Davis interviste, Federer: "Domani e domenica giocherò meglio"

Interviste

Davis interviste, Federer: “Domani e domenica giocherò meglio”

Pubblicato

il

TENNIS INTERVISTE COPPA DAVIS – Incontro finale di Coppa Davis. G. Monfils b. R. Federer 6-1, 6-4, 6-3. L’intervista del dopo partita

Roger, è più dura sotto l’aspetto mentale giocare pensando alla schiena, sperando che questa regga?
ROGER FEDERER: Non ci devi mai pensare, non puoi affrontare il match in quest’ottica. Ecco perché sono contento che questi pensieri siano spariti dalla mia mente, anche in considerazione del fatto che più andava avanti il match di ieri, meglio mi sentivo. La prestazione di Stan poi è per me importante della mia sconfitta nel secondo match. Sono molto felice per lui. Insomma, come team le nostre sensazioni sono positive.

Ci puoi descrivere come hai trovato la superficie e come hai trovato giocare un match con il più grande numero di giocatori in una partita di tennis ufficiale? Come ti è sembrato l’ambiente?
ROGER FEDERER: L’ambiente è stato favoloso ma la cosa che più mi ha colpito è stato vedere tutta questa gente di Venerdì, un giorno lavorativo. Ringrazio i tifosi svizzeri che si sono sobbarcati la trasferta per sostenerci. La superficie è in ottimo stato, è una terra piuttosto secca, immagino per il sistema di riscaldamento, abbastanza scivolosa. Gli organizzatori hanno fatto un lavoro egregio.

 

Se potessi scegliere se vincere un altro Wimbledon o la Coppa Davis, cosa sceglieresti?
ROGER FEDERER: Non mi pongo questo tipo di problema ora. Sono impegnato nella finale della Davis, un torneo a squadre e penso alla squadra, non conta la mia carriera personale ora.

Severin, perché hai chiesto aiuto al coach dei fratelli Bryan per il doppio? Quali benefici può portare alla squadra?
CAPITANO LUTHI: Ritengo che sia utile avere il punto di vista di chi si sia sempre occupato esclusivamente di quella specialità con ottimi risultati. Abbiamo parlato in maniera proficua a Londra e così l’ho scelto.

Roger, anche se non senti dolore e la tua schiena migliora, trovi ragionevole giocare tutti e tre i giorni?
ROGER FEDERER: Come dicevo, le buone sensazioni avute nel corso del match con Gael mi suggeriscono che giocherò meglio tra oggi e domani e soprattutto che sono in grado di farlo. L’aver giocato oggi (ieri, ndr) è stato positivo perchè non mi sentivo bene prima come invece mi sento ora.

Capitano, chi deciderà se Roger giocherà il doppio, tu o lui?
CAPITANO LUTHI: Buona domanda. Per me sarebbe stupido decidere senza parlare coi giocatori per avere le loro sensazioni. Poi è chiaro che qualcuno deve prendere la decisione e lo farò, ma non prima di aver raccolto tutte le informazioni da loro.

Roger, se non vinci la Davis quest’anno, pensi che la giocherai l’anno prossimo?
ROGER FEDERER: Ovviamente farò delle valutazioni se non la vinco adesso, ma siccome domani non sapremo il risultato finale ci aggiorniamo a Domenica sera.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Paire: “Con gli stadi vuoti la partita è come un allenamento. La classifica? Approfitto del sistema”

Lunga conferenza di Benoît Paire da Roma: “Mi sono vaccinato 2 giorni fa, ho chiesto di giocare più tardi ma mi hanno fatto giocare lunedì alle 10”. Sulla foto al segno contro Travaglia: “Come avrei fatto contro un amico in allenamento”

Pubblicato

il

https://www.ubitennis.com/blog/2019/05/22/la-foto-di-fucsovics-che-fa-discutere-la-palla-e-buona-o-fuori/

Ci risiamo. Benoît Paire ne ha combinata un’altra delle sue, e nulla hanno potuto le buone sensazioni apparentemente ritrovate sulla terra madrilena la settimana scorsa. A Roma, durante il primo match di primo turno contro Stefano Travaglia, sul 6-4 2-2 del secondo set per il tennista marchigiano, il francese ha esternato tutto il suo malcontento per un servizio decretato out da Carlos Bernardes. Sono arrivati poi tre doppi falli, il conseguente break per l’azzurro, nonché un warning al francese per ripetute proteste. Infine, Benoît ha fotografato col telefono il segno della disputa, convinto che la sua palla avesse toccato la riga (una trovata che a Roma aveva già adottato Fucsovics due anni fa). A nulla sono serviti gli avvertimenti di Bernardes sul fatto che sarebbe incorso in una multa. Da quel momento, il blackout e il nostro Travaglia si è aggiudicato il match per 6-4 6-3.

In conferenza stampa, rispondendo ai giornalisti francesi, il 32enne di Avignone ha spiegato a briglia sciolta il suo stato d’animo e la sua mancata motivazione dovuta al fatto di ritrovarsi in uno stadio completamente vuoto: “Intanto, per cominciare, mi sono vaccinato due giorni fa. Ho chiesto dunque di poter giocare il più tardi possibile perché per me il vaccino è una cosa molto importante e penso che lo sia per tutti quanti. Per questa ragione sono potuto arrivare a Roma solo ieri sera. Mi fa ancora un po’ male il braccio dopo l’iniezione, è un po’ complicato alzarlo ma lo sapevo; ho chiesto di giocare tardi e alla fine mi sono trovato a giocare stamattina alle 10. Questo vuol dire che non ho neanche potuto palleggiare un po’ qui e non ho potuto allenarmi gli ultimi giorni“. Un episodio simile era accaduto già prima del suo esordio contro Sinner nell’edizione 2020; Paire aveva chiesto all’organizzazione che venisse posticipato l’incontro, che invece si è giocato regolarmente di lunedì con Paire al limite del tanking.

Per me resta una partita, ho fatto del mio meglio” ha proseguito Benoît. “Il risultato alla fine non è molto importante, ciò che importa è aver ritrovato il campo, aver giocato un po‘. Come ho detto già altre volte, per me si tratta soprattutto di un allenamento finché ci sono gli stadi vuotiprosegue Paire. “Ne ho già parlato ed è ciò che provo. Quando sono arrivato lo stadio era a porte chiuse, tutto vuoto, senza neanche un tifoso, ed è difficile sapendo bene che tipo di atmosfera c’è a Roma di solito; ho già giocato bene qui in passato e conosco bene quell’atmosfera e vedere lo stadio così per me è un po’ dura. Comunque vado avanti, settimana dopo settimana. Non sono preoccupato per il mio tennis. Vado a Ginevra la settimana prossima, poi a Parma e poi al Roland Garros e cercherò di fare del mio meglio quando ci sarà un po’ di gente, come ho detto sempre“.

 

Il francese poi entra nel merito dell’episodio incriminato durante la partita con Travaglia. “La palla? Beh, come ho detto, quando gioco senza pubblico per me è un po’ come se mi stessi allenando e quindi sono andato a vedere il segno come avrei potuto fare giocando contro un amico. Ecco tutto. Sono arrivato su un campo che ho davvero amato in passato perché ci ho giocato benissimo e invece è vuoto. Arrivare così su un campo vuoto, come succede per gli allenamenti, per me è un po’ dura. Allora sì, mi sono un po’ bloccato sul segno, ma come avrei potuto fare con i miei amici in allenamento quando scherziamo ma non è quel che segno che mi ha davvero disturbato. Non mi aspettavo di fare un match pazzesco dopo Madrid e la vaccinazione“.

Poi, lo stesso Benoît parla della classifica: “Non bisogna dimenticare che dopo tutte queste settimane, e nonostante abbia vinto due match in due anni, ho una buona classifica. Sono n. 35 del mondo. Ho conservato un po’ di punti di Marrakech, Lione e Roland Garros. Anche se scendessi al n. 50, non importa. Spero che la pandemia passi e che possa ritrovare un po’ di piacere ad essere in campo. L’avevo ritrovato un po’ a Madrid con i tifosi, ma non sono preoccupato per la classifica. Per me la Race non significa nulla, a parte per il Masters di fine anno. Per il resto sono abbastanza contento, ecco tutto. Ho ancora il doppio da fare e poi andrò a Ginevra con la mia famiglia, sono tranquillo”. Non prima però di essersi goduto un po’ la capitale italiana. “Dopo il torneo resterò ancora a Roma per qualche giorno per godere un po’ del tempo libero, vedo che qui i ristoranti sono aperti, quindi voglio approfittarne un po'”.

L’avignonese non si cura della classifica, ma come gestirà le partite al Roland Garros dove, sì, ci sarà il pubblico, ma i match sono al meglio dei cinque set e lui, finora, ha pochissimo tennis nelle gambe? “Mi allenerò, non ho detto il contrario. L’ho fatto dopo Madrid e sto cercando di farmi aiutare anche dal punto di vista atletico. Non sto dicendo che voglio smettere di allenarmi, ma solo che in questo momento per me è difficile affrontare questa situazione ai tornei. Voi mi conoscete, sapete che sono alquanto sensibile. Quando eseguo bei colpi ora vengono trasmessi solo su Tennis TV e intorno al campo c’è il silenzio totale; che faccia un errore o un vincente, è esattamente la stessa cosa, quindi ho davvero la sensazione di trovarmi in allenamento e non in gara. Non voglio gettare la spugna ma, in simili condizioni, non riesco ad essere competitivo. Cerco di fare il possibile”.

Benoit Paire – ATP Santiago 2021 (foto via Twitter @chile_open)

Parigi dovrebbe portare con sé un pizzico di normalità in più, sempre con le dovute limitazioni. “Poi, come detto, al Roland Garros ci sarà un po’ di gente, cercherò di allenarmi, di ritrovare una certa condizione fisica e il piacere di giocare con degli amici. Se non ce la farò per il Roland Garros, sarà per i prossimi tornei. Comunque sia, finché la situazione è questa, io non ci riesco anche se faccio il possibile. Ogni settimana salto da una città all’altra per un torneo, quando c’era un torneo non troppo importante per me come Estoril, sono andato alle Maldive ma poi ho giocato a Madrid. Adesso sono a Roma e poi andrò a Ginevra con i miei genitori, continuerò ad allenarmi e cercherò di trovare un allenatore. Mi piacciono i tornei e la loro atmosfera, anche quelli piccoli. Ad essere onesto quindi non ho molta paura, perché sento che ho ancora il mio gioco. Quando colpisco la palla ho buone sensazioni. È solo un po’ difficile e delicato mentalmente. Se non sarà a Roland Garros, sarà Wimbledon, e se non sarà Wimbledon sarà lo US Open. Sarò comunque in tabellone“.

Dovrò forse vincere qualche match per essere nei Masters 1000 di quest’estate”, puntualizza il francese, “anche se ho visto che il torneo in Canada verrà certamente annullato”. Questa notizia peraltro non era stata data da nessuno prima che ne parlasse Paire, e siamo ancora in attesa di poterla verificare.

“Io arrivo motivato ai tornei ma poi quando vedo gli stadi vuoti per me è difficile, perfino a Roma” ha concluso Paire. “Io approfitto del sistema, so che sono n. 35 e anche se la settimana prossima dovessi perdere al primo turno, conserverei comunque una finale, perché ho ancora la metà dei miei punti. E quindi, la settimana prossima, che mi fermi al primo round o faccia finale, è la stessa cosa. È difficile poi parlare di motivazione. Perché alla fine ora è come se avessi vinto un ‘250’ in quattro settimane, perché ho Lione e Marrakech e i due tornei messi insieme fanno una vittoria in un ‘250’. Ecco, non sono preoccupato, quando ritroverò la motivazione e la condizione atletica, il mio tennis ci sarà, e quindi non ho neppure fretta di ritrovare il mio miglior livello“.

Continua a leggere

Flash

Berrettini: “Ho dimostrato di meritare la Top 10”

Pur sconfitto, il numero uno italiano ha giocato a un grande livello: “Zverev ha fatto più fatica con me che con Nadal e Thiem, questo mi dà fiducia”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini nella finale di Madrid, 2021 (Credit: Mateo Villalba, MMO21)

Matteo Berrettini non può sicuramente essere contento della sconfitta patita contro Alexander Zverev nella finale di Madrid, ma dalla sua conferenza stampa traspare quantomeno una grande consapevolezza del risultato ottenuto e del tennis espresso durante la settimana. Nonostante l’andamento del match, che l’ha visto andare avanti di un set prima della rimonta di Sascha, il tennista romano non ha molto da recriminare: Non ho rimpianti, ho dato tutto. Ho parlato con il mio team dopo la finale e ovviamente siamo tristi, e io più di loro, però nel terzo ho avuto solo una palla break su cui lui ha giocato molto bene. Sono anche riuscito a rispondere a un servizio che andava sopra i 220 all’ora, ma questo è il tennis. Nel primo set sentivo di non stare giocando il mio miglior tennis, anche se ero sopra di un break, poi ho giocato molto bene all’inizio del secondo ma non sono riuscito a strappargli di nuovo la battuta; nel terzo invece è stata una lotta”.

Urge ricordare che questa era la prima volta che arrivava in fondo in un 1000 (prima di Madrid aveva fatto semifinale a Shanghai 2019, battuto sempre dal tedesco), un passo importante della carriera: “Questa era la mia prima finale 1000, spero che non sarà anche l’ultima. […] Giocarla è stata una sensazione incredibile, sono orgoglioso di me stesso e del lavoro che ho fatto, non solo nell’ultimo mese ma lungo tutto l’arco della mia carriera. A 18, 19, o 20 anni non ero nella lista di quelli che avrebbero potuto raggiungere simili traguardi, ho dovuto lavorare davvero duramente per farcela”. Nonostante questa condizione iniziale (e non solo, per certi versi) di underdog, ora il numero uno italiano vuole queste vittorie: Non stavo aspettando un risultato di questo tipo, stavo provando a raggiungerlo. Il mio obiettivo è di giocare bene i grandi tornei, gli Slam e i 1000. Ovviamente anche la vittoria di Belgrado è stata bella, ma tutti sanno che i Top 10 vogliono vincere i grandi tornei”.

Tornando al suo tennis, Berrettini ha aggiunto: Oggi non ho giocato in maniera straordinaria, anche perché lui non mi ha consentito di farlo, ma ho comunque giocato bene. […] Come dicevo nei giorni scorsi, so di poter giocare a questo livello e di meritare di essere qui. Quando uso le mie armi nel modo giusto, tutti fanno fatica contro di me, e questo mi fa sentire ottimista per il futuro. […] Si tratta di un risultato importante per il mio livello: Sascha ha vinto in due set contro Rafa e Thiem, ma contro di me ha fatto fatica, e questa cosa mi dà sensazioni positive che dovrò utilizzare per costruire buoni risultati anche nei tornei futuri. In questo momento la sconfitta brucia, ma alla lunga sarà utile”.

 
Matteo Berrettini – Madrid 2021 (photo Alberto Nevado)

Due parole, infine, sulle prospettive a breve e medio termine, visto che, nonostante gli infortuni, al momento Berrettini sarebbe qualificato per le Finals di Torino – ricordiamo inoltre che domani sarà in campo nella sua città: “Essere fra i primi otto della Race mi dà molta fiducia, la stessa fiducia che sentivo in Australia, forse di più. Comunque è ancora troppo presto per pensare a Torino, la cosa più importante per me in questo torneo era la salute: una volta che sono in salute posso raggiungere il mio miglior livello, come credo di aver dimostrato questa settimana. Fra due giorni gioco a Roma, dove avrò nuovi obiettivi”.

Continua a leggere

Flash

Sabalenka: “La terra rossa non mi fa più paura. Farò il possibile per vincere uno Slam”

Le parole di Sabalenka dopo il trionfo a Madrid: “Ora ho imparato a gestire meglio i match sulla terra. Onore al mio team per questa vittoria. Uno Slam? È molto difficile ma è quello che voglio”

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - WTA Madrid 2021 (ph. Mateo Villalba)

Aryna Sabalenka trionfa a Madrid sconfiggendo la n. 1 del mondo Ashleigh Barty, la stessa avversaria contro la quale aveva subito una dolorosa rimonta in finale a Stoccarda la settimana scorsa. Questa volta, però, dopo un inizio travolgente e la solita reazione di Barty nella seconda frazione, Sabalenka è riuscita a far girare di nuovo la partita dalla sua parte, vincendola con il punteggio di 6-0 3-6 6-4. La bielorussa, che da lunedì sarà n. 4 del mondo, sembra aver compiuto ancora un passo verso la vetta, dimostrando alle sue colleghe di essere ormai una delle tenniste da battere. Anche sulla terra battuta. Di seguito le sue parole in conferenza stampa dopo il successo madrileno.

Sono felicissima per questa vittoria” ha ammesso Sabalenka, “È stato un match pazzesco. Quello che è successo nel secondo set mostra ancora una volta il perché lei (Barty, ndr) sia n. 1 del mondo. Cerca sempre di trovare una soluzione e lo ha fatto molto bene nel secondo set. Ha usato di più lo slice, si muoveva meglio, è stata più aggressiva. Ma il livello è stato alto per tutto l’incontro e sono felice di aver vinto questa partita“.

Nelle ultime settimane, Aryna sta rivelando grandi doti anche sul rosso. La superficie di Madrid, grazie all’altura, si è forse rivelata ancora più adatta al suo gioco rispetto ai campi che troverà agli Internazionali d’Italia o al Roland GarrosNon so cosa accadrà a Roma o a Parigi. Ma sono sicura che sarò al 100%. Lotterò su ogni punto, questo ve lo posso garantire. Per quanto riguarda la terra, posso dire che prima ci pensavo troppo. Pensavo che non fosse una superficie adatta a me, che fosse davvero complicato giocarci e che gli scambi fossero troppo lunghi. Ci pensavo davvero troppo. Quest’anno mi sono rilassata, ho pensato a fare il mio gioco. Mi sono focalizzata sul movimento, sulla necessità di rimanere sempre aggressiva perché gli scambi sono più prolungati. Ho cambiato il mio atteggiamento nei confronti della terra, una superficie che non mi fa più paura (sorride, ndr)”.

 

Perché avvengano questi ‘clic’, spesso è necessario un contributo esterno. Ci ha pensato Anton Dubrov, ex sparring promosso ad allenatore qualche mese fa. “Me lo ha detto anche il mio coach. Mi ha spiegato che non dovevo cambiare il mio gioco, anche se certamente sarebbe stato utile variare un po’ di più le rotazioni dei colpi ma, soprattutto, mi ha fatto capire che dovevo avere la pazienza di giocare un maggior numero di palle, rimanendo aggressiva“.

Per Aryna Sabalenka si tratta del quarto titolo dopo la ripresa del tour la scorsa estate (da ottobre 2020 ha vinto a Ostrava, Linz, Abu Dhabi e Madrid), il decimo in carriera: “Sono molto orgogliosa del mio team, in particolare questa settimana, perché dopo Stoccarda ero infortunata e non potevo letteralmente muovermi. Non lo so, non potevo fare niente. Avevo davvero l’intenzione di ritirarmi da questo torneo per arrivare pronta al Roland Garros. In soli quattro giorni mi hanno preparato veramente bene. Hanno lavorato così bene che sono stata in grado di giocare e di vincere il titolo. Di questo sono davvero orgogliosa“.

Come è ovvio, dopo un traguardo così prestigioso, l’occhio va verso l’unica categoria di tornei in cui Sabalenka sinora non è riuscita a brillare: gli Slam, dove Aryna non ha mai superato gli ottavi (US Open 2018 e Australian Open quest’anno). Quanto si sente vicina a vincere uno Slam?Non lo so, è difficile da dire. Penso che tutte possano vincere uno Slam, ma bisogna trovare il livello al momento giusto. È una domanda difficile, potrebbe succedere ma anche no. Per quanto riguarda i Major, è un po’ diverso. Se riuscissi a mantenere questo livello, potrei forse anche vincere uno Slam. Naturalmente è quello che voglio e farò tutto il possibile per mantenere questo livello nei Major e competere al meglio, come sono riuscita a fare qui“.

La stagione di Aryna Sabalenka ripartirà dalla sfida contro una tra Sorribes Tormo e Camila Giorgi agli Internazionali d’Italia.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement