L’esperimento di Leo Borg: portare con leggerezza un nome pesante (da 'Slalom')

Flash

L’esperimento di Leo Borg: portare con leggerezza un nome pesante (da ‘Slalom’)

Come accettare di essere un comune mortale quando tuo padre è stato un mostro sacro? Per molti nella Storia è stato impossibile: dal figlio di Mozart ai figli di Dante e Giotto. Leo Borg ci prova

Pubblicato

il

Leo Borg e Bjorn Borg
 

Il testo che vi proponiamo di seguito è tratto dalla newsletter ‘Slalom’, curata da Angelo Carotenuto – ex giornalista della Gazzetta dello Sport ed ex responsabile delle pagine Sport di Repubblica – della quale vi abbiamo già parlato qui. Se Slalom vi incuriosisce, si può ricevere in mail ogni mattina abbonandosi QUI.


Dei mille e più modi di essere figli e uccidere il padre, i fratelli Karamazov ebbero esperienza del meno metaforico di tutti. Le cose vanno da sempre così. Metti al mondo un bambino e lo condanni ad avere per sempre a che fare con te. Il pianista e compositore Franz Mozart si logorò tutta la vita nella consapevolezza di non poter raggiungere mai papà Wolfgang, del quale gli avevano pure dato il nome aggiungendolo al suo. Come se non bastasse, lo mandarono a scuola da Salieri. Francesco Bondone, figlio impavido di Giotto, fu pittore. Jacopo Alighieri si diede a commentare la Commedia e il fratello Pietro azzardò rime. Durante la sua drammatica esistenza, Christian Brando provò a scartare di lato e fu taglialegna, pescivendolo, muratore, macellaio, ma non ce la fece, recitò lui pure, per essere almeno un poco Marlon, in piccoli ruoli o da comparsa. Frank Sinatra non ebbe neppure la gioia di un nome tutto suo, fu per il mondo junior, e che poteva fare: duettò in giro per il mondo col papà.

Dei mille e più modi di essere figli, sul lato opposto del diagramma sta Judith Shakespeare, figlia di cotanto William, ma analfabeta. Sua sorella Susanna aveva a stento imparato a firmare, mentre Hamnet, il solo figlio maschio di casa, morì a 11 anni, lasciandoci con il dubbio se avesse qualcosa a che fare con Hamlet oppure no, e su cosa sarebbe un giorno diventato. Eduard Einstein ha scansato teorie e calcoli, fu psichiatra, mentre Deirdrie Barnard ha evitato i trapianti di cuore e si è data allo sci nautico, avendo il vantaggio di non dover fare i conti con quella roba fastidiosa del complesso di Edipo.

 

Ci sono quelli che cercano un compromesso. Jean Matisse fu scultore, come Jean-René Gauguin, e ci sono padri che hanno scelto di non guastare i figli nella maniera più infallibile: non avendone. Leonardo non ne lasciò e neppure Beethoven, non c’è notizia di un erede di Caravaggio, né di Michelangelo, di Donatello, di Van Gogh. E bravo George Clooney a evitare a un futuro ragazzino di terza media l’onta con quel cognome di farsi dire di no dalla più bella della scuola. 

Si è più facilmente dinastia nel capitalismo (Agnelli e Berlusconi) come al circo (Orfei e Togni), si è dinastia tra avvocati e notai, ma già slittando dal piano degli artisti agli artigiani, si scopre che i due più celebri falegnami al mondo – dai quali numerosi libri e molte teorie sulla paternità discendono – ebbero per eredi un burattino e un predicatore. Se anche nella famiglia che più di ogni altra avrebbe dovuto tenersi alla larga dall’argomento per non cadere nel tranello, se anche Anna Freud è stata psicanalista, perché allora Leo Borg non potrebbe giocare a tennis?

Leo Borg, di anni 17 ancora fino a maggio, si prepara al debutto nel circuito maggiore dei professionisti. Gli hanno dato una wild card per le qualificazioni del torneo ATP della prossima settimana a Marbella ma nel frattempo gioca da oggi nel cerchio inferiore dei challenger, sempre con un invito, contro il giapponese residente in Florida Taro Daniel, uno da 120esima posizione al mondo (la newsletter è stata scritta prima della partita contro Daniel; ecco, diciamo che non è andata benissimo per Leo).

Leo Borg non è semplicemente il figlio di un campione. Non è la stessa cosa di Sebastian Korda, erede del Piotr campione a Melbourne nel 1998 e qualificato per gli ottavi (adesso quarti, ndr) di Miami. Non è la solita questione dei figli d’arte. Leo Borg è un ragazzino dentro un gioco che è stato suo padre a reinventare. È come andare a vedere la recita a scuola del figlio di Stanislavski. Può sembrare un’impresa fuori misura, se nel 2020 con il tennis ha guadagnato in tutto 977 dollari giocando 4 partite nei tornei di medio livello, tutte perse. Meno della paghetta che gli darebbe di papà. Possiamo considerarlo incauto. Quando il ragazzino giocò la prima partita in un challenger, a Bergamo, Gaia Piccardi sul Corriere della sera scrisse che aveva più top spin, meno carisma. Gli stessi polpacci affilati, il naso a punta identico. Sotto, appostata tra labbro e narici, una peluria chiara, troppo timida per spuntare rigogliosa. E poi la camminata: passi svelti sotto spalle curve da giocatore di hockey imploso, La sensazione è che abbia fatto il tennista senza sapere che il karma è una cosa seria. Provare a replicare Borg, pur con gli stessi geni, dovrebbe essere vietato dalla legge.

XTLKtCKmgy31SHru1tn4vTpdMRYN0gODhPmT0nvGPkzGEZkP_JekqqpxMpxmSpsNY-BDBPQezHOe9-zteifnU7adRwIGVPgJNuBuR0XKQyFqA17V_0QumvzddokdEBqIdxb23g1X

Oppure c’è un’altra lettura possibile, suggerita da uno sguardo al sito dell’ATP, dove la scheda del nuovo Borg non ha una sua foto, neppure dopo l’ingresso tra i primi 20 junior al mondo. Dice che la bio non è disponibile e alla voce relativa al suo gioco, sotto un cognome del genere, riferisce: destrorso, rovescio sconosciuto. Uno qualunque, un fantasma, un diciassettenne come un altro. Alla fine sarebbe questo il sogno suo, quando dice: «Giudicatemi per il mio tennis, non per il cognome che porto». 

Se questa è la piattaforma di partenza del figlio dell’uomo che ha imposto al mondo il rovescio a due mani, di Leo Borg allora dovremmo apprezzare l’evidente passione per il tennis in sé e l’accettazione del proprio limite. Capitò la stessa cosa a Robert Fleming. Non potendo reinventare la penicillina dopo suo padre, trovò la propria gratificazione da medico di base. Si può nascere figli di Zeus e vivere felici sapendo di essere mortali

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Dallas, il tabellone: Fritz e Tiafoe guidano la pattuglia americana, c’è anche Sock

Seconda edizione del torneo indoor in Texas, Ben dodici statunitensi in tabellone, ma nessun italiano

Pubblicato

il

Dallas Open - Dallas 2022 (Twitter - @DALOpenTennis)
Dallas Open - Dallas 2022 (Twitter - @DALOpenTennis)

Uno dei soli 10 tornei ATP rimasti negli Stati Uniti, e l’unico a giocarsi indoor, il Dallas Open ritorna anche quest’anno dopo l’edizione inaugurale del 2022 per cercare di stabilire una tradizione dopo la scomparsa ad uno ad uno degli eventi in terra americana che fino a un decennio fa si svolgevano in questo periodo.

Dopo la breve e sfortunata parentesi del New York Open a Long Island (il contratto di 10 anni è stato risolto soltanto dopo un tre edizioni), il torneo si è spostato a Dallas nell’impianto della Southern Methodist University per fornire ai tennisti nordamericani la possibilità di giocare e ottenere punti dopo l’Australian Open senza dover cambiare di nuovo continente e rimanere negli Stati Uniti in attesa del Sunshine Double.

Testa di serie n. 1 è il californiano Taylor Fritz, che al secondo turno potrebbe affrontare il suo compagno di nazionale Jack Sock, ammesso tramite una wild card, se quest’ultimo saprà superare il bielorusso Ivashka. Dalla parte opposta del tabellone troviamo il n. 2 del seeding Frances Tiafoe, che dopo il bye al primo turno affronterà il vincitore tra Mackenzie McDonald e un qualificato.

 

Terza testa di serie è il canadese Denis Shapovalov, che se la vedrà con chi uscirà vincitore nel match “stenografico” tra Wu e Mmoh, mentre il quarto giocatore del seeding è il serbo Miomir Kecmanovic, opposto al vincitore del primo turno tra Emilio Gomez e Taro Daniel.

Sono ben 12 su 24 gli statunitensi in tabellone ammessi di diritto o grazie a una wild card, cui se ne potranno aggiungere altri attraverso le qualificazioni. Nessun italiano sarà invece ai nastri di partenza in Texas.

Il tabellone completo dell’ATP di Dallas

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, World Group I: Rune trascina la Danimarca. Avanti anche Romania, Brasile, Ucraina, Perù, Turchia e Lituania

Il numero 1 danese decisivo nella vittoria contro l’India. Nelle sfide ancora in corso la Grecia di Tsitsipas ad un passo dai play-off di settembre

Pubblicato

il

Oltre alle sfide del World Group in programma in questo weekend anche gli incontri del World Group I, le cui vincenti sfideranno le perdenti dei Qualifiers per giocarsi a settembre un posto per il tabellone principale del 2024.

Già qualificate per i play-off di settembre la Danimarca che batte l’India trascinata da Holger Rune, la Romania che vince in Thailandia, il Brasile che liquida la Cina, l’Ucraina che batte il Libano, la Turchia che surclassa la Slovenia, il Perù che annichilisce l’Irlanda e la Lituania che fa fuori il Pakistan. Vicine al passaggio del turno il Giappone che è avanti 2-0 contro la Polonia orfana di Hurckaz e la Grecia di Stefanos Tsitsipas che conduce 2-0 sull’Ecuador. Sul 2-0 anche la Lettonia contro Israele, la Bulgaria in Nuova Zelanda e Taipei in Messico. Ecco i risultati delle sfide già terminate e di quelle in corso

GIAPPONE-POLONIA 2-0
GRECIA-ECUADOR 2-0
BRASILE-CINA 4-0
DANIMARCA-INDIA 3-2
THAILANDIA-ROMANIA 2-3
TURCHIA-SLOVENIA 4-0
PERU’-IRLANDA 4-0
MESSICO-TAIPEI 0-2
UCRAINA-LIBANO 3-1
LETTONIA-ISRAELE 2-0
NUOVA ZELANDA-BULGARIA 0-2
LITUANIA-PAKISTAN 4-0

 

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, day 1: Olanda e Repubblica Ceca avanti 2-0, parità in Finlandia e in Cile

I tulipani avanti sugli slovacchi, i cechi vicini alla vittoria in Portogallo. Cerundolo porta l’Argentina sull’1-1 in Finlandia, Jarry pareggia il Kazakistan

Pubblicato

il

Alcune sfide di Coppa Davis sono invece iniziate solo oggi e quindi hanno visto svolgersi il programma della prima giornata.

Non senza problemi l’Olanda è avanti 2-0 contro la Slovacchia. Griekspoor e Van Rjithoven hanno sudato non poco per venire a capo dei loro avversari. Non scontato il 2-0 ceco in terra portoghese, molto bravi Lehecka e Machac. Parità invece tra Finlandia e Argentina e tra Cile e Kazakistan. Vediamo il dettaglio delle sfide disputate.

COPPA DAVIS

 

Qualifiers

OLANDA-SLOVACCHIA 2-0

T. Griekspoor b. L. Klein 7-6(6) 2-6 6-4
T. Van Rijthoven b. A. Molcan 7-6(6) 5-7 6-3

Olanda avanti 2-0 sulla Slovacchia sul veloce di Groningen, ma ci sono volute due lunghe battaglie per vincere entrambi i singolari. Nel primo lo slovacco Klein non ha sfruttato due set point consecutivi sul 6-4 nel tie break del primo set prima di cedere il parziale 8-6. Lo slovacco ha vinto poi nettamente il secondo 6-2 ma ha ceduto il terzo set e la partita con il punteggio di 6-4, nonostante un bel recupero dall’1-4 al 4-4 e una palla per il 5 pari nel decimo gioco prima di cedere la battuta.

Combattuto, anche di più, il secondo singolare, finito dopo 2 ore e 55 minuti di gioco. Alla fine l’ha spuntata Van Rijthoven, vittorioso 6-3 al terzo contro lo slovacco Molcan. Olandese molto efficace al servizio (ben 27 ace), Molcan spreca un break di vantaggio nel primo set (conduceva 4-1).

CILE-KAZAKISTAN 1-1

T. Skatov b. C. Garin 6-1 6-3
N. Jarry b. A. Bublik 6-2 6-2

Una vittoria netta a testa tra Cile e Kazakistan nella prima giornata in corso di svolgimento sulla terra rossa di La Serena in CIle. Skatov supera agevolmente Garin, rimedia per i padroni di casa Nicolas Jarry che travolge uno spaesato Bublik, sconfitto con un doppio 6-2

FINLANDIA-ARGENTINA 1-1

E. Ruusuvuori b. P. Cachin 7-5 6-3
F. Cerundolo b. O. Virtanen 6-3 3-6 7-6(3)

Soffre l’Argentina in terra finlandese. Emil Ruusuvuori prova a trascinare i suoi a una storica qualificazione alla fase eliminatoria a gruppi battendo con sicurezza Pedro Cachin nel primo singolare. Ci pensa però Francisco Cerundolo a pareggiare i conti battendo in tre set il numero 2 finlandese Otto Virtanen, sconfitto però solo al tie break del terzo. Sfida molto equlibrata

PORTOGALLO-REPUBBLICA CECA 0-2

J. Lehecka b. N. Borges 6-4 6-4
T. Machac b. J. Sousa 7-6(6) 3-6 6-2

Non sfrutta al momento il fattore campo il Portogallo. Repubblica Ceca vanti infatti 2-0 in terra lusitana. Lehecka supera agevolmente Nuno Borges, Joao Sousa non sfrutta un set point nel primo set ed esce sconfitto al terzo nella sfida contro Tomas Machac. Cechi ad un passo dalla vittoria

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement