Qualificazioni ATP/WTA: vittorie per Cobolli, Bellucci ed Errani. Paolini non sfrutta un match point

ATP

Qualificazioni ATP/WTA: vittorie per Cobolli, Bellucci ed Errani. Paolini non sfrutta un match point

A Pune avanzano i Next Gen Flavio Cobolli e Mattia Bellucci. Bondar rimonta Paolini sul più bello ad Adelaide. Errani sorride ad Auckland, Stefanini no

Pubblicato

il

UniCredit Firenze Open, Firenze 10/10/2022 Flavio Cobolli Foto Giampiero Sposito
 

Parallelamente alla United Cup – evento misto per nazioni, alla sua prima edizione – sono in corso anche le qualificazioni per i primi tornei ATP e WTA della nuova stagione, e nella giornata di sabato 31 dicembre sono scesi in campo già quattro tennisti azzurri. Partiamo dall’ATP 250 di Pune, in India, dove hanno vinto i due Next Gen azzurri Flavio Cobolli e Mattia Bellucci. Il 20enne Cobolli è stato particolarmente fortunato nel sorteggio, pescando la wild card locale Adirya Vishal Balsekar, n.1372 del mondo, e vincendo 6-3 6-0 senza mai perdere il servizio. Di un anno più vecchio, Bellucci (che nel 2022 ha brillato a livello Challenger) era al suo esordio assoluto in un evento ATP, e nel primo turno di qualificazione ha superato 6-4 6-4 l’ucraino Vladyslav Orlov. Quest’ultimo è entrato in tabellone per sostituire il tedesco Gojowczyk. Il 1° gennaio, nella prima mattinata italiana, i due italiani disputeranno il secondo turno di qualificazione con in palio l’ingresso nel tabellone princiale del torneo di Pune: il n.171 Cobolli affronterà il ceco n.247 Zdenek Kolar, mentre il n.153 Bellucci se la vedrà con l’indiano n.434 Ramkumar Ramanathan.

Passando invece alle donne, nel WTA 500 di Adelaide (di cui già è uscito il tabellone) era presente Jasmine Paolini ma purtroppo la sua lunga sfida contro Anna Bondar è terminata con uan sconfitta, resa ancor più amara dal match point non sfruttato nel secondo set. L’italiana n.62 del mondo ha perso contro l’ungherese per 3-6 7-6(6) 7-6(4) in due ore e 35 minuti, senza perdere mai il servizio nei primi due set e portandosi 6 punti a 5 nel tie-break del secondo set. A questo punto però tre punti consecutivi di Bondar hanno rimesso il match in parità, e nel parziale decisivo sono saltati gli schemi con tre break per parte.
Il tennis femminile italiano può comunque sorridere grazie alla veterana Sara Errani, impegnata in Nuova Zelanda, per la precisione ad Auckland. Attualmente numero 109 del mondo, la 35enne bolognese ha battuto 6-1 6-4 la 17enne locale Vivian Yang, raggiungendo il turno decisivo dove affronterà da favorita la spagnola Rebeka Masarova. Prima Errani era scesa in campo Lucrezia Stefanini, nettamente sconfitta da una tennista più esperta di lei: l’olandese Arantxa Rus ha avuto la meglio 6-2 6-0.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement