Davis interviste, Clement: "Ho deciso ieri di far giocare Gasquet"

Interviste

Davis interviste, Clement: “Ho deciso ieri di far giocare Gasquet”

Pubblicato

il

 
 

TENNIS INTERVISTE COPPA DAVIS – Finale di Coppa Davis, Svizzera batte Francia 3-1, l’intervista del dopo partita.

THE MODERATOR: Questions in English, please.

 

 

Q. With how the weekend played out, do you still feel that clay was the right choice for the surface?

CAPTAIN CLEMENT: Yes. I still think it’s a good choice.

 

Q. Why?

CAPTAIN CLEMENT: Because I think it’s a good choice.

 

Q. Arnaud, how much blame do you take personally for the weekend’s results considering your choices, the team chemistry and on‑court strategy?

CAPTAIN CLEMENT: It’s tough question for me to answer in English. If you don’t mind, if I can answer in French, somebody can translate.

(Translated from French.) As captain, I will, of course, think about it. I will question myself and think about how I could have been better strategically before the tie, during the training sessions, and during the matches.

Of course, now I’m just coming out of the court. It’s very soon. But I believe we tried everything we could. We did everything well, especially in the preparation for the matches, in the way we approached the final. We’ve been preparing for it for weeks and weeks. The players did the same individually in the various tournaments they were playing during the past month.

Of course, I have to ask myself some questions. I need to be better in the future. But for the time being, the first feeling is that Switzerland was better than we were during the whole weekend.

 

Q. Can you tell us when you decided that Richard would be playing today and why?

CAPTAIN CLEMENT: (Translated from French.) It was decided yesterday. Well, I will answer many questions about what happened this weekend.

This weekend, after the matches on Friday, Jo felt a pain in his arm. It’s a pain he had recently and came back on this occasion. Saturday morning he made a test to see if he was able to play the doubles. It was not the case. So Julien was told the day before that he might not play the doubles.

But after Jo practiced, Julien was confirmed to play the doubles. We knew also at that time that Jo would not be able to play the singles on Sunday because of the pain. So this is how Julien was confirmed for the doubles to play with Richard.

In the evening, of course, we all were together. This is how Richard went to play against Federer today.

 

Q. What is the diagnosis of your arm problem, Jo? What is the injury?

JO‑WILFRIED TSONGA: Today I don’t really know. I didn’t do a diagnostic. And today, you know, I feel the pain. Of course, I will be happy to go on court and fight as much as possible. But today with this injury I was just not able to go on the court and be the best chance on the court for France.

 

Q. Richard, can you talk about Roger’s level today, what you were trying to do to stop him from playing so well.

RICHARD GASQUET: Yeah, first of all I’m very disappointed to lose in three sets. It’s always difficult. But I tried my best. I just need to improve.

He played very good, the first time he played that level against me. I think he played the best match against me, I want to say. Of course, he has experience with these kind of matches. It’s a big disappointment for me to lose.

THE MODERATOR: Questions in French.

 

Q. Arnaud and Jo, could you give more details about the circumstances you were explaining. When did Jo get hurt? Was it during the match against Wawrinka or did he have pain before the match?

CAPTAIN CLEMENT: Well, that is a pain Jo had before. He had the pain during the training week. Well, he had a long preparation and hit a lot. We thought the muscle was getting tired.

But after this high‑intensity match he played the first day, and the additional pressure, the pain came back. This, you know, can cause the pain to come back.

I hope that it is not going to be serious for Jo, and that after some rest I hope he will be able to play again and be ready for the next season.

 

Q. Jo, were you hesitating to play on Friday or not?

JO‑WILFRIED TSONGA: Well, not a single second did I hesitate. I was feeling a lot better. In Bordeaux it’s true that I felt a little pain. But we worked well with all the physios and the team for me to be 100% on Friday. When I went onto the court, I was sure that I could do my best and give it my all.

But it didn’t really work, so to speak. I tried my best, but the opponent was better than I was that day.

After that match, I started feeling some stronger pain once the muscles had cooled down. I didn’t really know how I would feel on the Saturday morning. Unfortunately on the Saturday morning I was not able to hold the racquet and I was not able to hit the ball cleanly.

Julien knew there was a possibility that I wouldn’t be able to play. Unfortunately that was the case.

 

Q. Arnaud, why didn’t you say anything about this injury last night? Why did you say Jo might play?

CAPTAIN CLEMENT: Well, I have a lot of friendship with you, but I believe the answer is obvious. We don’t want to give information to the opponents at that particular stage of the weekend.

I think we have to leave them with some uncertainty until the last minute. Honestly, I don’t like to give you wrong information at some moments during the tie. Maybe some of you were doubting what I was saying, but I couldn’t do otherwise because the goal was to protect the group.

It might just create an extra doubt in the opponent’s mind if they don’t know who they’re going to face the next morning, and it’s my duty to keep this secret.

 

Q. With Jo’s problems, did you think of having a different team, or was it important to have Jo from Friday on within the team?

CAPTAIN CLEMENT: It was obvious to have him because Jo had played extremely well during the whole week of preparation before this little problem. He was feeling well at the end.

When we came closer to the tie, and with the intensity of the first match, the pain came back. But that’s something we couldn’t know in advance.

Anyway, the Swiss team was superior. But we were also a bit unlucky. We tried everything we could. We took care of Jo’s arm. We really have to praise the medical staff. But there are some things you can’t control.

 

Q. Jo, do you know when you’re going to start treatment? Are you going to have x‑rays?

JO‑WILFRIED TSONGA: Normally it should start tomorrow. I don’t know much more. There’s not more that I can tell you. We’ll have the medical examinations tomorrow. Then, according to that, I will do what I want to do.

 

Q. Richard, what was your state of mind when you entered onto the court? You had the crowd behind you. What did you feel at that moment? Were you trying to stay calm?

RICHARD GASQUET: It was fabulous. The crowd was 1000%. This is what we were saying with Arnaud. We were on the top of the stairs together and we thought it was incredible. We could see the whole stadium. It’s extraordinary. There’s nothing to say about this. It’s extraordinary to experience those moments.

I’m not happy with the results, losing in three straight sets. I need to be stronger, to improve my game, but I’m extremely disappointed for the time being. I felt he was playing very well. He was playing fast. He was very focused and making very few mistakes. I was not even able to have a breakpoint.

It was difficult for me to give him problems. We are all disappointed. I would have liked to do more for the team because the crowd was ready, ready to support me to the end. In that situation, the only thing you want to do is play a fourth or fifth set just to please the crowd.

 

Q. Richard, if we look at your stats, they’re not bad. You made no mistakes. Roger today was unbeatable.

RICHARD GASQUET: No, it’s not true. I made many mistakes in my returns. Sometimes I let him play. This you can’t do. So I did make mistakes.

I should have hit the ball harder and at a higher level. But it’s extremely difficult to play him. I felt he was extremely experienced. He played dozens of those matches. When you play him, you know he’s not going to make a mistake, he’s not going to give any point away. He has a lot of talent. He always hits the right shot. His shots are of a very high quality. I believe he’s one of the toughest opponents you can have today.

 

Q. Arnaud, what is lacking in this team to be able to win in Davis Cup against the best teams?

CAPTAIN CLEMENT: Honestly from the tennis point of view the Swiss team was superior, better than we were. Maybe we could have used some details in our favor to turn around some matches and the tie. But if you look at the tie as a whole, you can see that the Swiss players are at a higher level than us. They’re top one and top four of the world.

We prepared for that as much as we could. But we knew that beating them would need an exceptional performance. So what we are looking is maybe big victories on a regular basis in major tournaments during the year so that our players can be at a higher level.

It is a lot and it is a little at the same time. It’s sometimes difficult to achieve. I know all the players really want to do that.

 

Q. Arnaud, what did you say last night to the players? You knew that Jo was not going to play already. How did you raise the spirits of the team?

CAPTAIN CLEMENT: I knew that Richard was absolutely prepared. When Richard said, I would have liked to have played a fourth set or a fifth set, it was because physically he was totally able to stay four hours on the court. His preparation was perfect.

We would have liked also if we had made 2‑2 to see Gael play the live rubber in the end. But Federer didn’t miss at all. His performance was incredible. He raised his level all throughout the weekend, although he didn’t have much practice before.

We saw that anyway today his back was not hurting anymore. He was back to his exceptional level. Of course, against Gael, maybe he was lacking some practice. Also the quality of Gael’s game gave him problems. But today he was above us, the Swiss team was better than we were.

 

Q. This final took place in an incredible atmosphere. I guess this will be a useful experience for next year.

CAPTAIN CLEMENT: Yes, I’m totally convinced this is a very important experience for the players. Living those moments against high‑quality players such as the Swiss is important.

Right now it’s tough. It’s difficult to accept that loss for all of us, for the players, for the staff, and also for the fans. They believed we could win.

The quality of great champions is to be able to bounce back, to take the lessons and come back very strongly.

 

Q. Jo, it’s the second final after Serbia that was ruined because of an injury for you. How do you feel?

JO‑WILFRIED TSONGA: Well, of course I feel extremely disappointed because I really was committed to the team. I invested a lot of time and effort in it. Clearly this is very disappointing.

I would have liked to have played today. I would have liked to have played yesterday. I would have liked to have played all the matches if I could.

But, unfortunately, this is not the case. You can’t go backwards. I’m just going to try to look towards the future now.

 

Q. Gael, what is your state of mind? How are you going to leave after this Davis Cup final?

GAEL MONFILS: Disappointed.

 

Q. I would like to have all of you say something. Did you feel everything went wrong when you knew Jo was injured? Did you feel winning against Roger was impossible?

CAPTAIN CLEMENT: Well, you can’t say what would have happened if. I don’t think it’s possible to answer that question. It’s not that we don’t want to.

 

Q. Gilles, when you see that one player was not 100%, do you think they could have given you a chance?

GILLES SIMON: It’s a long time I stopped thinking that way. I think all the reasons were explained by Arnaud. I’m not going to repeat all this.

But it was Jo’s decision to play. If you start thinking, What would have happened if? Nobody cares about that.

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Montreal, Kyrgios: “La vittoria su Medvedev? Non è la prima volta che batto un n.1”

L’australiano aggiunge: “L’aver battuto il n. 1 del mondo non eleverà la mia classifica portandomi in Top 10, è solo una partita”

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Montreal 2022 (foto Twitter @atptour)

E’ un Nick Kyrgios consapevole dei suoi mezzi (ma la sicurezza in sè stesso l’ha sempre avuta) oltre che totalmente determinato per quanto riguarda i piani futuri, quello che si presenta in sala stampa dopo aver centrato la 27esima vittoria contro un Top 10 nonché la 14esima contro un Top 5 superando il n. 1 del tabellone dell’Omnium Banque National presented by Rogers Daniil Medvedev. L’obbiettivo è chiaro, quello di arrivare ad essere una testa di serie importante a Flushing Meadows, e per questo c’è un torneo da vivere da protagonista a Montreal, un torneo in cui si candida ad arrivare in fondo. L’attuale n. 37 del mondo sembra consapevole del fatto che il tennis si dimentichi facilmente di quello che accade, del fatto che ci sarà sempre una nuova partita o un nuovo torneo a soddisfare l’insaziabile passione e del fatto che soprattutto questo è uno sport che richiede continuità. Ecco le parole di Kyrgios in conferenza stampa dopo la vittoria su Medvedev.

IL MODERATORE: Nick, grande partita. Hai battuto il numero 1 del mondo. Come ti senti?

Nick Kyrgios: “Sì, è stata una partita difficile. Voglio dire, non sono andato sul campo pensando che fosse il numero 1 del mondo. Ci eravamo già affrontati tre volte. Mi aveva battuto l’ultima volta, io l’ho battuto due volte. Sapevo che si sentiva sicuro, quindi dovevo mettere in pratica uno stile di gioco che non gli avrebbe dato troppo ritmo. Ho fatto il serve&volley praticamente su ogni punto.  Ho servito bene, prendendo la rete abbastanza bene. Ho avuto un ottimo atteggiamento anche oggi. Nonostante la stanchezza, mi sono procurato due set point anche nel primo set. Sono stato in campo focalizzato fin dall’inizio. Quindi sono davvero contento di come ho espresso il mio tennis, della mia attitudine. Per quanto riguarda l’aver vinto contro il n. 1, alla fine è solo una partita, non modifica l’ordine delle cose. Anche questo è il tennis. Questo successo da solo non eleverà la mia classifica portandomi in top 10. È solo una partita, quindi devo prepararmi per la prossima”.

 

D: Dopo il primo set, come hai reagito psicologicamente? Sei tornato alla tua sedia e hai semplicemente svuotato la mente? Come hai affrontato il secondo set?

Nick Kyrgios: “Ho avuto delle occasioni pure nel primo set. Sono andato vicinissimo a vincerlo. Ma lui ha eseguito due incredibili servizi sui set point. Mi sentivo come se fossi proprio in controllo alla partita. Mi sentivo se come se meritassi di vincere il primo set. Dopo averlo perso, ho soltanto avuto una specie di reset. Ho guardato la mia squadra e ho detto loro: ‘Vedete cosa abbiamo fatto la scorsa settimana. Abbiamo trascorso una settimana fantastica’, questo mi ha permesso di caricarmi facendomi togliere un po’ di pressione. Ero in un mood del tipo: ‘Divertiamoci, giochiamo totalmente liberi nei game di risposta, senza alcuno schema predefinito’. Così sono riuscito a partire molto bene nel primo gioco del secondo set. Gli ho tolto subito il servizio e con lo slancio derivante dal break, sono riuscito a cambiare l’inerzia da quel momento in poi per tutto il resto del match. Oggi ho giocato bene i grandi punti, quelli decisivi. Sento che il mio gioco e la mia fiducia sotto pressione sono ai massimi storici. Questo è tutto ciò che ho davvero fatto”.

D: Ti è piaciuta la reazione della folla? Hai mandato alcune palle fuori dallo stadio, dopo averli rallegrati con le tue giocate, e ti hanno fischiato. Era una situazione di amore-odio?

Nick Kyrgios “Voglio dire, faccio tutto quello che voglio fare in campo. Cerco di giocare nel modo in cui voglio giocare. Che alla folla non piaccia o piaccia… Lo stadio era di nuovo pieno. Questo è tutto ciò che so”.

D. Fisicamente come ti senti? Sei arrivato piuttosto tardi da Washington. Fisicamente sei ancora a posto, al 100%?

Nick Kyrgios: “ A questo punto della stagione, penso che tutti sono costretti a scendere in campo con alcuni fastidi, non sentendosi fisicamente freschi. Ma sicuramente mi sento un po’ stanco, i miei riscaldamenti sono ora più brevi. Sto cercando di fare il minimo indispensabile per preservare la mia energia in vista delle prossime partite. Oggi mi sono riscaldato letteralmente per circa 10 minuti, poi sono tornato negli spogliatoi, per andare a posizionarmi sul tavolo del fisioterapista. Questa volta è un enorme sollievo avere con me il mio fisioterapista a tempo pieno. Non ho potuto farlo l’anno scorso a causa del Covid-19. È stato difficile gestire il mio corpo. Ora sto effettuando due, tre ore di fisioterapia ogni giorno. Ma sono in grado di analizzare le partite molto meglio di quanto probabilmente abbia mai fatto. In generale sto vivendo un periodo, di buona mentalità. La mia attitudine è positiva. La mia ragazza mi aiuta a mantenermi positivo. Il mio team intorno a me lo fa, tutti sanno che il tennis presuppone un buon approccio mentale. Se mi svegliassi ogni giorno ed essere in uno stato del tipo: ‘non ho voglia di giocare oggi’ sarei mentalmente lento, di conseguenza probabilmente sarei anche fisicamente piuttosto lento. Devo rimanere da un punto di vista mentale positivo, ricordandomi solo che sto vivendo un buon momento di forma, e ho avuto modo di capitalizzarla già la settimana scorsa, quindi …”.

D: Hai parlato della fatica. Ovviamente mentalmente non sembra che tu sia stanco. Andando verso lo US Open, sei chiaramente molto motivato, giusto? Come hai intenzione di assicurarti di non esagerare sul piano dello sforzo agonistico? Hai qualcuno a cui appoggiarti per quel tipo di consiglio, come i giocatori del passato o i giocatori attuali? Ne parli con qualcuno?

Nick Kyrgios: “Mi sento come se dovessi continuare a fare le cose giuste. Non giocherò la settimana prima degli US Open. Ho sicuramente quella settimana per riposare. L’anno scorso ho giocato a Winston-Salem. Ho firmato per il torneo, ma certamente mi ritirerò. Quest’anno ho intenzione di mantenere quella settimana libera da impegni nel circuito per essere fresco ed arrivare a New York, potendo gestire al meglio la mia routine. Tuttavia non lascerò nulla nel serbatoio in queste due settimane, pensando a New York. Soprattutto l’ho detto prima, senza i punti a Wimbledon, la mia classifica non mi garantisce di essere testa di serie in tutti i tornei. Ho bisogno di capitalizzare in queste due settimane, di fare più punti possibili. Queste sono due settimane fondamentali. Ho avuto successo a Cincinnati in passato.  Ho fatto la finale lì, ed ora mi sento molto fiducioso nei miei mezzi. Ma, voglio dire, non c’è nulla di garantito. Non ci sono mai garanzie nella vita. Potrei andare agli US Open, sentirmi fresco, giocare contro qualcuno nel giorno in cui è semplicemente troppo forte ed uscire subito comunque. In quel caso mi pentirei solo se non avessi lasciato tutto quello che avevo nel serbatoio a Montreal e Cincinnati. Sto affrontando il tutto, un giorno alla volta, non guardo troppo avanti. C’è così tanto sforzo nella mia routine quotidiana ora, non penso minimante a quello che verrà dopo. Penso che il modo migliore per vivere la mia vita sia semplicemente affrontare giorno per giorno, cercando di migliorarmi quotidianamente. Quando arriverò agli US Open, allora ci penserò. Mancano ancora tre settimane. C’è così tanto che può andare storto. Potrei farmi male alla caviglia, ad esempio. Come, toccando ferro, potrei piegarmi la caviglia camminando verso la macchina o qualcosa del genere. Non ho intenzione di pensarci. È così lontano”.

D: Cosa hai imparato su di te dalla partita di oggi?

Nick Kyrgios: “Voi ragazzi vi state comportando come se non avessi mai battuto i numeri 1 del mondo prima o qualcosa del genere. Ma l’ho già fatto prima. Avevo già battuto Medvedev. Ho battuto Roger, Novak, Rafa. Io sento che la mia fiducia in me stesso c’è sempre stata. Potrei perdere cinque partite di fila e so per certo che manterrei intatta la convinzione dentro di me, di essere in grado di battere chiunque. Non so se ho imparato qualcosa su me stesso oggi. So che sto giocando molto di più per me stesso ora, rispetto al passato. Guardo oggi e vedo che sono a Montreal, sul campo centrale, uno dei campi più belli del mondo contro Medvedev. Sarei un po’ egoista, se non andassi là fuori e cercassi di dare al pubblico una buona prestazione, a me stesso una buona prestazione, alla mia squadra una buona prestazione, a tutti la possibilità di guardare un grande spettacolo. Se non mi fossi presentato al top della forma oggi, avrei fatto un cattivo servizio a molte persone. Questo è ciò di cui lo sport ha bisogno, lo sport ha bisogno di partite come questa. Guarda il pubblico. Sono sicuro che tutti i giocatori la stavano guardando. È importante che i grandi giocatori e i giocatori iconici si presentino a partite come questa perché mantiene vivo lo sport”.

IL TABELLONE DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere

Flash

WTA Toronto, Raducanu: “Giorgi è una grande avversaria. Serena Williams? Ha cambiato il tennis”

La canadese non appare preoccupata dopo la sconfitta contro l’azzurra

Pubblicato

il

Raducanu Indian Wells 2022

Emma Raducanu è nata in Canada da padre romeno originario di Bucarest e madre cinese proveniente da Shenyang. Si può dire che Toronto sia per lei un torneo di casa, anche se poi alla fine in Canada non ci è cresciuta dato che all’età di appena due anni la famiglia si trasferì a Londra. Tornando alla cronaca recente quella contro Camila Giorgi è stata una sconfitta tutto sommato digeribile per lei: “Sì, penso che sia stata davvero una bella partita, a dire il vero. Penso che il livello fosse piuttosto alto. Soprattutto nel primo set. E Camila è una grande avversaria. Ha vinto questo torneo l’anno scorso. Ho solo bisogno di migliorare nell’affrontare giocatrici che giocano velocemente come lei“. Insomma, la giovane inglese non pare preoccupata, anche se il suo 2022 è stato avaro di soddisfazioni.

La notizia delle ultime ore nel mondo del tennis è il ritiro di Serena Williams, e allora è lecito chiedere ad Emma le sue impressioni su questa grande Regina del tennis femminile: “La sua carriera è incredibile. Ha ottenuto così tanto. E vederla in giro in questo swing americano è davvero stimolante. Come se continuasse a giocare perché ovviamente ama il gioco. E penso che la longevità di una carriera sia qualcosa che molte giocatrici e io in particolare aspiriamo a raggiungere“. L’eredità di una tennista che ha forgiato il nuovo millennio è qualcosa di difficile da quantificare con numeri e parole: “Penso che abbia decisamente cambiato il gioco. A dominare così tanto, penso che sia stata, beh, non c’è stata davvero qualcuna che abbia dominato come lei nel tennis femminile. Quindi penso che abbia cambiato molto il gioco in questo senso“. Le viene quindi chiesto se ha mai avuto la possibilità di parlare con lei di tennis o altro. “No. Ci siamo detto “ciao” un paio di volte. In realtà mi stavo riscaldando accanto a lei questa mattina e poi ha iniziato a piovere“.

Per una tennista professionista non è facile stare fermi in un posto; tra viaggi, allenamenti, partite, si fa una vita da nomade. Però l’occasione di poter visitare la propria città natale è troppo invitante per lasciarsela sfuggire: “Non sono ancora riuscita a visitarla. Sono stata al club tutto il giorno, quindi probabilmente avrò una possibilità oggi e forse domani“. In chiusura una battuta sull’ospedale che le ha dato i natali e sul dottore che l’avrebbe fatta nascere:Non ne sono sicura. Voglio dire, mi piacerebbe incontrarlo. Ma non ne ho ancora avuto la possibilità. E non so davvero il suo nome. Forse i miei genitori lo conoscono”.

 

QUI IL TABELLONE AGGIORNATO DEL WTA 1000 DI TORONTO

Continua a leggere

ATP

ATP Montreal, Kyrgios si prepara alla sfida con Medvedev: “Spero lui sia stanco perchè lo sono anche io”

“Sento che ci sono molte persone che mi ammirano e posso ispirare molte persone con il mio modo di giocare”, così l’australiano in conferenza stampa

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Washington 2022 (Twitter - @atptour)
Nick Kyrgios - Washington 2022 (Twitter - @atptour)

La vittoria di primo turno a Montreal arrivata contro Sebastian Baez non fa notizia, non con il Kyrgios di quest’estate. Le ultime sono state settimane da incorniciare per Nick: dopo la finale di Wimbledon sono arrivati i titoli in doppio con Kokkinakis ad Atlanta e con Sock a Washington, in aggiunta, sempre al Citi Open, la vittoria in singolare contro Nishioka. Fanno 13 vittorie nelle ultime 14 partite per Kyrgios, nella conferenza stampa post Giron si comincia da qui.

IL MODERATORE: Nick, congratulazioni. Hai vinto 13 delle ultime 14 partite. Sei un rullo. Come ti fa sentire?

NICK KYRGIOS: Sì, sono davvero stanco ed esausto in questo momento. Dopo la finale di singolare e di doppio a Washington, non sono rientrato in hotel a Montreal prima delle 3 del mattino, ieri non mi sono allenato. Sono davvero impressionato dalla mia performance di oggi. Sebastian sta probabilmente vivendo l’anno migliore della sua carriera. È tra i primi 35 al mondo. È un grande concorrente. Quindi sapevo che sarebbe stata dura. Sono felice di dare a tutti quello che vogliono: Kyrgios v. Medvedev secondo turno. Vediamo come va (sorridendo).

 

D. Come gestirai la tua energia? Hai un sacco di benzina nel serbatoio.

NICK KYRGIOS: Sì, sarà dura, questo è certo. So fisicamente e mentalmente che non sono fresco come vorrei. Ma lui ha anche vinto un titolo la scorsa settimana a Los Cabos. Si sentirà un po’ stanco, spero (sorridendo). Ma farò tutto bene. Stanotte mi riposerò bene, poi farò una seduta di fisioterapia e in campo darò il massimo. Si spera che il tempo possa essere un po’ più caldo di oggi, così le palle possono essere un po’ più veloci. Andrò là fuori e mi divertirò e cercherò di giocare al meglio che posso. Non è un brutto risultato se perdi contro Medvedev. La maggior parte dei giocatori del mondo lo fa.

D. Dopo il tuo titolo a Washington, hai detto che è avvenuta un’enorme trasformazione in te stesso. C’è stato un punto di svolta specifico in cui hai capito cosa potevi ottenere in questo sport e cosa vuoi ottenere?

NICK KYRGIOS: No, sento di aver ottenuto grandi risultati già prima della scorsa settimana. Sento solo che ora ci sono molte persone che mi ammirano e posso ispirare molte persone con il mio modo di giocare. Penso che sia una buona forza trainante ed è il motivo per cui sto giocando nel modo in cui sto giocando. Ma appena prima dell’Australian Open ho davvero deciso che volevo allenarmi molto duramente, passare un anno davvero buono. Volevo reinventarmi un po’ di più quest’anno. Volevo ricordare a tutti che sono davvero un bravo tennista e posso ancora giocare ai massimi livelli e vincere tornei. Per ora voglio solo continuare con le mie buone abitudini e continuare a giocare a tennis.

D. Hai parlato di come sei più motivato di recente. Ne hai parlato anche agli Australian Open. Vediamo i risultati in campo. Quali sono le piccole cose che contribuiscono al successo? Quali sono le buone abitudini nel quotidiano? Che tipo di impegno ci vuole?

NICK KYRGIOS: Sì, è un’ottima domanda. Ci vuole molto lavoro, ogni giorno bisogna cercare di svegliarsi con una mentalità positiva. Non ho un allenatore. Non ho davvero una persona a Sydney che mi porti ad allenarmi. Quindi devo alzarmi, organizzare il mio allenamento, andare ai campi da tennis, andare in palestra. In un certo senso devo spingermi oltre. Ma è solo una questione di disciplina. Bisogna lavorare tre, quattro, cinque ore al giorno, assicurandomi di riposarmi bene e mangiare bene. Lo faccio ogni giorno. È difficile perché mia mamma è in ospedale in questo momento, mio ​​padre non sta molto bene, mio ​​fratello ha appena avuto un bambino, non posso essere lì con la mia famiglia quando le persone normali vorrebbero stare con la loro famiglia. È difficile essere australiani perché non possiamo viaggiare avanti e indietro. Ci sono molte cose che le persone non vedono. Vedono solo esattamente quello che hai detto, il vincere, il perdere, lanciare una racchetta, fare quelle cose. Non capiscono davvero le sfide che devi affrontare o cosa affrontano le persone, cosa sta succedendo nelle loro vite personali. Ci sono così tante piccole cose con cui dobbiamo fare i conti ogni giorno e poi tocca provare a battere giocatori come Daniil Medvedev. Sembra impossibile. Ci vuole molto lavoro.

QUI IL TABELLONE AGGIORNATO DEL MASTERS 1000 DI MONTREAL

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement