Kyrgios: "Bevevo ogni notte. Odiavo svegliarmi ed essere me"

ATP

Kyrgios: “Bevevo ogni notte. Odiavo svegliarmi ed essere me”

Le rivelazioni dell’australiano: “Avevo sviluppato una dipendenza dal dolore. Murray mi ha salvato”

Pubblicato

il

Nick Kyrgios – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @Wimbledon)
 

Il tennis è lo sport del diavolo. Una frase che si usa e di cui spesso si abusa. Ma questo diavolo non compare solo nel gioco, nelle partite incredibilmente capovolte o in clamorosi episodi sportivi. Si annida anche negli spifferi, negli angoli più reconditi della mente, come accade a qualsiasi persona. E i tennisti, che scendono in campo uno contro uno, ma prima di tutto contro sé stessi, tra gli sportivi sono quelli che decisamente più soffrono sotto questo punto di vista. Tanto che molti ormai ricorrono anche agli psicologi per tenere una certa tranquillità. E per non passare periodi come quello che ha avuto Nick Kyrgios nell’estate del 2019.

Why always me?” recitava una celebre maglietta di Mario Balotelli, e certamente la frase ben si applica al tennista australiano, probabilmente il talento più sprecato degli ultimi anni. Ma, come ha rivelato al Piers Morgan Uncensored su TalkTV, ha avuto seri problemi che lo avevano anche spinto a considerare il suicidio. “Era un periodo buio, devo essere onesto“, ammette Nick, “vincevo tornei in tour, ma bevevo ogni notte. Ero autolesionista, mi bruciavo cose sul braccio, mi tagliavo per divertimento. Era diventata una dipendenza dal dolore. Odiavo svegliarmi ed essere Nick Kyrgios“. Un quadro triste, specie per un ragazzo di soli 24 anni (l’età di Kyrgios all’epoca). Un buco nero che lo stava risucchiando e da cui difficilmente sarebbe potuto uscire da solo: “Andy [Murray] è sempre stato un mio grande sostenitore. Appena arrivai sul circuito mi ha visto come una sorta di cantiere e mi ha preso sotto la sua ala… è sempre stato qualcuno che si prendeva cura di me“.

La carriera di Kyrgios ha avuto vari alti e bassi da quel periodo che sarebbe durato tra i 18 e i 24 mesi, culminando in quei giorni di Wimbledon 2019 (perse al secondo turno contro Nadal). Ha avuto il proprio picco nel 2022, ma gli infortuni non gli hanno permesso continuità. Grazie a Murray ha potuto però ritrovare una certa serenità, scacciando i troppi fantasmi che lo attanagliavano. E non solo: “Sono stato quasi un faro per persone che stanno soffrendo. Quando si sentono sopraffatti e stanno andando verso l’alcool, la droga e cose del genere, si aprono. Questa è la cosa più potente della mia carriera, persone che vengono da me con reali questioni. Mi mandano foto e messaggi su Instagram in cui genuinamente fanno autolesionismo e vogliono suicidarsi. Ho conversazioni con queste persone. E a volte delle telefonate. Fa davvero la differenza, e sono molto orgoglioso“.

Non solo colpi da highlight e follie in campo. Non solo talento sprecato e rimpianti, oltre che le copertine. No, Nick Kyrgios ha saputo reinventarsi e dare una concreta mano nel sociale a chi ne ha bisogno. Come Andy Murray con lui, che lo ha aiutato a risalire da un pozzo che sarebbe potuto diventare senza fondo.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement