ATP Winston-Salem, Musetti sbatte contro Coria. Avanza Mager, eliminato Seppi

ATP

ATP Winston-Salem, Musetti sbatte contro Coria. Avanza Mager, eliminato Seppi

Prestazione sottotono di Lorenzo che non viene a capo di un avversario con i crampi. Gianluca soffre il giusto con un qualificato, mentre Andreas si arrende a Ivashka

Pubblicato

il

Andreas Seppi - Winston Salem 2021 (foto Twitter @WSOpen)

Con il punteggio di 6-4 4-6 6-4, arriva la quinta sconfitta consecutiva all’esordio per Lorenzo Musetti che, sotto di un set e un break, riesce ad allungare al terzo senza tuttavia approfittare di un Federico Coria con le gambe rigide per i crampi, eppure spesso ugualmente in grado di comandare gli scambi. Un match che ha reso subito manifesto il periodo di scarsa fiducia di Lorenzo, con gli errori pesanti arrivati da quelli che dovrebbero suoi punti di forza – tecnica e sensibilità – in un primo set costellato da pessime esecuzioni di volée e smorzate. Troppo spesso ha subito l’iniziativa di un Coria certo non dotato di colpi letali e solo raramente, per non dire quasi mai, lo abbiamo visto imporsi variando sulla diagonale del rovescio per poi sorprendere sul lato destro. Quello che sembra un periodo di poca convinzione nei propri mezzi ha reso impossibile prevalere su un avversario che ha giocato il parziale decisivo fisicamente oltre la riserva, contribuendo ad aumentare il senso di impotenza a mano a mano che il punteggio scivolava via.

Non bisogna però dimenticare che per Lorenzo, classe 2002, questo è stato il match ATP n. 37, la maggior parte disputati in questa stagione, e la parte che conta è che occupi già il 58° posto del ranking mondiale, a maggior ragione se consideriamo il tipo di gioco e il ricco arsenale che richiedono più tempo per essere messi insieme efficacemente rispetto a chi entra in campo con il semplice piano di colpire forte e tenere costantemente alto il ritmo.

Per quanto riguarda il vincitore, arrivato in top 100 meno di un anno fa, ama costruirsi il punto spostandosi sul dritto, colpo che, come detto, difficilmente lascia fermo l’avversario al primo tentativo. La terra battuta è senz’altro la sua superficie preferita, un’affermazione forse riduttiva considerando che sul duro il finalista di Bastad ha addirittura meno esperienza del teenager di Carrara.

IL MATCH – Musetti sceglie di partire al servizio e per due turni di risposta confeziona chance di allungare senza però riuscire ad approfittarne, con buona dose di responsabilità per qualche tocco mal riuscito. La volée affossata dopo il doppio fallo che manda avanti Coria certifica che la “mano” azzurra non è al meglio in questo primo scorcio di match. La reazione di Lorenzo che lo rimette subito in parità si esaurisce presto e, senza fare alcunché di eclatante, il ventinovenne di Rosario torna avanti. Un po’ sconsolato di fronte all’avversario che fa punto al volo e con la smorzata, riesce a salvare un set point servendo sul 3-5 con uno dei rarissimi scambi impostati sulla diagonale sinistra, poi deciso dal rovescio lungolinea. Epilogo solo rimandato, perché Coria fa suo il parziale tenendo la battuta, per la prima volta senza offrire alcuna palla break.

Un paio di brutte scelte e un doppio fallo inguaiano l’azzurro che cede il terzo gioco con l’errore di dritto in palleggio, ma il servizio è raramente determinante, i punti vanno spesso in lotta e i due sembrano volersi scambiare break come figurine. L’ordine viene ripristinato a partire dal settimo gioco, Coria manda chiari segnali di affaticamento e al decimo game, lasciato fermo da un rovescione azzurro giocato da parecchio lontano che vale il set point, capitola con un tentativo di smorzata che è una disperata richiesta di pausa.

Toilet break, poi due pessimi dritti costano il turno di battuta a Lorenzo, ma l’argentino, toccandosi collo e petto, richiede l’intervento del medico che gli misura i battiti alla vecchia maniera prima di tirare fuori lo stetoscopio sotto gli occhi preoccupati dell’arbitra Raluca Andrei. Federico ci prova e, confermato il break giocando quasi solo di braccio, ringrazia per qualche altro unforced da parte del nostro che significa 3-0 pesante. Coria ottiene qualcosa dalla prima battuta, forza praticamente fermo sulle gambe appena ne ha l’occasione e continua a mettere game a referto, tanto che viene da domandarsi perché non giochi sempre così: forse non gli piace vincere facile.

Lorenzo muove il punteggio al quinto gioco con l’altro che, con le gambe in preda ai crampi, evita di sedersi al cambio campo per non mandare al proprio corpo il messaggio che può arrendersi. Doppi falli e palle sparate a caso consentono a Musetti di recuperare fino al 3-4, ma l’errore su una palla comoda tiene vive le speranze dell’altro che riesce a comandare dopo il servizio e perfino dopo la risposta, tanto che al nono gioco arrivano due match point da sinistra, però ben annullati da un Lorenzo che finalmente dà l’impressione – seppur vaga – di non volerla perdere. Piedi argentini in campo, piedi italici lontani e Coria conferma senza rischi l’ultima battuta per il 6-4 dopo un’ora e tre quarti.

Davvero giù di morale Musetti dopo il match che ha segnato la sua sesta sconfitta consecutiva: non vince una partita dal successo al quinto set al Roland Garros contro Cecchinato. “È un brutto periodo, anche in generale nella mia vita. Non riesco a trovare certezze, non riesco a trovare fiducia, e questo si vede sia in partita sia in allenamento. Spero che questo periodo possa finire presto e che possa tornare a splendere il sole. Ho bisogno di giocare match e di riprendere la sicurezza e la voglia di vincere match, speriamo già dalla settimana prossima a New York“.

MAGER SÌ, SEPPI NO – Un set e mezzo di grande intensità per Gianluca Mager che supera per 7-6 6-3 il qualificato Tung-Lin Wu. Recuperato immediatamente il servizio perso a metà del primo parziale, Gianluca fa suo il tie-break grazie a un solido passante al corpo. Il taiwanese, alto 188 cm come l’azzurro, ha nella battuta l’arma principale e rimane in partita fino al 3 pari, quando il nostro passa alla quinta opportunità. Al prossimo turno, per Mager c’è Jan-Lennard Struff, battuto nell’unico precedente al Challenger di Napoli nel 2016. “Oggi ho giocato una bella partita. Era il primo match fuori dalla terra dopo l’Australia, a parte la parentesi di Wimbledon, per cui le sensazioni non sono ancora quelle ottimali, ma visto che il programma è quello di giocare sul veloce fino a fine anno e poi anche in Australia sono convinto che più partite gioco, più le cose andranno meglio“.

Niente da fare invece per Andreas Seppi opposto a Ilya Ivashka, ventisettenne di Minsk n. 63 del ranking che sta avendo la sua stagione migliore. Al bielorusso, pressoché intoccabile sulla prima di servizio (27 su 30), è stato sufficiente mettere a segno un break per set per imporsi con un doppio 6-4 in un’ora e mezza.

Il tabellone aggiornato di Winston-Salem

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria7 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement