59 anni per Mats Wilander, volto del tennis a cavallo tra le generazioni

Flash

59 anni per Mats Wilander, volto del tennis a cavallo tra le generazioni

Il 22 agosto lo svedese ha spento 60(-1) candeline. Giocatore, allenatore, opinionista, una vita con e per il tennis

Pubblicato

il

Il vincitore di 7 Slam e storico volto di Eurosport Mats Wilander
 

22 agosto 1964, Växjö, Svezia. Una data e un luogo da ricordare, per qualsiasi appassionato di tennis, e di sport in generale. Nella tarda estate di 59 anni fa infatti, un anno dopo i Mondiali di calcio tenutisi proprio nel Paese scandinavo, veniva alla luce colui che avrebbe scritto la storia sportiva della Svezia e che ancora oggi, a quasi 30 anni dal suo ritiro, è un’istituzione nel mondo del tennis: Mats Wilander. Ex n.1 al mondo, 33 titoli in singolare, tra cui 7 Slam, ha incarnato l’essenza di un tennis che non esiste più, fatto di pazienza e lavoro da scalpellino, di fitte ragnatele e compostezza in campo in ogni situazione. Un grande Uomo, prima che un incredibile campione. Colui che, insieme ad Ebderg e Borg, al pari di Liedholm e Nordahl nel calcio, ha posto la sua Svezia sulla mappa dello sport che conta.

Wilander ha infatti raggiunto, da giocatore, 7 finali di Coppa Davis consecutive, tra il 1983 e il 1989, vincendola nel 1984, 1985 e 1987. In Italia, però, il ricordo in tal senso più famoso riguardo il campione svedese è una sconfitta, quando nel 1990, a Cagliari, si arrese clamorosamente in 5 set al nostro Paolino Canè, in una delle partite più memorabili della nazionale italiana. E, a proposito di Wilander e Coppa Davis, il suo match contro John McEnroe ai quarti di finale nel 1982, vinto 8-6 al quinto dall’americano, è stato per 33 anni il più lungo della storia della competizione (6h e 22 minuti, superato di 20 da Mayer-Souza nel 2015). Ma non dimentichiamo i 5 anni di fila in top 10, il 1988 chiuso da n.1 al mondo, i 3 Australian Open e i 3 Roland Garros, che ne hanno scolpito la carriera come immortale, ad imperitura memoria. L’unico cruccio, come per l’eterno rivale Ivan Lendl, rimase Wimbledon, vinto in doppio con Joakim Nyström nel 1986, battuto tre volte di fila ai quarti (1987-1989) in singolare.

Ma la grandezza di Mats sta nel fatto che, dopo aver vinto tantissimo, abbia saputo reinventarsi, diventando il volto di punta di Eurosport, in qualità di opinionista. Durante Australian Open, Roland Garros e US Open, è la voce dello svedese a riempire le nostre case e i suoi pronostici a volteggiare su tutto l’Internet. In mezzo ha saputo anche inserire una buonissima carriera da allenatore, ovviamente anche come capitano della Svezia in Coppa Davis, guidata dal 2003 al 2010, senza mai retrocedere, e arrivando anche in semifinale nel 2007, perdendo poi 4-1 dagli USA. Ma il vero capolavoro lo ha fatto sulla panchina di Paul-Henri Mathieu, che sotto la sua guida si è spinto addirittura a n.12 del mondo nella primavera del 2008, tagliando il traguardo del best ranking. Un genio del tennis, un gran tattico, un uomo generoso e un fine ascoltatore. Questo è stato, è e sarà chissà per quanto ancora Mats Wilander, che da ormai 40 anni è tra i volti di spicco, da una parte o dall’altra della barricata, del tennis mondiale. Con un giorno di ritardo, buon compleanno Mats!

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash3 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria2 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza5 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Sorpresa Sonego, Sinner vince e convince, Musetti riprova a battere Djokovic”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement