Musetti: "Mi sembra di poter fare tutto questa settimana"

Flash

Musetti: “Mi sembra di poter fare tutto questa settimana”

Lorenzo Musetti è raggiante dopo il successo su Dimitrov, che lo manda anche in top 100: “Ho dovuto fare i miracoli per entrarci, con il ranking congelato!”. Ora Tsitsipas: “Non è finita, avrò le mie chance”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Acapulco 2021 (foto AMT2021)

Quindici minuti di conferenza stampa da onorare all’1:30 locale, dopo oltre due ore di gioco, possono diventare quasi un fardello quando non vedi l’ora di andare a dormire per preparare la tua prima semifinale in un ATP 500 – il match più importante (fino ad ora) della tua carriera che ti vedrà opposto a Stefanos Tsitsipas, il secondo top 10 che ti si para davanti in carriera.

Sono i problemi – se così possiamo chiamarli – che deve affrontare questa settimana Lorenzo Musetti, 19 anni compiuti appena un paio di settimane fa, che ha trovato il modo di farsi adottare dal pubblico di Acapulco vincendo (fino ad ora!) tutte le partite. Le tre di qualificazione contro Hernandez, Velotti e Ferreira Silva, poi quella contro Schwartzman (primo successo su un top 10), quindi Tiafoe e per ultimo il successo in due set su Dimitrov, che con lui condivide la bellezza del gesto e il rovescio a una mano. Gli undici anni di differenza sono però emersi in favore del più giovane, che ha avuto più coraggio e ha messo in mostra più soluzioni.

In questo momento è difficile descrivere come mi sento” ha esordito Lorenzo. “Sicuramente sono stanco, quasi esausto, ma davvero felice. Finalmente una semifinale; sarò in top 100 da lunedì, ho realizzato un sacco di obiettivi stanotte. Sono davvero fiero di me stesso, ho giocato molto bene“. La stanchezza non è però in grado di oscurare l’ambizione: “Mi sembra di poter fare tutto questa settimana. Non voglio perdere. Anche stanotte ho fallito alcuni match point prima di vincere, sono stato sopra e sotto di un break; il tennis è un gioco mentale e la chiave è rimanere sempre in partita“. Facile a dirsi, molto meno a farsi – e Musetti sta dimostrando questa settimana di poterlo fare anche su palcoscenici di un certo livello.

Dimitrov è un ottimo giocatore” dice tornando sul match appena vinto. “Si muove molto velocemente, è molto flessibile. Io ho servito e risposto molto bene, ho cercato di comandare lo scambio sin dal primo punto con il dritto. Lui è un gran difensore, un buon lottatore e gli piace giocare lo slice, mischiare le carte. Alla fine ho vinto un match fantastico, anche molto fisico“. Appena la sua undicesima apparizione a livello di circuito maggiore, che gli frutta già il terzo successo ai danni di un top 20. La crescita atletica è stata cruciale. “Vengo da un lavoro di preparazione molto intenso, sono cresciuto tanto dal punto di vista fisico. Sono stato un po’ un diesel, ho dovuto un attimo carburare ma adesso mi sento veramente bene fisicamente, molto sciolto e flessibile in campo (un po’ come Dimitrov, ndr). Mi sto muovendo molto bene, il lavoro ha dato i suoi frutti. In carriera ho sempre avuto alti e bassi, fino ad ora. Ad esempio a inizio stagione non giocavo bene ma ho ottenuto risultati grazie all’atteggiamento. Ora sto giocando molto bene invece. Penso di aver giocato una partita quasi perfetta e sono ancora più contento“.

Lorenzo Musetti – Acapulco 2021 (foto AMT 2021)

La prossima fermata, come detto, porta il nome di Stefanos Tsitsipas. Un altro rovescio a una mano, un altro valore rispetto a Dimitrov – parliamo del numero 5 del mondo. “Sarà molto dura, ma anche io sto giocando bene” dice Musetti, lasciando nuovamente trasparire tutta la sua ambizione. “Ogni partita è diversa, ma affronterò uno dei giocatori più forti del circuito. Sinceramente non ne ho ancora parlato con Simone, non c’è stato tempo. Ovviamente parto sfavorito ma non ho niente da perdere, mentre lui deve vincere e un po’ di pressione ce l’avrà. È stata una bella settimana: al massimo finirò lottando“. Poi ci ripensa: “Ma non penso sia finita: avrò le mie chance anche domani“. Passando senza problemi dall’inglese all’italiano, perché nonostante l’orario proibitivo tutti vogliono sentire cosa ha da dire, Lorenzo confessa che non si aspettava la semifinale – era venuto qui principalmente per passare le quali e giocare nel main draw. Adesso c’è una top 100 (a lungo inseguita) da festeggiare.

Lo sapevo bene anche prima di entrare in campo, in questa partita avevo un altro obiettivo oltre alla semifinale e al prize money. Il mio obiettivo principale era quello della classifica, perché con il ranking congelato non è facile salire. È stato uno scoglio veramente duro, ho dovuto fare i miracoli per entrare in top 100 ma finalmente ci sono riuscito. Le porte degli Slam si aprono, ho la possibilità di fare più punti e scalare la classifica sarà più facile… anche se non sarà facile! Però ci saranno più tornei accessibili“. Essere in top 100 o rimanerne fuori fa una gran differenza, e da questo punto di vista è perfettamente comprensibile che Musetti fosse lì con la calcolatrice in mano mentre Sinner – già ampiamente in top 50 – dice che per lui la classifica è solo un numero.

Per provare ad abbassare ancora questo numero – l’approdo in finale lo proietterebbe alla posizione 77 del ranking, il titolo 22 posizioni più in alto – Lorenzo potrà contare anche sul supporto del pubblico messicano. “Mi piacciono le attenzioni del pubblico. Oggi c’erano molte persone sugli spalti a sostenermi, tutti tifavano per me e l’ho apprezzato molto. Spero sarà lo stesso anche contro Stefanos. Sì, sono stanco, ma darò il massimo. Non ho contratture o crampi, mi riposerò un po’ prima della partita, alle otto il warm-up e alle dieci si va in campo. Sarò ok per la partita“.

Anche perché per i rituali a fini scaramantici, con le giornate lunghe di Acapulco, non c’è molto spazio. “Oggi ho finito all’una, quindi ogni rituale dei giorni precedente sarebbe andato a farsi benedire! E poi non credo troppo a queste cose, anche se uso sempre la stessa doccia negli spogliatoi. Per il resto… già il tennis è complicato, quello lì diventerebbe un altro lavoro!“. Quello del tennista, bisogna essere onesti, sembra riuscirgli piuttosto bene.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash7 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement