Wimbledon, quote giovedì 1 luglio: Giorgi di poco sfavorita contro Muchova

Senza categoria

Wimbledon, quote giovedì 1 luglio: Giorgi di poco sfavorita contro Muchova

Ancora fiducia in Berrettini e Sonego, per Mager duro ostacolo Kyrgios. Ostapenko parte avanti su Kasatkina, pochi problemi per Barty e Gauff

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Finalmente una giornata piena di tennis giocato quella di mercoledì a Wimbledon, con gli organizzatori che ora puntano a rimettersi in pari con il ruolino di marcia, concludendo i secondi turni nel primo giovedì del torneo. Per Matteo Berrettini buon esordio contro Guido Pella, che solo nel secondo set è stato in grado di mettere davvero in difficoltà il romano; prossimo avversario per la settima testa di serie è l’olandese Botic Van De Zandschulp (quota 8,50), numero 139 ATP e lucky loser, che si è imposto al primo turno sul transalpino Gregoire Barrere.

È andato abbastanza liscio il primo incontro di Lorenzo Sonego, portato a casa in tre set sul portoghese Pedro Sousa, con il torinese (1,12 per William Hill) che, a parere dei quotisti, potrebbe fare altrettanto contro il colombiano Daniel Galan, per altro già battuto tre mesi fa a Miami. Sarà molto complicata invece per Gianluca Mager (5), che ha fatto il suo dovere contro Juan Ignacio Londero: dall’altro lato della rete troverà Nick Kyrgios, reduce dalla splendida rimonta (la seconda in questo 2021 dopo quella nello slam di casa) su Ugo Humbert, match disputato nell’arco di due giorni e nel quale non è assolutamente mancato lo spettacolo.

Dopo lo scampato pericolo all’esordio con Adrien Mannarino, c’è un altro francese sulla strada di Roger Federer (1,20), ossia Richard Gasquet, due volte semifinalista sull’erba londinese ma sconfitto 18 volte su 20 dallo svizzero nei precedenti, compresi due proprio a Wimbledon senza riuscire a vincere un set. Può creare qualche grattacapo ad Alexander Zverev (1,07) un tennista come Tennys Sandgren, capace di raggiungere gli ottavi nell’ultima edizione disputata, e allo stesso modo un lottatore come Mikael Ymer (6,50), vincitore in rimonta su Jo-Wilfried Tsonga, può dare del filo da torcere a Felix Auger-Aliassime.

Ci sono volute più di quattro ore a Carlos Alcaraz per ottenere la prima vittoria in carriera a Wimbledon, battendo il giapponese Yoshihito Uchiyama al quinto, e come ‘premio’ avrà l’opportunità di sfidare il numero due del seeding Daniil Medvedev (1,07), che ha avuto la meglio al debutto su un avversario rognoso come Jan Lennard Struff. Infine match che potrebbe essere molto divertente quello fra Alexander Bublik, sfavorito a 2,20 ma vincitore nell’unico precedente, e Grigor Dimitrov, ex semifinalista e liberatosi in quattro set dell’altro veterano Fernando Verdasco.

 

Camila Giorgi ha davvero impressionato nel debutto contro la svizzera Jill Teichmann, e ora affronta con un certo ottimismo l’ostica Karolina Muchova, semifinalista agli ultimi Australian Open e nei quarti a Wimbledon ’19, nonché l’unica capace in stagione di battere le prime due giocatrici al mondo, Ashleigh Barty e Naomi Osaka; le quote di Snai danno Giorgi a 2,25 e Muchova a 1,65. Dopo il complicato e commovente match contro Carla Suarez Navarro, per la favorita del torneo Barty (1,07) un’avversaria apparentemente comoda come Anna Blinkova, capace però a livello junior di raggiungere la finale del torneo; favoritissima anche Cori Gauff (1,12) su Elena Vesnina, così come le due veterane Vika Azarenka (1,27 contro Sorana Cirstea, battuta tre volte su tre, di cui due proprio nello slam britannico) e Angelique Kerber, quotata a 1,28 nell’incontro con la spagnola Sara Sorribes Tormo, giustiziera di Ana Konjuh al primo turno.

Incontro inedito fra la regina di Parigi Barbora Krejcikova e Andrea Petkovic (3,70), entrambe solide al debutto, rispettivamente contro Clara Tauson e Jasmine Paolini, mentre si presenta molto interessante lo scontro fra Jelena Ostapenko e Daria Kasatkina: favori del pronostico per la lettone a 1,56 su Betclic, impostasi in entrambi i confronti diretti sull’erba, di cui l’ultimo una settimana fa a Eastbourne, nel torneo poi vinto dalla vincitrice del Roland Garros ’17. Infine, dopo aver spazzato via una brutta Bianca Andreescu, Alize Cornet affronta da favorita a 1,67 l’australiana Alja Tomljanovic, con la francese in vantaggio anche nei precedenti, tutti sul cemento, per due a uno.

   WILLIAM HILLSNAIBETCLIC
      
M. BERRETTINIB. VAN DE ZANDSCHULP 1,07 – 81,07 – 8,751,07 – 8,80
L. SONEGOD. GALAN 1,12 – 61,09 – 7,251,10 – 7,20
G. MAGERN. KYRGIOS 5 – 1,165,25 – 1,155,20 – 1,16
R. FEDERERR. GASQUET 1,20 – 4,501,19 – 4,501,20 – 4,60
D. MEDVEDEVC. ALCARAZ 1,07 – 81,06 – 9,501,06 – 9,20
A. ZVEREVT. SANDGREN 1,07 – 81,07 – 8,751,07 – 8,80
A. BUBLIKG. DIMITROV 2,20 – 1,662,15 – 1,652,23 – 1,66
F. AUGER- ALIASSIMEM. YMER 1,12 – 61,11 – 6,751,11 – 6,80
      
C. GIORGIC. MUCHOVA 2,20 – 1,662,25 – 1,652,25 – 1,65
A. BARTY A. BLINKOVA 1,06 – 91,06 – 9,251,07 – 9
C. GAUFFE. VESNINA 1,16 – 51,18 – 51,17 – 5,20
J. OSTAPENKOD. KASATKINA 1,53 – 2,501,55 – 2,451,56 – 2,43
A. KERBERS. SORRIBES TORMO 1,28 – 3,601,28 – 3,751,28 – 3,70
B. KREJCIKOVAA. PETKOVIC 1,30 – 3,501,27 – 3,801,29 – 3,80
V. AZARENKAS. CIRSTEA 1,28 – 3,601,27 – 3,801,28 – 3,75
A. CORNETA. TOMLJANOVIC 1,66 – 2,201,67 – 2,201,68 – 2,20


***Le quote sono aggiornate alle 00 di giovedì 1 luglio e sono soggette a variazione

Continua a leggere
Commenti

Senza categoria

US Open 2021, segui LIVE la finale femminile: Raducanu campionessa senza macchie, 20 set di fila

Ore 22, va in scena una delle finali più giovani della storia degli Slam femminili: sarà Leylah Fernandez o Emma Raducanu a sollevare il trofeo dello US Open 2021?

Pubblicato

il

(courtesy of US Open)

VERSO LA FINALE – Fernandez-Raducanu, la sfida che tiene testa alla caccia di Nole
Gli orari di gioco di oggi, sabato 11 settembre
I tabelloni con i risultati aggiornati in tempo reale
: maschile – femminile

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

00:15Emma Raducanu completa un torneo che rimarrà negli annali del tennis: vince lo US Open senza cedere un set, inclusi i 3 turni delle qualificazioni. La britannica è la prima qualificata di sempre a vincere uno Slam. 6-4 6-3 a Leylah Fernandez nella finale

 

23:20 – Un primo set molto lottato viene vinto da Emma Raducanu per 6-4. La britannica non ha ancora perso un set nel torneo e mai è arrivata a un tie-break

22:00 – Tutto è pronto per la finale femminile della 141° edizione dell’Open degli Stati Uniti, che per la nona volta vedrà affrontarsi due teenager: per il titolo dello US Open scenderanno in campo le classe 2002 Emma Raducanu e Leylah Fernandez, entrambe alla prima finale Slam

UN PO’ DI NUMERI SULLA FINALE FEMMINILE

  • L’unico precedente risale al circuito junior, quando Raducanu battè in due set Fernandez al secondo turno di Wimbledon 2018
  • Entrambe sono nate nel 2002, ma Raducanu deve ancora compiere 19 anni (li compirà il 13 novembre)
  • Raducanu è la prima giocatrice a vincere nove partite di fila in una stessa edizione di uno Slam, ossia a raggiungere la finale da qualificata…
  • …ed è soltanto la seconda a riuscirci con meno di tre presenze in un main draw Slam (questa è appena la seconda)
  • Fernandez ha trascorso in campo quasi 13 ore in questo torneo, necessarie a battere due ex campionesse del torneo (Kerber e Osaka) e tre top 5 (Svitolina, Sabalenka e la stessa Osaka)
  • I numeri del torneo sorridono a Raducanu, diretta espressione del percorso meno accidentato: ha vinto il 90% dei game di servizio (Fernandez 81%) e il 53% di quelli in risposta (Fernandez il 26%), e pur avendo colpito meno vincenti ha commesso anche molti errori in meno (88 contro 174). I numeri assoluti non possono essere confrontati, però, per la disparità di set trascorsi in campo (16 per la canadese, 12 per la britannica)
  • Raducanu non ha mai vinto un titolo nel circuito maggiore, il suo alloro più prestigioso è un ITF 25K vinto a Pune nel 2019
  • Fernandez un titolo l’ha vinto, quest’anno, battendo in finale a Monterrey la svizzera Golubic
  • Proiezioni di classifica: Fernandez sarà sicuramente n.27 del mondo (n.19 in caso di vittoria del titolo), mentre Raducanu sarà n.32 (23 sollevando il trofeo). Non saranno comunque le più giovani in top 50, saldamente occupata da Coco Gauff (classe 2004)

US OPEN MASCHILE: SARA’ DJOKOVIC VS MEDVEDEV

ALTRI APPROFONDIMENTI

LA DIRETTA FACEBOOK DI VANNI E LUCA

Continua a leggere

Senza categoria

US Open, il giorno della finale femminile: alle 22 Raducanu-Fernandez

New York avrà una nuova, giovane regina al termine della finale più giovane dal 1999. Alle 19 anche la finale del doppio misto

Pubblicato

il

Leylah Fernandez - US Open 2021 (Darren Carroll/USTA)

La caccia al Grande Slam di Novak Djokovic, nel sabato newyorkese, lascia spazio ad un non meno eccitante menu. Alle 22 italiane (diretta tv su Eurosport) andrà in scena la finale del singolare femminile più giovane dal 1999 (quando la 17enne Serena Williams superò la 18enne Martina Hingis): la britannica Emma Raducanu sfida la canadese Leylah Fernandez. Le due carte d’identità sommate danno il risultato di 37 anni: l’Arthur Ashe avrà una nuova giovane regina al termine di una finale caratterizzata dal cosiddetto melting pot di culture. La 18enne Raducanu, giunta in finale partendo dalle qualificazioni, è infatti nata a Toronto da un padre romeno di Bucarest e una madre cinese di Shenyang e si è trasferita in un sobborgo di Londra all’età di due anni. Dal canto suo la 19enne Fernandez, che nel suo percorso è riuscita a superare Osaka, Kerber e Sabalenka, è nata a Montreal da un papà ecuadoregno e una mamma canadese di discendenze filippine e si è spostata poi in Florida per inseguire il suo sogno.

La finale femminile sarà preceduta, alle 19 italiane, dalla finale del doppio misto. A fronteggiarsi sull’Arthur Ashe Stadium saranno la coppia centro-americana formata dalla messicana Giuliana Olmos e dal salvadoregno Marcelo Arevalo e la coppia anglo-americana formata da Desirae Krawczyk e Joe Salisbury, che proprio ieri ha vinto il doppio maschile insieme a Rajeev Ram.

Il tabellone femminile dello US Open con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

Senza categoria

US Open 2021 LIVE: i match di sabato 10 settembre. Zverev vince il primo set, Djokovic secondo e terzo

Alle 21 scatta la prima semifinale del torneo maschile: Daniil Medvedev vs Felix Auger-Aliassime. All’1 Djokovic-Zverev

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - US Open 2021 (Garrett Ellwood/USTA)

L’ordine di gioco, i campi e gli orari del day 11
I tabelloni con i risultati aggiornati in tempo reale: maschile – femminile

per visualizzare gli ultimi aggiornamenti premi F5 (desktop) oppure scrolla la pagina verso il basso (mobile)

03:47 – Zverev risponde tenendo un bel turno di servizio, 1-1. La nostra diretta testuale si interrompe qui: appuntato a fine match per il resoconto e a domattina per altri aggiornamenti

 

03:43 – 1-0 Djokovic nel quarto, il serbo sembra aver assestato un bel colpo decisivo al match

03:36 – Un alieno: dopo un set senza palle break, Djokovic se ne procura tre in fila sullo 0-40, fallisce le prime due e poi gioca un meraviglioso punto di pressione chiuso con lo smash. 6-4, poche prime in campo per Zverev nel set

03:26 – Djokovic tiene un servizio molto delicato senza problemi e adesso Zverev dovrà servire per rimanere nel set. Molto equilibrio in campo

03:11 – Nel terzo set siamo ancora on serve, con il serbo che però ha dovuto annullare tre palle break in due game differenti

02:50 – SET Djokovic! Nole chiude senza problemi la seconda frazione, 6-2. Tutto torna in equilibrio

02:41 – Il numero uno del mondo si tiene al comando selle delle operazioni, 5-2

02:35 – 4-1 Djokovic, che sembra aver ripreso il controllo della propria partita

02:26 – Break Djokovic! Quasi dal nulla il tedesco si incarta con un errore su un facile dritto e un doppio fallo. Djokovic poi tiene il servizio va sul 3-0

02:10 – SET ZVEREV! Il tedesco va avanti 40-0, fallisce due set point ma alla terza occasione sfrutta una stecca di dritto di Nole e passa a condurre. Inizia in salita la semifinale per il serbo

02:00 – BREAK ZVEREV! Il tedesco va a segno alla seconda occasione del set e passa a condurre 5-4 e servizio. Può servire per il primo set

01:25 – Sono pronti per la seconda attesissima semifinale Novak Djokovic e Alexander Zverev sull’Arthur Ashe Stadium

23:20Daniil Medvedev centra la sua terza finale Slam, la seconda allo US Open e la seconda del 2021. 6-4 7-5 6-2

23:00 – Aliassime ormai scoraggiato subisce il break anche nel terzo set: 2-1 e servizio Medvedev

22:48Medvedev completa la rimonta: 5 giochi consecutivi da 2-5 a 7-5 il secondo set.

22:43 – Medvedev salva un set point e ribalta completamente il set, ora conduce 6-5 e servizio!

22:25 – Auger Aliassime conduce 5-2 con un break nel secondo set, ha tutta l’intenzione di rimettere in parità l’incontro…

21:55 – Danill Medvedev chiude il primo set 6-4. Decisivo il break nel settimo gioco, troppi errori gratuiti del canadese.

21:00 – Mancano soltanto tre incontri alla fine dello US Open 2021, ultimo Slam dell’anno. Stanno per scendere in campo Medvedev e Auger-Aliassime per la prima semifinale; non prima dell’una italiana sarà invece la volta di Djokovic e Zverev

UN PO’ DI NUMERI SULLE SEMIFINALI MASCHILI

  • Precedenti: Medvedev-Aliassime 1-0 / Djokovic-Zverev 6-3
  • Auger-Aliassime ha già fatto la storia del tennis canadese, poiché è il primo a raggiungere le semi qui allo US Open; proverà a diventare il secondo finalista canadese di sesso maschile in uno Slam, dopo Milos Raonic (Wimbledon 2016)
  • Medvedev è l’unico tennista ad aver giocato la semifinale nelle ultime tre edizioni dello US Open…
  • …ed è anche il giocatore che ha giocato più finali (16), vinto più titoli (11) e partite (145) sul cemento dal 2018 a oggi
  • Questa è già la terza striscia di vittorie più lunga di Nole negli Slam: con 26 vittorie ha pareggiato quella intercorsa tra Wimbledon 2019 e la sconfitta in semi a Parigi nel 2019. La più lunga? Le 30 vittorie tra Wimbledon 2015 e la sconfitta al terzo turno di Wimbledon 2016
  • La storia dice Djokovic, almeno per arrivare in finale: tutte le volte (cinque finora) in cui un tennista si è presentato a New York avendo vinto i primi tre Slam dell’anno, è sempre arrivato in finale e in tre occasioni, come sappiamo, ha vinto il titolo: Budge nel 1938, Laver nel 1962 e nel 1969 (unico in Era Open)
  • Occhio però a Zverev, che viene da 16 vittorie consecutive tra Olimpiadi, Cincinnati e New York; per capirci, nell’ultima sconfitta (a Wimbledon contro Auger-Aliassime) ha commesso 20 doppi falli, mentre qui a New York ne ha commessi solo 15 in cinque partite

US OPEN FEMMINILE: FINALE TRA DICIOTTENNI

ALTRI APPROFONDIMENTI

LA DIRETTA FACEBOOK DI VANNI E LUCA

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement