Sinner: "Gli allenamenti con Nadal sono la cosa migliore che potesse capitarmi"

Flash

Sinner: “Gli allenamenti con Nadal sono la cosa migliore che potesse capitarmi”

L’Équipe ha intervistato il giovane azzurro: “Berrettini ha un grande servizio, Fognini è un talento incredibile, mentre Sonego è un guerriero”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Melbourne 1, Great Ocean Road 2021 (via Twitter, @atptour)

Dopo la sconfitta al primo turno a Montpellier contro Bedene, Jannik Sinner si è concesso per una lunga intervista con L’Équipe, in cui ha affrontato diversi temi, dal suo futuro agli inizi da sciatore al momento positivo del tennis italiano.

UNA CARRIERA LAMPO

L’ascesa di Sinner è una rarità nel tennis contemporaneo, visto che è salito dalla posizione N.553 alla Top 40 in meno di due anni in un’epoca in cui l’età media dei top player è sempre molto alta: Per tutti è diverso, per me il passaggio dalla cinquecentesima alla cinquantesima posizione è stato molto rapido, così come quello dai Futures ai tornei ATP. Non ho giocato a livello juniores, ho preferito misurarmi contro giocatori adulti nei Futures. Non ho nemmeno giocato molti Challenger, credo 10 o 12, prima di passare al tour principale”. Ovviamente, questo non è un punto d’arrivo per lui: “Sono andato rapidamente ma continuo a guardare avanti; i prossimi tre anni saranno fondamentali per me. Devo lavorare, perdere delle partite, capire perché ho perso e giocare il più possibile per migliorare. Quando avrò fatto 200 partite ATP inizierò a conoscermi meglio. E poi non è detto che continui così, potrei rallentare o anche peggiorare qualora mi facessi male. Ma so quello che faccio e che senso abbia la mia vita, il tennis è la cosa più importante per me“.

Il segreto di Pulcinella è che da lui ci aspetta il primo titolo Slam per un uomo italiano dal 1976: “Tutti si aspettano titoli Slam, ma questo non mi disturba, ho 19 anni e so che la strada è lunga e che la pressione più grande è quella che mi metto io. Per vincere dei grandi tornei, bisogna perdere delle grandi partite, è una cosa che fa male ma fa crescere, come successo all’Australian Open con Shapovalov. Ne ho parlato tanto con il mio team: vogliamo vincere, ma quando si è giovani è importante anche perdere. Non voglio mettermi fretta, sono diventato professionista a 18 e voglio giocare fino a 38!”

 

Pur essendo molto più giovane di loro, l’altoatesino è arrivato ai piani alti quando il tennis è ancora dominato dai Big Three, una cosa che a suo dire è esclusivamente uno stimolo: Mi considero fortunato ad aver giocato nella stessa epoca di Novak, Rafa e Roger, i più grandi di sempre, non soltanto perché mi dà la possibilità di affrontarli ma anche perché mi consente di imparare da loro sotto tutti i punti di vista. Il match contro Rafa al Roland Garros è stato importante per me, e essermi potuto allenare con lui a Melbourne lo è stato di più, anzi, è la cosa migliore che potesse capitarmi a 19 anni, non solo come evento importante per la mia carriera ma anche come esperienza di vita. Non me lo scorderò mai”.

IL SUCCESSO DEL MOVIMENTO AZZURRO

Sinner è la punta dell’iceberg di un movimento in salute (almeno nel maschile) – qual è il segreto del tennis italiano? “Abbiamo tanti giocatori fra i primi 100, 200 e 300, ed è una grande motivazione perché vuol dire che ci sono sempre dei connazionali meglio piazzati da battere. In più, in Italia ci sono tanti Challenger, e questo è fantastico per i giovani, che così ricevono tante wildcard dalla FIT. Giocare a un livello più alto del proprio consente di migliorare molto in fretta. Anche perdendo al primo turno ci si abitua ad allenarsi con gente che sta nelle prime 100-150 posizioni”.

Al momento ci sono quattro italiani fra i primi 40, ma Sinner non vede grosse similitudini: Siamo tutti molto diversi. Berrettini ha un grande servizio e un grande dritto, mentre Fognini ha un talento incredibile. […] Sonego è un guerriero, un grande lavoratore. Siamo molto diversi anche fisicamente: Berrettini è grosso e potente con il suo metro e 96. Fabio è rapido e si muove bene. Sonego ha un buon fisico. Io sono 1.88 e longilineo. Poi ci sono le superfici: io sono bravo su quelle rapide, altri sulla terra”.

GLI INIZI DA SCIATORE

L’estrazione del campione Next Gen del 2019 è peculiare anche per via della sua passione originale, vale a dire lo sci, dove da bambino eccelleva: “In Italia del nord ci sono delle bellissime montagne, dei bellissimi inverni e delle ottime stazioni sciistiche, quindi tutti sciano. Casa nostra a Sesto si affaccia proprio sulle piste. Ho iniziato a sciare a tre anni e mezzo, passando poi all’attività agonistica con gli allenamenti. Fino all’età di 12 anni ho fatto abbastanza bene con gli sci, mentre non giocavo molto a tennis, un’ora due volte a settimana durante l’estate e quasi mai d’inverno, mentre sciavo due ore al giorno con anche le gare durante i week-end”.

Qual è stata quindi la chiave per l’inizio della sua passione per la racchetta? “A 13 anni ho iniziato a perdere nelle competizioni sciistiche perché non ero più abbastanza forte fisicamente, e ho iniziato ad apprezzare il tennis perché è veramente un gioco. Nello sci fai una discesa di un minuto e mezzo e se sbagli sei finito, non puoi più vincere. Nel tennis puoi sbagliare e continuare a giocare per altre due ore e mezza. A me piace giocare, avere tante opzioni, accelerare, rallentare…. Da allora, come detto, il tennis è diventato la vita di Jannik, che però continua a portare dentro di sé il suo primo sport: Gli sci mi sono serviti per il footwork e per l’equilibrio, che sono fondamentali nel tennis. Se sei rapido e hai un buon equilibrio, non hai bisogno di essere troppo potente”.

UN ITALIANO ATIPICO?

Non è un mistero, Sinner non corrisponde allo stereotipo dell’italiano nel mondo, e l’intervista ha contribuito a ricordarci che, se il suo atteggiamento serafico è in qualche modo sorprendente per alcuni appassionati nostrani, lo è ancora di più all’estero: “È perché sono del nord Italia. La vita è un po’ diversa in Sud Tirolo… ci si sente italiani perché si è cresciuti in Italia, ma la prima lingua è il tedesco. Infatti quando a 13 anni mi sono trasferito a Bordighera, a sei ore di strada da casa mia, per allenarmi presso il circolo di Riccardo Piatti, è stata dura. Non capivo niente di quello che mi dicevano, è lì che ho realmente imparato l’italiano. Ora lo parlo abbastanza bene, ma non è ancora perfetto“.

Proprio il tema della sua apparente imperturbabilità è stato discusso approfonditamente: “È una questione di famiglia, credo. Fino all’età di 15-16 anni chiamavo sempre mia madre quando perdevo un match. Non è che piangessi o cose del genere, ma ero dispiaciuto e avevo bisogno di essere confortato. Solo che mia madre lavora nella baita dove mio padre fa il cuoco, e quindi mi rispondeva sempre: ‘Senti, non ho tempo di parlare, devo lavorare’. Per questo motivo ho dovuto imparare a gestirmi, a conoscermi e a tirarmi fuori da solo dalle situazioni complicate“.

Infine, anche il suo aspetto fisico non è quello tipico di un nostro compatriota, soprattutto per via dei capelli rossi, cosa che in passato ha creato più di un equivoco:Quando ero più giovane in alcuni mi chiedevano se fossi irlandese. In più, avevo i capelli lunghi fino alle spalle perché non avevo voglia di andare dal parrucchiere. Quando dicevo di essere italiano, notavo subito quanto quest’informazione stupisse le persone”.

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Gian Marco Moroni approda ai quarti del Challenger di Milano

In una settimana in cui molti già pensano a Wimbledon, il tennista romano non si distrae ed eguaglia il suo miglior risultato stagionale

Pubblicato

il

Gian Marco Moroni - ATP Challenger Todi 2020 (foto Felice Calabrò)

Dopo un momento della stagione ricco d’impegni, questa settimana il circuito Challenger aveva in programma un solo torneo perché tutti i riflettori sono già puntati su Wimbledon, dove stanno terminando le qualificazioni. Quindi la terra battuta è stata un po’ dimenticata, a tutto vantaggio del Challenger di Milano che si prende ogni attenzione. Diremmo meritatamente perché il torneo, ritornato in calendario dopo l’anno Covid, vanta una bella tradizione e un albo d’oro prestigioso in cui troviamo i nomi, tra gli altri, di Volandri, Delbonis e Cecchinato.

Nella bella cornice dell’Aspria Harbour Club Milano a distinguersi è Jimbo Moroni (n.257 ATP) che, dopo essersi sbarazzato dell’italo-croato Viktor Galovic (n.333 ATP), non concede alcuna chance a Orlando Luz (n.318 ATP), che liquida con un rapido 6-3 6-4 in nemmeno un’ora e mezza. L’86% di punti di Jimbo sulla prima di servizio ha stroncato il brasiliano (67%), generando tre break contro l’unico lasciato all’avversario. Adesso la sfida nei quarti con il croato Duje Ajdukovic (n.297 ATP). Raggiunto al telefono Moroni ci ha detto: “Sono molto contento per il mio torneo perché sto giocando davvero bene. Nei quarti trovo Ajdukovic che conosco benissimo, visto che ci alleniamo spesso assieme a Bordighera. Sarà sicuramente un match molto duro“.

Giulio Zeppieri si fa invece battere in rimonta da Hugo Grenier (n.262 ATP) 3-6 6-3 7-6. Nel terzo set Zeppo è andato a servire sul 5-3 in suo favore ma non è riuscito a concretizzare, complice una certa desuetudine agonistica dopo il mese di stop per il problema al ginocchio. Peccato perché è stato Giulio ad avere più occasioni, ma al termine delle oltre due ore e mezza di partita è il francese ad alzare le braccia al cielo. Nei quarti sono arrivati anche i primi due favoriti del torneo: l’argentino Federico Coria (n.89 ATP) e il danese Holger Rune (n.236 ATP). Sono tutti e due in grande forma e a giugno hanno alzato entrambi un trofeo (Coria a Prostejov e Rune a Biella 7), facendo tra l’altro capire che ci terrebbero a non fermarsi qui.

Continua a leggere

Flash

ATP Maiorca: Djokovic in finale di doppio, ma non giocherà. Medvedev in semi (di singolare)

Il partner di Djokovic (in Spagna solo per giocare il doppio) si fa male dopo la vittoria in semifinale. Medvedev batte bene Ruud e ora sfida Carreno Busta

Pubblicato

il

Daniil Medvedev (via Twitter, @MallorcaChamps)

C’è mancato poco che in finale sull’erba di Maiorca arrivassero il numero uno e il numero due del seeding di Wimbledon, ossia Novak Djokovic e Daniil Medvedev. Non avrebbero giocato uno contro l’altro, però, poiché il campione serbo si era recato sui prati spagnoli soltanto per mettere a punto le volée. La sua finale l’aveva raggiunta nel torneo di doppio, assieme al partner d’occasione Carlos Gomez-Herrera, ma dopo la semifinale vinta contro Aisam-ul-Haq Qureshi e Oliver Marach il doppista spagnolo ha lamentato un problema alla caviglia che l’ha costretto al ritiro facendo naufragare le speranze di titolo di Djokovic.

L’altra semifinale si è dunque trasformata in una finale ed è stata spostata a sabato. La giocherà il nostro Simone Bolelli, in coppia con Maximo Gonzalez; avversari Marcus Daniell e Philipp Oswald.

TORNEO DI SINGOLAREMedvedev ha bisogno di tennis ‘vero’ e di certezze in vista di Wimbledon e sembra le stia trovando. Dopo la vittoria su Moutet ne è arrivata un’altra in due set contro Casper Ruud (7-5 6-1) che gli frutterà la sfida in semifinale contro Carreno Busta. Anche lo spagnolo è ancora ‘illibato’ a livello di set in questo torneo e nei quarti ha battuto Thompson.

 

La seconda semifinale sarà invece un affare tra Sam Querrey e Adrian Mannarino, gente da erba insomma. Lo statunitense è stato chirurgico sulle le palle break concesse (tre, tutte annullate) e un po’ meno su quelle offerte dal suo avversario Bautista Agut, che questa notte avrà probabilmente qualche rimpianto per le due occasioni mancate sul 3-3; tenuto quel servizio, Querrey ha infatti piazzato l’unico break della partita e l’iniezione di fiducia gli è tornata utile per vincere agevolmente il tie-break del secondo set. Vittoria in tre set invece per Mannarino nella sfida tutta mancina dei gesti antichi contro Feliciano Lopez, che sui prati ha ancora il merito di riuscire a sembrare un tennista competitivo. Sarà però il francese a continuare a cullare sogni di titolo, che eventualmente sarebbe il secondo della sua carriera sui prati… e in assoluto; a ‘s-Hertogenbosch nel 2019 ruppe l’incantesimo dopo sei finali perse. E altre tre ne ha perse dopo.

Il tabellone completo

A.S.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, qualificazioni femminili: sei ragazze già nel main draw, Pironkova-Konjuh al turno decisivo

Le prime a prenotare un posto nel tabellone principale sono Minnen, Volynets, Liu, Tsurenko, Pattinama Kerkhove e Kalinskaya

Pubblicato

il

Proseguono le qualificazioni di Wimbledon, orfane delle giocatrici italiane, e già si conoscono i nomi di sei delle tenniste che potranno accedere al tabellone principale dello Slam londinese. La prima a qualificarsi è stata Greetje Minnen, che si è sbarazzata di Varvara Lepchenko con un doppio 6-2 e dunque giocherà per la prima volta a Wimbledon, l’unico tra i Major a cui non aveva ancora preso parte (nel 2019 aveva perso all’ultimo turno di qualificazioni). Prima partecipazione a Wimbledon anche per Katie Volynets, che ha eliminato in due set una Beatriz Haddad Maia un po’ contratta nei momenti decisivi dell’incontro, e per Lesley Pattinama Kerkhove (addirittura alla sua prima apparizione Slam). L’olandese realizza a 29 anni il sogno di poter giocare uno dei quattro tornei più importanti di questo sport, spuntandola per 9-7 al terzo contro Jule Niemeier dopo aver annullato ben due match point consecutivi sul 5-4.

Sarà invece la seconda volta nel tabellone principale per Claire Liu, che nel 2018, sempre da qualificata, fu sconfitta al secondo turno dalla futura campionessa Angelique Kerber, dopo aver vinto il torneo junior l’anno precedente. La giovane statunitense ha superato in rimonta Astra Sharma con il punteggio di 4-6 6-2 6-1. Gran vittoria per Lesia Tsurenko che ha rimontato Yafan Wang e presenzierà dunque a Wimbledon per la decima volta consecutiva. Dopo aver perso un combattuto primo set per 7-5, l’ucraina ha cambiato marcia dal 2-2 nel secondo e ha inanellato una serie di nove giochi di fila. Il break di Wang sul 5-0 è servito solo a rendere meno severo il punteggio, senza incrinare minimamente le sicurezze di Tsurenko. L’ultima a qualificarsi è stata Ana Kalinskaya, autrice di una grande rimonta nel terzo set contro Priscilla Hon. Vinto il primo per 7-5, Kalinskaya ha subito la reazione dell’australiana che ha fatto suo il secondo parziale per 6-1 e si è portata avanti 3-0 nel terzo, con due break di vantaggio. Kalinskaya ha recuperato fino al 4-4 ed è poi riuscita a piazzare la zampata vincente nel dodicesimo gioco.

Per quanto riguarda le giocatrici che avevano fermato la corsa delle italiane il bilancio è in parità: due vittorie e due sconfitte. Avanti le due australiane Arina Rodionova e Storm Sanders che ieri avevano eliminato Giulia Gatto-Monticone e Sara Errani. Rodionova ha superato Magdalena Frech 7-5 7-5 dopo che la polacca si era ritrovata a servire per il set in entrambi i parziali, mancando addirittura quattro set point nel secondo. Molto più agevole il match di Sanders che ha avuto bisogno di un’oretta di gioco per avere la meglio su Aleksandra Krunic per 6-3 6-2. Eliminate invece Barbara Haas e Katarzyna Kawa, giustiziere rispettivamente di Jessica Pieri e Martina Di Giuseppe.

 

La sfida sicuramente più interessante dell’ultima giornata di gioco sarà quella tra Tsvetana Pironkova e Ana Konjuh. La prima ha lasciato appena tre giochi alla giocatrice di casa Naiktha Bains (6-1 6-2), mentre la croata si è un po’ complicata la vita contro Varvara Flink, perdendo un rocambolesco secondo set. Dopo aver cominciato il match con un bagel, Konjuh ha sciupato due match point in risposta sul 5-4 e si è poi fatta scippare il parziale in volata. Nel parziale decisivo ha però subito scavato un solco tra lei e l’avversaria, veleggiando tranquilla verso il 6-3.

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement