ATP/WTA Miami, qualificazioni: cinque italiani all'ultimo turno

Flash

ATP/WTA Miami, qualificazioni: cinque italiani all’ultimo turno

Dei nove azzurri ai nastri di partenza, quattro uomini (Gaio, Lorenzi, Fabbiano e Viola) e una sola donna (Cocciaretto) raggiungono il turno decisivo

Pubblicato

il

Paolo Lorenzi - US Open 2020 (Foto di Mike Lawrence/USTA)

Con la disputa degli incontri del primo turno di qualificazione, sono iniziate le due settimane tradizionalmente dedicate al Miami Open, il primo combined “Masters 1000 – WTA 1000” di questa tribolata stagione 2021. Il bilancio italiano dopo la prima giornata è comunque positivo: nove interpreti impegnati (cinque uomini e quattro donne), cinque di loro accedono al turno decisivo. Avanzano Lorenzi, Viola, Gaio, Fabbiano e Cocciaretto; vengono eliminati Giustino, Errani, Paolini e Trevisan.

Partiamo dai quattro ragazzi che hanno fatto particolarmente bene e martedì giocheranno per incrementare la presenza azzurra nel tabellone principale che vede già sei nostri rappresentanti ammessi direttamente.

Il terzo tennista più forte del mondo tra quelli in attività della classe 1981 non finisce di stupire. Vedendolo sotto di un set e un break contro il brasiliano Joao Menezes, di quindici anni più giovane, forse qualcuno avrà pensato “va bene lo stesso, Paolino”. Non lo ha pensato Paolo Lorenzi che strappa il servizio e poi consolida nel game successivo, dove risulta decisivo uno scambio di quelli che, solo a guardarli, ci rimetti un paio di polmoni. Lo vince l’azzurro, quello scambio, al termine del quale ci sembra di leggere un sottotitolo del tipo “dove sono i tuoi ventiquattro anni adesso?”. Da lì a prendersi il set al tie-break è una passeggiata (più o meno), mentre chi si aspetta che la lotta continui al terzo rimane deluso – no, probabilmente no, perché Lorenzi dilaga fino al 6-1 chiuso con la risposta aggressiva quando mancano poco meno di tre minuti alle tre ore di gioco, quindi va bene così. Martedì tocca a Jason Jung cercare di fermare la corsa di Paolo.

 

Bella vittoria di Matteo Viola che annulla due set point consecutivi a Bernabé Zapata Miralles, n. 146 ATP. Un 7-6 6-2 che vale sia per le oltre cento posizioni in classifica che dividono i due, sia perché il ventiquattrenne di Valencia è in ascesa e in fiducia anche lontano dalla terra battuta, come testimoniano la finale di febbraio al Challenger di Quimper e le vittorie su Albot e Millman a Dubai. Per accedere al tabellone principale, Matteo dovrà battere Mischa Zverev che, a dispetto dell’attuale 280° posto del ranking, è avversario ancora pericoloso se ha voglia di stare in campo.

Federico Gaio, sesto del seeding, rispetta il pronostico contro il n. 221 Brayden Schnur, finalista a sorpresa a New York nel 2019 (al “250” indoor, ovviamente), torneo che aveva contribuito a portarlo in top 100. Un perentorio 6-4 6-1 porta il ventinovenne di Faenza al turno decisivo contro il mancino inglese Liam Broady (n. 157 ATP), che recentemente ha raggiunto la finale del Challenger di Biella sconfitto da Andreas Seppi.

Thomas Fabbiano si impone in due set su Roberto Quiroz, n. 271, ecuadoriano e nipote del vincitore del Roland Garros 1990 Andres Gomez. Effettuato il sorpasso al settimo gioco, il trentunenne di San Giorgio Ionico affronta le prime palle break (quattro) quando serve sul 5-4, ma tra buone prime di servizio e aiuti dell’altrui dritto mancino fa suo il set. Nella seconda partita, al decimo game, Quiroz annulla un match point sul proprio servizio (l’unica palla break che si vede nel set)), ma Fabbiano gioca un ottimo tie-break e guadagna il turno decisivo contro il ventenne californiano Jenson Brooksby. Per Thomas, come del resto per gli altri tre azzurri, sarà sfida inedita. E forse l’occasione di cominciare una nuova fase della carriera e riavvicinare quella top 100 che manca dall’ottobre 2019 (oggi Thomas è n.178 del mondo).

Non ce la fa invece Lorenzo Giustino, che si arrende in due set al texano Mitchell Krueger, n. 204 ATP. Krueger non ha bisogno di affilare troppo gli artigli per strappare al quinto gioco il break che decide il primo parziale, con Giustino che subisce in due occasioni la profondità della palla statunitense e stecca un dritto di attacco. La chance di rientrare è cancellata da un’ottima prima che non permette a Lorenzo di difendere il campo. Non cambia molto nel secondo set, con Lorenzo spesso incapace di far male quando può entrare con il dritto. È così che perde la battuta sul 3 pari, mentre la comoda volée affossata dopo un timido approccio che chiude il game successivo sancisce la definitiva uscita dal match di Giustino.

Risultati:
[14] P. Lorenzi b. J. Menezes 3-6 7-6(5) 6-1
M. Krueger b. [17] L. Giustino 6-4 6-3
[6] F. Gaio b. B. Schnur 6-4 6-1
M. Viola b. B. Zapata Miralles 7-6(2) 6-2
[22] T. Fabbiano b. R. Quiroz 6-4 7-6

Il tabellone delle qualificazioni maschili


Erano quattro le azzurre che cercavano l’accesso al primo WTA 1000 della stagione, torneo che assegna subdolamente proprio mille punti alla vincitrice. A giocarsi la qualificazione per unirsi a Camila Giorgi nel main draw rimane solo…

Elisabetta Cocciaretto. La ventenne marchigiana, semifinalista a Guadalajara due settimane fa, è venuta a capo con un doppio 6-4 della statunitense Claire Liu. A dispetto del punteggio, sono state necessarie due ore di lotta a Coccia per uscirne vincitrice. L’ultimo gioco del primo parziale è durato 24 punti, con 4 palle break annullate e la chiusura al sesto set point. Game che si allungano anche nel secondo, mentre Liu risale dall’1-4 pesante, per poi perdere nuovamente il servizio sul 4 pari. Cocciaretto tiene a zero per la sfida contro Timea Babos.

Martina Trevisan, tds n. 3, non sfrutta un match point che pareva cosa quasi fatta e si arrende 7-6 al terzo ai 182 cm di Olga Govortsova, trentaduenne bielorussa certamente più propositiva. Vinto il primo parziale 6-4 e subito l’1-6 della reazione avversaria, nel terzo Martina conserva il vantaggio fino al momento di servire sul 5-4. Un game rocambolesco, con Trevisan che arriva a match point dopo aver annullato tre palle del pareggio; serve bene la curva mancina che le dà il controllo dello scambio, presto ribaltato dal lungolinea della n. 143 WTA dopo un appassito rovescio fiorentino. La capacità di Olga di sbagliare palle semplici è superata solo dalla facilità con cui pare dimenticare quegli errori, come lo smash che permette all’azzurra di servire una seconda, inutile volta per chiudere. Sarà invece Govortsova, arrivata al n. 35 del mondo ancora diciannovenne, a imporsi al tie-break.

Anche Jasmine Paolini subisce la rimonta dell’Olga avversaria, nel suo caso la ventenne Olga Danilovic. La mancina di Belgrado, pareggiato il primo set finito al tie-break con un netto 6-1 nel secondo parziale, brekka in apertura di terzo. La differenza tra le due, a parte gli oltre 20 cm di altezza a favore della figlia di Sasha, è nella realizzazione dei punti con la prima battuta, mitigata però da una certa incapacità di capitalizzare il maggior volume di gioco espresso e da un buon 50% sulla seconda per la venticinquenne toscana. Il vantaggio serbo nella partita finale svanisce e il merito va ascritto a Jasmine. L’aggancio sul 4 pari è però effimero perché Olga gioca con attenzione e torna avanti. Nessun problema a tenere la battuta sul 5-4, grazie anche a un errore a campo aperto di Paolini nel primo punto che forse avrebbe potuto mettere un po’ di pressione a Danilovic; aveva già commesso 7 doppi falli, Olga, che chiude invece con il decimo ace.

Non passa neanche Sara Errani, sconfitta in tre set da Bethanie Mattek-Sands, nonostante il moto d’orgoglio quando, perso il primo parziale e sotto uno 0-3 pesante, ha infilato sette giochi consecutivi. Di nuovo in svantaggio di un break, Sara ha recuperato fino al 4 pari, per poi cedere nuovamente la battuta al decimo game. 33% di realizzazione con la seconda per Sara che peraltro ha commesso solo 5 doppi falli.

Il tabellone delle qualificazioni femminili

Ha collaborato Vanni Gibertini

Continua a leggere
Commenti

Flash

L’outfit di Sonego allo US Open: ecco la Collezione uomo per il tennis di Mizuno

SPONSORIZZATO – Traspirabilità ed elasticità dei tessuti, scarpe appropriate per qualsiasi livello di gioco e qualsiasi superficie: così Mizuno veste i suoi tennisti

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego è stato uno degli uomini di punta del tennis italiano nell’anno 2021: la semifinale a Roma, il titolo a Cagliari, la finale a Eastbourne e gli ottavi a Wimbledon sono stati i suoi risultati migliori, risultati che hanno fatto di lui il terzo miglior singolarista italiano dopo i top ten Matteo Berrettini e Jannik Sinner. Sonego è da tantissimo tempo uomo Mizuno: il brand multisport, la cui sede italiana è a Torino nella centralissima via Soleri (dove è stato organizzato pochi giorni fa un bell’evento con protagonisti l’uomo-Davis dell’Italia e l’altro tennista torinese Andrea Vavassori), veste il tennista torinese e ne ha accompagnato fin dagli albori della sua carriera la crescita sportiva, una crescita che può avere margini ulteriori, tutti da esplorare nella stagione 2022. Nella settimana che dovrebbe vedere l’esordio di Lorenzo in Coppa Davis con i colori della nazionale italiana, Mizuno ci propone un approfondimento sull’outfit che Lorenzo Sonego ha vestito durante l’ultimo US Open.

La Collezione uomo parte dalla maglietta, denominata Shadow Polo. Bianca con due bande blu e arancioni sfumate, dal punto di vista dei materiali è composta all’87% da poliestere e al 13% da Elastane. I benefit consistono nella leggerezza e nell’estensibilità del tessuto, nonché nella sua notevole traspirabilità che facilitano la termoregolazione del corpo. Da notare il colletto a polo per i due bottoncini, ma il taglio è moderno e performante. I colori disponibili sono White (come nella foto), Harbour Blue e Violet Blue, le taglie S e XXL. Il prezzo al pubblico della maglietta è di 50 euro.

Il pantaloncino, denominato “8 in Flex Short”, è quasi identico come composizione (86% poliestere, 14% Elastane) ed è caratterizzato da traspirabilità e libertà di movimento. Ha due tasche aperte e una coulisse interna per una migliore vestibilità durante l’attività sportiva. La lunghezza interno gamba è di 20,3 cm. I colori disponibili sono Harbour Blue (come nella foto), White e Black, le taglie S e XXL. Il prezzo al pubblico è 40 euro.

 


La bandana, disponibile, nei colori bianco (con logo blu) e nero (con logo bianco) è in 100% poliestere e propone una taglia unica. Il prezzo al pubblico è 10 euro. I polsini sono fatti al 77% di nylon e al 23% di gomma; i colori sono gli stessi della bandana e il prezzo è sempre 10 euro l’uno.


Last but not least, la scarpa: La Wave Exceed Tour 4 garantisce massima leggerezza e velocità con tecnologia D-flex Groove integrata nel mesopiede che permette ai giocatori cambi di direzione alla massima velocità con la massima potenza. La tomaia a diamante flessibile offre una calzata confortevole ma stabile. Il peso è di 340 grammi, la calzatura è adatta a giocatori di livello avanzato ed è disponibile in due versioni: con suola All Court (adatta a tutte le superfici) e quella Clay Court (perfetta per le superfici in terra rossa). I colori disponibili sono Harbour Blue (come nella foto), White e Firecracker. Il prezzo al pubblico è 145 euro

Continua a leggere

Flash

“Una squadra”, la docuserie sulla Coppa Davis del 1976, verrà presentata al Film Festival di Torino

Anteprima d’eccezione: Panatta, Pietrangeli, Bertolucci, Barazzutti, Zugarelli e il creatore della serie Domenico Procacci saranno intervistati da Neri Marcorè. Ci sarà anche il direttore Scanagatta, testimone di quegli anni in qualità di cronista

Pubblicato

il

Corrado Barazzutti, Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta sollevano il trofeo della Coppa Davis 1976 (Photo Courtesy of Fosforo Press)

La squadra italiana si sta preparando all’esordio contro gli Stati Uniti al Pala Alpitour, ma non sarà l’unica rappresentativa azzurra di Coppa Davis di cui si parlerà nel capoluogo piemontese: in occasione del trentanovesimo Torino Film Festival, domenica 28 novembre alle ore 17.00 (presso la Sala 6 dell’UCI del Lingotto) verrà infatti presentata in anteprima “La squadra“, una docuserie che racconta dello straordinario gruppo composto da Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Tonino Zugarelli, gruppo capace di raggiungere quattro finali di Davis e di sollevare il trofeo nel 1976 in Cile, vincendo anche un clima politico estremamente complicato che all’epoca portò quasi ad una consegna del silenzio sul loro successo, celebrato in maniera importante solo negli ultimi anni.

Questa prima d’eccezione sarà nobilitata inoltre dalla presenza dei quattro campioni e di Nicola Pietrangeli, inizialmente capitano della selezione, che saranno intervistati da Neri Marcorè. Di seguito il teaser:

“La squadra” è stata scritta da Domenico Procacci, Lucio Biancatelli Sandro Veronesi (che saranno presenti a loro volta alla prima) e prodotta da Fandango, di cui Procacci stesso è fondatore – si tratta però della sua prima (e a suo dire unica) esperienza da regista. Qui invece la sinossi ufficiale:

 

“Gli anni di cui parliamo vanno dal 1976 al 1980. Lo sport è il tennis. Siamo in Italia e il trofeo per cui si combatte è la Coppa Davis. La squadra è formata da quattro giocatori: Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Tonino Zugarelli.
In quei cinque anni raggiungono la finale quattro volte, vincendo solo una volta: nel ‘76 contro il Cile. Intorno a quella finale si crea un vero e proprio caso politico, con enormi polemiche sull’opportunità di andare a giocare con i colori dell’Italia nel Cile del dittatore Pinochet. Le finali raggiunte ma poi perse sono nel ‘77 contro l’Australia, nel ‘79 contro gli USA e nel ‘80 contro la Cecoslovacchia. Nelle prime due edizioni, ‘76 e ‘77, la squadra ha come capitano non giocatore una leggenda del tennis italiano, Nicola Pietrangeli, ritiratosi dall’attività agonistica solo da pochi anni. Pietrangeli, da giocatore a sua volta finalista nel 1960 e 1961, verrà esonerato dalla sua stessa squadra dopo la sconfitta del ‘77 in Australia. È lui il quinto protagonista della nostra storia. Raccontiamo una squadra. Ma una squadra divisa, frammentata, con al suo interno rapporti difficili, a volte conflittuali, sia tra i giocatori che con chi li guida e allena. Una squadra, una nazionale, che nel momento in cui ha la vittoria a portata di mano viene osteggiata e combattuta nel suo stesso Paese. E nonostante tutto questo, in quegli anni la squadra più forte del mondo”.

Da sinistra a destra: Adriano Panatta, Antonio Zugarelli, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Nicola Pietrangeli (Photo Courtesy of Fosforo Press)

LE PAROLE DEGLI ORGANIZZATORI

Il direttore artistico del Torino Film Festival Stefano Francia di Celle ha detto: “Il cinema che riscrive la storia: cinque punti di vista per raccontare eventi che hanno infiammato l’ItaliaEmozioni, sorprese, entusiasmi e acrimonie si intrecciano sapientemente a preziosi materiali d’archivio per dare vita sullo schermo a una verità viva e cangiante. Il TFF fa il tifo per l’opera prima da regista di un protagonista del cinema italiano”.

“È stata una pagina importante della nostra storia e in questi giorni a Torino il tennis torna protagonista con le ATP Finals e la Coppa Davis“, hanno invece rimarcato Enzo Ghigo e Domenico De Gaetano, rispettivamente presidente e direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino. “Passato e presente si incontrano idealmente sullo schermo cinematografico e in campo, dando agli spettatori quelle emozioni che solo i grandi eventi sanno dare”.

Nicola Pietrangeli (Credit: Alberto Novelli)

I RICORDI DEL DIRETTORE

L’idea di presentare la serie al Festival di Torino è da ascrivere a Intesa Sanpaolo, Main Sponsor della kermesse e come noto legata a doppio filo anche alle Next Gen milanesi (infatti ufficialmente denominate Intesa Sanpaolo Next Gen ATP Finals) e alle Nitto ATP Finals appena conclusesi proprio a Torino. A seguito della proiezione, infatti, si svolgerà una serata dedicata presso il Grattacielo dell’istituto di credito, durante la quale sarà possibile scambiare qualche battuta con i protagonisti. Alla cena sarà presente anche il direttore del sito Ubaldo Scanagatta, che ha promesso di realizzare delle brevi interviste esclusive con gli eroi di quella spedizione.

Paolo Bertolucci (Credit: Alberto Novelli)

Nonostante quella squadra faccia parte della memoria collettiva (anche perché fino agli ultimi anni il tennis maschile non era esattamente stato prodigo di istantanee storiche), Ubaldo ha infatti un legame molto personale con il loro successo: ancora collaboratore esterno de La Nazione, fu infatti incaricato dall’allora direttore Domenico Bartoli di scrivere un pezzo che raccontasse in modo equilibrato il dibattito che circondava quella finale: secondo molti, infatti, l’Italia non avrebbe dovuto giocare quella finale in un Paese dove si era recentemente instaurata una truculenta dittatura. “Non si giocano volée contro il boia Pinochet” era il coro ricorrente del periodo, a cui faceva da contraltare la battaglia di Nicola Pietrangeli, che invitava a “non perdere l’occasione di conquistare la prima Coppa Davis anziché fornire uno strumento di propaganda proprio al regime di Pinochet”. Qui potete leggere il ricordo delle tensioni dell’epoca scritto da Ubaldo e rileggere il suo articolo del 1976.

Come detto, il girato verrà presentato domenica 28 novembre, ma sarà preceduto da una presentazione in programma sabato 27 alle 14 e da una conferenza stampa in programma domenica alle 13. Ubitennis, ça va sans dire, sarà presente anche a questi eventi, magari chiedendo un paragone con quelli che potrebbero essere gli eroi del 2021 e oltre per il tennis maschile italiano.

Adriano Panatta (Credit: Alberto Novelli)

Continua a leggere

Challenger

Il Challenger di Bari parla italiano: bene Nardi, Vavassori e Cobolli

Ben sei azzurri raggiungono i quarti di finale nel capoluogo pugliese. Eliminati Matteo Viola in Bahrain e Luciano Darderi a Brasilia

Pubblicato

il

Andrea Vavassori – ATP Stoccolma 2021 (foto via Twitter @sthlm_open)

Al Challenger 80 di Bari (cemento outdoor) erano ben 14 gli italiani presenti in tabellone e sei di loro sono arrivati ai quarti di finale. A cominciare da Thomas Fabbiano che mai quest’anno aveva superato più di un turno. Qui a Bari, sarà forse l’aria di casa, ha prima battuto Roberto Marcora in un derby molto combattuto 7-6(8) 6-3 e poi con un netto 6-4 6-3 la diciannovenne promessa inglese Jack Draper (N.258 ATP, semifinalista a Ortisei e nei quarti all’ATP 500 del Queen’s). Che sia l’inizio di un’inversione di tendenza, dopo un anno da incubo, per il tennista pugliese? Il quarto di finale contro Brancaccio ci darà una prima risposta.

E proprio Raul Brancaccio è stato autore della sorpresa di giornata, eliminando Carlos Taberner (N.101 ATP e prima testa di serie) in un match durato due giorni, sospeso per pioggia nel tie-break del primo set sul 6-4 per l’italiano. Alla ripresa Raul accusa la partenza a freddo e commette un doppio fallo che potrebbe costargli caro. Per sua fortuna non è che lo spagnolo sia molto più caldo e restituisce il favore con la stessa moneta. Vinto il tie-break, per l’azzurro il resto della partita è una passeggiata di salute fino al 7-6(6) 6-3 che lo promuove al turno successivo.

Anche un bravissimo Flavio Cobolli si guadagna i quarti al termine di un incontro molto tirato contro Tobias Kamke (N.250 ATP). Drammatico poi il primo set che il romano si aggiudica al tie-break 12-10, nonostante la maggiore esperienza del trentacinquenne veterano tedesco. Dopo aver rifiatato nel secondo parziale, l’azzurro domina il set decisivo, ottenendo il break decisivo nel quarto gioco. Il confronto che lo attende nei quarti contro l’altro tedesco Oscar Otte (N.112 ATP e recente vincitore di Ortisei e Ismaning) è di quelli impegnativi.

 

Un altro tedesco aspetta nei quarti il nostro Luca Nardi, quel Daniel Masur (N.204 ATP) che ha eliminato nei turni precedenti due italiani (Fabrizio Andaloro e Francesco Forti), ma siamo certi che il giovane marchigiano, incurante di ogni scaramanzia, saprà farsi valere. Del resto le due vittorie contro Maxime Cressy (N.122 ATP e recente finalista a Ortisei ed Eckental) e Julian Lenz sono di quelle importanti, soprattutto per il modo autoritario in cui sono state ottenute.

Nel derby tra Andrea Vavassori e Andrea Pellegrino, il pugliese parte meglio e nel terzo gioco ottiene il break che gli consente di portare a casa il primo parziale e quasi il risultato pieno: il tie-break del secondo set sembra più volte prendere la strada di Pellegrino, che però non riesce a sfruttare ben quattro match point. Bravissimo infatti Vavassori a resistere e a vincere 12-10, portando l’incontro a un terzo set che dominerà. Il piemontese, con il punteggio di 4-6 7-6(10) 6-2, vince così il quarto dei sette scontri diretti con Pellegrino e guadagna il pass per i quarti. Dove dovrà affrontare un altro derby contro Filippo Baldi che ha eliminato Andrea Arnaboldi 6-4 3-6 6-3, complice anche un problema alla spalla sinistra accusato dal mancino milanese nel terzo set. Peccato perché all’esordio Arnaboldi aveva battuto addirittura Holger Rune, ritiratosi per un problema al gomito quando era sotto 6-4 1-0.

Al Challenger 80 del Bahrain (cemento outdoor) era presente il solo Matteo Viola che, dopo aver superato 6-4 7-5 il cinese di Taipei Yu Hsiou Hsu (N.358 ATP), è andato letteralmente a sbattere contro il britannico Jay Clarke che gli ha inflitto un severo 6-2 6-1.

Al Challenger 80 di Brasilia (terra battuta), Luciano Darderi era l’unico italiano in gara e si è molto ben comportato, superando due turni di qualificazioni non banali. Poi sfortuna ha voluto che si trovasse accoppiato con la testa di serie N.1 Federico Coria. Il diciannovenne italo-argentino si è difeso con coraggio ma alla fine ha dovuto cedere 6-3 7-6(7).

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement