Sara Errani racconta i suoi giorni più bui: "Il mio Paese mi si è rivoltato contro"

Flash

Sara Errani racconta i suoi giorni più bui: “Il mio Paese mi si è rivoltato contro”

In un post scritto per Behind the Racquet, Sarita torna sulla squalifica per doping: “Non riuscivo a crederci, sapevo di non aver fatto niente di male”

Pubblicato

il

Sara Errani per Behind the Racquet (Credit: @BehindTRacquet on Twitter)

In un nuovo post pubblicato su Behind the Racquet (il blog fondato da Noah Rubin per consentire ai tennisti di raccontare i loro problemi), Sara Errani ha scritto delle difficoltà patite in seguito alla squalifica per doping avvenuta nel 2017, ma soprattutto ha spiegato le ragioni che la portano a continuare a giocare. “A volte penso, ‘perché sto ancora giocando? È veramente dura, forse dovrei smettere'”, ha scritto. “Ma in realtà non è una domanda che mi pongo spesso, anche se non ho più 20 anni. Per la maggior parte del tempo la mia attitudine è ‘voglio andare fino in fondo con il tennis’. L’unica cosa da fare è attraversare i momenti negativi ed affrontarli, non scappare”.

[NOTA: il post è stato pubblicato l’11 novembre 2021 ma probabilmente scritto fra febbraio e marzo sulla base del ranking e dei risultati elencati da Errani]

LA SQUALIFICA E L’ATTESA

Il 16 febbraio del 2017 Errani viene testata e tre settimane dopo risulta positiva al letrozolo, una sostanza che non è dopante in sé ma che secondo la WADA può essere utilizzata per abbassare i livelli di estrogeni associati all’assunzione di anabolizzanti nello sport maschile. Inizialmente la sua difesa viene accolta (la tennista emiliana sostiene di aver ingerito il farmaco attraverso un piatto di tortellini in brodo consumato a casa della madre, trattata proprio con il letrozolo in virtù di un tumore), anche perché non vengono rinvenute tracce del farmaco nel test della cute, cosa che fa pensare che Errani non abbia ingerito una pastiglia intera ma solo, appunto, una piccola dose compatibile con una contaminazione involontaria. La ITF crede alla spiegazione di Errani, che viene comunque squalificata per due mesi (dal 3 agosto al 2 ottobre) per il ritardo nella presentazione dei risultati del test della cute, e perde tutti i punti ottenuti fra febbraio e luglio dello stesso anno.

 

Questo il suo racconto, succinto ma sentito: “Ho passato dei periodi davvero complicati per via dei test anti-doping, mi sono trovata in situazioni difficili da credere, cose che stento addirittura a descrivere. La prima volta mi hanno dato due mesi, e anche in quel momento non riuscivo a crederci perché sapevo di non aver fatto nulla di male. Mi sono quindi ritrovata al numero 208 delle classifiche, ma in pochi mesi sono tornata fra le prime cento”.

Il peggio doveva però ancora arrivare: nell’autunno del 2017, Nado Italia (l’associazione nazionale anti-doping) presenta un ricorso al CAS di Losanna per far allungare la squalifica sulla base di un precedente, quello del canottiere Niccolò Mornati, risultato positivo ad un farmaco della stessa famiglia, l’anastrozolo. Inizia allora il calvario: Il mio Paese si è messo contro di me. La ITF aveva deciso di comminarmi due mesi di squalifica, ma l’agenzia anti-doping italiana disse, ‘no, non è abbastanza, avreste dovuto squalificarla più a lungo’. Non è mai successo niente di simile. Allora hanno fatto passare sette mesi prima di prendere una decisione, e per sette volte in quel periodo mi sono sentita dire, ‘OK, fra dieci giorni avrai un responso’, responso che però non arrivava mai”.

Nel suo racconto, lo stillicidio dettato dai tempi della burocrazia diventa quindi la parte più difficile da gestire: “Ho giocato per sei o sette mesi con questo peso nella mia mente. A quel punto hanno deciso di darmi altri otto mesi di squalifica. Non riuscivo a crederci, perché come ho detto ero già riuscita a tornare in Top 100 solo per essere fermata di nuovo. L’attesa è stata veramente, veramente difficile da sopportare – soprattutto con la consapevolezza di non aver fatto niente di sbagliato. Finita la squalifica mi sono trovata a dover ripartire di nuovo dall’inizio”. Nel giugno del 2018, il CAS accoglie parzialmente il ricorso di Nado Italia ed estende la squalifica a dieci mesi (otto più i due già scontati), pur riconoscendo la natura non intenzionale dell’assunzione del farmaco.

LA VOGLIA DI NON ARRENDERSI

Tornata a giocare, Errani non è riuscita finora a tornare fra le prime cento, scendendo fino alla posizione N.366 del ranking nel giugno del 2019 prima di intraprendere una lenta e faticosa risalita. Il tennis è però ancora la sua vita, e per questo Sarita afferma di voler continuare a provarci: “L’anno scorso ho avuto un periodo molto duro durante il quale non riuscivo a divertirmi giocando perché nella mia mente c’era sempre uno spettro che era difficile da gestire. Non era facile. Ho lottato molto e ho pensato di poter riuscire a superare questi problemi – per questo sono ancora qui. Sono qui perché amo tanto il tennis, amo giocare e voglio avere buone sensazioni in campo”.

E proprio questo benessere in campo sembra essere diventato la priorità per la tennista bolognese, che al tempo della redazione di questo post aveva appena sfiorato gli ottavi all’Australian Open, dove da qualificata si è arresa per 7-5 al terzo contro Hsieh nei sedicesimi di finale: “Ora sono felice. Il tennis femminile non è in un momento semplice perché non ci sono molti tornei, e per questo motivo sono fiera per essere riuscita a passare le qualificazioni di Dubai riuscendo così ad andare in Australia per un mese. Per me è stata una cosa positiva, perché in Europa ci sono pochi tornei, in particolare per le donne. Ora sono fuori dalle prime cento, sono N.106, ma ne sono felice perché il numero in sé, il mio ranking, queste cose non sono importanti. Quello che voglio è sentirmi alla grande in campo“.

Il resto della stagione non è stato altrettanto positivo (il suo record nel 2021 è stato di 16 vittorie e 21 sconfitte, con l’ultima apparizione che risale a settembre ed un ranking attuale di N.118, N.105 nella Race), ma stando alle sue parole Sara Errani vuole ancora cercare di divertirsi su un campo da tennis, aspetto più importante di quanto si possa pensare da fuori, e magari anche dimostrare qualcosa a sé stessa e agli altri.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Zverev riparte da Montpellier: una wild card dopo la batosta all’Australian Open

Il numero tre del mondo riparte dalla sua comfort zone, un torneo indoor in Europa, dopo la sconfitta contro Shapovalov

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Cup 2022 Sydney (foto Twitter @ATPCup)

Poca voglia di restare a casa, nessuna intenzione di rimanere altri giorni a rimuginare: Alexander Zverev tornerà subito in campo nella settimana successiva all’Open di Australia. Il tedesco numero 3 del mondo ha infatti ricevuto una wild card dagli organizzatori dell’ATP 250 di Montpellier, evento indoor che si giocherà la settimana prossima. Una location non lontanissima da Monaco, dove Zverev ha la residenza, e condizioni di gioco che potrebbero ricordare quelle di Torino, dove pochi mesi fa Sascha ha vinto le ATP Finals, per ritrovarsi subito e ripartire forte dopo il brutto KO negli ottavi di finale degli Australian Open contro Shapovalov. Una batosta che ha confermato ulteriormente il poco feeling del tedesco verso le prove del Grande Slam. Il tabellone dell’ATP di Montpellier dovrebbe vedere protagonisti, a meno di rinunce dell’ultimo momento, anche Gael Monfils e Roberto Bautista Agut.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere

Flash

Australian Open, Vanni Gibertini e Ubaldo Scanagatta parleranno di Berrettini-Nadal a RAI Radio 1 Sport

Vanni interverrà il 27 gennaio alle 17:35, il direttore Scanagatta il 28 gennaio alle 11:30 per parlare del risultato della semifinale

Pubblicato

il

2022 AUSTRALIAN OPEN, Matteo Berrettini (ITA), Photo © Ray Giubilo

Siamo ormai prossimi alla semifinale fra Matteo Berrettini e Rafael Nadal all’Australian Open 2022, in programma il 28 gennaio alle 4:30. Si tratta di una prima assoluta per il tennis maschile italiano, e non è quindi una sorpresa che la performance del N.7 ATP sia finita sulle prime pagine degli organi d’informazione.

Proprio per questo motivo, era naturale che ci si rivolgesse a chi segue il tennis su base un pochino più frequente. RAI Radio 1 Sport si è quindi rivolta alla redazione di Ubitennis per un commento pre- e post-partita, con le seguenti modalità:

  • Il vicedirettore Vanni Gibertini interverrà a “Tempi Supplementari” verso le 17:35 del 27 gennaio
  • Il direttore Ubaldo Scanagatta invece sarà di scena verso le 11:30 a “Palla al Centro” il 28 gennaio

Oltre che via radio, le loro parole si potranno ascoltare anche in streaming, a questo link: Rai Radio1 Sport | Canale | RaiPlay Sound. Vi aspettiamo!

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement