Challenger Maia: Luca Van Assche suona la prima sinfonia

Challenger

Challenger Maia: Luca Van Assche suona la prima sinfonia

Dopo tre finali perse il 18enne francese alza il suo primo trofeo nell’ultimo appuntamento stagionale. Vittoria anche per Lajovic a Maspalomas. Appuntamento per tutti il 2 gennaio

Pubblicato

il

Luca Van Assche - Instagram
 

L’unico dato positivo dell’eliminazione nei quarti di finale di Bonadio, Moroni e Giustino è che così abbiamo tutto lo spazio per festeggiare la prima vittoria di Luca Van Assche che trionfa al Challenger 80 di Maia (Portogallo, terra battuta indoor), battendo in finale 3-6 6-4 6-0 l’austriaco Maximilian Neuchrist (n.359 ATP). Partita non semplice (oltre due ore di gioco) per il giovane talento francese che già era stato costretto alla rimonta nella semifinale contro Aleksandar Vukic. Ma il ragazzo è proprio nelle difficoltà che sta crescendo in questa sua prima stagione da professionista, superando innanzitutto quella sorta di maledizione che lo vedeva giocare ottimi tornei per poi fermarsi al momento dell’ultimo scatto.

Esattamente una settimana fa, dopo che aveva perso la finale del Challenger di Valencia, avevamo scritto: ”Sconfitta amara per il 18enne transalpino, figlio di padre belga e madre italiana, ancor più amara perché va a sommarsi alle due finali perse tra Lisbona e Brest nel mese di ottobre. Ma si sa che di solito è questo il pedaggio che bisogna pagare prima di sollevare dei trofei. E siamo assolutamente convinti che Luca di trofei ne solleverà parecchi”. Vorrete perdonarci l’autocitazione ma quando ti capita tra le mani un futuro fenomeno fai di tutto per accendere i riflettori su di lui. Nel frattempo, in attesa della nuova stagione e delle qualificazioni degli AO, Luca frantuma per l’ennesima volta il proprio best ranking alla posizione n.138 ATP, n.13 di Francia.

Si giocava anche in Spagna a Maspalomas (Challenger 80, terra battuta outdoor) dove ha vinto Dusan Lajovic che ha battuto in finale 6-1 6-4 il canadese Steven Diez (n.348 ATP). Partita a senso unico per il 32enne serbo che nel torneo ha dovuto faticare solo nella semifinale contro Pablo Llamas Ruiz. Per Lajovic è il settimo titolo Challenger, circuito in cui è tornato a competere dopo anni di assenza perché gli servivano assolutamente i punti per rientrare in top 100 e assicurarsi il tabellone principale per i prossimi AO. Obiettivo centrato perché con questo successo riguadagna la posizione n.80 che, seppur lontana dal n.23 che toccò nel 2019, gli consente di affrontare la nuova stagione con una certa tranquillità.

 

Adesso per tutti qualche giorno di vacanza, pochi in realtà per i tempi sempre più compressi del calendario internazionale, e appuntamento il 2 gennaio a Canberra e Noumea per coloro che affronteranno la trasferta agli antipodi. Per tutti gli altri la campanella suonerà ad Oeiras, in Portogallo, sempre il 2 gennaio.

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Al Challenger di Tenerife fa festa il russo Alexander Shevchenko

In Thailandia il francese Arthur Cazaux non ottiene il bis per colpa del sorprendente Shimabukuro, mentre in Brasile è Collarini ad alzare il trofeo

Pubblicato

il

Alexander Shevchenko - Foto Daniele Combi

Al Challenger 100 di Tenerife (cemento outdoor), il primo dei tre della serie, il russo Alexander Shevchenko, partendo con la quinta testa di serie, firma la sorpresa mentre quella si credeva l’invincibile armata tricolore (cinque atleti nei quarti di finale) deve alzare un po’ mestamente bandiera bianca. Col contributo del vincitore che nei quarti ha battuto Lorenzo Giustino e in semifinale ha fermato la corsa di un Francesco Maestrelli che stava già assaporando sogni di gloria. La finale contro l’austriaco Sebastian Ofner (n.193 ATP) si è risolta col punteggio di 7-5 6-2 in poco meno di due ore, al termine di un match in cui i servizi sono andati spesso in sofferenza con sette break in totale, cinque dei quali ai danni dell’austriaco, alfiere nel nostro campionato del CT Scaligero. Per Schevchenko è la seconda vittoria Challenger dopo che nel giugno 2022 aveva rotto il ghiaccio in quel di Bratislava. Con questo successo il 22enne russo sale alla posizione n.116 ATP, di gran lunga il suo best, e si candida ad ulteriori e importanti progressi, anche se in realtà noi non abbiamo mai riscontrato in lui le stimmate del predestinato. Anzi dobbiamo confessare che non andiamo mai volentieri ad una sua partita perché la maggior parte delle volte tende ad annoiarci. Ma forse il suo segreto è proprio questo, visto che quasi sempre riesce a far giocare male chi sta dall’altra parte della rete, qualità non eccitante ma comunque non trascurabile.

Un altro che frantuma il proprio best è il francese Arthur Cazoux che sale al n.229 ATP, nonostante la sconfitta nella finale del Challenger 50 di Nonthaburi (cemento outdoor). A impedirgli il bis, dopo il successo della scorsa settimana, il sorprendente giapponese Sho Shimabukuro, un signor nessuno che all’età di 25 ha deciso all’improvviso di uscire dall’anonimato e di vincere il suo primo titolo Challenger. Non crediamo che questo successo, pur regalandogli il nuovo best al n.232, cambierà la sua carriera, ma sicuramente gli offrirà materiale per i futuri racconti ai nipotini. Quanto allo sconfitto di giornata, se riuscirà anche altrove ad avere un rendimento paragonabile a quello che mette sempre in mostra a Bangkok, potrà togliersi non poche soddisfazioni. Un’ultima citazione per il nostro splendido Giovanni Fonio che si è fermato solo in semifinale, inchinandosi 7-5 6-3 proprio a Cazaux.

Il terzo vincitore della settimana è stato l’argentino Andrea Collarini che sulla terra battuta brasiliana di Piracicaba (Challenger 75) ha battuto in finale il cileno Tomas Barrios Vera (n.229 ATP) col punteggio di 6-2 7-6(1) in poco meno di due ore. Per Collarini è il secondo successo Challenger dopo la lontana giornata di gloria all’Aquila risalente all’agosto 2019.

 

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere

ATP

Passaro, Maestrelli &co: molto bene gli azzurri al Challenger di Tenerife organizzato da MEF di Marcello Marchesini

Ma la vera impresa è quella di Giovanni Fonio che in Thailandia conquista un’insperata quanto meritata semifinale

Pubblicato

il

Maestrelli Francesco - Foto Daniele Combi (1)

Nell’isola di Tenerife, sul bellissimo campo centrale della  Abama Tennis Academy, va in scena il primo dei tre Challenger che compongono il trittico organizzato da MEF di Marcello Marchesini (gli altri a fine gennaio e inizio febbraio). L’organizzatore umbro si conferma al top ed è riuscito nella non facile impresa di esportare il tennis in Spagna, nell’unica zona ancora vergine. E per fare questo ha sostenuto spese e disagi, non ultimo l’essersi dovuto trasferire per alcuni mesi l’anno sull’isola perché è fondamentale essere sul posto per intessere rapporti e relazioni. Poi sono d’accordo con voi che esistano anche dei sacrifici peggiori. Un’entry list d’eccellenza, con quasi tutti i nostri migliori giovani, ha premiato gli sforzi di Marchesini per questo suo Challenger 100 (cemento outdoor) che ha appena definito il quadro dei quarti di finale. Vi approdano ben cinque italiani: Francesco Passaro, Riccardo Bonadio, Francesco Maestrelli, Matteo Gigante e Lorenzo Giustino.

Il perugino Passaro ha battuto, senza particolari problemi, due avversari insidiosi come Nikolas Sanchez Izquierdo (6-1 6-4) e Kaichi Uchida (6-3 6-1). Adesso gli toccherà il solido ungherese Mate Valkusz (n.278 ATP) e se la giocherà da favorito. Bonadio, dopo aver avuto la meglio sulla testa di serie n.4, il francese Manuel Guinard (n.150 ATP), ha battuto (6-2 6-4) Gianluca Mager che proprio sembra non riuscire ad interrompere la sua spirale negativa. Nei quarti troverà il tedesco Sebastian Ofner (n.193 ATP), tesserato a Verona per CT Scaligero, che nel primo turno ha sorprendentemente eliminato il nostro Luca Nardi. Abbiamo poi Maestrelli che, dopo il passo falso australiano, riprende con sicurezza il cammino che in pochi mesi l’ha portato non lontano dalla top 100. Nel secondo turno ha dovuto faticare nel derby con Flavio Cobolli prima di prevalere 6-3 7-5. Soprattutto in un secondo set dove il tennista romano sembrava in pieno controllo quando è andato a servire sul 5-3, non sfruttando però due set point. Proprio come nel game successivo in cui ha sprecato altre due occasioni per andare al terzo. Al termine il tennista pisano ha commentato: “Flavio è un amico con cui condivo molte esperienze e quindi era per entrambi un match molto difficile. Quest’anno vorrei provare a giocare senza pensarci troppo su, con l’obiettivo di scendere in campo dando il massimo e sapendo di avere la tranquillità per rendere al mio meglio”.

Maestrelli nei quarti troverà, in un altro crudelissimo derby, Matteo Gigante che ha battuto un indomito Nicolas Moreno De Alboran (n.218 ATP) col punteggio di 7-6(4) 7-5. Completa il quadro un recuperato Lorenzo Giustino che ha avuto la meglio con un doppio 6-3 sul belga Kimmer Coppejans (n.220 ATP) che, pur non essendo riuscito a mantenere le promesse di quando da junior vinse il Roland Garros, rimane avversario da non sottovalutare. Come da non sottovalutare sarà il suo prossimo avversario, il 22enne russo Alexander Shevchenko (n.157 ATP).

 

Forse meno eccitante il campo dei partecipanti al Challenger Nonthaburi 3 (categoria 50, cemento outdoor), che ormai ha esaurito la sua funzione di palestra d’allenamento per gli AO. Brilla però fortissima la stella di Giovanni Fonio che, ripescato come lucky loser, conquista un’insperata quanto meritata semifinale. Battuti il kazako Denis Yevseyev (n.305 ATP) col punteggio di 6-2 7-5, il libanese Benjamin Hassan (n.298 ATP) 6-7(4) 6-4 6-2, fino a completare il suo capolavoro con la vittoria sul francese Antoine Escoffier (n.192 ATP e terza testa di serie) che all’esordio aveva eliminato Stefano Travaglia 6-1 7-6(4). Un match combattutissimo che è terminato col ritiro di Escoffier quando Fonio era avanti 7-5 6-7(5) 2-1. Da notare che nel secondo set il tennista novarese aveva avuto ben sei match point, due sul servizio e quattro in risposta. Adesso gli tocca un altro francese, quell’Arthur Cazaux che qui a Nonthaburi è di casa tanto da apparire quasi ingiocabile. Ma in questo caso è d’obbligo il ‘mai dire mai’.

Eliminati nelle qualificazioni Giovanni Oradini, uno spento Andrea Arnaboldi e un sempre più malinconico Federico Gaio.

Si giocava anche in Brasile, al Challenger 75 (terra battuta outdoor) nella città collinare di Piracicaba (400.000 abitanti nello stato di San Paolo) dove a difendere i colori azzurri c’erano Alessandro Giannessi ed Edoardo Lavagno. Subito fuori lo spezzino che, opposto alla seconda testa di serie l’argentino Camilo Ugo Carabelli non conferma il suo ottimo stato di forma e si deve arrendere 6-4 3-6 6-1 dopo oltre due ore di battaglia. Molto bene invece Edoardo Lavagno che, passato indenne il consueto campo minato delle qualificazioni, supera all’esordio in tabellone il padrone di casa Daniel Dutra da Silva con un secco 6-3 6-1. Per il 24enne torinese la fine corsa viene decretata dall’argentino Hernan Casanova (il miglior amico nel circuito del nostro Agamenone) col punteggio di 6-4 4-6 7-6(5), in un match dove al nostro non sono mancate le occasioni.

Continua a leggere

Challenger

La predilezione di Arthur Cazaux per il Nonthaburi Challenger

In Thailandia il 20enne francese proprio non riesce a perdere, mentre in Argentina Giannessi si ferma in semifinale. Vittorie di Juan Manuel Cerundolo e Arthur Fils.

Pubblicato

il

Cazaux Arthur - Foto ITF

Arthur Cazaux è nato a Montepellier 20 anni fa, in una calda giornata di agosto, e fin da ragazzo è stato chiaro a tutti come fosse un predestinato. Impressione confermata quando nel 2020 conquistò la finale degli AO Juniores dove fu sconfitto solo dal connazionale Harold Mayot, guadagnando comunque il quarto posto nella graduatoria mondiale juniores. A dicembre di quello stesso anno vinse il suo primo Futures M15 a Torello in Spagna e fu allora che lo vedemmo giocare per la prima volta, rimanendone molto colpiti. Nel 2021 altri due Futures, entrambi in Portogallo, e qualche scalpo importante: Sebastian Korda al Madrid Open e Adrian Mannarino al Ginevra Open. Il 2022 non inizia sotto i migliori auspici perché un problema fisico lo tiene lontano dal campo per ben cinque mesi, ma il suo rientro è col botto con la vittoria al Challenger di Nonthaburi. E la settimana successiva, sempre in Thailandia, arriva di nuovo in finale dove solo un infortunio gli impedisce di centrare la doppietta. E in questo inizio di stagione da dove se non dal cemento thailandese potevano arrivare di nuovo sue notizie? Questa volta il suo successo a Nonthaburi (Challenger 75, cemento outdoor) è di quelli fragorosi: partito dalle qualificazioni, ha battuto nell’ordine il nostro Giovanni Fonio, il forte indiano Gunneswaran, il ‘simpatico’ Tennys Sandgren, la testa di serie n.1 Dennis Novak e in finale Lloyd Harris, il sudafricano primo avversario di Lorenzo Musetti a Melbourne Park. Niente male per il giovane talento transalpino, tifoso di Rafa Nadal e Stephen Curry, che pianta il campo base alla posizione n.265 ATP, in attesa di dare l’assalto alla vetta.

I cugini francesi si prendono anche il Challenger 75 di Oeiras 2 (Portogallo, cemento indoor) con Arthur Fils che in finale ha battuto 6-1 7-6(4) il belga Joris De Loore che, dopo la vittoria della scorsa settimana, non finisce di stupire. Molto bravo il 18enne parigino che in tutto il torneo ha lasciato un solo set nel match di esordio contro il tedesco Louis Wessels. Per il finalista del Roland Garros Junior 2021 (sconfitto da Luca Van Assche) prima vittoria Challenger e nuovo best alla posizione n.195 ATP.

In Argentina, al Challenger 50 di Tigre 2 (terra outdoor), altra bella prestazione di Alessandro Giannessi che raggiunge la seconda semifinale consecutiva grazie alla bella vittoria di rincorsa contro l’argentino Mariano Navone col punteggio di 6-7(6) 7-5 6-1. Lo spezzino, perso il primo set, si era trovato sotto 3-5 e 30-30 ma lì è stato bravo a rimanere lucido, spezzando il ritmo con ripetute palle corte che hanno mandato in confusione il suo avversario. La semifinale con Jesper de Jong (n.325 ATP) gli ha purtroppo detto male (6-4 5-7 6-1), come male ha detto all’olandese la successiva finale contro il padrone di casa Juan Manuel Cerundolo che ha prevalso 6-3 2-6 6-2. Un match durato oltre due ore in cui i servizi hanno sofferto parecchio, come dimostrano i ben 14 break che abbiamo contato alla fine. Per il più giovane dei fratelli Cerundolo è la settima vittoria Challenger, la seconda consecutiva, che potrebbe essere un buon viatico per una stagione che per lui si prospetta decisiva.

 

Segui su Instagram: @massimogaiba

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement