Masters interviste, Berdych: "Difficile che il match andasse in un altro modo"

Interviste

Masters interviste, Berdych: “Difficile che il match andasse in un altro modo”

Pubblicato

il

 
 

TENNIS – Incontro di round robin, N. Djokovic b. T. Berdych 6-2 6-2. L’intervista del dopopartita

THE MODERATOR: Questions, please.

Q. Just a few words about Novak, if you can, sealing the year end No. 1 spot today.
TOMAS BERDYCH: Well, definitely he deserves to win. There was no question about it. He just secure his spot for the No. 1 player in the world. I think it just show how great he is, how well he played during the whole season. Yeah, that’s it.
I mean, there was not much doubts that the match could go the other way. There was nothing the way I can challenge him better than this.

 

Q. Probably seem as silly question, but if Wawrinka goes into meltdown tonight and loses, it’s possible you can qualify for the semifinals.
TOMAS BERDYCH: No.

Q. A little disappointing end of the year, but what is your opinion of having this event move to another city in the future or staying here more years?
TOMAS BERDYCH: Let’s separate the question a little bit. Yes, the season was solid, was very good. Was another year to finish in top eight, that’s great. The other one is the last week of the season was terrible. That’s how it is.
If moving or not, really I’m probably not the one who can decide that and can have the powerful word.
I think it’s been already pretty a while here. Who knows. Maybe the change can bring something else, you know, bring some new spectators or just a different part of the world.
But I think it’s quite still open in that. But there is definitely nothing that we can criticize that we are missing or they are not doing well here.

Q. Can you say anything about why it’s so hard for players to stay in the matches once they fall behind?
TOMAS BERDYCH: Well, I don’t know what’s the explanation. But there could be also something about the surface, you know. I’ve been asked many times if it’s the same or not. But it’s always hard to judge when you go during the year, and every single indoor tournament is a bit different.
It’s hard to remember how was the surface one year ago when you play 15 tournaments in between on the hard courts.
But I find the court very tricky, very challenging. It doesn’t allow you for any mistakes. In my word, I think it’s very slow. You know, for us who wants to hit the serve and try to play aggressive, it’s very difficult. So that’s why we kind of struggle with that.
You facing the best players in the world. So when you put these things together, then the scissors opens too much and then it creates the scores how it is.

Q. You’ve had experience the last couple years going from this tournament to the Davis Cup final. Wawrinka and Federer are going to have that experience this year. Can you talk about what that transition is like, changing focus from this to a different kind of event.
TOMAS BERDYCH: Yes, it’s very difficult. It’s very hard transition because it’s two big events, one next to each other. It’s really not an easy one.
Somehow I managed twice to go the next week and win and play a good tennis. I’m really happy with those two wins in Davis Cup. Not many teams, I would say such a small team, that could make it two years in a row. Every time after a season like that, which is extremely tough and not easy.
So, well, I think they are both very experienced. They going to handle that. They just need to first finish here and then, you know, refocus and be ready for another big event.

Q. Marin Cilic said the other day how tough playing Djokovic in the first match of the tournament. You played him in the last match of the round robin. Do you think it’s even tougher to handle because you are under pressure to try to many games as you could?
TOMAS BERDYCH: Well, you are under pressure from the beginning of the tournament, no matter if it’s the first or last match. If you play Novak first or last, it’s pretty much the same. There is not much difference.
Especially here, you know, he’s been fighting for being No. 1 in the world. This match just secures him that. Really, I don’t see a big difference between the first or last.
Yeah, I mean, it’s extremely tough to play him.

Q. Talk a little bit about your off season, what you’re going to be working on. Is it an important one for you to try to make some big changes or not?
TOMAS BERDYCH: Well, it’s hard to say ‘big changes’. First of all, there is going to be time just to get myself rest, prepared, relaxed. You know, that’s the first step to try to start it all over again.
Then my main goal definitely is going to be, I would say, fitness and movement. It’s still becoming more and more important in the game.
No matter how challenging are those guys, it’s always very important how my game is. If I’m able to move well, hitting the ball nice and clean, which goes very well together, then that’s the beginning of the success. So that’s going to be definitely the start up.
Yeah, I mean, follow up on the other things, as well. You know, I think it’s too soon just now to talk what’s going to be my plans in off season basically like what to work on and what to do.
But, yeah, I’m going to have, I would say, maybe one week more because the last two years play always Davis Cup. That was extremely tough. But, yeah, the good thing is that I’m not 20 year kid that needs more time, can work on much more things. But there is still a lot to improve.

Q. You’re older than Nadal, Murray and Djokovic. You’re four years younger than the No. 2 player in the world. Where tennis is going, do you think you’re around your prime age? Is your peak still to come? Are you already past your prime given where the sport is now?
TOMAS BERDYCH: Well, okay, so let’s forget the last one that you said because he is not from this world. That’s really no question about it.
Well, for myself, I take every year as a new challenge. It’s how it is. I just try to push it as far as I can, get myself as close as possible to my limits. Probably you can find it out when you are done. It’s really hard to say in the middle not anymore in the middle of the career, but in the career or during your play if that was the best or if you are still able to bring something more.
I mean, you can always come up with matches that you can handle a different way. You can have more experience and you can still winning a big matches or you can lose them also because of maybe, I don’t know, your fitness is not so great like it was when you were 20 or something like that. Just examples.
But hopefully this is not the case. It’s always a matter of having some goals and having some plans and just go for it.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros, Fognini: “A Wimbledon senza punti? Porto la famiglia a Formentera…”

“Ho giocato il mio 15esimo RG. Mi piacerebbe giocare anche il 16esimo…vedremo a fine anno”. Così Fognini che sulla questione ATP/WImbedon dice: “Se resta così porto la famiglia a Formentera”

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Nonostante l’inevitabilità del tempo che passa, Fabio Fognini è ancora lì a tenere alto lo stendardo del tennis italiano. Non sembri una casualità la vittoria del giocatore ligure nei confronti di Popiryn, al primo turno di quello che è il suo 15esimo Roland Garros: “non sapevo fosse il 15esimo. Fa piacere essere qui a giocarmela con giocatori più giovani di me e soprattutto sentire quelle sensazioni che mi fanno sentire bene in campo. Vincere 3-0 al primo turno di uno Slam non è mai semplice, farlo a quasi 35 anni ha un gusto sicuramente più bello. Ho gestito bene il match, sapevo di dover insistere sul suo rovescio e che questo mi avrebbe dato tanti punti. Così è stato. Vincere nel torneo che amo di più di tutti, è sempre speciale”. 

E’ sinceramente felice Fabio, lo si legge nello sguardo di chi ha vinto, giocato bene e sa di non avere tante altre stagioni davanti a se. “Mi piacerebbe giocare anche il 16esimo, ma come detto a fine stagione tireremo le somme e vedremo. Negli ultimi anni ho sicuramente fatto molta fatica, sono stati difficili per diversi motivi, ma se continuo ad avere questo spirito, questa condizione, non ci sono dubbi sul fatto che possa continuare a giocare. Lo ammetto, mi piacerebbe tornare ad alzare un trofeo, ma devo anche considerare che la mia famiglia inizia a reclamarmi ogni giorno di più. E’ vero, c’è Flavia che mi aiuta, ma tre figli non sono semplici da gestire, soprattutto il prossimo anno, quando il più grande dei tre inizierà ad andare a scuola… ne parleremo e vedrò cosa fare”.

Ed è proprio ricollegandosi alla famiglia, utilizzando tutta la schiettezza e la franchezza che l’hanno sempre contraddistinto, che Fognini non usa mezzi termini per commentare la decisione dell’ATP sulla questione Wimbledon: “ho personalmente parlato con Gaudenzi e gli ho fatto i complimenti: si vocifera che riducano anche il price money. Se così fosse, visto anche il non grandissimo feeling con l’erba, in quelle due settimane potrei portare la famiglia a Formentera…”; che aggiungere? Il messaggio sembra essere abbastanza chiaro.

 

Come abbastanza chiara è l’idea sul ruolo che Carlos Alcaraz (per i bookmakers favorito numero 2 del torneo) ricopre in questa edizione del Roland Garros: “E’ sicuramente il giocatore che ha fatto il percorso di crescita, sia fisica che tennistica, migliore. Bisogna dargli atto di questo, ma starei molto cauto nel metterlo, in questa ipotetica classifica, davanti a gente come Rafa”. 

Ultima considerazione, vista la domenica di sport, non poteva non essere per la “sua” Inter: “Tutti dicono che l’Inter abbia perso lo scudetto a Bologna; non sono d’accordo. Secondo me l’ha perso a febbraio. La stagione la considero comunque positiva, abbiamo battuto tre volte la Juve e vinto due trofei”

Continua a leggere

Flash

Thiem: “Non sento dolore, ma la tensione del match mi blocca”

Uno scurissimo Dominic Thiem parla del suo momento molto difficile. “Non sono mai nemmeno stato vicino alla vittoria”. Probabile la sua partecipazione al Challenger di Perugia

Pubblicato

il

Dominic Thiem - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Agli inizi della sua carriera Dominic Thiem era noto come il tennista che aveva il rapporto più conflittuale di tutti con il pettine: si presentava sempre in pubblico con i capelli oltremodo arruffati, reduci dalla partita o dall’allenamento, oppure così come erano usciti dalla doccia. Poi con il tempo aveva preso a curarne un po’ più l’aspetto, in ottemperanza al suo ruolo di top player, ma dopo la sua sconfitta in tre set al primo turno del Roland Garros contro Hugo Dellien, i capelli sono tornati ad avere l’aspetto scompigliato di una volta, quasi a esemplificare la parabola del suo gioco retrocesso a quello degli albori del suo percorso da giocatore.

“Ho lavorato tanto nelle ultime settimane per essere pronto a giocare qui, ma semplicemente non c’era abbastanza tempo – ha detto all’inizio della sua affollatissima conferenza stampa, inspiegabilmente programmata nella Sala 2, capiente meno della metà della sala principale – per quanto sia dura questa sconfitta bisogna accettarla, così come bisogna accettare che ci vorrà tempo. Viste le mie ultime prestazioni, non è accaduto nulla di sorprendente. Fa male, ma la vita va avanti”.

Curioso come la sua conferenza stampa sia stata ritardata di oltre 10 minuti dal prolungarsi della conferenza stampa di Cirstea: ricordiamo come nel 2019 proprio Thiem fu protagonista di un episodio piuttosto curioso che lo vide cacciato dalla sala interviste principale dalla necessità di far spazio a Serena Williams, cosa che poi lo fece andare su tutte le furie interrompendo il suo impegno con i media austriaci. Ora invece di Serena Williams c’era Sorana Cirstea a scompigliare il suo incontro con la stampa: sono decisamente tempi duri per Thiem…

 

La questione non è fisica, ha tenuto a precisare l’austriaco alla domanda di Ubaldo Scanagatta, che dice di non avere più alcun dolore al polso e di essere in grado di esprimere un tennis migliore in allenamento rispetto alla gara: “ci sta che si lasci un 20% negli spogliatoi quando si gioca in uno Slam, la tensione della gara, è normale. Tuttavia il mio livello di gioco è ancora lontano da quello dei miei avversari, non sono mai arrivato nemmeno vicino alla vittoria nelle ultime uscite, e questo vuol dire che c’è ancora tanto lavoro da fare”.

La situazione di tensione in cui mi trovo durante la gara è tossica per il mio diritto. Ho commesso errori a ripetizione anche senza cercare di far nulla di particolare con quel colpo, cercavo solo di metterla in campo e continuavo a sbagliare. Il rovescio va un po’ meglio, ma la percentuale di prime di servizio è troppo bassa, e a volte faccio scelte davvero stupide durante gli scambi”.

Dopo la sconfitta con Andy Murray al Mutua Madrid Open, il campione inglese gli aveva detto: “Ci vorrà un po’ di tempo, ma andrà tutto bene”. E la settima sconfitta consecutiva subita da Thiem dal suo rientro stagionale al Challenger di Marbella sembra sottolineare che il percorso è appena cominciato. “Bisogna essere pazienti, continuare ad essere pazienti, lavorare sui colpi che non funzionano fino a che non ricominciano a funzionare.”

Per ritrovare la vittoria il due volte finalista di questo torneo è pronto a scendere di livello e tornare a competere nei tornei Challenger. “Uno o due tornei sicuramente. Una vittoria aiuterebbe molto, ma non è quello l’obiettivo principale. Bisogna continuare a migliorare il livello di gioco e con un po’ di fortuna le vittorie verranno da sole”. Gli Internazionali di Tennis Città di Perugia, Challenger 125 in programma nel capoluogo umbro dal 5 giugno, hanno già fatto sapere di aver riservato una wild card al campione austriaco, che quindi con ogni probabilità sarà visibile in Italia per tutti i fans del Centro Italia che vorranno vederlo da vicino.

Ora non rimane altro da fare che rimboccarsi le maniche per Thiem, che si è detto pronto anche a ricorrere all’aiuto di uno psicologo sportivo, cosa che non ha mai fatto nel corso di tutta la sua carriera. “Ma l’aspetto fondamentale è avere pazienza, perché anche due-tre anni fa quando stavo giocando benissimo ero comunque ugualmente contratto durante le partite, solo riuscivo a gestire la situazione molto meglio, anche grazie alla fiducia che proveniva dalle tante vittorie”.

Continua a leggere

Flash

Panatta: “Il mio tennis era più romantico, una bellezza. Gli italiani devono crescere, Alcaraz prossimo numero 1”

Il vincitore del Roland Garros 1976 Adriano Panatta, intervistato da La Nacion, ha parlato anche (ma non solo) di Nadal e Federer

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz – ATP Madrid 2022 (foto via Twitter @MutuaMadridOpen)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Alla vigilia del Roland Garros 2022, La Nacion è andata a rispolverare l’albo d’oro dello slam parigino, intervistando Adriano Panatta (campione nel 1976). L’ex tennista di Roma, classe 1950, ha affrontato diversi temi, dai suoi vecchi rivali come Vilas e Borg al buon momento del tennis italiano, spaziando poi tra due generazioni come quella di Nadal e Federer opposta al baby-fenomeno Alcaraz. Prima, però, spazio ad un confronto tra il suo tennis e quello odierno:

“Il tennis ai miei tempi era diverso, forse più romantico. Mangiavamo sempre tutti insieme, in generale era un tennis più creativo e talentuoso, meno fisico. Era una bellezza. Molte volte sembravamo i Beatles o i Rolling Stones con la racchetta, ma non vivevamo su un piedistallo. Eravamo gente normale: dopo una partita a Wimbledon o al Roland Garros uscivamo camminando tra la gente e scherzavamo tra noi: eravamo tutti amici. Era un’epoca speciale, adesso i giocatori si chiudono di più”.

D: Il decesso di suo padre le ha lasciato un oggetto simbolico, vero?

 

Panatta: “Mio padre aveva conservato la pallina del match point di Roma 1976, quando vinsi in finale contro Vilas. Era nascosta in un ‘cajón’ (uno strumento a percussione a forma di scatola originario del Perù, ndr) e io non lo sapevo. L’ha trovata mia sorella: era scolorata e dura come una pietra“.

D: Che luogo occupa Vilas nella storia del tennis?

Panatta: “È stato un grandissimo giocatore ma anche un bravo ragazzo. Ho giocato la mia ultima partita in Coppa Davis contro di lui, era un buon amico. Mangiava come un animale: al mattino bistecche, uova, frutta, davvero di tutto! Era incredibile, ma si allenava molto. Io non mi allenavo tanto quanto lui“.

D: Borg ha vinto sei titoli al Roland Garros, perdendo soltanto due partite, entrambe contro di lei (ottavi nel 1973 e quarti nel 1976). Conserva queste vittorie tra le più importanti della sua carriera?

Panatta: “Sì, è possibile. Borg era fortissimo e non per niente era numero uno del mondo. Mi trovavo sempre bene a giocare contro i migliori, non pensavo mai di poter perdere. Poi, chiaro, sono stato sconfitto molte volte, ma ho vinto anche molte altre partite. Non ho nostalgia di quei tempi, ma credo che al tennis odierno manchi un po’ di immaginazione“.

D: Berrettini, Sinner, Musetti: il tennis italiano gode di buona salute.

Panatta: “Sono tempi buoni, ma devono continuare a crescere. Sinner è molto giovane, ma sorprende per quanto è forte e per come costruisce il punto. Ha una buona mentalità e potrà affermarsi nella top10. Musetti è molto divertente da vedere e anche Berrettini è molto interessante”.

D: Che cosa pensa di Carlos Alcaraz?

Panatta: “Ovviamente mi piace molto: è il miglior giocatore emergente del momento. È logico che tutti parlino di lui dopo i grandi tornei che ha vinto alla sua età, credo che potrà essere il prossimo numero uno del mondo“.

D: Oggi comincia il Roland Garros, crede che Nadal continua ad essere il grande favorito?

Panatta: “Purtroppo lo vedo con alcuni problemi fisici. Ora come ora lo vedo un po’ affaticato, ma è normale dopo così tanto tempo. In ogni caso, non lo si può mai escludere dai favoriti. È una leggenda e un gran combattente, oltre ad una persona rispettosa e umile, che saluta sempre”.

D: Anche se a luglio sarà passato quasi un anno dall’ultimo match ufficiale di Federer, lo svizzero continuerà ad essere la sua debolezza?

Panatta: “Per me Roger è il giocatore più talentuoso che io abbia mai conosciuto. Lui giocava a tennis meglio di tutti, capiva sempre tutto: Djokovic è una leggenda e potrà avere moltissimi record, ma Federer è un musicista del tennis. Speriamo di poterlo vedere ancora una volta”.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement