Il segreto di Nadal: "La verità è che non voglio perdere. Nel tennis non c'è autocompiacimento"

Flash

Il segreto di Nadal: “La verità è che non voglio perdere. Nel tennis non c’è autocompiacimento”

Nadal dopo il 12° titolo a Barcellona, il 61° sulla terra battuta: “Il momento perfetto per vincere il primo titolo della stagione. Ho margine per giocare meglio di così”

Pubblicato

il

Rafael Nadal - ATP Barcellona 2021 (courtesy of Barcelona Open Banc Sabadell)
 
 

Ci sono record che imbarazzano al solo citarli e poi ci sono quelli di Rafael Nadal sulla terra battuta, che creano imbarazzo già in fase di lettura. Con la vittoria in finale a Barcellona, dove Nadal fa 12 (seconda dozzina spuntata dopo Parigi, ci sono buone chance di riuscirci anche a Montecarlo – dove è fermo a quota 11 dal 2018), diventano 61 i titoli vinti su questa superficie. Per darvi un’idea, sommando tutti i titoli vinti sulla terra dagli altri nove giocatori attualmente in top 10, si arriva a quota 51. Per pareggiare invece il numero di partite vinte da Nadal sulla terra battuta nel circuito maggiore, 452, serve mettere assieme quelle di Djokovic e Federer.

Uno potrebbe chiedersi ma come fa, dove trova ancora la voglia. Lo ha spiegato lo stesso Rafa in una conferenza stampa virtuale trilingue, nella quale il maiorchino è passato dal castigliano al catalano – alle Baleari si parla appunto il balearico, che fa parte della famiglia dei dialetti catalani – prima di concludere in inglese. “La verità è che non voglio perdere. E mi piace vincere! Certo, mi piace anche solo competere, ma voglio farlo con la certezza di aver provato tutto, di aver giocato al mio miglior livello possibile. Se posso giocare al 60%, devo provarci e non devo accontentarmi del 40%. Certo è meglio poter giocare al 100%, ma non sempre è possibile. Si tratta di giocare al miglior livello che è possibile raggiungere in quel momento. Questa settimana sono riuscito a giocare sempre un po’ meglio della partita precedente. In finale è andata un po’ meglio della semifinale“.

Il suo livello è stato un po’ più alto di quello mostrato a Montecarlo, che non era stato sufficiente a battere un Rublev in grande spolvero. I punti percentuali di forma in più rispetto alla scorsa settimana sono stati cruciali per prevalere su uno Tsitsipas gagliardo, tanto gagliardo da arrampicarsi fino al match point fallito il quale il greco si è visto costretto a iscrivere per la seconda volta il suo nome nel club più nutrito del tennis: quelli che hanno provato a battere Nadal in una finale sul rosso e hanno fallito (sinora ce l’hanno fatta solo Federer, Djokovic, Murray e l’intruso Zeballos). “Stefanos gioca con molta passione, è giovane e ‘sente’ lo sport” ha commentato Rafa. “Ha talento e motivazioni per crescere, è normale che stia migliorando in tutti gli aspetti del gioco. È uno dei candidati per vincere tutti i tornei che gioca, al momento“. Anche perché è il numero uno della Race, aggiungeremmo noi.

 

Nadal sottolinea poi come questa vittoria, la prima del 2021, sia arrivata proprio al momento giusto. “Per la mia fiducia e per il valore del titolo in sé” specifica. “Barcellona è uno degli ATP 500 più importanti, un torneo con grande tradizione che ho giocato praticamente sempre in carriera. È il momento perfetto della stagione per vincere il primo titolo, questa settimana può aiutarmi per quello che sarà nelle prossime. Credo di avere ancora margine per giocare meglio di così, per alzare un po’ il livello“. La frase che tutti attendevano per compilare con il suo nome, come ogni anno da ormai più di una decade a questa parte, la prima casella nel listino dei favoriti per il Roland Garros.

Il passaggio dal due su tre al tre su cinque, che sarà effettivo dopo i tornei di Madrid e Roma, non sembra preoccupare chi sulla lunga distanza non ha perso praticamente mai (ricordiamo il suo record sulla terra best of five: 125-2). “Non sono stato in grado di giocare molte partite negli ultimi due mesi, ma partite come questa finale (durata tre ore e quaranta minuti, ndr) mi rendono più pronto ad affrontare altre battaglie. Mi sono sentito abbastanza bene in campo dal punto di vista fisico. Ho lavorato sodo per arrivare a giocare così. Certo, sono un po’ stanco, ma è normale; probabilmente anche Stefanos è un po’ stanco, nonostante sia più giovane di me. Dopo una partita di questo tipo, mi sento più pronto ad affrontare un match tre su cinque“.

La masterclass su come si continua a vincere a quasi 35 anni con la stessa voglia dei 20 continua in coda alla conferenza. “In questo sport non esiste autocompiacimento per i titoli già conquistati o per le finali del passato. A carriera finita, solo allora si può vivere del passato e di tutto quello che si è vinto. Vivo nel presente, la mia intenzione è essere pronto per quello che sarà nel futuro immediato“. Che ha il nome del Mutua Madrid Open, al via tra una settimana. “Sono contento di giocare di nuovo davanti al mio pubblico, forse è il torneo in cui ricevo il supporto più importante“. La Caja Magica sarà aperta al 40% della sua capienza. In questi tempi di porte chiuse, quasi un miraggio.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Rafael Nadal: strappo di 7 millimetri al muscolo addominale, ma conferma che giocherà la semifinale

Come riportato da Marca, il problema fisico riscontrato contro Fritz è più grave del previsto, ma non impedirà al maiorchino di affrontare Kyrgios

Pubblicato

il

Rafael Nadal (ESP) in action against Botic Van De Zandschulp (NED) in the fourth round of the Gentlemen's Singles on Centre Court at The Championships 2022. Held at The All England Lawn Tennis Club, Wimbledon. Day 8 Monday 04/07/2022. Credit: AELTC/Simon Bruty

Rafael Nadal si presenterà regolarmente in campo domani, 8 luglio, nella sfida in semifinale a Wimbledon contro Nick Kyrgios. La paura era serpeggiata un po’ in tutti, ieri sul campo Centrale di Wimbledon, quando Rafael Nadal aveva mostrato problemi agli addominali a metà secondo set (addirittura il padre dalle tribune gli ha detto: “Basta, ritirati“). Eppure il maiorchino, resiliente fino allo snervante e con stoica voglia di vincere sopra qualsiasi altra cosa, ha giocato e vinto un match incredibile, al quinto set, nonostante l’infortunio, contro un gran Taylor Fritz, che ha avuto qualcosina da ridire. I problemi fisici c’erano eccome, stamattina urgeva un controllo per monitorarne l’entità, e le cose non sono andate per niente bene. Come riporta il quotidiano spagnolo Marca, il colpo di frusta subito durante il secondo parziale mentre serviva, avrebbe causato uno strappo di 7 mm al muscolo dell’addominale, compromettendo ovviamente i movimenti sul servizio e al momento di giocare in allungo il rovescio in back.

Un problema di entità non indifferente, specie contando l’importanza di servire bene contro un gran battitore, che si esalta sui grandi palcoscenici e fa correre tanto l’avversario come Kyrgios. Chiaramente, alla luce di questi dati, era serpeggiata preoccupazione in merito a una sua presenza o meno in semifinale; ma Nadal, confermando la sua forza di volontà, il suo non mollare mai, giocherà comunque il penultimo atto contro l’australiano in una partita attesissima. Certamente questi problemi danno un po’ di possibilità in più anche a Nick, se sarà concentrato, ma resta la forza mentale di un uomo che, nonostante abbia già vinto tutto, non accenna a fermarsi, e evidentemente allenandosi oggi ha ritenuto di poter scendere in campo e dire la sua.

Non dimentichiamo inoltre che c’è un precedente, per quanto vecchio di 13 anni: prima della semifinale con Del Potro allo US Open 2009 (quindi sempre giocatore con buon servizio e potenza da fondo) Nadal aveva uno strappo di due centimetri al muscolo dell’addominale, ma giocò lo stesso. Rimediò un triplo 6-2, una delle peggiori sconfitte mai subite da lui su un campo da tennis. Certo ora l’entità del problema è diversa, ma si sono aggiunti anche altri 13 anni su quelle spalle, che eppure non impediranno al maiorchino di provare a tornare nell’ultimo atto dei Championships 11 anni dopo l’ultima volta, quando perse contro Djokovic, che potrebbe (e dovrebbe) essere il finalista della parte alta del tabellone.

 

Continua a leggere

Flash

Wimbledon: Jabeur è in finale, superata Maria in tre set

LONDRA – Partita godibile e varia tra Ons e Tatjana, con tanti tagli sotto la palla, smorzate e volée. Alla fine la qualità in spinta della tunisina risulta decisiva

Pubblicato

il

Pic credits Wimbledon Twitter

[3]O.Jabeur b. T.Maria 6-2 3-6 6-1 (da Londra, il nostro inviato)

La semifinale femminile che apre il programma del campo centrale di Wimbledon fra la testa di serie numero 3, e prossima 2 WTA, la tunisina Ons Jabeur, e la sorpresa Tatjana Maria, 34enne tedesca, madre di due figli, e attualmente 103 del ranking, è di gran lunga la partita più importante della vita di entrambe le giocatrici. Che sono molto amiche fra di loro, e condividono una predilezione per i tagli sotto la palla, accarezzati con grande talento, tanto che diversi colleghi inglesi hanno presentato il match come “The Battle Of The Slices”.

Oltre alla bella “mano” in comune nel gestire le rotazioni in backspin, rispetto all’avversaria Ons ha dalla sua anche la capacità di spingere bene con i fondamentali da dietro. In avvio, però, durante un lunghissimo primo game, da 16 punti, Jabeur si fa un po’ trascinare da Maria nella trappola dei giochini sottorete, senza far valere la sua maggior potenza, e fallisce tre palle break. La tensione in campo è palpabile, Ons reagisce e strappa il servizio all’avversaria nell’occasione successiva, per poi allungare 3-1 grazie a un buonissimo mix di accelerazioni ficcanti e tocchi felpati, sembra essere in forma. Tatjana, da parte sua, è sempre molto divertente da vedere, affetta come una salumiera appena può, e ottiene diversi errori gratuiti di Jabeur come premio. Non invidio la tunisina: dev’essere veramente dura giocare in assoluta mancanza di ritmo e peso di palla a cui appoggiarsi.

Se si può rimproverare qualcosa a Ons, è la gran quantità di risposte bloccate, che permettono a Maria di iniziare a manovrare con le sue affettate, anche quando potrebbe tranquillamente entrare in spinta. Ma la maggior qualità generale di Jabeur si fa sentire, arriva un secondo break, e senza problemi il primo set è suo, 6-2. Nel secondo, Ons fallisce palle break sull’1-1, e da quel momento si perde, complici diverse trame offensive veramente belle di Tatjana. Molto divertente la partita ora, c’è un passante di dritto spalle alla rete della tunisina che è roba da highlights dell’anno, ma come detto Jabeur ha smarrito il filo del gioco, sbaglia parecchio, cede lei la battuta, e si ritrova sotto 5-2.
Ancora spettacolo nei pressi della rete con smorzate e contro-smorzate assortite, Maria ha un set point annullato bene da Ons in attacco dietro alla battuta, ma nel game successivo la tedesca chiude con merito, 6-3 per lei e un set pari, il pubblico è assai contento di vedere queste due ancora per un po’. Troppi gli errori di Jabeur però, siamo a 27 in totale adesso, in due set brevi sono tanti, li paghi per forza.

Se vuoi essere una campionessa, da queste situazioni tecnicamente difficili devi saper uscire imponendo il tuo livello, e la tunisina è molto brava a fare esattamente questo, piazzando un ottimo sprint in avvio di terzo set, con accelerazioni vincenti e bei passanti, che la porta in vantaggio 3-0 con un break. Tatjana, sempre da ammirare quando gioca a rete, si salva due volte dal 4-0, ma poi cede proprio con un erroraccio in attacco, Ons ringrazia e subito allunga 5-0, direi che ci siamo. Quando il cronometro segna un’ora e 43 minuti, l’errore in rete di Maria decreta il 6-1 conclusivo, e ci consegna la prima finalista Slam araba/africana, che bella storia, e che bel talento.

Raggiante Jabeur a fine match: “Non so che dire, è un sogno che si avvera dopo anni di sacrifici, spero di saper continuare per un altra partita adesso. Giocare contro un’amica è difficile, ma la cosa più difficile è stata inseguire le sue palle, mi deve un barbecue adesso! Non molla un punto, ha un fisico incredibile, te la fa sudare a forza di smorzate, spero che continui a giocare così, è bellissima da vedere in campo, magari non contro di me, sto a posto così (risate). Sono una donna tunisina orgogliosa di stare qui adesso, so che al mio paese stanno impazzendo, spero di essere di ispirazione per più persone possibili!”

 

Continua a leggere

Challenger

Al Challenger di Todi sono già tre gli italiani a raggiungere i quarti

E potrebbero aggiungersi Matteo Gigante e Francesco Maestrelli impegnati oggi. Bene anche Cecchinato a Braunshweig

Pubblicato

il

Francesco Passaro e Marcello Marchesini

La settimana Challenger in Italia fa tappa a Todi dove officia il padrone di casa Marcello Marchesini. È sempre bello tornare nella località umbra, non solo per la solita perfetta organizzazione di MEF ma anche perché tutti gli appassionati di tennis ricordano benissimo che a Todi tutto ripartì dopo il lockdown del 2020. Dieci gli italiani in tabellone e tre di loro approdano ai quarti di finale, mentre Matteo Gigante e Francesco Maestrelli proveranno oggi ad aggiungersi alla compagnia.

Luciano Darderi batte Giovanni Fonio 6-3 7-6(3) e si conquista un posto nei quarti di finale dove troverà ad aspettarlo Francesco Passaro che, a conclusione del programma serale, batte Nino Serdarusic (n.167 ATP) col punteggio di 6-4 7-6(1). Il 25enne croato è giocatore atipico e soprattutto ondivago, che contro Passaro ha mandato in campo la versione migliore di sé e ha tenuto in ballo il beniamino di casa per quasi due ore prima di cedere con l’onore delle armi. Un break nel nono game è stato sufficiente all’azzurro per portare a casa il set. Più complessa la questione nel secondo parziale in cui Passaro si è ritrovato ad inseguire, sotto di un break. Fino al 3-5, quando ha dovuto fronteggiare cinque set point. A quel punto ha tirato fuori dal cilindro tutta una serie di conigli che neanche il mago Silvan. Il fatto è che in questo momento il tennista umbro è semplicemente convinto di non poter perdere. E Serdarusic ha pensato bene di non svegliarlo da questo felice incantesimo, così gli altri due set point annullati nel gioco successivo hanno definitivamente convinto Passaro della propria invulnerabilità. 

Nel primo incontro della sessione serale era sceso in campo Flavio Cobolli che ha avuto il merito di mettere subito le cose in chiaro con l’olandese Jelle Sels. Break immediato per il romano, tanto per ricordare all’avversario che la serata sarebbe stata complicata. Il vantaggio basterà all’azzurro per portare a casa il set, nonostante un momento di distrazione nel sesto gioco. Copione simile nel secondo parziale che confeziona il 6-4 6-4 finale. 

 

Al Challenger 125 di Braunschweig erano quattro gli italiani in tabellone. Marco Cecchinato approda ai quarti di finale superando nell’ordine lo slovacco Jozef Kovalik (n.204 ATP) e il forte polacco Kapcer Zuk (n.278 ATP). Bei segnali di risveglio per il tennista siciliano che probabilmente non vede l’ora di tornare a giocare ai livelli che gli competono, accettando finalmente il fatto che il percorso preveda le forche caudine dei Challenger. Ora lo aspetta Zhizhen Zhang (n.281 ATP) e va da sé che l’azzurro parta favorito ma senza sottovalutare il cinese che la scorsa settimana ha fatto finale al Challenger di Luedenscheid. Passa un turno Franco Agamenone che deve poi cedere (6-3 6-1) al tedesco Jan-Lennard Struff (n.155 ATP ma n.29 solo un paio di anni fa).

Subito eliminati invece Riccardo Bonadio che perde (6-1 6-1) dal giapponese Taro Daniel, continuando nel suo percorso tutto up and down, e Stefano Travaglia cui è fatale l’incrocio col non irresistibile Mats Moraing. L’ascolano lotta ma alla fine deve cedere 7-6(6) 6-4, confermando che questo non è proprio il suo anno.

In terra austriaca, in quel di Salisburgo, altro Challenger 125 e tre italiani ai nastri di partenza. Purtroppo nessuno di loro ha fatto molta strada, il solo Giulio Zeppieri supera il primo turno contro Fernando Verdasco, ormai monumento alla sua stessa memoria, per poi cedere 7-5 7-6(0) allo slovacco Norbert Gombos (n.124 ATP) dopo un’ora e quaranta di aspra lotta. Gombos che nel turno precedente aveva estromesso Luca Nardi 5-7 7-5 6-2 che non sta confermando il suo brillante inizio di stagione. Ancora peggio va ad Andrea Arnaboldi che cede facile (6-4 6-1) allo svedese Mikael Ymer (n.88 ATP). Infine al Challenger 80 di Porto (Portogallo, cemento outdoor) c’era un solo italiano, Marco Brugnerotto che ha affrontato le qualificazioni dove è stato eliminato dal 19enne russo Alibek Kachmazov (n.370 ATP). 

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement