Simone Tartarini: "Musetti in due o tre anni potrà diventare un top ten. Barazzutti? Il suo innesto farà bene anche a me"

Flash

Simone Tartarini: “Musetti in due o tre anni potrà diventare un top ten. Barazzutti? Il suo innesto farà bene anche a me”

Il coach di Lorenzo Musetti affronta i temi della paternità e della collaborazione con Barazzutti: “Essere padri comporta nuove responsabilità che lo aiuteranno anche in campo. Corrado, un valore aggiunto d’esperienza”

Pubblicato

il

Simone Tartarini – Bologna, “Tennis in piazza” 2022
 

La stagione appena conclusa di Lorenzo Musetti è stata al di sotto delle aspettative accumulate a fine 2022. L’annata fin dal suo inizio si è rivelata abbastanza sottotono: si attendevano ben altri risultati sul rosso sudamericano, la situazione è poi leggermente migliorata in primavera grazie ad alcune ottime prestazioni sulla terra europea. Alla fine tuttavia in termini di classifica, nonostante le difficoltà incontrate, lo scarto rispetto all’anno passato è stato esiguo: solamente quattro posizioni perse. A tracciare comunque un bilancio del carrarino nel 2023, ci ha pensato ai microfoni dell’ATP – precisamente al podcast ufficiale della Radio dell’associazione giocatori – il suo coach Simone Tartarini che dal prossimo gennaio (Lollo ripartirà dal torneo di Hong Kong), e per un periodo di circa 12 settimane, vedrà affiancarsi stabilmente dal Davis-man del 1976 Corrado Barazzutti particolarmente critico nei confronti della Federazione per come è stata gestita la cerimonia della squadra campione del mondo agli Awards di SuperTennis – nel ruolo di Super-Coach.

L’analisi del 2023 di Musetti

Quest’anno non è stato facile per Lorenzo [Musetti, ndr], l’anno scorso chiuse benissimo giocando i quarti contro Novak [Djokovic, ndr] – a Parigi Bercy, mentre quest’anno abbiamo cominciato male in Australia perdendo contro Harris. Nello swing sudamericano, poi, non ha giocato bene a causa delle diverse condizioni incontrate tra Buenos Aires, Rio e Santiago. A metà stagione, sulla terra battuta, abbiamo ottenuto buoni risultati tra Montecarlo, Roma e Parigi, arrivando sempre al terzo turno in sei tornei su otto disputati. Anche sull’erba non è andato affatto male, con i quarti di finale a Stoccarda e al Queen’s e il terzo turno a Wimbledon. Poi sono cambiate tante cose: dalla vita privata ad altri aspetti. L’anno prossimo diventerà papà e non sarà facile per lui, è molto giovane“.

La paternità può aiutare il tennis

Lorenzo è felice e lo sono anch’io, ma non è facile controllare tutto, né per me, né per lui, né per i suoi genitori. C’erano tante cose da pianificare: la casa, la vita e forse non era concentrato sul tennis. Ogni persona è diversa. Anche Fritz e Khachanov sono diventati padre molto giovani. Per me Lorenzo è molto intelligente e la sua paternità è una bella notizia, ma in questo momento non è facile. L’anno prossimo, invece, non ci saranno problemi e si concentrerà solo sul tennis. Essere padre comporta nuove responsabilità e penso che lo possa aiutare anche sul campo da gioco“.

La costruzione di un Top 10 richiede ancora tre anni

Oggi Lorenzo è ancora un giocatore in costruzione, è diverso da Jannik [Sinner, ndr], Holger [Rune, ndr] o Carlos [ALcaraz, ndr]: loro hanno una mentalità diversa. Mi piace quando riesce a giocare il suo tennis diversamente, ma non è sempre facile farlo. Penso che nel giro di due o tre anni potrà diventare uno dei primi dieci giocatori al mondo, ha il potenziale per riuscirci“.

L’innesto di Barazzutti: un valevole supporto d’esperienza

Corrado Barazzutti sarà nella squadra accanto a me l’anno prossimo, sarà un nuovo membro. Ha allenato prima Francesca Schiavone e poi Fabio Fognini, è stato capitano in Davis per vent’anni. Penso che potrà essere un ottimo supporto per Lorenzo nella dodici settimane in cui sarà con noi. Non so in che modo la collaborazione potrà evolversi, ma ciò che certo è la grandissima esperienza di Corrado. Quindi, di sicuro, un grande valore aggiunto per Lorenzo. Ed è importante perché è ciò di cui ha bisogno in questo momento. Finora, Lorenzo è sempre stato con me ogni settimana. Perciò questo non potrà che fare del bene ad entrambi“.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement