 in due ore e 12 minuti. Per il russo questa (contro il più giovane spagnolo in top 50) è comunque un’ottima vittoria, e arriva al primo match dopo il torneo di Miami e soprattutto dopo aver contratto il coronavirus, circostanza che l’ha costretto a saltare Montecarlo.

EL PEQUE DURA POCO, PASSA KARATSEV – Aslan Karatsev, alla sua prima partecipazione a questo torneo, prosegue il suo cammino battendo il n. 9 del mondo Diego Schwartzman. Viste le recenti prestazioni del russo sulla terra (finale a Belgrado con vittoria su Djokovic in semi) non è un risultato del tutto inaspettato, ma sorprende di più l’arrendevolezza dell’argentino nei due set conclusivi, dopo che aveva vinto abbastanza agevolmente il primo set. In conferenza, Diego ha analizzato la partita in modo semplice e conciso: “Io non sto giocando il mio miglior tennis, ma lui, dopo aver sbagliato quasi tutto per un set, ha iniziato a fare due o tre vincenti per game“. Con buona approssimazione, in effetti, è andata così: il 31-3 nel confronto tra i colpi vincenti riassume bene la questione. I due tennisti sono simili per conformazione fisica: baricentro basso e grande potenza nelle gambe, lo stile però differisce eccome. Diego predilige colpi più arrotati, classici da terra battuta, ed è riuscito a tenere a bada Aslan – che invece picchia forte e piatto dalla riga di fondo – solamente nel primo set, nel quale Karatsev era apparso piuttosto impreciso e scarico emotivamente.

Aslan Karatsev – ATP Madrid 2021 (courtesy of tournament)

Ancor meno difficoltà ha incontrato Sascha Zverev nel liberarsi d(el fantasma d)i Kei Nishikori, un rapido 6-3 6-2 da 75 minuti che potrebbe aver riconsegnato uno Zverev decente al circuito: sarà Evans agli ottavi a testarne gli effettivi miglioramenti. Non riuscivo ad allenare come si deve al servizio da più di un mese, praticamente da Miami; in questi giorni per la prima volta da allora sono tornato alla mia routine” ha detto Zverev in conferenza, confermando poi il suo feeling con questo torneo vinto nel 2018 senza perdere il servizio. “L’altitudine aiuta molto chi serve come me, qui mi trovo bene anche se forse a Roma ancora meglio. Mentre Parigi è il torneo in cui posso migliorare di più“.

Il tabellone completo di Madrid

Continua a leggere

Flash

Strycova annuncia il ritiro, il futuro è da mamma: “Ma voglio salutare con un ultimo match…”

La ceca, campionessa di Wimbledon ed ex numero uno nel doppio, lascia il campo a 35 anni dopo l’annuncio della gravidanza. Ma dà appuntamento per un congedo davanti ai tifosi

Pubblicato

il

Barbora Strycova - Wimbledon 2019 (via Twitter, @WTA_insider)

Barbora Strycova si ferma qui. Dopo aver annunciato a marzo la sua prima gravidanza, la tennista ceca a 35 ha deciso di mettere fine alla sua carriera. L’annuncio, come ormai sempre accade, è arrivato sui social: Spero di giocare un ultimo match davanti al pubblico, per un saluto come si deve“, il suo congedo. In bacheca, potrà guardare con orgoglio il titolo del doppio di Wimbledon conquistato nel 2019 insieme a Su-Wei Hsieh. Nella stessa coppia, ha perso in finale l’Australian Open 2020 contro Babos e Mladenovic. Da specialista di prima fascia, è stata numero uno del mondo tra le doppiste per 27 settimane.

In singolare, ha raggiunto il numero 16 come best ranking (nel 2017) con due tornei vinti (Quebec City 2011 e Linz 2017) e il punto più alto della semifinale di Wimbledon (sempre nel magico 2019, battuta da Serena Williams). Enormi le soddisfazioni con addosso i colori della Repubblica Ceca: ben sei successi nella vecchia Fed Cup (tra il 2011 e il 2018), oltre al bronzo olimpico di Rio in coppia con Lucie Safarova. “Fino a ora il tennis è stato il mio unico mondo – ha scritto su Instagram -, l’ho amato per le vittorie e anche per i sacrifici e il sudore. Mai avrei pensato di mettere fine al mio percorso durante una pandemia, ma alcuni momenti della vita non possono essere pianificati e sono super eccitata dal mio futuro di mamma“.

Barbora è stata una vera campionessa, ci mancherà dentro e fuori dal campo – il commento di Steve Simon, presidente della WTA -, smette avendo tanto di cui essere orgogliosa. Da ex numero uno del doppio, la sua eredità all’interno del nostro sport è indelebile. Le auguriamo il meglio nei suoi programmi futuri e soprattutto nel suo nuovo viaggio verso la maternità“. Prima dell’annuncio della gravidanza, Strycova è scesa in campo nel 2021 per il suo ultimo Slam: all’Australian Open è stata eliminata al primo turno da Svetlana Kuznetsova salutando il tabellone di doppio al secondo turno, sempre con Su-Wei-Hsieh. L’appuntamento – a questo punto lo speriamo – è per l’ultimo match che ha promesso, quello in cui vorrà salutare il pubblico in una cornice degna del percorso che ha portato a termine.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement