Davis interviste, Clement: "Ho deciso ieri di far giocare Gasquet"

Interviste

Davis interviste, Clement: “Ho deciso ieri di far giocare Gasquet”

Pubblicato

il

 

TENNIS INTERVISTE COPPA DAVIS – Finale di Coppa Davis, Svizzera batte Francia 3-1, l’intervista del dopo partita.

THE MODERATOR: Questions in English, please.

 

 

Q. With how the weekend played out, do you still feel that clay was the right choice for the surface?

CAPTAIN CLEMENT: Yes. I still think it’s a good choice.

 

Q. Why?

CAPTAIN CLEMENT: Because I think it’s a good choice.

 

Q. Arnaud, how much blame do you take personally for the weekend’s results considering your choices, the team chemistry and on‑court strategy?

CAPTAIN CLEMENT: It’s tough question for me to answer in English. If you don’t mind, if I can answer in French, somebody can translate.

(Translated from French.) As captain, I will, of course, think about it. I will question myself and think about how I could have been better strategically before the tie, during the training sessions, and during the matches.

Of course, now I’m just coming out of the court. It’s very soon. But I believe we tried everything we could. We did everything well, especially in the preparation for the matches, in the way we approached the final. We’ve been preparing for it for weeks and weeks. The players did the same individually in the various tournaments they were playing during the past month.

Of course, I have to ask myself some questions. I need to be better in the future. But for the time being, the first feeling is that Switzerland was better than we were during the whole weekend.

 

Q. Can you tell us when you decided that Richard would be playing today and why?

CAPTAIN CLEMENT: (Translated from French.) It was decided yesterday. Well, I will answer many questions about what happened this weekend.

This weekend, after the matches on Friday, Jo felt a pain in his arm. It’s a pain he had recently and came back on this occasion. Saturday morning he made a test to see if he was able to play the doubles. It was not the case. So Julien was told the day before that he might not play the doubles.

But after Jo practiced, Julien was confirmed to play the doubles. We knew also at that time that Jo would not be able to play the singles on Sunday because of the pain. So this is how Julien was confirmed for the doubles to play with Richard.

In the evening, of course, we all were together. This is how Richard went to play against Federer today.

 

Q. What is the diagnosis of your arm problem, Jo? What is the injury?

JO‑WILFRIED TSONGA: Today I don’t really know. I didn’t do a diagnostic. And today, you know, I feel the pain. Of course, I will be happy to go on court and fight as much as possible. But today with this injury I was just not able to go on the court and be the best chance on the court for France.

 

Q. Richard, can you talk about Roger’s level today, what you were trying to do to stop him from playing so well.

RICHARD GASQUET: Yeah, first of all I’m very disappointed to lose in three sets. It’s always difficult. But I tried my best. I just need to improve.

He played very good, the first time he played that level against me. I think he played the best match against me, I want to say. Of course, he has experience with these kind of matches. It’s a big disappointment for me to lose.

THE MODERATOR: Questions in French.

 

Q. Arnaud and Jo, could you give more details about the circumstances you were explaining. When did Jo get hurt? Was it during the match against Wawrinka or did he have pain before the match?

CAPTAIN CLEMENT: Well, that is a pain Jo had before. He had the pain during the training week. Well, he had a long preparation and hit a lot. We thought the muscle was getting tired.

But after this high‑intensity match he played the first day, and the additional pressure, the pain came back. This, you know, can cause the pain to come back.

I hope that it is not going to be serious for Jo, and that after some rest I hope he will be able to play again and be ready for the next season.

 

Q. Jo, were you hesitating to play on Friday or not?

JO‑WILFRIED TSONGA: Well, not a single second did I hesitate. I was feeling a lot better. In Bordeaux it’s true that I felt a little pain. But we worked well with all the physios and the team for me to be 100% on Friday. When I went onto the court, I was sure that I could do my best and give it my all.

But it didn’t really work, so to speak. I tried my best, but the opponent was better than I was that day.

After that match, I started feeling some stronger pain once the muscles had cooled down. I didn’t really know how I would feel on the Saturday morning. Unfortunately on the Saturday morning I was not able to hold the racquet and I was not able to hit the ball cleanly.

Julien knew there was a possibility that I wouldn’t be able to play. Unfortunately that was the case.

 

Q. Arnaud, why didn’t you say anything about this injury last night? Why did you say Jo might play?

CAPTAIN CLEMENT: Well, I have a lot of friendship with you, but I believe the answer is obvious. We don’t want to give information to the opponents at that particular stage of the weekend.

I think we have to leave them with some uncertainty until the last minute. Honestly, I don’t like to give you wrong information at some moments during the tie. Maybe some of you were doubting what I was saying, but I couldn’t do otherwise because the goal was to protect the group.

It might just create an extra doubt in the opponent’s mind if they don’t know who they’re going to face the next morning, and it’s my duty to keep this secret.

 

Q. With Jo’s problems, did you think of having a different team, or was it important to have Jo from Friday on within the team?

CAPTAIN CLEMENT: It was obvious to have him because Jo had played extremely well during the whole week of preparation before this little problem. He was feeling well at the end.

When we came closer to the tie, and with the intensity of the first match, the pain came back. But that’s something we couldn’t know in advance.

Anyway, the Swiss team was superior. But we were also a bit unlucky. We tried everything we could. We took care of Jo’s arm. We really have to praise the medical staff. But there are some things you can’t control.

 

Q. Jo, do you know when you’re going to start treatment? Are you going to have x‑rays?

JO‑WILFRIED TSONGA: Normally it should start tomorrow. I don’t know much more. There’s not more that I can tell you. We’ll have the medical examinations tomorrow. Then, according to that, I will do what I want to do.

 

Q. Richard, what was your state of mind when you entered onto the court? You had the crowd behind you. What did you feel at that moment? Were you trying to stay calm?

RICHARD GASQUET: It was fabulous. The crowd was 1000%. This is what we were saying with Arnaud. We were on the top of the stairs together and we thought it was incredible. We could see the whole stadium. It’s extraordinary. There’s nothing to say about this. It’s extraordinary to experience those moments.

I’m not happy with the results, losing in three straight sets. I need to be stronger, to improve my game, but I’m extremely disappointed for the time being. I felt he was playing very well. He was playing fast. He was very focused and making very few mistakes. I was not even able to have a breakpoint.

It was difficult for me to give him problems. We are all disappointed. I would have liked to do more for the team because the crowd was ready, ready to support me to the end. In that situation, the only thing you want to do is play a fourth or fifth set just to please the crowd.

 

Q. Richard, if we look at your stats, they’re not bad. You made no mistakes. Roger today was unbeatable.

RICHARD GASQUET: No, it’s not true. I made many mistakes in my returns. Sometimes I let him play. This you can’t do. So I did make mistakes.

I should have hit the ball harder and at a higher level. But it’s extremely difficult to play him. I felt he was extremely experienced. He played dozens of those matches. When you play him, you know he’s not going to make a mistake, he’s not going to give any point away. He has a lot of talent. He always hits the right shot. His shots are of a very high quality. I believe he’s one of the toughest opponents you can have today.

 

Q. Arnaud, what is lacking in this team to be able to win in Davis Cup against the best teams?

CAPTAIN CLEMENT: Honestly from the tennis point of view the Swiss team was superior, better than we were. Maybe we could have used some details in our favor to turn around some matches and the tie. But if you look at the tie as a whole, you can see that the Swiss players are at a higher level than us. They’re top one and top four of the world.

We prepared for that as much as we could. But we knew that beating them would need an exceptional performance. So what we are looking is maybe big victories on a regular basis in major tournaments during the year so that our players can be at a higher level.

It is a lot and it is a little at the same time. It’s sometimes difficult to achieve. I know all the players really want to do that.

 

Q. Arnaud, what did you say last night to the players? You knew that Jo was not going to play already. How did you raise the spirits of the team?

CAPTAIN CLEMENT: I knew that Richard was absolutely prepared. When Richard said, I would have liked to have played a fourth set or a fifth set, it was because physically he was totally able to stay four hours on the court. His preparation was perfect.

We would have liked also if we had made 2‑2 to see Gael play the live rubber in the end. But Federer didn’t miss at all. His performance was incredible. He raised his level all throughout the weekend, although he didn’t have much practice before.

We saw that anyway today his back was not hurting anymore. He was back to his exceptional level. Of course, against Gael, maybe he was lacking some practice. Also the quality of Gael’s game gave him problems. But today he was above us, the Swiss team was better than we were.

 

Q. This final took place in an incredible atmosphere. I guess this will be a useful experience for next year.

CAPTAIN CLEMENT: Yes, I’m totally convinced this is a very important experience for the players. Living those moments against high‑quality players such as the Swiss is important.

Right now it’s tough. It’s difficult to accept that loss for all of us, for the players, for the staff, and also for the fans. They believed we could win.

The quality of great champions is to be able to bounce back, to take the lessons and come back very strongly.

 

Q. Jo, it’s the second final after Serbia that was ruined because of an injury for you. How do you feel?

JO‑WILFRIED TSONGA: Well, of course I feel extremely disappointed because I really was committed to the team. I invested a lot of time and effort in it. Clearly this is very disappointing.

I would have liked to have played today. I would have liked to have played yesterday. I would have liked to have played all the matches if I could.

But, unfortunately, this is not the case. You can’t go backwards. I’m just going to try to look towards the future now.

 

Q. Gael, what is your state of mind? How are you going to leave after this Davis Cup final?

GAEL MONFILS: Disappointed.

 

Q. I would like to have all of you say something. Did you feel everything went wrong when you knew Jo was injured? Did you feel winning against Roger was impossible?

CAPTAIN CLEMENT: Well, you can’t say what would have happened if. I don’t think it’s possible to answer that question. It’s not that we don’t want to.

 

Q. Gilles, when you see that one player was not 100%, do you think they could have given you a chance?

GILLES SIMON: It’s a long time I stopped thinking that way. I think all the reasons were explained by Arnaud. I’m not going to repeat all this.

But it was Jo’s decision to play. If you start thinking, What would have happened if? Nobody cares about that.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Scanagatta intervista Flink: “Djokovic era davvero preoccupato per la gamba. Il suo servizio è il colpo più sottovalutato” [VIDEO ESCLUSIVO]

L’Hall of Famer Steve Flink risponde alle domande del direttore: “L’attuale situazione del tennis americano è qualcosa di cui vantarsi”. Rune e Alcaraz i nomi da tenere d’occhio per questa stagione

Pubblicato

il

Terminato il primo slam stagionale, il direttore Ubaldo Scanagatta ci ripropone la consueta intervista-chiacchierata con l’amico e collega Steve Flink, giornalista americano inserito nella Hall of Fame del tennis nel 2017.

0:40 Flink: “Io penso che Djokovic fosse davvero molto preoccupato per la condizione della sua gamba. Alcune persone non ci credono ma io ne sono davvero convinto perché abbiamo visto che ha cancellato diverse sessioni di allenamento, e poi ci sono stati diverse richieste di medical time out nei primi turni del torneo. Solo dal quarto turno contro de Minaur è sembrato essere vicino alla sua forma migliore e invincibile.”

1:40 Scanagatta: “Non sapeva come sarebbe stato accolto al suo ritorno in Australia dopo le vicende dello scorso anno, non conosceva l’entità dell’infortunio, era sicuramente scocciato per quello che era successo con suo padre e alla copertura dei media. Credo fosse completamente sincero quando ha detto che è stata la vittoria più difficile.”

03:00 Flink: “Dopo la prima settimana di torneo si sentiva fisicamente meglio. Nella partita contro de Minaur, credo che sia stata la prima volta in cui Djokovic ha pensato di poter davvero vincere il torneo. Nelle partite seguenti è stato praticamente perfetto”.
03:55 Scanagatta: “Da Wimbledon ha perso solo un match, in finale a Bercy contro Rune”.

 

04:15 Flink: “Immagina quanto vantaggio avrebbe nel ranking con i 2000 punti di Wimbledon. È incredibile già il fatto che sia tornato in vetta alla classifica, nessuno se lo aspettava ed è un grande risultato.”
04:40 Scanagatta: “Alla soglia dei 36 anni è fisicamente il migliore di tutti.”

05:15 Flink: “È molto professionale con tutto ciò che riguarda la cura del suo fisico. Si allena duramente, lavora molto con il fisioterapista, anche durante il torneo, è stato attento a non allenarsi troppo per consentire il recupero della gamba. Ha fatto il possibile per essere in ottima forma. Penso abbia davanti a sé ancora diversi anni a questo livello.”
07:05 Flink: “Credo che Alcaraz sarà l’avversario principale di Novak in questa stagione, potrebbe essere una bella rivalità.”

07:20 Flink: “Tsitsipas sta migliorando: ha raggiunto due finali Slam e in tutto il match ha perso il servizio solo due volte contro il miglior ribattitore probabilmente di tutti i tempi.”
08:04 Scanagatta: “Nel tie-break Tsitsipas ha commesso quattro errori con il diritto che è la sua arma migliore.”

09:05 Flink: “Nel tie-break del terzo set, Djokovic era avanti 5-0 e mentre eseguiva un rovescio, qualcuno dal pubblico l’ha disturbato con un urlo. Si è distratto e da quel momento il tie-break è stato più lottato con Tsitsipas che è tornato sotto 3-5 e sul 3-6 ha salvato anche due match point”.
09:50 Scanagatta: “Considera che Djokovic ha fatto 20 punti consecutivi sul suo servizio e solo nel tie-break ha perso un punto sul suo servizio. E sono diventati 21 punti vinti su 22. Era praticamente impossibile per Tsitsipas togliere il servizio a Djokovic”.

10:30 Scanagatta: “Salvo in due occasioni, Tsitsipas non è stato assolutamente in grado di gestire il servizio di Djookvic”
Flink: “Capisco quello che dici ma comunque nell’intero torneo Djokovic ha perso il servizio per 6 volte. Non era facile affrontare quel colpo, uno di quelli che ha migliorato maggiormente in vista di questo torneo. I meriti vanno dati a Djokovic e alla sua precisione e profondità, uno degli aspetti più sottovalutati del suo gioco”

12:30 Scanagatta: “Il gap tra Djokovic e gli altri è evidente, persino con Tsitsipas in campo”
Flink: “Sì, quello che ci può andare più vicino è Alcaraz. Spero di vederli giocare uno contro l’altro almeno tre, quattro volte quest’anno. Sarebbe fantastico per lo sport”Scanagatta: “Nonostante sia il rivale principale di Djokovic, ci sono ancora troppi alti e bassi nella stagione passati di Alcaraz”
14:50 Flink: “Questa stagione sarà complicata per Alcaraz perché dovrà difendere quanto fatto lo scorso anno. Ma c’è anche Medvedev di cui parlare. Lui è riuscito a fermare Djokovic dal completare il Grande Slam nel 2021.”

18:10 Scanagatta: “Sono molto ottimista per il futuro di Auger-Aliassime. Mi pare più completo di certi altri come Rublev o Ruud. L’ho visto giocare molto bene contro Djokovic a Roma. Si è dimostrato molto completo su tutte le superfici”
Flink: “Sì, ha le armi per competere ovunque e si è dimostrato un giocatore tenace. Mi ha comunque sorpreso il suo rendimento all’Australian Open. Mi aspettavo facesse di meglio”

20:50 Flink: “Rune aveva qualche problema fisico quando ha affrotnato Rublev ma ha comunque avuto molte chance. Sarebbe stato bello vederlo giocare contro Rune, anche considerando il loro match indoor a Bercy. In ogni caso, ha una grande fiducia in se stesso, ma quella è stata una brutta sconfitta per lui. Credo comunque che finirà la stagione in top 5”

23:00 Flink: “L’attuale situazione del tennis americano è qualcosa di cui vantarsi. È il miglior gruppo di giocatori dai tempi di Roddick, Blake, Fish. Ma in questo gruppo c’è molta più profondità, come quello degli anni ’90. Non dico adesso che avremo dei nuovi Sampras, Agassi, Chang ecc, la miglior generazione di sempre, ma tutti questi ragazzi, a partire da Fritz e Tiafoe, poi con Paul e Korda hanno molto talento. Non sono mai stato così entusiasta “

Continua a leggere

Flash

Boris Becker: “Djokovic vuole diventare il giocatore di maggior successo della storia”

Il campione tedesco, ora parte della famiglia Eurosport, mette in dubbio il futuro di Nadal: “Giocherà a Parigi, dopodiché vedo un punto interrogativo.” Su Federer: “Lo si può considerare come l’ambasciatore dello sport in generale”

Pubblicato

il

Boris Becker - US Open 2017 (foto Art Seitz)

L’Australian Open 2023 ha visto il ritorno di Boris Becker come esperto per Eurosport. Dagli studi di Monaco di Baviera il campione tedesco ha commentato, per Eurosport Germania, il primo slam stagionale dopo le vicissitudini giudiziarie che lo hanno visto finire in carcere nel Regno Unito.

La forma espressa da Djokovic in Australia ha lasciato sbalorditi in molti, visto il solo set perso nella corsa verso il decimo trionfo a Melbourne Park. Della campagna down under di Djokovic e di molto altro ha parlato il campione tedesco nel podcast di Eurosport Germania “Das Gelbe vom Ball”.

Becker conosce bene Novak Djokovic essendo stato il suo allenatore in passato per tre anni e sa meglio di chiunque altro quali sono gli obiettivi nella mente del tennista serbo. “Novak ha 35 anni e sa che a 40 anni non riuscirà a gestire prestazioni di questo livello”, ha dichiarato Becker. “Penso che dopo questo Australian Open comincerà un viaggio infernale per lui. Sarà tutto completamente diverso e si presenterà con un ben altro fardello sulle spalle a Parigi e Wimbledon.

 

Una viaggio che ha una metà chiara: “Il successo è il sogno della sua vita, vuole diventare il giocatore di maggior successo della storia. Anche da bambino diceva: sarò il migliore. Aveva ragione e ora veramente al limite

Se Djokovic si contende con Nadal la supremazia per il maggior numero di Slam vinti, Becker non dimentica l’altro componente dei Big3. Federer ha chiuso la sua carriera da sogno lo scorso anno in Laver Cup con venti titoli nei tornei del Grande Slam in bacheca. Becker sottolinea come nonostante non sarà il giocatore con più slam vinti carriera, l’eredità lasciata da Federer rimarrà comunque inalterata e supera i confini del mondo del tennis.

Forse lo si può considerare come l’ambasciatore dello sport in generale, non solo quello del tennis. Il mondo non ha ancora visto niente del genere. Puoi prendere in considerazione calciatori, giocatori di basket e campioni di atletica leggera. Roger Federer è un pacchetto completo e poi è cresciuto anche nella neutrale Svizzera. Con Roger, tutto è così perfetto, quasi troppo bello per essere vero. Un giocatore così non ci sarà mai più nel mondo del tennis ed è anche per questo che il tennis è diventato uno sport così globale. In bocca al lupo ai ragazzi che vogliono raccogliere l’eredità  del campione svizzero”.

Nadal e Djokovic continuano la loro lotta a livello Slam, ma il tempo comincia ad andare contro di loro secondo il campione tedesco. La fine delle loro illustri carriere aprirà una porta di nuove opportunità per la nuova generazione. “Stiamo assistendo al cambio generazionale in questo momento. Roger Federer ha già posto fine alla sua carriera e secondo me anche Rafael Nadal è a un passo dal farlo. Giocherà a Parigi, dopodiché vedo un punto interrogativo. Novak Djokovic concluderà sicuramente questa stagione, compie 36 anni l’anno prossimo ma se conquista il titolo numero 23 [Grandi Slam] allora è solo una questione di tempo. Il cambio generazionale sta già avvenendo.

Per Becker tuttavia i numeri non sono tutto, vi è anche altro e questa è la più grande sfida per la nuova generazione.  “Un conto è vincere un torneo del Grande Slam, l’altro è rappresentare lo sport. Con Federer, Nadal e Djokovic abbiamo avuto tre idoli che hanno attratto non solo gli appassionati di tennis ma anche gli appassionati di sport in generale. Questo ha reso il nostro sport più globale e più ricco. Questo spiega il perché vi sono montepremi così elevati e gli investimenti pubblicitari. Questa diventerà la grande sfida per i ragazzi della nuova generazione: non solo vincere, ma anche rappresentare qualcosa – e questo è tutto un altro discorso

Continua a leggere

Flash

Toni Nadal su Rafa: “Trofeo al Roland Garros, poi si vedrà”

Lo zio di Rafa Nadal parla di formazione tennistica e caratteriale, dell’incontro con Auger-Aliassime e di Novak Djokovic

Pubblicato

il

“Penso che qualsiasi allenatore debba adattare ciò che insegna all’allievo, pur sapendo che in molte circostanze non funziona. In ogni caso, ci sono principi che devono restare immutati”. Comincia così Antonio Nadal Homar la non insolitamente lunga intervista a Vanity Fair.

Lasciata la racchetta perché non si considerava abbastanza forte, lo zio ed ex allenatore di Rafael Nadal ha cominciato a dare lezioni di tennis mentre studiava giurisprudenza. Il piano era diventare avvocato, ma non sarebbe andata proprio così. Ha cominciato allenando i figli dei soci del Club Tenis Manacor. Poi, il nipotino, “poco complicato e obbediente. Gli dicevi qualcosa e lui la faceva senza fiatare, non come altri bambini indisciplinati che cercano di metterti in difficoltà”.

Contrariamente ad alcuni – se non parecchi – suoi colleghi, è molto raro vedere Rafa dare in escandescenze o mancare di rispetto a qualcuno sul campo. Toni dà il merito ai genitori e a Rafa stesso, aggiungendo che ciò va di pari passo con la la formazione tennistica. “Per esempio, non gli avrei mai permesso di rompere intenzionalmente una racchetta, perché quello è il mio modo di intendere il mondo. Il fatto che poi non l’abbia mai rotta è però una questione di educazione che gli hanno dato i suoi genitori. Se trovi persone che non hanno imparato l’educazione a casa, è complicato”.

 

Un tema, quello della primaria importanza della formazione del carattere rispetto a quella tecnica che ricorre nel suo libro “Tutto si può allenare” (traduzione letterale, non c’è una versione italiana). Perché, se è evidente che per svolgere qualunque attività è necessario apprenderne le specificità tecniche, “giocare a tennis o a calcio è anche questione di carattere. So che, se hai un carattere ben formato, è molto più facile avere una buona qualità tecnica. Per imparare qualsiasi sport, devi fare molte ripetizioni. Per farlo e con successo, bisogna avere un buon atteggiamento e una buona predisposizione. Senza l’atteggiamento necessario, l’apprendimento non progredisce come dovrebbe”.

Su quanto duro e autoritario sia stato nei confronti del nipote, Toni non nasconde che siano necessari quando si hanno grandi ambizioni: “Non c’è scelta. Viviamo in un mondo altamente competitivo. Quindi, in cosa differisci dagli altri tennisti? Colpisci forte, corri veloce e ti concentri, tutto al massimo possibile, ma è difficile farlo se non ti alleni secondo le più alt pretese. Nella vita bisogna essere coerenti con ciò che si sceglie. Se si sceglie di essere un grande giocatore o di eccellere in qualsiasi attività, è quasi impossibile non fare un allenamento impegnativo. Se scegli di entrare nell’avvocatura dello Stato o di essere un grande imprenditore, non puoi lavorare come uno che va a fare un lavoro normale dalle otto alle tre del pomeriggio e poi si dimentica del lavoro fino al giorno dopo. Questo è il mio modo di intendere il mondo”.

Insomma, le basi del metodo Nadal sono piuttosto chiare. Da quasi due anni, Antonio siede nell’angolo del classe 2000 Felix Auger-Aliassime, quindi vediamo come si adatta la sua Weltanschauung a qualcuno con cui ha iniziato quando non era più un ragazzino. Gli ha chiesto subito quale fosse la sua aspirazione: “Mi ha risposto ‘qualunque cosa’, il che è molto difficile, gli ho detto, perché è quello che vogliono anche Medvedev, Tsitsipas… quindi bisogna spingersi al limite. Ma devi essere preparato al fatto che, pur provandoci, potrebbe non funzionare”.

Al momento dell’intervista, era ancora in corso l’Australian Open, dunque non c’era ancora stato l’aggancio di Novak Djokovic a Rafa a quota 22 Slam, quella che per qualcuno pare diventata l’unica corsa tennistica degna di nota, sminuendo così non solo tutto il resto del Tour – vale a dire giocatori ed eventi –, ma il peso degli stessi titoli Major. A ogni modo, non è che Toni possa fornire una previsione tanto diversa da chiunque altro su chi dei due avrà la meglio: “Ovviamente Djokovic è in una posizione migliore perché continua a giocare ad altissimo livello e non ha problemi fisici. È il favorito per vincere l’Australian Open e Wimbledon. Ma nel mondo dello sport le cose cambiano molte volte da un giorno all’altro. Ci sono momenti che ti fanno cambiare idea. Non lo so, chiunque può finire per essere il numero uno in questo conteggio”.

Anche sul fatto che Novak risulti antipatico a qualche appassionato, Toni si tiene sul classico: “Non so perché e nemmeno me ne preoccupo molto. Penso che il problema sia dovuto alla sua irruzione nella rivalità tra Federer e Rafael, un confronto che piaceva alla gente. Penso che non sia mai riuscito ad essere amato come gli altri due, e che il suo comportamento in campo a volte sia stato un po’ più complicato. Ho un buon rapporto con lui. Oltre ad essere un grande campione, ha sempre avuto un buon rapporto con me. Ci sono persone a cui piace Rafael, ad altre Federer e altre ancora Djokovic. È vero che a quasi nessuno non piace Federer, a poche persone non piace Rafael ed è probabile che Djokovic abbia un detrattore in più rispetto a loro due. Ma non so esattamente cosa sia”.

Non resta che l’ultimo, imprescindibile argomento, peraltro introdotto da quel richiamo all’assenza di problemi fisici di Nole, quello alla base della rumorosa battuta di qualche anno fa i cui echi non si sono ancora spenti, “Rafael es una persona lesionada que juega al tenis”, per la quale avrebbe poi chiesto scusa (solo) al nipote. “Dopo tanto tempo e dopo aver avuto tanti problemi nell’ultimo anno che ha finito con troppi infortuni, i piani futuri non vanno oltre il prossimo torneo. Non sai mai veramente come andranno le cose. È vero che il corpo di Rafael è stato particolarmente colpito, ma è anche vero che è nel circuito professionistico da quando aveva 16 anni ed è una cosa che si paga: è facile che il corpo ceda da un giorno all’altro. Confido che possa sollevare il trofeo del Roland Garros quest’anno e poi vedremo”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement