Qinwen Zheng, ritorno alle origini con Pere Riba

Flash

Qinwen Zheng, ritorno alle origini con Pere Riba

Dopo pochi mesi di separazione, nell’angolo di Qinwen Zheng torna lo spagnolo Pere Riba, il coach che l’aveva portata in top 30

Pubblicato

il

Qinwen Zheng – WTA Zhengzhou 2023 (foto via Twitter @ZhengzhouOpen)
 

Per quanto riguarda il tennis giocato, avevamo lasciato Qinwen Zheng sconfitta in finale in quel bizzarro torneo che è il WTA Elite Trophy, evento riservato alle dodici migliori tenniste – migliori se non si considerano quelle davvero migliori che si sono meritate le WTA Finals a Cancun. Cioè, si sono meritate le Finals, un po’ meno Cancun.

Ma stiamo divagando, anche perché del dove eravamo rimasti con Qinwen qui interessa l’aspetto relativo al coach, con la tennista in lacrime (certo in buona parte di rabbia) dopo essere stata scaricata da Wim Fissette che, in pratica, si era parcheggiato nell’angolo cinese in attesa del rientro della sua ex pupilla Naomi Osaka.

Adesso la reunion tocca a Zheng, attualmente numero 15 del mondo. Domenica 3 dicembre, con un post su Instagram, la tennista ha annunciato che tornerà a lavorare con Pere Riba, suo allenatore per due anni, tra cui la stagione 2022, quella dell’ingresso in top 30 partendo dal 126° posto, con tanto di premio come Newcomer of the year. Ecco il messaggio di Qinwen:

“Riuniti dopo un po’ di tempo lontani, pronti per intraprendere il viaggio insieme e prepararci per il prossimo anno. Ritorno al periodo originale.”

La collaborazione tra i due si era interrotta dopo lo scorso Roland Garros, quando il coach spagnolo aveva scritto sui suoi profili social: “Sono stati due anni molto intensi, bellissimi, in cui abbiamo imparato tanto. Dall’inizio e fino a oggi abbiamo sempre dato il meglio e ho adorato il viaggio fatto insieme. È stato un privilegio allenarti e sono davvero orgoglioso di te, hai un’etica del lavoro tra le più grandi che abbia mai visto nel tennis. Ti auguro il meglio, KID”.

Un ventina di giorni dopo, Riba prendeva posto nell’angolo di Coco Gauff, salvo poi comunicare la fine del rapporto all’inizio di novembre, per “motivi personali e di salute di un mio familiare”. Dall’inizio di agosto, Pere aveva condiviso il suo ruolo con Brad Gilbert e un mese dopo Coco ha alzato il suo primo trofeo Slam allo US Open.

Non resta da aspettare per vedere dove la ritrovata collaborazione porterà la ventunenne cinese, che nel 2023 ha messo in bacheca i primi due titoli – Palermo e Zhengzhou.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Perché credo che questo Sinner batterà questo incerto Djokovic. Ma non al quinto set

Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Sinner tranquillizza tutti: “L’addome? Nulla di che”. Contro Djokovic alle 4.30 italiane

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – La grande attesa per i duellanti dai tanti punti in comune Djokovic e Sinner. Vinca il migliore? “Sperem de no”

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement