In corso l'appello di Djokovic contro l'annullamento del visto

Senza categoria

In corso l’appello di Djokovic contro l’annullamento del visto

Djokovic non sarà espulso fino alla fine del ricorso. Nessuna detenzione fino a domani alle 8 (le 22 italiane). Domenica l’udienza davanti alla Corte Federale. Sarà scortato da due ufficiali

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Bercy 2021 (foto Roberto Dell'Olivo)
 
 

[ARTICOLO IN AGGIORNAMENTO]

Dopo giorni di dubbi e rinvii, il caso Djokovic ha subìto una brusca accelerata in seguito alla seconda cancellazione del suo visto, questa volta operata attraverso i poteri personali del Ministro dell’Immigrazione Alex Hawke. E di brusca accelerata si tratta, perché la Federal Circuit and Family Court, presieduta dal giudice Anthony Kelly (che lunedì aveva accolto il ricorso del N.1 ATP), ha deciso di ascoltare le due parti alle 20:45 locali (le 10:45 italiane).

Il dibattimento può essere seguito a questo link: Federal Circuit and Family Court of Australia – YouTube (sembrano esserci alcuni problemi con lo streaming, anche perché al momento l’appello sta venendo seguito da oltre 45.000 persone)

 

Kelly ha proposto, come previsto dalla stampa locale, che il caso venga trasferito dalla Federal Circuit and Family Court alla Federal Court, aggiungendo che il giocatore è stato “invitato” ad un interrogatorio in programma domani. Nick Wood, legale di Djokovic, si è però detto contrario a questa decisione perché rallenterebbe il processo di delibera, cosa che in questo momento metterebbe a rischio la possibilità che il N.1 ATP possa giocare lunedì o martedì il suo primo turno contro Miomir Kecmanovic.

Kelly ha inoltre proposto un’ingiunzione che permetta a Djokovic di rimanere presso la sua abitazione fino alle 16 locali di sabato 15 gennaio (le 6 di mattina in Italia). Wood ha infatti affermato che i funzionari governativi con cui è stato in contatto vorrebbero riportare Djokovic in detenzione.

Wood ha inoltre affermato che le tempistiche del Ministro dell’Immigrazione Alex Hawke sono il motivo per il quale il team legale del tennista serbo si è dovuto muovere tanto in fretta, e si è detto contrariato per le voci trapelate sulla stampa secondo le quali sarebbero stati gli avvocati di Djokovic a rallentare il processo inviando una grande mole di documentazione. Ha infine detto che le ragioni di questa seconda cancellazione del visto sono totalmente diverse da quelle della prima, e ha criticato le parole di Hawke secondo le quali permettere a Djokovic di rimanere in Australia stimolerebbe sentimenti anti-vaccino.

Stephen Lloyd, legale che rappresenta Hawke, ha detto che il ministro non cercherà di espellere Djokovic dal Paese prima della finale dell’iter legale. Ha poi aggiunto che Djokovic è atteso preso gli uffici dell’immigrazione per le 8 di domattina (le 22 italiane), e che il giocatore potrà avere accesso al suo team legale anche durante un’eventuale detenzione. Lloyd propone che Djokovic possa vedere i suoi legali domani, il 15 gennaio, alla condizione che dei funzionari dell’Australian Border Force siano presenti al medesimo piano dove si svolgerebbe l’incontro. Al termine dell’incontro Djokovic verrebbe riportato in detenzione.

Kelly ha affermato che è importante definire il significato di “fully vaccinated”, cosa che lunedì non era stata fatta perché la vertenza aveva riguardato esclusivamente gli errori procedurali avvenuti al confine. Kelly ha quindi riconosciuto che l’obbligo vaccinale fosse e sia necessario per l’ingresso in Australia al netto di eventuali esenzioni. “Se è stata concessa un’esenzione, e se [Djokovic] aveva una Australian Travel Declaration che era stata approvata […] questa parte della questione rimane irrisolta“.

Kelly ha infine chiarito la proposta di Lloyd: Djokovic rimarrebbe “in detenzione” presso i suoi avvocati fino a mezzogiorno del 15 gennaio (le 5 di mattina italiane) mentre preparano i documenti. A quel punto verrebbe spostato presso un centro detentivo e tornerebbe allo studio legale per l’eventuale dibattimento di domenica.

Dopo una pausa, Kelly ha ripreso attorno alle 12:40 italiane. Ha richiesto la presentazione degli affidavit degli avvocati di Djokovic il prima possibile; ha inoltre chiesto che non vengano fatti tentativi di espellere il giocatore prima della fine dei dibattimenti. Djokovic verrà interrogato alle 8:00 della mattinata di Melbourne, per poi essere spostato presso l’ufficio dei suoi legali fino alle 14:00 (le 4 di mattina italiane); verrà riportato da due funzionari presso i suoi legali alle 9 di mattina australiane di domenica 16 gennaio per il dibattimento. Potrà seguire il processo in video. Il caso verrà spostato dalla Federal Circuit and Family Court alla Federal Court.

Nick Wood, avvocato di Djokovic, ha sollevato dubbi sull’interrogatorio di domani per i rischi che potrebbero crearsi in termini di sicurezza e per l’influenza che la massiccia presenza dei media potrebbe avere. Ha quindi suggerito di organizzare la detenzione di Djokovic presso un luogo che rimarrebbe ignoto al pubblico. La questione ha generato del conflitto fra le parti, perché Kelly ha suggerito che i contendenti dovrebbero trovare un accordo su dove organizzare la detenzione, ma al momento non esiste concordanza su questo punto. Ha quindi nuovamente lasciato l’aula per permettere agli avvocati di mettersi d’accordo. “Non potete chiedermi di fare da mediatore in questa faccenda“, sono state le sue parole.

La corte si è riunita alle 13:11, una volta raggiunto un accordo, aggiornandosi poco dopo. Kelly ha detto che pubblicherà le ragioni dietro agli ordini promulgati stasera nella mattinata australiana di sabato 15 gennaio (nella notte italiana, insomma).

Continua a leggere
Commenti

Flash

Medvedev e le 250 vittorie ATP. Quanto tempo ci hanno messo Nadal, Djokovic e Federer?

Il n. 1 del mondo Daniil Medvedev ha completato 1/4 del lavoro per entrare nel “Club dei 1000”. Vediamo a che età l’hanno fatto i Big 3 e Zverev

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - US Open 2021 (Pete Staples/USTA)

Questa settimana, Daniil Medvedev ha raggiunto un piccolo traguardo. “Piccolo” considerando che Daniil è attualmente il numero 1 del mondo ed è stato il primo e finora unico della sua generazione a vincere uno Slam. Tuttavia, il non particolarmente prestigioso successo sul n. 224 Rinky Hijikata a Los Cabos è stato il 250° nel Tour maggiore. 250 vittorie significa (per noi, lui probabilmente non ci pensa) che è a un quarto del percorso per entrare in quel “Club delle 1000 vittorie” del quale fanno parte solo cinque tennisti nell’era open: Connors, Federer, Lendl, Nadal e pochi mesi Djokovic (qui l’approfondimento di Ferruccio Roberti sul traguardo raggiunto dal serbo).

Dal momento che da una quindicina d’anni a questa parte nessun tennista può godersi un bel risultato senza che qualcuno rimarchi che almeno uno tra Roger, Rafa e Nole lo aveva già fatto da tempo e pure meglio (?), non vediamo il motivo per non essere noi, stavolta, quel qualcuno. Andiamo allora a vedere a che età ciascun componente del Big3 ha raggiunto le 250 vittorie ATP, tenendo presente che Medvedev ha 26 anni e quasi sei mesi (manca una settimana).

Novak Djokovic ha raggiunto le 250 vittorie durante il Masters 1000 di Shanghai del 2009, quindi all’età di 22 anni e 5 mesi.

 

Anche Rafael Nadal ci è arrivato in ottobre e in un Masters 1000, però quello di Bercy nel 2007, a 21 anni 5 mesi.

Per quanto riguarda Roger Federer, ha fatto 250 a Dubai nel marzo 2004, dunque alla veneranda età di 22 anni e 7 mesi, il più lento dei Tre.

Parlando invece dei giocatori che rientrano nella sua generazione, Alexander Zverev ci è arrivato nel 2020 anche lui nel torneo novembrino di Bercy, a 23 anni e 6 mesi; mentre ora è a 339. Per dare un’ulteriore riscontro, Stefanos Tsitsipas è a 230 successi a 23 anni precisi.

Questo ci insegna due cose che peraltro già sapevamo. La prima è che i paragoni con il Big 3 non si dovrebbero fare; la seconda è che, però, sono sempre divertenti. L’importante è che quello che arriva in ritardo di quattro anni non ci rimugini su troppo…

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Los Cabos

Continua a leggere

Senza categoria

Torna Ubitennis Twitter Space per discutere della stagione nordamericana e dello sport USA in generale

Appuntamento sull’account Twitter di Ubitennis mercoledì 27 luglio alle ore 20

Pubblicato

il

Logo Twitter

Mercoledì 27 luglio alle ore 20 circa tornerà l’appuntamento con il Twitter Space di Ubitennis, lo spazio che consente ai lettori di interagire discutendo degli argomenti di attualità e non solo del circuito tennistico.

I nostri Vanni Gibertini e Marco Lorenzoni, oltre a toccare i punti caldi dell’attualità, introdurranno la stagione nordamericana del circuito tennistico parlando della differenza tra il modo di vivere gli eventi sportivi del pubblico statunitense e di quello che invece succede in Europa. Partendo dal punto di vista privilegiato di chi può osservare lo sport americano da vicino, Marco e Vanni faranno le loro valutazioni rispondendo alle eventuali domande degli ascoltatori.

Per partecipare al Twitter Space di Ubitennis bisogna avere un proprio profilo Twitter ed essere folllower di Ubitennis (@Ubitennis). Quando lo spazio verrà aperto, mercoledì 27 luglio alle 20 circa riceverete una notifica che vi permetterà di entrare nello spazio di discussione. Sarà necessario collegarsi con uno smartphone o con un tablet per poter partecipare alla sessione.

 

Continua a leggere

Flash

Ubaldo Scanagatta a Radio Sportiva: “Ci sono tre italiani in corsa per le ATP Finals di Torino”

Il Direttore Scanagatta in diretta radio parla del trionfo di Musetti, di Alcaraz battuto da tre italiani quest’anno e della situazione in classifica degli azzurri

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Amburgo 2022 (foto Twitter @ATPTour_ES)

Dopo la splendida vittoria di Lorenzo Musetti al Hamburg European Open di Amburgo, il Direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta parla della giornata del tennis italiano parlando anche delle partite di Matteo Berrettini a Gstaad e Lucia Bronzetti a Palermo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement