C'è un nuovo Fognini in città: "Sono cambiato, e finalmente ve ne siete accorti"

Interviste

C’è un nuovo Fognini in città: “Sono cambiato, e finalmente ve ne siete accorti”

Pubblicato

il

Fabio Fognini batte Rafa Nadal - Barcellona 2015

Fabio Fognini ha battuto per la seconda volta consecutiva sulla terra rossa Rafael Nadal. In conferenza stampa si è detto felice per il risultato e per come sta affrontando la stagione sulla terra, nonostante gli alti e bassi dei mesi precedenti

Fabio Fognini ha compiuto ieri l’impresa di battere per la seconda volta consecutiva il numero 1 della terra battuta, Rafael Nadal. In sala stampa, l’italiano si è presentato tranquillo e soddisfatto e felice del fatto che la stampa italiana (ed in particolare il nostro inviato a Barcellona, Roberto Salerno) abbia notato in lui dei cambiamenti. Concentrato e sicuro durante tutto il match, è riuscito a strappare il servizio a Rafa nel momento decisivo in cui il maiorchino aveva la possibilità di portare la partita al terzo set.  Di seguito l’intervista post partita.

Congratulazioni, sei il terzo giocatore che riesce a battere 2 volte di fila Nadal sulla terra rossa. Qual è il segreto: sei diventato più forte oppure lui è calato molto? Nadal ha appena detto: “E’ più colpa mia, sono io che devo migliorare”. Cosa ne pensi?
Credo che questo trionfo sia stato merito mio. Sono stato costante durante tutta la partita e credo che questo alla fine mi ha premiato. I due break del secondo set di cui ero sotto, uno l’ho recuperato giocando bene io, l’altro, adesso non ricordo, non voglio fare un esame del break che ha preso, ma io ho risposto molto bene e ho fatto punto sulla seconda. Penso di aver meritato oggi.

 

Qual è il segreto della tua tranquillità? Noi dall’Italia eravamo un po’ preoccupati…
Voi siete sempre troppo preoccupati (ride).

Eravamo preoccupati perché è da un po’ che  in campo sembri più tranquillo, questa cosa del Mr. Hyde sembra lontana, può essere uno dei fattori decisivi.
Sinceramente, il fatto che tu me lo dica è per me come stappare una bottiglia di champagne. Se lo notate voi giornalisti vale più del doppio, mi fa molto piacere. Come ho detto non è stato un periodo brillantissimo per me, do ve ho giocato bene, ma per battere Nadal su questa superficie devi farlo, richiede un grande sforzo fisico e mentale, e oggi ci sono riuscito.

Ieri dicevi che era lui il  favorito, che è difficile affrontare Nadal perché ti fa correre molto. Tu come ti sei sentito in campo? Quale credi sia stato il fattore decisivo per battere Nadal in casa sua?
Credo che i fattori siano stati molti. Anch’ io corro molto, perché non sono Karlovic, non servo solamente (ride)… Credo che, come ho detto, sono stato bravo soprattutto nei momenti più duri del secondo set quando lui ha iniziato a spingere di più,  però, brekkarlo due volte credo lo abbia destabilizzato perché lui stava servendo per il set  5-4 e quel game lo ha un po’ destabilizzato.  Credo di aver giocato bene anche il  tie break, lui alla fine ha giocato bene due punti,  in uno ero 6-4, e lui si è difeso bene con un back. E questo è tutto.

Fabio cosa significa battere Nadal due volte consecutive sulla terra?
Significa molto, perché tutti conosciamo la sua storia su questa superficie e mi riempie di energia l’averlo battuto sulla terra, soprattutto per andare avanti nel torneo, dato che domani sarà un altro giorno molto complicato.  Ma cercherò di mantenere queste buone sensazioni, soprattutto mentali, ma anche di tennis, ho giocato ad un buon livello, ho giocato bene dei punti e voglio continuare così.

Fabio, quando Rafa ti ha annullato i match point, cosa ti è passato per la testa, immagino che sapevi che la vittoria sarebbe passata per questo secondo set, immaginavi che arrivare al terzo avrebbe complicato molto la partita? E se credi di essere riuscito a prendere le misure del suo gioco?
Prendergli le misure non credo. Nonostante queste due sconfitte con me resta sempre il migliore su questa superficie, io ho dimostrato che sulla terra ho ranking migliore di quello che ho attualmente. Credo anche di non aver mantenuto un livello costante in questi mesi, ho giocato bene un mese, un altro no, sono stato abbastanza incostante. Ovviamente esco da questa partita in modo diverso, perché battere Nadal su questa superficie è come battere Roger o Djokovic su un’altra superficie, perché sono loro tre che portano avanti il tennis in quasi tutti i tornei.

Com’è stato oggi, hai battuto per la seconda volta una leggenda.
Vincere mi da la fiducia per domani, per poter vincere un’altra partita, e per il resto della stagione sulla terra. Ho sempre giocato bene su questa superficie, ho vinto tre titoli. Ma voglio restare tranquillo, come ho detto ieri, mi sto allenando duramente e molto bene, sto accettando il fatto di trovarmi un momento particolare della mia carriera. Sono anche molto felice che la stampa italiana abbia notato un cambiamento. Ovviamente sono felice, perché per me questo è un torneo di casa. Cercherò di fare del mio meglio, cercherò di dare tutto domani, e ovviamente voglio cercare di battere Andujar.

Cosa pensi del match di domani contro Andujar?
Beh con Pablo ci conosciamo bene, ci siamo affrontati spesso. Non mi sorprende che abbia battuto Feliciano con questo risultato, è un tennista pericoloso. Quello che voglio fare è concentrarmi su me stesso. Ovviamente le vittorie di aiutano mentalmente ad avere molta più tranquillità nei momenti difficili. Domani sarà un match diverso, cambiano le strategie di gioco.

Quali differenze o somiglianze trovi in questo match con quello in cui hai battuto Nadal a Rio. E se dovessi sceglierne uno, quale ti ha soddisfatto di più?
Difficile dirlo, battere Nadal ti dà sempre delle sensazioni particolari. Forse la prima volta la ricordo in modo diverso, per come è stata la partita, per le difficoltà di entrambi. Ho giocato meglio oggi rispetto all’altra volta. Ma sono comunque felice di come sia andata, battere Nadal è sempre speciale.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Nadal: “Djokovic è il favorito per chiudere con più Slam di me e Federer”

Il fuoriclasse maiorchino ha speso parole d’elogio per Medvedev, Tsitsipas e Zverev: “Non ha più senso parlare di Next Gen, ormai sono il presente”

Pubblicato

il

Djokovic e Nadal - Roland Garros 2021 (via Twitter, @rolandgarros)

Intervistato dal programma televisivo “Vamos”, Rafael Nadal ha parlato di alcuni degli argomenti che animano l’attuale dibattito tennistico, vale a dire la corsa al record di titoli Slam che lo vede protagonista con gli altri membri dei Big Three.

LA CORSA AL VENTUNESIMO

Rafa sembra ormai rassegnato ad una realtà che in questa stagione sembra mettere d’accordo la gran parte degli appassionati e degli addetti ai lavori: il parimerito nel numero di Slam conquistati da lui, Djokovic e Federer non è destinato a durare, e Nole sembra essere nella posizione migliore per mettere la freccia e superare i rivali: “Non prendiamoci in giro, Djokovic è sicuramente il favorito per diventare il giocatore con più Slam vinti nel tennis maschile. Federer è in un certo tipo di condizioni, io in un altro. Djokovic, invece, sta giocando, e sta giocando bene, è in un gran momento. Questa è la realtà delle cose e non può essere ignorata: certo, nessuno può sapere cosa succederà fra nove mesi, ma al momento lui è il favorito“.

Per contestualizzare, ricordiamo che Federer ha giocato solo 19 partite fra il 2020 e il 2021, optando per un’altra operazione al ginocchio dopo Wimbledon: in una recente intervista, ha dichiarato che sarebbe una sorpresa riuscire a tornare in campo già per i Championships di inizio luglio. Nadal invece ha disputato 29 incontri nel 2021, 22 dei quali sulla terra battuta dove però non è riuscito a mantenere i disumani standard che hanno accompagnato le sue primavere dal 2005 in avanti: pur vincendo a Barcellona e Roma, ha finito per subire la sua terza sconfitta in carriera nelle semifinali del Roland Garros proprio contro Djokovic, chiudendo il match chiaramente infortunato.

 

Successivamente Rafa ha provato a giocare il torneo di Washington, perdendo agli ottavi, ma subito prima dell’esordio in Canada ha deciso di dare forfait e chiudere la stagione per via di un problema al piede che lo tormenta da tutta la carriera ma con significativi peggioramenti nell’ultimo anno. Per questo motivo, non sorprende la sua affermazione su Djokovic, che nel 2021 ha sfiorato il Grande Slam e completato una rimonta un decennio fa impensabile sui rivali: a fine 2010, Federer aveva 16 Slam, Nadal 9 e Djokovic 1; e ancora al termine del Roland Garros 2018 la classifica era Federer 20, Nadal 17 e Djokovic 12.

Nole ha dunque colmato il gap in poco più di tre anni, tre anni in cui peraltro ha “perso” la possibilità di giocarsi due Slam prima per cancellazione (Wimbledon 2020) e poi per squalifica (US Open 2020); se per il primo il caveat vale anche per i rivali, per il secondo invece la lasciata è persa solo per lui, visto che né Rafa né Roger erano presenti. Ora Djokovic potrebbe mancare un’altra chance di alzare il ventunesimo Major qualora decidesse di saltare l’Australian Open in nome (a suo dire) della privacy sul suo status vaccinale, ma la vulgata è che le chance non gli mancheranno di certo nel corso del 2022.

Nadal dovrebbe esserci a Melbourne, ma si tratta di un torneo che non vince dal 2009 (anche per iella, soprattutto se si pensa all’infortunio occorsogli durante la finale del 2014 contro Wawrinka), e più in generale l’impressione è che le gerarchie sul cemento non lo vedano più ai primissimi posti della griglia di partenza – negli ultimi due Slam giocati sul cemento è stato sconfitto da Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas, subendo nel secondo caso la terza rimonta in carriera da due set a zero in suo favore. Il maiorchino ha inoltre già fatto sapere che non giocherà la ATP Cup: è quindi probabile che decida di disputare l’Happy Slam senza tornei ufficiali di preparazione al di là del Mubadala World Tennis Championship, esibizione in programma ad Abu Dhabi fra il 16 e il 18 dicembre.

LA FINE DELLA NEXT GEN

Va detto, tuttavia, che nonostante Djokovic abbia dominato gli Slam nel 2021, i rivali della Next Gen originale sembrano sempre più vicini: Tsitsipas ha buttato un vantaggio di due set nella finale del Roland Garros, mentre Medvedev l’ha battuto a Flushing Meadows conquistando il suo primo Major; Zverev infine lo ha sconfitto sia alle Olimpiadi che alle Nitto ATP Finals, portandolo al quinto set allo US Open.

Per questo motivo, Rafa non ritiene giusto utilizzare ancora il termine Next Gen per definire gli eredi più probabili al trono del tennis maschile: “Ormai dobbiamo dire che Medvedev, Zverev o Tsitsipas sono il presente del tennis, sono la ‘current generation’, non dobbiamo trattarli in eterno come se fossero soltanto il futuro del tennis“. Allo US Open, Djokovic è stato l’unico Big Three presente per la seconda edizione consecutiva: qualora decidesse di non volare a Melbourne, stavolta sarà Nadal a cercare di posticipare il passaggio di consegne ancora per un po’.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Alex Bublik: “Sono N.36, ma in realtà sarei N.25. Amo l’Italia perché…”

Il kazako ha perso 6-3 6-4 con Novak Djokovic, ma è uno dei tennisti più talentuosi e imprevedibili del circuito ATP. Ha sponsor e passioni italiane

Pubblicato

il

Alexander Bublik alla 2021 Davis Cup by Rakuten (Credit: Mateo Villalba/Quality Sport Images/Kosmos Tennis)

Sconfitto da Novak Djokovic nel secondo singolare del tie di Davis Cup by Rakuten (giocato mercoledì 1 dicembre e vinto dalla Serbia in rimonta sul suo Kazakistan), Alexander Bublik ha parlato con la stampa dell’opportunità di affrontare il numero uno del mondo. Curiosamente (ma non troppo per chi conosce il suo rapporto particolare con il gioco), Bublik ha dichiarato che per lui non c’è differenza nel preparare un match contro Nole o contro il N.300 del mondo, ma ha comunque riconosciuto le difficoltà del caso: “Giocare contro Novak è dura perché è un grande giocatore, un grande campione. Quando sei in campo con lui sai che ci saranno dei grandi scambi. Credo sia positivo per un giocatore avere delle chance di migliorare, e match come questi ti aiutano a migliorare tanto“.

Intervistato più approfonditamente dal direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta, Sasha ha poi parlato della sua crescita per certi versi mancata di quest’anno: partito dalla cinquantesima posizione del ranking, ha chiuso al N.36 (vicino al best ranking di 34), ma è stato anche uno dei più danneggiati dalle modifiche del ranking che ancora permettono a diversi giocatori che nel 2021 hanno fatto meno punti di rimanere davanti a lui, da Dominic Thiem a Roger Federer, da Gael Monfils a Cristian Garin e Dusan Lajovic.

Nella Race to Torino, Bublik ha infatti concluso il 2021 al ventisettesimo posto, abbondantemente in zona seed negli Slam, e per questo motivo sente che la sua stagione è stata migliore di quanto le classifiche facciano intuire: “Sono N.36 a causa del ranking congelato, nella Race sono 25 o giù di lì [27, come detto, ndr]. Non avevo obiettivi di classifica perché sapevo che la mia crescita sarebbe dipesa anche dal fatto che tanti giocatori che erano davanti a me avrebbero potuto mantenere molti dei punti [del 2019 e del 2020]. Sarei felice se il mio ranking riflettesse quello che ho guadagnato nella Race, vale a dire il venticinquesimo posto; la Race è il vero ranking. Comunque è solo un numero, e in questo tipo di annata puoi solo cercare di adattarti e tenere a mente che le modifiche varranno solo una volta; l’anno prossimo avrò una chance di dimostrare il mio vero valore”.

 

Bublik ha anche un bel legame con l’Italia; il suo sponsor è infatti Yoxoi, azienda veneta (qui la nostra intervista con i due fondatori Giacomo Ruzza e Diego Mandarà: parte 1 e parte 2), ma questo non è l’unico punto di contatto con il Belpaese, né lo è la sua ammirazione per Jannik Sinner. Durante la conferenza Sasha si è infatti dichiarato italofilo a 360 gradi: “L’Italia è uno dei miei Paesi preferiti, mi piacciono il suo cibo, le persone e la lingua. Ho anche un tatuaggio in italiano! Mi piace davvero, e anche il mio rapporto con Yoxoi è molto buono, stiamo lavorando ad un rinnovo biennale del mio contratto; sono contento di essere parte di un team italiano”.

Chissà che queste dichiarazioni non possano valergli il favore del pubblico quando verrà a giocare in Italia nei prossimi anni! Una cosa è certa, però: dai tweener ai servizi dal basso, dagli hot shot alla rottura della quarta parete, Bublik continuerà a valere il prezzo del biglietto.

Continua a leggere

evidenza

“Per qualche dollaro in più” con Malek Jaziri

Racconto di una giornata nel Challenger di Champaign dove stelle emergenti e vecchie volpi combattono per tornare al centro dell’arena

Pubblicato

il

Malek Jaziri al Western & Southern Open di Cincinnati 2018 (Credit: @CincyTennis on Twitter)

Articolo a cura di Marco Lorenzoni

Il fascino nell’essere lontano dai riflettori

Mentre tutta l’attenzione degli appassionati e degli addetti ai lavori è verso le ATP Finals di Torino ci troviamo a Champaign nella zona centrale dell’Illinois, circa due ore a sud di Chicago. Qui dal 1996 si tiene il Challenger di Urbana- Champaign, uno degli ultimi tornei di questa categoria della stagione, importante per chiudere bene la stagione e soprattutto ottenere punti per entrare direttamente nel main draw dell’Australian Open. Fino a qualche giorno prima del torneo erano iscritti anche Seppi e Sandgren. Il primo ha probabilmente rinunciato sia per i noti problemi all’anca sia per spendere più tempo con la famiglia. Il secondo è reduce da una stagione molto negativa e pare logico abbia deciso di staccare dal tennis per qualche settimana per poi iniziare la preparazione per il 2022. Champaign è una piccola cittadina che assieme a Urbana è la sede dell’università dell’Illinois, frequentata tra gli altri da Kevin Anderson. L’energia della metropoli è lontana, d’altronde l’Illinois è chiamato “The Prairie State”, a parte Chicago il resto dello stato è fatto di cittadine più o meno piccole, alcune di queste attraversate dalla mitica route 66. Champaign non è attraversata dalla “Mother Road” ma ha comunque il suo fascino.

 

Farsi le ossa sulla terra battuta

 La testa di serie numero uno del torneo è Daniel Altmaier che proprio questa settimana festeggia il suo best ranking al numero 98 del mondo. Il suo ingresso nel torneo è contro Malek Jaziri in quello che è sicuramente il match di cartello di questo martedì. Il giocatore tedesco non è sconosciuto al pubblico italiano dal momento che al Roland Garros del 2020 fu in grado di sconfiggere Berrettini al terzo turno senza perdere nemmeno un set. Raggiungendo gli ottavi a Parigi divenne il quinto giocatore dal 2000 a raggiungere gli ottavi di finale in Francia partendo dalle qualificazioni. Guardando i risultati da lui ottenuti nel 2021 si può dire che per ora quel torneo è stato un fuoco di paglia. In questa stagione ha giocato principalmente nel challenger, I risultati migliori sono arrivati proprio sulla terra battuta durante l’estate con le vittorie a  Braunschweig e a Ludenscheld, nella sua Germania. In mezzo a questi due trionfi è riuscito a conquistare due semifinali consecutive Atp a Umago e Kitzbuhel. Pochi giorni fa ha anche ottenuto la sua seconda finale in carriera in un Challenger sul cemento di Knoxville dove a fermarlo è stato Eubanks. Altmaier, però, non è ancora riuscito a mettersi in mostra nei tornei più importanti, discutibile da questo punto di vista la scelta di rinunciare a giocare le qualificazioni dello US Open per continuare a giocare challenger in Europa sulla terra battuta. Così per ora la sua unica apparizione in un main draw slam rimane il Roland Garros 2020.

La solitudine di Malek

Il torneo come detto si gioca sui cinque campi indoor dell’università. Non appena varchiamo l’ingresso principale del torneo andiamo al secondo piano dove si può avere una visuale migliore sia della partita, sia dell’impianto. Qualche ora prima di scendere in campo troviamo Malek Jaziri rilassarsi in solitudine apprezzando le gesta dei suoi colleghi. Il tunisino nonostante sia sprofondato al numero 303 del mondo rimane sicuramente il nome di spicco dell’evento. Best ranking al numero 42 del mondo ottenuto solamente due anni e mezzo fa, a gennaio del 2019, Malek vanta ben tre vittorie contro top 10 tra cui quella ottenuta a Pechino nel 2018 contro l’allora numero 4 del mondo Alexander Zverev. Il tedesco avrebbe vinto le ATP Finals un mese più tardi ma quel giorno perse la testa davanti alle variazioni del suo avversario. Inoltre il tunisino ha raggiunto ben due volte il terzo turno all’Australian Open e giocato la finale del torneo 250 di Istanbul nel 2018. La pandemia e alcuni piccoli infortuni lo hanno fatto sprofondare nel ranking e per uno come lui è oggettivamente difficile pensare di risalire velocemente. Malek infatti non possiede nessun colpo particolarmente incisivo ma è un giocatore a tutto campo. Deve essere al meglio della sua condizione fisica per tessere le sue trame con lo slice, gli attacchi in controtempo e le accelerazioni di dritto. Nel 2021 ha giocato praticamente solo a livello challenger, con risultati molto negativi ed è finito nel dimenticatoio nonostante sia sempre stato uno dei tennisti più piacevoli da vedere sul campo.  Ha raggiunto una sola semifinale, ad agosto a Liberec venendo asfaltato da Alex Molcan, uno dei giocatori più caldi a livello challenger.

La partita tra Altmaier e Jaziri viene disputata sul “court 5”, scelta curiosa dal momento che questo campo è quello più lontano dall’accesso principale dell’impianto.  Daniel è in fiducia e si vede. Jaziri invece è insicuro, soprattutto con il dritto e soffre le accelerazioni del tedesco. Così si ritrova rapidamente sotto un break. Altmaier si fa apprezzare per il rovescio a una mano, il suo colpo migliore, anche se talvolta sembra non avere abbastanza tempo per caricarlo su questi campi. Il dritto non è abbastanza incisivo e anche il servizio, nonostante sia alto un metro e 90 centimetri, è davvero migliorabile. Jaziri viene da otto sconfitte consecutive e perdere così rapidamente il primo parziale non aiuta. Gli errori fanno infuriare il tunisino, il furore è ancora dentro di lui. Si mette le mani nei capelli e lancia un’occhiataccia alla signora al nostro fianco rea di applaudire un po’ troppo spesso Altmaier. Malek però è uno di quei giocatori che nella zuffa si esalta e così sotto 6-3 4-2 prova a darsi una scossa. Il servizio diventa un po’ più costante e tatticamente gioca continuamente lo slice sul rovescio del tedesco per impedirgli di essere aggressivo. Jaziri si procura una palla break per tornare nel match ma una discesa a rete troppo “allegra” gli cancella le ultime speranze di rientrare nel match. 6-3 6-4 Altmaier ma nel secondo set c’è stata lotta.

Appena uscito dal campo cerchiamo di scambiare due parole con Jaziri. Ciò che colpisce immediatamente è la sua lucidità, nonostante un momento molto duro della sua carriera e l’ennesima sconfitta della sua stagione ci dà appuntamento nella piccola player lounge del torneo. La player lounge a Champaign consiste in un piccolo spazio con alcune sedie e una televisione che sta trasmettendo le partite delle ATP Finals di Torino. Il cibo a disposizione degli atleti consiste in banane e barrette energetiche. Questa è anche la location in cui i tennisti aspettano lo shuttle che li porta all’Holiday Inn che si trova a circa due miglia dall’impianto.

Dopo pochi minuti Malek arriva sorridente e così la nostra intervista può iniziare.

Ciao Malek, partiamo dalla partita. Secondo set molto equilibrato, cosa pensi della tua prestazione e del tuo avversario in particolare?

La partita è stata molto combattuta, ogni punto tirato e alla fine ho avuto le mie occasioni per allungare il match. Se fossi arrivato a questa partita con più vittorie sarebbe stato diverso. Ho sentito che per la maggior parte del secondo set avevo il controllo del gioco ma ho sbagliato alcune chiusure a rete. Lui è in fiducia, ha appena fatto la finale a Knoxville e ha giocato tante partite quest’anno. Ho avuto alcune palle break, non le ho concretizzate ed è  ciò che ha fatto la differenza.

La partita è cominciata a passare dalla tua parte quando hai cominciato a usare con più frequenza lo slice.

Ho usato lo slice per cercare di allontanarlo dalla sua “comfort zone”. Ci sono quasi riuscito ma purtroppo è un periodo in cui non riesco a sfruttare le chance che mi procuro.  E questo viene dall’avere poca fiducia nei momenti decisivi. Ho sicuramente bisogno anche di un pochino di fortuna. Anche Andy (Murray) quando ha cominciato a giocare a livelli più alti ha lamentato la mancanza di vittorie nella sua difficoltà nel cogliere le chances. È una questione di testa. Ho bisogno solo della scintilla. Fisicamente mi sento a posto, ho vinto il torneo di doppio due giorni fa a Knoxville, un solo giorno di riposo ma ciò nonostante più il match s’allungava meglio mi sentivo.

Poco più di due anni fa festeggiavi il tuo best ranking al numero 42 del mondo, hai battuto in carriera tre top 10 e hai raggiunto ben due volte il terzo turno all’Australian Open. È difficile per te trovare motivazione andando in giro per Challenger?

Mentirei se dicessi che è semplice. Innanzitutto perché tutti i giocatori presenti in questi tornei sono forti. Poi giocano con il coltello tra i denti perché vogliono riuscire ad andare a giocare tornei Atp dal momento che nei Challenger non guadagni niente. Il livello è migliorato molto, il tennis è diventato più fisico rispetto a dieci anni fa e praticamente ogni giocatore oggi ha un preparatore atletico.

Tu giochi un tennis piuttosto particolare. Usi molto lo slice, vieni spesso a rete. Cosa pensi della nuova generazione?

I tennisti della nuova generazione sono tutti alti e cercano di colpire con la massima potenza. Io preferisco giocare con più creatività, andando a rete, mischiando le carte cercando di togliere punti di riferimento al mio avversario. Non guardo solo all’efficacia del tipo di gioco ma a ciò che mi fa divertire in campo.

Come detto tu hai ottenuto il tuo best ranking a gennaio del 2019. Pensi che la pandemia abbia influenzato la tua discesa nel ranking?

Ho avuto alcuni piccoli infortuni che mi hanno letteralmente tolto il ritmo. Non sapevo quanto sarei stato fuori dal campo. Mi sono dovuto fermare una volta per tre settimane, una per quasi due mesi e così sono tornato in campo non al massimo della mia forma. Avrei potuto usare il mio ranking protetto ma non l’ho fatto. Per giocatori come me che basano la propria classifica sul giocare tanti tornei è stato particolarmente difficile.

A proposito di Challenger, pensi che l’Atp si adoperi abbastanza per i giocatori che sono fuori dalla top 100?

Onestamente penso che si potrebbe fare molto di più. Ci dicono che dovremmo essere contenti che con la situazione generale nel mondo siamo in grado di giocare tanti tornei. Ma i Challenger oggi giorno sono duri. Ho appena giocato contro un ragazzo che è top 100 per soli 400 dollari [per esattezza il prize money per chi perde al primo turno è di 520 dollari n.d.r.], poi togli il 30% che va in tasse e non ti rimane quasi nulla. Se non vinci il torneo rischi di spendere molto di più di quanto guadagni. La scorsa settimana ho vinto il torneo di doppio a Knoxville, mi vergogno a dirti che guadagnato 1400 dollari senza considerare le tasse, le spese per l’aereo e per noleggiare l’auto. Qualche volta devi prendere l’aereo qui negli Stati Uniti e può costarti fino a 300 dollari. Così arrivi a giocare un torneo che hai già speso 1000 dollari e in questo modo hai la pressione di vincere a tutti i costi. Per questo dovrebbero in questo tipo di tornei aumentare almeno il prize money del primo e secondo turno. Per me chi vince lo US Open può guadagnare anche 100 milioni ma devono interessarsi anche di chi gioca nei tornei minori. Nel 2019 ho avuto una buona stagione, quindi sono riuscito a guadagnare con continuità poi è arrivata la pandemia nel 2020 e non ho guadagnato niente così ho dovuto giocare challenger. Vengo dalla Tunisia e non è semplice. Spendo 2000 dollari solo per l’aereo. L’Atp può fare di più.  Potrebbero creare una pensione anche per i ragazzi che giocano Challenger. O impedire ai giocatori posizionati nei primi 100 di giocare questi tornei. A un ragazzo che vuole diventare professionista direi che solo i top 100 guadagnano. E questo non è giusto.

A questo proposito Djokovic e Pospisil hanno ricevuto parecchie critiche quando hanno creato la PTPA che cerca di dare voce ai top 500 in singolo e ai top 200 in doppio. Pensi sia una buona idea?

Sinceramente la PTPA mi sembra un’ottima idea. Almeno cercano di aiutare e s’impegnano a cercare nuove idee. Chiunque abbia desiderio di migliorare questa situazione è benvenuto. È tempo che la gente riconosca che qualcosa deve cambiare.

Mi ha stupito la tua scelta di venire a giocare negli Stati Uniti proprio alla fine della stagione. C’è una motivazione particolare dietro questa scelta?

Non mi piace giocare sulla terra battuta. Ho fatto la finale a Istanbul nel 2018, i quarti di finale a Barcellona ma la mia superficie preferita è il cemento. Quest’anno non c’erano molti tornei sul cemento in Europa così mi sono ritrovato a giocare molti tornei sulla terra battuta. Solo in queste settimane sono tornati in Europa a giocare sul cemento. Tutta l’estate prima dello US Open i Challenger erano sulla terra battuta. Dovrebbero inserire molti più tornei sul duro a livello Challenger esattamente come fa l’Atp. A inizio anno prepari il primo slam stagionale in Australia con una serie di tornei sul cemento, poi in primavera giochi sulla terra battuta. Ma c’è un ordine mentre a livello Challenger ognuno fa ciò che vuole. Se gioco lo US Open voglio avere la possibilità’ di preparare lo slam giocando anche tornei minori sulla stessa superficie. Guarda Botic (Van De Zandschulp). Prima dello US Open è stato costretto a giocare tantissimi challenger sulla terra battuta. Anche se ha fatto molto bene a New York non penso sia la preparazione ideale.

Il tuo gioco però si adatta abbastanza bene alla terra battuta. Hai ottenuto buoni risultati in carriera e l’avere un’ottima sensibilità paga su superfici più lente.

Per me il problema è dal punto di vista fisico. La terra battuta mi richiede uno sforzo nettamente maggiore, soprattutto quella europea, particolarmente lenta e pesante. Ora che devo risalire nel ranking sono consapevole del fatto che non posso farlo giocando così tanto sulla terra.

Sempre parlando a livello Challenger noti una grande differenza di livello tra i tornei Atp e un torneo come questo?  Giocatori di successo a livello Atp come te e Jack Sock fanno fatica a imporsi a questo livello. Come te lo spieghi?

I tennisti che abitualmente giocano Challenger hanno molta più motivazione quando giocano contro giocatori famosi perché giocano senza nulla da perdere ma allo stesso tempo con la voglia di prendersi la scena e le prime pagine dei giornali. Il livello qui a Champaign è alto perché ci sono i tennisti dell’università che giocano molte partite e sono piuttosto forti.

Quali sono i tuoi obbiettivi a breve termine?

Prima di tutto vorrei tornare dentro i primi 150. Poi torniamo a parlare. Oggi ho fatto partita pari con un ragazzo che è dentro i top 100 ma per me è molto importante riuscire a essere integro fisicamente per trovare il giusto ritmo.

Hai giocato e ti sei allenato con i migliori giocatori del mondo. Tra Djokovic, Federer e Nadal chi per te merita di essere considerato in questo momento il migliore della loro generazione?

Per me Novak è il più difficile da affrontare perché è’ il più’ completo e non ha praticamente punti deboli. Non lo dico perché ora sta battendo tutti i record, lo penso da molto tempo (ride). C’è da dire che è fortunato perché dal punto di vista fisico riesce a giocare integro per tutta la stagione, un dettaglio non da poco.

Quali sono i giocatori della nuova generazione che ti esaltano maggiormente?

Mi piace molto Sinner, soprattutto per il modo in cui copre il campo e anticipa la palla. Berrettini lo conosco da più tempo avendoci giocato la finale nel Challenger di Istanbul (partita vinta da Jaziri per 7-5 al terzo set nel 2017) parecchi anni fa. Lui fa parte della nuova generazione, servizio e dritto. Mi piace molto Shapovalov, non gioca mai lo stesso tipo di palla, cerca di venire vicino alla rete, è un giocatore spettacolare.

Per chiudere quest’intervista. Com’è il tuo rapporto con internet e i fans? Ti capita di ricevere messaggi negativi dopo una sconfitta?

Mi capita spesso dopo una sconfitta di ricevere insulti. Capisco che ci sono persone che scommettono soldi ma non si possono oltrepassare certi limiti. Non comprendono le difficoltà che ci sono nel giocare a tennis praticamente ogni settimana sotto pressione e con me in particolare le offese sono spesso a sfondo razziale. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement