Wimbledon, Jabeur: "Non bisogna mescolare politica e sport". Raducanu: "Il centrale è sempre stato il mio sogno"

Flash

Wimbledon, Jabeur: “Non bisogna mescolare politica e sport”. Raducanu: “Il centrale è sempre stato il mio sogno”

Entrambe con qualche acciacco nelle ultime settimane, entrambe unite da un sogno unico: vincere i Championships

Pubblicato

il

Ons Jabeur - Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

La tunisina magica e la ragazza di casa, dolce fioretto e colpi di baionetta…se le giornate sono buone. In poche parole, Ons Jabeur ed Emma Raducanu, due delle giocatrici più attese di questo Wimbledon 2022, che inizierà domani per entrambe. La britannica, n.10 del tabellone, sarà subito protagonista sul Center Court contro Van Uytvanck, tra i match di Djokovic e Murray. Jabeur, terza favorita(per molti anche la principale) aprirà invece il campo 1 contro Bjorklund. Due storie diverse, la precocità di Emma contro lo scoppio un po’ tardivo di Ons, ma entrambe con lo stesso sogno: vincere Wimbledon. E andiamo a vedere, nelle loro conferenze prima del torneo, cos’hanno detto di interessante le due tenniste, accomunate da qualche acciacco in questi ultimi tornei, partendo dalla recente vincitrice del WTA 500 di Berlino.

D: “Penso ti sia ritirata per un infortunio al ginocchio a Eastbourne, dove particolarmente non hai giocato il singolare. Come ti senti nel complesso?

Jabeur: “Solo per la piccola esperienza avuta al Roland Garros, volevo essere pronta e non esagerare. Ho sempre avuto problemi con il mio ginocchio, quindi voglio essere prudente e pronta per Wimbledon. Ma nel complesso va tutto bene. Spero di essere al cento per cento lunedì“.

D: “Cosa ne pensi della squalifica di Wimbledon ai giocatori russi e bielorussi, poi della risposta del tour in merito ai punti in classifica?

Jabeur: “Ho sempre detto che la mia idea è di non mescolare politica e sport insieme perché alla fine della storia gli atleti vengono influenzati. I giocatori non potevano giocare il torneo, e noi non siamo riusciti a ottenere i punti, quindi nessuno ha vinto al fine. Per me è quello che è, la decisione è stata presa. Non sono felice di non ottenere punti perché ho i quarti di finale da difendere, ma sono contenta che almeno non fosse una finale o qualcosa, sii sempre positivo in questo. Wimbledon è un Grande Slam, sarà sorprendente, e sarò pronta al cento per cento per vincerlo“.

D: “Cosa pensi del tuo sorteggio, del tuo primo turno, e quanto lontano guardi al sorteggio di solito?

Jabeur: “Non lontano, non molto lontano(ride). È un buon sorteggio. Primi turno o qualsiasi altro turn in un Grande Slam è sempre complicato, tutti vogliono giocare e vogliono vincere. Sto cercando di usare l’esperienza che ho, in particolare quello che è successo agli Open di Francia per il primo turno e farlo passo dopo passo. Penso di conoscere solo i primi due turni, davvero non ho guardato oltre, non mi piace. Mi preparo a concentrarmi su ogni partita, poi vediamo cosa succede“.

D: “Hai detto che Wimbledon è l’obiettivo, lo è sempre stato? É questo che sognavi?

Jabeur: “Non lo so. Ho una certa sensazione su questo per qualche motivo. Wimbledon ha sempre come un posto speciale nel mio cuore; prima c’era l’Open di Francia perché era sempre vicino alla Tunisia, sono cresciuta giocando molto sulla terra battuta. Ma sull’erba di solito gioco a calcio, non a tennis (sorridendo). Voglio dire, è fantastico. Quello che ho vissuto l’anno scorso, le emozioni sul Centre Court, tutto quello che è successo, che sia diventato un sogno, che un giorno vorrei poter fare“.

Parole dolci ed emozionate della tunisina, che dovrà gestire una pressione non indifferente. Sicuramente uno dei problemi che attanagliano dall’impresa di Flushing Meadows anche Raducanu, consapevole di avere anche il ruolo di beniamina del pubblico.

D: “Hai subito l’infortunio a Nottingham, com’è? Puoi dire perché non hai svolto l’allenamento sul campo 1 per il quale eri programmata ieri?

Raducanu: “Ho dovuto sicuramente gestirlo da Nottingham, mi sono presa due settimane di ferie. Ma mi sono preparata questa settimana, ieri dovevamo solo reagire alla situazione, mi ero già allenata la mattina. Quindi tutti insieme pensavamo che fosse la decisione migliore passare la sessione pomeridiana al meglio, e restare fresca e pronta per partire“.

D: “Sono passati 12 mesi dalla grande svolta qui l’anno scorso. Cosa c’è di diverso finora nelle tue esperienze qui dietro le quinte? Immagino che tu sia in uno spogliatoio diverso, molti altri dettagli del genere. Ci sono aspetti dell’esperienza dell’anno scorso che forse ti mancano?

Raducanu: “Penso che sia fantastico. Quest’anno sento una sensazione così speciale passeggiando per i giardini, sento che le persone dalla mia. Anche da alcune delle persone che lavorano al torneo percepisci questo, stanno facendo il tifo per me. Uno dei vantaggi è che ora non ho bisogno di attraversare la strada Aorangi per esercitarmi sul Court 28 o qualcosa del genere. Mi sento come se l’anno scorso fossi uscita direttamente dagli esami, ero fresca, pronta per giocare. Provo la stessa eccitazione quest’anno, ad essere onesti, perché penso che Wimbledon la porti. Sto solo andando a giocare come una bambina che ama giocare a tennis, e andare sul Centre Court è sempre il mio sogno. È qualcosa che ho da sempre voluto fare e per cui ho iniziato a giocare a tennis“.

D: “Posso sapere i tuoi pensieri sulla tua avversaria di primo turno Alison Van Uytvanck?

Raducanu: “Penso di averci giocato ad agosto l’anno scorso, sono passati nove mesi. Era sicuramente lei più in alto in quel momento, io era appena entrata nel torneo. Sento se ci metto davvero la testa posso essere abbastanza brava (sorridendo), quindi sono in attesa della partita. Ma è una vera avversaria, soprattutto sui campi in erba; penso che questa superficie sia decisamente adatta a lei, che svolge un gioco piuttosto veloce e ad alto ritmo. Ci vorrà un po’ per abituarsi, per essere preparati; sarà sicuramente un incontro difficile, ma ogni partita è a questo livello. Sono pronta per partire“.

D: “Stavo parlando con Tim Henman. Ha detto che ti ha parlato un po’ dell’esperienza di Wimbledon come principale giocatrice britannica. Quanto ti sei preparata per l’attenzione che sarà su di te, come hai intenzione di gestirla? Hai mai colpito o giocato sul Centrale?

Raducanu: “No, non ho mai colpito sul Centrale. Ad essere onesta, prendo qualsiasi sensazione come positiva. Penso che le persone saranno dalla mia e faranno il tifo per me, non c’è niente di negativo in questo, loro vogliono fare bene. Non vedo l’ora di andare là fuori e sperimentarlo e sentirlo“.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash4 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria6 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement