Wimbledon durante la crisi del costo della vita: "È un'estorsione"

Flash

Wimbledon durante la crisi del costo della vita: “È un’estorsione”

La stretta di cinghia non ha ancora raggiunto il sud-ovest di Londra, dove l’umore è più da ruggenti anni ’20 che da esaurimento nervoso dovuto alle rate del mutuo

Pubblicato

il

Di Thom Gibbs, pubblicato da The Telegraph l’11 luglio 2023

La vendita inizia al di là della strada dalla stazione della metropolitana di Southfields. Durante i 15 minuti di cammino in discesa verso l’All England Club si passa davanti a Wimbledon Park Sports, che pubblicizza gli asciugamani ufficiali, a 39 sterline l’uno, due a 70 sterline. Più avanti, un avamposto della caffetteria DropShot opera dal vialetto di casa di qualcuno. Un altro imprenditore vende cappelli di Panama e vi terrà uno specchio a figura intera mentre vi guardate.

La stretta di cinghia non ha ancora raggiunto il sud-ovest di Londra, dove l’umore è più da ruggenti anni ’20 che da esaurimento nervoso dovuto alle rate del mutuo. L’appetito per lunghi vestiti e completi di lino è inalterato, così come la sete di Pimm’s all’interno del campo, che costa 11,20 sterline in una tazza riutilizzabile o 32,60 sterline a caraffa.

LEGGI ANCHE Dalla Sardegna al Campo 1 di Wimbledon per amore del tennis (e di Sinner)

Come la maggior parte degli eventi sportivi moderni, Wimbledon ha un desiderio innato di separare il più possibile i contanti dal portafoglio o la valuta contactless dallo smartphone. Alcuni prezzi sono da capogiro. Alzate i calici per gli autografi giganti a 22 sterline, i bicchieri di vino a 9,70 sterline e il programma ufficiale dei souvenir a 12 sterline, qui come in ogni altro contesto un enorme spreco di denaro e di carta.

Il prezzo di cibo e bevande, in particolare, fa sì che molti approfittino della generosa franchigia per i picnic di Wimbledon, che consente di portare una bottiglia di vino a persona e tutto il cibo che si riesce a inserire in un contenitore morbido – le borse frigo rigide sono state vietate nel 2005 per timore che possano nascondere oggetti proibiti all’interno.

Abigail Slater e Matt Crawford si sono riforniti da Marks and Spencer e hanno mangiato vicino a Court 18 sulla Henman Hill. Avrebbero portato il loro cibo in tempi meno difficili? “Forse no, ma mi è sempre piaciuto fare un picnic e quindi l’avrei fatto comunque”, ha detto Abigail. “C’è anche da fare la fila”, ha detto Matt, “è più facile portarsi il cibo da casa“.

Dato che vivono in zona, hanno potuto acquistare i biglietti comunitari a 90 sterline ciascuno. “Penso che il prezzo del biglietto sia conveniente se si considera che si pagano 60 o 70 sterline per vedere una partita di calcio che finisce in due ore”, ha detto Matt. “Almeno qui si ha una giornata intera”.

LEGGI ANCHE Wimbledon: una sera e una notte in tenda, sveglia alle 6, in fila con il n. 473 per entrare fra i 500 sul Centre Court. Le follie per il magico tempio del tennis

Susie Adams non è rimasta sconvolta dal prezzo del Pimms. “Circa 12 sterline vanno bene, perché al Chelsea Flower Show qualche settimana fa costavano 14 sterline”, ha detto. Viene qui da anni e domenica era con Kirstie Ayers, entrambe hanno pagato 125 sterline per i biglietti per il Court One. Anche loro hanno partecipato al picnic, anche se il loro era parte del pacchetto ufficiale di Wimbledon, accompagnato da una bottiglia di Rose Rioja. “È costoso, 75 sterline a testa, ma sono cinque portate“, ha detto Kirstie. “Però si può tenere il cesto”. Lo si spera, per 150 sterline.

Sara e Dean Clark sono già stati vittimein passato dai prezzi di Wimbledon e hanno portato una bottiglia di Malbec del supermercato a 14 sterline. “A volte è esagerato, ma la gente paga”, ha detto Dean. “Finché la gente paga, continueranno a chiedere quel prezzo”.

Le loro due precedenti visite sono state effettuate in ospitalità, dove hanno pagato circa 1.000 sterline a testa per i biglietti del Court One, un pranzo di tre portate con menu di Michel Roux Jr, tè pomeridiano e alcolici illimitati. “La prima volta ci siamo detti “wow” perché era una novità, ma la seconda volta non ci è sembrato un buon rapporto qualità-prezzo”, ha detto Sara. “Per questo oggi abbiamo uno zaino”, ha detto Dean. Questa volta la spesa maggiore è stata quella dei biglietti per il Centre Court, sempre tramite ballottaggio, al prezzo di 155 sterline l’uno. Dai pacchetti a quattro cifre agli alcolici da portare con sé, è questa la crisi del costo della vita in azione? “Sicuramente”, dice Dean, “100%”.

Nonostante l’epidemia di venditori non autorizzati, i chioschi sono in piena attività in tutto il sito. Tuttavia, il negozio ufficiale è il luogo più efficace per separare la gente dal proprio denaro. Le candele profumate di Wimbledon sono disponibili al prezzo di 26 sterline e in tre edizioni: Fragole e champagne, Erba appena tagliata e Calzini sudati di Cameron Norrie.

Maglione con zip con il logo ufficiale? Il prezzo è di 130 sterline, signore. E se state progettando la più terribile tana per uomini, potete procurarvi una racchetta gigante al prezzo allettante di 600 sterline. Purtroppo, dopo le prodezze degli affiliati di Just Stop Oil, i set di puzzle non sono disponibili.

In fondo alle scale, vicino alle casse, si trova il meraviglioso museo del tennis, con cimeli sufficienti per occupare un appassionato di tennis per ore. Ci sono molti pulsanti da premere, leve da tirare e videogiochi da giocare per distrarre i bambini che si stancano del doppio misto. Il prezzo del biglietto per gli adulti è di solito di 15 sterline, un vero affare. Per tutta la durata del torneo l’accesso è gratuito.

In effetti, Wimbledon offre gratuitamente molte cose che altri impianti utilizzano come fonte di guadagno extra. Diverse fontane per riempire le bottiglie d’acqua, una discreta quantità di spazio e panchine liberamente accessibili, stand con trofei replicati in cartone dove un membro del personale scatterà gratuitamente una foto ai visitatori.

È fondamentale che Wimbledon non dia l’impressione di essere un evento commerciale. Ci sono loghi di marchi, ma non così tanti come in altri grandi eventi sportivi. Non ci sono gigantografie di hamburger, ma solo ordinati menu con testo e nulla più, non ci sono cartelloni pubblicitari intorno al campo e certamente non ci sono partner ufficiali per le scommesse. C’è molto da vendere, ma raramente ci si sente venduti. La coda più grande era per le fragole e la panna, a 2,50 sterline a cestino come da un decennio a questa parte.

Wimbledon può chiedere molto alle vostre finanze, ma qui quasi tutto è un optional. Infatti, se si è disposti a fare la fila e a portarsi il cibo, un abbonamento grounds a 27 sterline nella prima settimana è uno dei biglietti più convenienti dello sport britannico.

Traduzione di Bianca Mundo

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement