"Se non stai misurando, stai indovinando": Inside tennis, l'analisi dei dati alla portata di tutti

Focus

“Se non stai misurando, stai indovinando”: Inside tennis, l’analisi dei dati alla portata di tutti

È questo il motto di Inside Tennis, la società italiana che si occupa di tennis match analysis, video e motion analysis. Abbiamo intervistato Raffaelle Tataranni, CEO della società

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Roland Garros 2020 (via Twitter, @rolandgarros)

Nelle ultime settimane su Ubitennis abbiamo pubblicato una interessante serie di articoli sull’utilizzo dei dati nel tennis. A chi li ha letti non sarà sfuggito il fatto che le principali società che offrono servizi di elaborazione statistica siano tutte estere; australiano è il ‘guru’ Craig O’Shannessy, svizzero è l’asso nella manica di Daniil Medvedev – Fabrice Sbarro, che abbiamo intervistato di recente.

Qualcosa si muove anche in Italia, come testimoniato anche dall’intervista esclusiva di Tommaso Villa al fondatore del sito settesei, dove sta crescendo una realtà che si chiama Inside Tennis. CEO della società è Raffaele Tataranni, che abbiamo intervistato – via Skype – in esclusiva.

D. Partiamo dall’inizio. Chi è Raffale Tataranni e come nasce Inside Tennis?

 

Sono ormai dieci anni che mi occupo dei dati nel tennis. Sono tecnico nazionale FIT, diplomato ISEF con master in Kinesiologia e docente universitario. Mi ha sempre appassionato l’idea di poter disporre e lavorare sui dati oggettivi di una partita di tennis. A quei tempi notavamo che molto spesso la partita non veniva vista secondo un’ottica oggettiva, ma soggettiva. Sentivamo allenatori che dicevano ai loro giocatori: “Secondo me hai sbagliato soprattutto questo e questo…”, poi andavamo ad analizzare i video e non era assolutamente così. Questo mi ha stimolato, ho iniziato a lavorare sulla piattaforma Dartifsh, sono stato responsabile unico della video e della match analysis della Federazione dal 2011 al 2016.  Poi nel 2016 è nata l’idea di Inside tennis, come iniziativa di più persone che hanno riunito le loro competenze in ambiti diversi, dalla videoanalisi fino al social media management, tutte funzionali al progetto. Abbiamo cominciato a lavorare sui dati e ad offrire i nostri servizi.

D. Parliamo dei servizi offerti da Inside Tennis. Iniziamo con il primo, quello di cui si parla molto, la match analysis. Tutto parte dall’indicizzazione…

Noi lavoriamo sulla piattaforma Dartfish, indicizzando tutta una serie di dati dal video di un match. Questo è un lavoro completamente manuale, per una partita di un’ora ci vuole circa mezz’ora di tempo, lo facciamo noi e quindi con una precisione assoluta. E attenzione, lo facciamo per tutti i livelli. Basta infatti anche soltanto una telecamera: il giocatore riprende la partita, ci manda il video e noi glielo indicizziamo e poi gli forniamo tutta una serie di dati a cui lui può poi accedere agevolmente direttamente online sul nostro sito, nell’area a lui riservata. Ad esempio, può andare a vedere quante volte ha servito al corpo durante il match – o in più match se ho più video – e poi anche specificatamente quante volte ha poi vinto il punto servendo al corpo. L’applicativo, attraverso un menù a tendina, permette di accedere all’elenco in sequenza, creando una playlist dell’evento in questione, in quest’ultimo caso i punti vinti dopo aver servito al corpo, che il giocatore può andare a rivedere ma che può anche condividere con altri, ad esempio il suo allenatore. E questo per tutti gli eventi che sono stati indicizzati. Lavoriamo perciò tutta una serie di “big data” – il nostro archivio è attualmente di oltre 2.000 partite – creando poi le collezioni private che rendiamo disponibili nelle aree riservate on-line. Questo vale per il singolo giocatore, ma può valere per una federazione o per un grosso club a livello giovanile.

D. Quindi il vostro mercato di riferimento è ampio, comprende più segmenti di clientela.

Sì, come dicevo, i nostri dati e i nostri servizi non sono solo per i “pro”. Ad esempio, se io sono un capo-allenatore a livello giovanile, in questo modo posso avere accesso ai dati di tutti i miei allievi, dall’under 12 all’under 18, ma poi posso decidere con chi condividere determinati dati. Ad esempio, voglio far vedere solo i dati degli under 12, magari anche solo riferiti ad uno specifico torneo. Noi infatti riprendiamo anche tornei interi, anche a livello giovanile: abbiamo 22 punti di ripresa, 22 telecamere che possono essere messe sui campi e quindi riprendere tutti i match che vogliamo. Per poi lavorarli e metterli online. L’utilizzo è intuitivo, non è difficile andare a ricercare degli eventi: scelgo di vedere il primo servizio, dove l’ho piazzato, se ho fatto un errore o meno.

D. Entriamo poi nel “cuore” della match analysis: la parte statistica.

Ci sono tutta una serie di algoritmi che ricevono in input il file contenente le indicizzazioni del match e che forniscono in output tutta una serie analisi statistiche. Vengono poi predisposti dei report attraverso i quali ogni singolo giocatore ha accesso a un’enorme quantità di informazioni statistiche. Sono circa 40 pagine. Prendendo ad esempio il primo servizio, può vedere il piazzamento, la percentuale di realizzazione, quando vince il punto, in che zona serve preferibilmente, la quantità di volte che serve in quella zona. E di nuovo, ci tengo a precisarlo, questo servizio lo facciamo per tutti, anche per gli juniores. Forniamo i confronti – ovviamente dipendono sempre dalla quantità di match disponibili – con le medie stagionali. E così anche per gli altri colpi: seconda di servizio, risposta, dritto, rovescio… E per le combinazioni, ad esempio servizio e dritto: anche qui il giocatore può vedere dove mette abitualmente la palla, dove fai più errori, qual è la percentuale, in quale zona del campo mette il dritto, se lungo o corto. Ci sono poi le statistiche sull’efficienza degli scambi, ad esempio negli scambi da 1 a 4 colpi può vedere se i punti conquistati sono punti persi dall’avversario, cioè per errori non forzati, oppure se li ha ottenuti grazie a dei vincenti. Oppure, al contrario, se i punti persi derivano da vincenti dell’avversario.

Ci sono poi i Key Performance Indicators, che forniscono tutta una serie di informazioni molto significative sull’andamento delle partite. Ad esempio, ci dicono come sia molto più importante vincere i punti sulla seconda di servizio e l’incidenza di quel dato sulla vittoria della partita. Ci sono 20 indicatori che rilevano – sulla base del nostro archivio di partite – quale sia la probabilità che tu riesca a vincere se quel dato è positivo. Quindi tutti questi indicatori, nel loro complesso, permettono di dare una valutazione sulla qualità della partita del giocatore. E questa è solo la prima parte, perché poi si lavora ancora più in profondità, fornendo ulteriori informazioni statistiche utilizzando la deviazione standard. C’è poi l’andamento dei punti nel match, con la rilevazione dei vari “momentum”: i momenti del match in cui il giocatore fa più punti (o ne fa di meno). Per i KPI, inoltre, predisponiamo tutta una serie di dati di confronto, ad esempio la variazione dei KPI in quel match. Quando abbiamo un giocatore sotto osservazione, predisponiamo l’analisi sull’incremento o il decremento della prestazione su ogni singolo KPI nell’arco temporale di riferimento, che può essere mensile, trimestrale ed annuale.

Rafa Nadal – Bercy 2020 (via Twitter, @RolexPMasters)

D. Fornire questo tipo servizio significa dove necessariamente disporre di un database numericamente significativo. Le famose 2.000 partite di cui parlavi.

L’obiettivo è indicizzare 2.500 partite l’anno. Purtroppo a causa della pandemia, il 2020 per Inside Tennis – come per tante imprese in tutti i settori – è stato un anno economicamente difficile e abbiamo perciò dovuto rimandare, ma noi puntiamo ad assumere un quarto videoanalyst, che ci consenta di arrivare a 2.500 match indicizzati l’anno. Questo è il numero che ci permette di avere una base dati significativa per fornire a livello statistico tutta una serie di indicazioni importanti sul comportamento di ogni giocatore. E cerchiamo di farlo anche per le categorie più basse. Noi andiamo a riprendere i tornei, anche juniores, proprio con l’obiettivo di avere per tutte le categorie un database significativo che ci permetta di disporre del maggior numero di dati possibili.

D. Un’offerta, la vostra, che come dicevamo prima è destinata a più segmenti di mercato. Questo implica un grosso lavoro da parte vostra. Ma soprattutto, il mercato italiano – giocatori, allenatori, club – è pronto?

Sicuramente è un grosso sforzo, ma abbiamo il vantaggio di essere gli unici a fornire in Italia questi servizi, unendo l’indicizzazione video con la match analysis, non abbiamo competitor a livello nazionale. Come è altrettanto vero il fatto che sia necessario fare un salto culturale in quest’ambito. Siamo indubbiamente indietro rispetto a paesi come gli Stati Uniti e l’Australia. In Australia, per capirci, è ormai pratica consolidata entrare in campo per l’allenamento con gli score match, con i dati statistici delle partite. Gli allenamenti, la preparazione si fanno sulla base di quanto emerso dalle analisi statistiche, non c’è altro metodo. In Italia siamo in netto ritardo. Dobbiamo fare cultura, indubbiamente.

D. Fare cultura, ma allo stesso tempo fare business. Una sfida impegnativa per Inside Tennis.

Si è difficile, ma bisogna farlo. Dobbiamo far capire che questo è il futuro, anzi in realtà è già il presente. Per questo nell’ambito della nostra offerta diamo la possibilità a chi utilizza questo servizio di poter interagire con noi, per fornirgli tutte le spiegazioni necessarie, per fargli capire nel dettaglio a cosa servono tutti questi dati. È una bella sfida, anche perché in Italia, purtroppo, a tutti i livelli è ancora ampiamente diffusa l’idea che non faccia parte del lavoro del maestro di tennis mettersi dietro il PC a guardare statistiche. Dobbiamo far capire che lavorando con i dati statistici si riescono ad accelerare i processi di apprendimento, pensa ad un lavoro di questo genere con un under 12, un under 14… Ma soprattutto l’allenatore diventa consapevole, e fa diventare consapevole il giocatore, di quello che succede all’interno del campo durante il match. Quindi sì, c’è da fare molto fatica, ma il tennis va in questa direzione.

D. Parliamo allora dei costi, anche se forse è più corretto parlare di investimenti, partendo dall’offerta per i professionisti. Quanto dovrebbe investire un “pro” che vuole usufruire dei vostri servizi di match analysis?

Il contratto “full” che offriamo ai professionisti costa circa 20.000 euro l’anno. Non posso fare nomi perché siamo vincolati dalle clausole di riservatezza, posso però dirti che lo scorso anno abbiamo collaborato con cinque top 100 europei. Il servizio comprende, per ogni partita, una serie di informazioni ed indicazioni sull’avversario prima del match, le analisi statistiche e i dati sul comportamento del giocatore post-match, oltre ai report di cui parlavo prima, con periodicità mensile, trimestrale ed annuale.

D. Una cifra importante, ma non certo paragonabile ai famosi 200.000 dollari che Federer dà a Golden Set Analytics.

Beh, c’è da dire che lì parliamo di Federer e di un servizio personalizzato in base alle sue esigenze. Inoltre in quella cifra rientra anche la garanzia del “blocco” dei dati. Ovvero, Golden Set Analytics si impegna a non fornire ad altri i dati delle analisi statistiche dei match di Federer. Questa è una richiesta abbastanza diffusa ad altissimo livello, ed è comprensibile: le analisi statistiche forniscono veramente tantissime informazioni sul gioco di un giocatore. E ha chiaramente un costo. Anche noi prevediamo tale opzione e nel caso un giocatore chieda il blocco dei suoi dati, il prezzo sale di ulteriori 10.000 euro all’anno – ma non possiamo garantirlo per le statistiche post-match nel caso di partite in cui entrambi i giocatori abbiano un contratto con noi. Se parliamo invece di un servizio “standard” per un giocatore di alto livello, posso dirti che un top 50 si era rivolto a noi dopo che Golden Set Analytics per il medesimo servizio gli chiedeva circa 80.000 euro.

Roger Federer – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

D. Beh, è indubbio che la vostra offerta sia nettamente competitiva…

Si è un prezzo che ci permette di essere molto competitivi, ma la nostra è una scelta ben precisa. Noi vogliamo e dobbiamo crescere. L’obiettivo è avere 10-12 dipendenti – oggi siamo la metà – e per raggiungerlo dobbiamo investire, e quindi abbiamo bisogno di entrate per poter fare investimenti. Quindi abbiamo le collaborazioni con i top 100 di cui ti dicevo, ma poi abbiamo tutta una serie di progetti con i giocatori che voglio fare il salto di qualità, quelli cioè che dal livello Challenger vogliono entrare nei top 100. Con loro, considerata anche la difficile situazione economica, abbiamo impostato un’offerta diversa, in un certo senso quasi una partnership: non c’è un costo fisso, noi forniamo il servizio e il giocatore ci paga in base ai suoi guadagni. Per capirci: gli forniamo i dati del primo match, se vince mi paga in proporzione al premio ricevuto, poi gli forniamo il servizio per il secondo turno e così via. Poi c’è tutto il lavoro per i tennis club, per le Accademie. Con loro lavoriamo per “pacchetti set”, forniamo cioè le analisi per un determinato numero di set – più è grande il pacchetto in termini di set, meno spendi in proporzione – e poi sono loro che decidono come suddividere le videoriprese dei set tra i loro agonisti. Anche qui il Covid-19 si è fatto sentire e i loro budget sono stati drasticamente tagliati.

D. Prima che iniziassimo l’intervista avevi accennato anche a un’offerta “alla portata di tutti”, che oltre che ad un circolo può interessare anche giocatori di livello più basso, ma che vogliono migliorarsi e possono disporre dei vostri servizi ad un prezzo abbordabile.

Sì, stiamo facendo una promozione in cui al prezzo di 459 euro forniamo il kit di ripresa e le analisi statistiche di 5 partite. Considerando che il kit costa più o meno 150 euro, praticamente il giocatore paga 60 euro a partita per disporre di tutte le informazioni sul suo comportamento in campo per cinque partite. Lui registra le partite, poi ci invia il file via WeTransfer e noi nell’arco di 24 ore gli mettiamo on-line nella sua area riservata la partita tutti i dati statistici del match. Per un giocatore, cinque partite danno già una tendenza, suggeriscono già su quali aspetti debba lavorare.

D. Toglici una curiosità. Poi con quel top 50 con cui eravate in trattativa, com’è andata? Visto anche che eravate nettamente concorrenziali come prezzo.

Guarda, con lui in fase di trattativa abbiamo anche fatto uno specifico lavoro di analisi, perché ci aveva chiesto di capire come mai con un altro top 50 perdesse sempre in due set. Siamo andati ad analizzare le loro partite e gli abbiamo fornito tutta una serie di indicazioni, anche con il supporto della motion analysis. Avevamo rilevato come in determinate situazioni lui si comportasse nel modo ideale per il gioco del suo avversario. Ad esempio, in risposta rispondeva da una distanza tale che non gli consentiva mai di prendere l’iniziativa. Purtroppo al momento di chiudere è arrivato il Covid e a quel punto ci ha detto: ”Come faccio in questo momento ad investire 20.000 euro quando non so se e quando giocherò? E a questo punto non so neanche se e quando mi serviranno questi dati?” Obiettivamente era vero, in quel momento la situazione era quella che era.

D. Ci siamo soffermati sinora sulla parte di match analysis, ma Inside Tennis non è solo questo. Hai appena fatto cenno infatti alla motion analysis, che insieme alla video analisi sono gli altri servizi che offrite, i lavori di analisi sulla tecnica dei colpi.

Sì. La motion analysis 3D la utilizziamo soprattutto per dei lavori che ci vengono richiesti dai giocatori di alto livello, ma in realtà anche in questo caso basta una telecamera ed è un servizio che forniamo a tutti i livelli. Riusciamo a disporre di tutta una serie di dati sulle giocate: possiamo calcolare le accelerazioni del nostro giocatore, gli spostamenti in metri, la velocità, calcolare gli impatti, cioè a che distanza sei dalla palla quando colpisci… Ci manca solo la rotazione della palla e volendo la potremmo anche calcolare. Ma tra qualche mese Dartfish calcolerà anche quella! Con i giocatori che seguiamo, come dicevo, facciamo anche lavori specifici di questo tipo. Ad esempio, con uno di loro, che abbiamo seguito lo scorso anno – nel quale è riuscito a rimanere stabilmente nella top 100 – a inizio stagione abbiamo fatto un lavoro specifico sulla biomeccanica del dritto. Aveva una preparazione che non era conforme agli standard dei giocatori di altissimo livello e quindi abbiamo fatto tutta una serie di aggiustamenti. Abbiamo accorciato i tempi di preparazione, adesso prepara molto più basso con la mano che indietreggia, mentre prima alzava la preparazione; adesso va direttamente dietro e quindi non perde tutto quel tempo. Poi abbiamo lavorato per aumentare la distanza della racchetta dal punto di impatto perché togliendo un po’ di movimento circolare avrebbe avuto meno spazio per andare ad accelerare. Insomma, tutta una serie di lavori che hanno migliorato notevolmente l’efficacia del suo dritto.

D. Chiudiamo parlando del libro ”L’allenamento mentale performativo nel tennis”, quello che hai scritto a quattro mani con il mental coach Federico Di Carlo e che è appena uscito.

Con Federico ci siamo ci siamo posti il problema dei “turning points”, dei punti di rottura, cioè cercare di standardizzare e analizzare statisticamente quei momenti, che possono essere positivi o negativi, che si verificano durante i match e che cambiano l’inerzia del match. Abbiamo preso una serie di indicatori che siamo andati ad incrociare con i punti di rottura – definiti oggettivamente, in base al rapporto punti vinti/punti persi – rilevando come cambia il comportamento dei giocatori all’interno dei punti di rottura attraverso l’analisi statistica dei suddetti indicatori. Tra i quali vi sono quelli classici come la percentuale di prime palle, ma anche altri più specifici e collegati all’aspetto mentale, come l’intervallo di tempo che intercorre tra la prima e la seconda di servizio.

D. Attraverso queste analisi è possibile rilevare, ad esempio, che nei turning points negativi un giocatore tende ad andare a servire molto più velocemente la seconda. Non possiamo sapere se si tratta di una causa o di un effetto, ma abbiamo comunque un’informazione che ci permette di intervenire sul comportamento del giocatore e soprattutto renderlo consapevole.

Esattamente. E pensa la quantità di informazioni di questo tipo che possiamo ottenere attraverso l’analisi dei punti di rottura di 50 partite. Posso vedere per tutti gli indicatori se c’è una correlazione o meno, e se c’è se è positiva a negativa, con i turning points.

D. Un lavoro che conferma come anche a livello mentale si possa lavorare su dati oggettivi, basandosi sull’analisi statistica e sull’evidenza delle immagini.

Sì, esatto, si tratta di un metodo di lavoro del tutto innovativo per la parte mentale. E che conferma anche in quest’ambito la validità del nostro motto ad Inside Tennis: Se non stai misurando, stai indovinando.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Jannik Sinner vince ad Anversa il quarto titolo dell’anno: best ranking e Torino più vicina

Ancora una prestazione impeccabile dell’azzurro che regola Schwartzman con un doppio 6-2

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 BELGA PHOTO KRISTOF VAN ACCOM

[1] J. Sinner b. [2] D. Schwartzman 6-2 6-2

Con un’altra prestazione maiuscola, Jannik Sinner mette le mani sul trofeo di Anversa regolando Diego Schwartzman con lo stesso doppio 6-2 con cui si era imposto sabato contro Harris. Nell’ora e un quarto di gioco, il pur rapidissimo e solido argentino è stato travolto dal ritmo imposto agli scambi da un Sinner dominante su entrambe le diagonali e incontenibile nelle accelerazioni in parallelo; molto bene anche al servizio nonostante l’usuale non altissima percentuale di prime, ma dalle quali ha ricavato 21 punti su 23, piantando anche otto ace.

L’occhio va subito alla classifica, con quel numero 11, a soli 55 punti dalla top ten, che è anche best ranking. E, altrettanto importante, è il passo avanti nella Race, con il sorpasso su Norrie che vale il nono posto (non contando Nadal, fermo per il resto della stagione), a 110 punti Hurkacz. Dopo il bis a Sofia, avevamo accennato alla possibilità ancora aperta di diventare il primo azzurro a vantare quattro titoli in una stagione. Non sappiamo se Jannik si sia distrattamente soffermato a pensare “possibilità?” con la giusta e necessaria dose di presunzione, ma di sicuro il nostro non se l’è fatta sfuggire.

 

IL MATCH – Entrambi arrivano in finale senza aver ceduto alcun set, con el Peque che in semifinale ha fatto valere il peso dell’esperienza su un Brooksby peraltro al sesto incontro della settimana, mentre Sinner ha impressionato tenendo a bada il servizio di Lloyd Harris. Avversario ovviamente ben diverso da Harris, Schwartzman inizia tenendo la battuta, subito imitato da Sinner. Diagonale sinistra proposta dall’uno e volentieri accettata dall’altro, entrambi vogliono mettere in campo il loro miglior ritmo prendendosi l’opportuno margine di sicurezza per valutare se sia sufficiente a prevalere. L’azzurro tira più forte e sta più vicino al campo, quindi il ventinovenne di Buenos Aires può solo confidare negli errori del nostro – errori gratuiti, perché, costretto troppo lontano, ha poche chance di forzarli. Hanno invece il passaporto argentino i due brutti dritti che, seguiti da un paio di gran punti in accelerazione di Sinner, valgono il sorpasso già al terzo game, subito consolidato da un turno di servizio autoritario contro quello in vetta alla classifica dei migliori ribattitori delle ultime 52 settimane.

L’angolo della telecamera principale non rende giustizia alle traiettorie dell’azzurro che mette in mostra anche esiziali dritti stretti che aprono in campo quanto e più del rovescio sull’altro lato. Dopo un altro break che vale il 4-1, sembra esserci esserci un attimo di rilassamento, ma Jannik non ha intenzione di concedere nulla e da sinistra salva le due opportunità argentine di accorciare. Diego rimane aggrappato ai punti come un mastino, annulla due set point al settimo gioco e tenta di opporsi al 40-0 di quello successivo prima di capitolare alla quinta opportunità.

Sinner non si siede sugli allori del quarto 6-2 consecutivo inflitto agli avversari e parte fortissimo anche nel secondo parziale scatenando il rovescio lungolinea che, insieme al dritto micidiale, spiana la strada all’immediato vantaggio. Schwartzman può solo cercare di rimanere in scia, non perdere troppo campo e tenere la testa fuori dall’acqua in attesa di un calo dell’avversario che, viceversa, non accenna a lasciare la presa. Anzi, prosegue sullo stesso ritmo forsennato e ogni piccolo errore di Diego diventa pesante come un macigno nell’economia del punteggio. Inevitabile un altro break e un altro 6-2 per il nostro giovanissimo alfiere che alza il quinto trofeo ATP in carriera su sei finali disputate. Per quanto riguarda invece i rimpianti per quella persa a Miami, in attesa della conclusione della Corsa a Torino, di certo si affievoliranno sempre più fino a svanire di fronte a questo livello di tennis.

Continua a leggere

ATP

ATP Mosca: a Karatsev il derby russo, Cilic a caccia del ventesimo titolo

Khachanov dura un set contro il connazionale. Acuto di fine stagione per il trentatreenne croato, che elimina Berankis

Pubblicato

il

Aslan Karatsev - Mosca 2021 (foto Telegram VTB Kremlin Cup)

La folta presenza di tennisti russi nel torneo ATP 250 di Mosca ha trovato in Aslan Karatsev il più valido rappresentante per conquistarsi un posto in finale. Il ventottenne infatti ieri ha sconfitto 7-6(7) 6-1 il connazionale Karen Khachanov in un incontro tanto equilibrato ed incerto nel primo set quanto rapido e a senso unico nel secondo. Nel tie-break che ha deciso la prima frazione Karatsev su è trovato sotto 6 punti a 3 e in totale è stato in grado di annullare 4 set point. “Ho cercato di non pensare al punteggio nel tie-break e di giocare un punto alla volta”, ha detto Karatsev nell’intervista in campo a fine partita. Sul 5-6 ho messo a segno una grande risposta e lui si è innervosito, ed è così che sono riuscito a vincere. Per me significa tantissimo raggiungere la finale; sono stato a questo torneo molte volte, quindi la finale di domani sarà speciale per me”.

Esploso in Australia quest’anno – dove al primo Slam giocato in carriera ha raggiunto la semifinale – Karatsev ha dimostrato ampiamente che non si trattava di un episodio isolato, ma bensì semplicemente un processo di maturazione avvenuto ad un’età particolarmente avanzata per uno sportivo. Attualmente è N.22 del mondo e addirittura matematicamente sarebbe ancora in corsa per un posto alle ATP Finals di Torino, occupando la posizione N.13 della Race (con 2.180 punti), 775 punti dietro Hurkacz l’ultimo giocatore qualificato. Al momento tutto questo discorso passa in secondo piano, tuttavia, perché per Aslan c’è qualcosa di più importante: alle 15 di domenica 24 ottobre giocherà la sua terza finale ATP – ovviamente raggiunte tutte in questa stagione – e l’obiettivo è portare a casa il secondo trofeo dopo quello di Dubai a marzo.

Piccola curiosità statistica su Karatsev: il russo è il primo tennista dal 1992 a disputare nella stessa stagione almeno due finali di singolare, doppio e doppio misto. L’ultimo a riuscirsi era stato 29 anni fa l’australiano Mark Woodforde, vincitore in carriera di 17 prove Slam tra doppio e doppio misto, e 4 titoli ATP di singolare. Karatsev invece quest’anno ha raggiunto la finale in doppio sempre al fianco del connazionale Andrej Rublev nell’ATP 250 di Doha perdendo, e più recentemente al Masters di Indian Wells portando a casa il titolo. Per quel che riguarda il doppio misto invece in entrambe le occasioni era al fianco di Elena Vesnina ma i due hanno perso sia al Roland Garros che alle Olimpiadi di Tokyo.

 

Ad opporsi al gioco d’anticipo del russo nella finale dell’ATP 250 di Mosca ci sarà il veterano Marin Cilic. Nonostante il trentatreenne croato abbia ormai abbandonato da un po’ di tempo i piani alti del tennis, il suo gioco potente gli permette ancora di togliersi tante soddisfazioni, e così in semifinale è arrivata la vittoria 6-3 6-4 sul lucky loser lituano Ricardas Berankis. Quest’anno Cilic, nonostante le prestazione opache negli Slam, è riuscito a togliersi qualche soddisfazione, tra cui il titolo vinto sull’erba di Stoccarda; se dovesse accaparrarsi anche il trofeo di Mosca arriverebbe al ragguardevole traguardo di 20 titoli in carriera su 35 finali disputate. Ricordiamo che in passato ha già vinto otto tornei sul cemento indoor, a dimostrazione di quanto il suo gioco sia adattabile ad ogni condizione e superficie.

In una notevole prestazione al servizio contro Berankis, Cilic ha messo a segno 10 ace e ha vinto l’83% (33/40) di punti con la sua prima di servizio per concludere l’incontro dopo un’ora e 31 minuti. “È stata una partita difficile, Ricardas ha giocato bene”, ha detto Cilic a fine gara. “Il primo set è stato fantastico da parte mia, ho servito alla grande, ma poi Ricardas ha iniziato a trovare il suo ritmo e ha giocato molto meglio nel secondo. Si è trattato di un incontro ostico e mentalmente difficile, ma sono riuscito a giocare il mio miglior tennis al momento giusto”. Oggi il croato scenderà in campo per la terza volta in carriera nell’atto conclusivo del torneo di Mosca, dove ha già trionfato due volte nel biennio 2014-15 battendo in entrambi i casi Bautista Agut. L’unico precedente tra Cilic e Karatsev è avvenuto ad agosto di quest’anno sul cemento di Cincinnati al primo turno, dove a vincere è stato Cilic per 7-5 6-3.

Qui il tabellone completo dell’ATP di Mosca e degli altri tornei della settimana

Continua a leggere

Flash

ATP Anversa, Sinner: “Sto lavorando su un aspetto del mio gioco, ma non vi dico quale!”

Dopo la vittoria su Harris, l’azzurro tira le somme del 2021: “Giocare un’altra finale vuol dire tanto. Credo di aver fatto una buona stagione, seppur con alcuni alti e bassi che secondo me sono normali”

Pubblicato

il

Jannik Sinner ad Anversa 2021 (Credits: @atptour on Twitter)

È uno Jannik Sinner soddisfatto quello che ha parlato ai microfoni della stampa dopo la netta vittoria riportata ai danni di Lloyd Harris nella semifinale dello European Open di Anversa: “Ho iniziato bene in entrambi i set, ho cercato di crearmi un vantaggio con il servizio e mi sentivo bene anche in risposta. Di sicuro è più facile giocare quando sono in vantaggio, perché sono molto più rilassato. Lui è un grande giocatore, non concede niente, quindi sapevo di dover rimanere concentrato: per esempio, quando ero avanti 4-1 nel secondo non volevo consentirgli di riavvicinarsi. In generale sono stato molto solido“.

Ha poi aggiunto: “Raggiungere un’altra finale vuol dire tanto per me, credo di aver giocato bene e di aver fatto una buona stagione, seppur con alcuni alti e bassi che secondo me sono normali. Non mi interessa chi sarà il mio prossimo avversario, scenderò in campo e farò del mio meglio“. La conferenza stampa si è svolta durante la seconda semifinale, e quindi l’azzurro non conosceva ancora il nome del suo avversario: ora sappiamo invece che gli toccherà il secondo favorito del torneo Diego Schwartzman (curiosamente anche a Sofia la finale contro Monfils aveva messo di fronte il primo seed Sinner e il numero due), che ha battuto Jenson Brooksby 6-4 6-0 – fra i due non ci sono precedenti.

LE SUPERFICI INDOOR E IL LAVORO “SEGRETO”

Non è un mistero che Sinner ami giocare al chiuso, dove ha vinto gli ultimi sette incontri giocati senza mai perdere un set fra Sofia e Anversa. Interrogato sull’argomento ha commentato: La superficie è buona per il mio stile di gioco, perché non ci sono né il sole né il vento. Indoor poi la palla non rimbalza molto alta, come invece succede per esempio ad Indian Wells. Certo, le condizioni sono le stesse per entrambi i giocatori, quindi se le condizioni sono cattive lo sono per entrambi e viceversa“.

 

Una prestazione di questo livello non è però motivo di adagiarsi sugli allori, come ben sanno sia lui che Riccardo Piatti: “Non siamo mai soddisfatti, c’è sempre qualcosa da migliorare. Io vedo delle cose da sistemare, lui ne vede altre. Ora stiamo lavorando tanto su una cosa in particolare, anche se non voglio dire cosa, ma è un aspetto che sto cercando di mettere in pratica anche durante le partite. Non vi dico cos’è perché altrimenti nella prossima partita vi metterete a parlare solo di quello! Però lavoriamo su ogni aspetto, inclusi i piani tattico e mentale“.

LA PROGRAMMAZIONE: VIENNA, BERCY, LA DAVIS…E TORINO?

Questo risultato consente a Sinner di rimanere in corsa per le ATP Finals, obiettivo che lo sta portando a giocare tutte le settimane. A prescindere dall’esito del match di domani, infatti, la settimana prossima sarà a Vienna, dove spera di poter scendere in campo mercoledì per riposarsi un pochino, anche come dice lui stesso dipende solo dal torneo: “La verità è che non siamo noi a decidere quando giochiamo, possiamo solo chiedere, poi decidono gli organizzatori: se a Vienna mi metteranno mercoledì bene, altrimenti giocherò martedì“.

Esordire di mercoledì lo obbligherebbe a giocare tutti i giorni, programmazione che alcuni giocatori preferiscono perché consente loro di mantenere il ritmo partita, mentre altri prediligono il giorno di pausa ad inizio torneo. Sinner però non sembra avere una condizione favorita in questo senso: “Se hai giocato tre ore sicuramente preferisci riposarti il giorno successivo, però onestamente non ho una preferenza, dipende dalla situazione“.

Il suo avversario a Vienna sarà Reilly Opelka (in coppia con il quale ha peraltro vinto il titolo di doppio ad Atlanta durante l’estate), ma per ora la sua mente è rivolta giustamente alla finale: “Non penso ad Opelka, ora mi concentro sul match di domani. Sicuramente è un primo turno complicato, lui tirerà forte e mi darà poco ritmo, e io magari non avrò buonissime sensazioni perché non avrò molto tempo per adattarmi al campo“.

La grande densità del calendario di queste ultime settimane è anche il motivo per cui ha deciso di giocare meno partite in doppio: “Ho preferito non giocare in queste ultime settimane in doppio perché credo di aver fatto tante partite quest’anno [al momento sono 59 con 41 vittorie, ndr]; in ogni caso mancano ancora molti tornei, Vienna, Parigi, una fra Stoccolma e Milano, poi la Davis, quindi vedremo“. E chissà che non si aggiunga un altro impegno sempre in Italia del nord, verrebbe da dire: di sicuro lui se lo augura!

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement