WTA Ranking: Serena, 114 settimane consecutive al n.1, meglio di Evert. Halep supera Sharapova al n.2

WTA

WTA Ranking: Serena, 114 settimane consecutive al n.1, meglio di Evert. Halep supera Sharapova al n.2

Pubblicato

il

 
 

Nella nuova classifica WTA la notizia di maggior rilievo è lo scambio di posizioni tra la siberiana, che non ha difeso il suo triplice titolo a Stoccarda, e la Halep (semifinalista in Germania) che raggiunge nuovamente il suo best ranking al n. 2

La WTA ha pubblicato oggi, come ogni lunedì, la nuova classifica che tiene conto dei tornei giocati dalle atlete negli ultimi 12 mesi. Nelle primissime posizioni Maria Sharapova scende al terzo posto, non avendo difeso il titolo a Stoccarda a causa della sconfitta subita dalla futura vincitrice Kerber al secondo turno (primo per la russa, accreditata della TdS n. 1).
Ne approfitta la romena Simona Halep, a sua volta semifinalista in Germania, sconfitta solo al terzo set da una Wozniacki in gran spolvero. Tra le prime 10 da segnalare anche il cambio di posizioni tra Eugenie Bouchard (+1, n.6) e Ana Ivanovic (-1, n. 7) che paga la sconfitta al primo turno a Stoccarda ad opera della francese Garcia; proprio la Garcia fallisce per appena 45 punti il sorpasso alla connazionale Cornet che rimane la leader di Francia.
Il record battuto questa settimana è quello di Serena Williams che con 114 settimane consecutive al n. 1 stacca di una lunghezza Chris Evert (113 settimane consecutive in cima) in questa speciale classifica che vede Serena adesso sola al terzo posto. Al primo c’è Steffi Graf con 186 settimane e seconda Martina Navratilova con 156. Se la Williams resiste al top, Martina potrebbe vedersi raggiunta il prossimo 22 febbraio 2016, mentre per uguagliare la Graf bisognerebbe aspettare fine settembre, sempre del 2016. Intanto Serena ha totalizzato ben 256 settimane al n. 1 in totale.
Tra le maggiori scalatrici della settimana la menzione d’onore spetta all’americana Madison Brengle (+7, n. 36) grazie alla semifinale al torneo di Stoccarda (dove dopo aver battuto Brianti, Kvitova e Garcia, ha ceduto alla Kerber).
Nelle retrovie non ci sono variazioni degne di nota anche perché non erano in programma altri tornei del circuito maggiore.

 
Pos. Giocatrice Punti Tornei Diff. fine 2014 Diff. dal 20/04/15
1 Williams, Serena 9981 15 0 0
2 Halep, Simona 7755 18 +1 +1
3 Sharapova, Maria 7525 18 0 -1
4 Kvitova, Petra 6060 20 0 0
5 Wozniacki, Caroline 4790 21 3 0
6 Bouchard, Eugenie 4122 21 +1 +1
7 Ivanovic, Ana 4000 20 -1 -1
8 Makarova, Ekaterina 3465 22 3 0
9 Radwanska, Agnieszka 3345 21 -3 0
10 Suárez Navarro, Carla 3335 24 7 0
11 Petkovic, Andrea 3260 26 2 0
12 Kerber, Angelique 3230 29 -3 +2
13 Safarova, Lucie 2895 23 3 0
14 Pliskova, Karolina 2875 23 10 -2
15 Errani, Sara 2720 23 -1 0
16 Williams, Venus 2591 17 2 0
17 Keys, Madison 2325 21 14 0
18 Jankovic, Jelena 2140 20 -2 0
19 Lisicki, Sabine 2127 23 8 0
20 Muguruza, Garbiñe 2075 21 1 0


Teen Ranking

Tra le giocatrici nate dopo il 1° gennaio 1995 sono presenti solo 5 ragazze tra le prime 100; irrompe la giovane statunitense Louisa Chirico, vincitrice questa settimana dell’ITF di Dothan (USA): scala 19 posizioni e si attesta al n. 121, suo best ranking. Queste le prime 10 della classifica per giocatrici under 20:

Pos. Giocatrice Anno Class. WTA Diff. dal 20/04/15
1 Keys, Madison 1995 17 0
2 Bencic, Belinda 1997 34 0
3 Witthoeft, Carina 1995 70 +4
4 Siniakova, Katerina 1996 76 0
5 Konjuh, Ana 1997 93 +5
6 Putintseva, Yulia 1995 105 +2
7 Kulichkova, Elizaveta 1996 111 +4
8 Townsend, Taylor 1996 115 -10
9 Chirico, Louisa 1996 121 +19
10 Vickery, Sachia 1995 126 0


Nation Ranking

Poche variazioni anche per la classifica per nazioni. Ricordiamo che il Nation Ranking è ottenuto sommando le posizioni in classifica delle migliori 3 giocatrici per ogni paese. Rimane al primo posto la Repubblica Ceca, tallonata dagli Stati Uniti che staccano la Russia e potranno contendere il primato anche durante la stagione su terra rossa: oltre alle sorelle Williams le più giovani americane hanno fornito segnali positivi in questo scorcio di stagione (la Brengle a Stoccarda è stata solo l’ultima della serie); la Russia invece paga il passo indietro di Sharapova e Kuznetsova. Si rafforza anche la Germania (con Kerber +2) mentre rimane stabile la compagine italiana. Nella top 10 la Romania stacca la Spagna al settimo posto mentre l’Australia si avvicina ancora di una lunghezza alla Francia. Questa la classifica delle prime 10 nazioni:

 

Pos. Nazione Punteggio Diff. dal 20/04/15
1 Repubblica Ceca 31 0
2 Stati Uniti 34 0
3 Russia 38 -1
4 Germania 42 0
5 Italia 76 0
6 Serbia 87 0
7 Romania 96 0
8 Spagna 97 -1
9 Francia 116 0
10 Australia 117 0

 

Casa Italia

Tra le italiane rimanngono stabili le migliori 3: Sara Errani al n. 15, Flavia Pennetta al 26 e Camila Giorgi al 35.
Roberta Vinci perde 2 posizioni assestandosi al n. 43 mentre guadagna due posizioni Karin Knapp passando al n.53.
Tra le prime 100 anche Francesca Schiavone, stabile al n. 71.
Fa pensare l’assenza di rincalzi tra le italiane: nelle seconde 100 posizioni (dal 101 al 200) l’unica presenza tricolore è data da Alberta Brianti, classe 1980, come la Schiavone. Sono ancora lontane nel ranking le nostre under.

Il ranking medio delle top 5 italiane oggi è 34,4.

PREVIOUS RANK CURRENT RANK PLAYER DATE OF BIRTH POINTS TOURNAMENTS
[15] 15 ERRANI, Sara 29-apr-87 2720 23
[26] 26 PENNETTA, Flavia 25-feb-82 1776 19
[35] 35 GIORGI, Camila 30 DEC 1991 1350 24
[41] 43 VINCI, Roberta 18-feb-83 1142 23
[55] 53 KNAPP, Karin 28 JUN 1987 925 27
[71] 71 SCHIAVONE, Francesca 23 JUN 1980 782 26
[188] 182 BRIANTI, Alberta 05-apr-80 286 27
[210] 220 BARBIERI, Gioia 09 JUL 1991 206 30
[293] 292 GATTO-MONTICONE, Giulia 18-nov-87 138 24
[349] 339 PAOLINI, Jasmine 04 JAN 1996 102 14
[343] 344 CAREGARO, Martina 19 MAY 1992 100 17
[339] 357 SANESI, Gaia 01-apr-92 95 16
[370] 397 GRYMALSKA, Anastasia 12 JUL 1990 78 21
[447] 439 MATTEUCCI, Alice 29 SEP 1995 65 15
[450] 449 DENTONI, Corinna 30 JUL 1989 60 19
[449] 453 SAVORETTI, Alice 17 JUN 1992 60 19
[468] 464 GIOVINE, Claudia 18 JUL 1990 57 14
[472] 467 BRESCIA, Georgia 08-feb-96 56 13
[502] 487 REMONDINA, Anna 01 JUN 1989 51 15
[548] 506 BALDUCCI, Alice 11 SEP 1986 47 21

 

Le top 50

PREVIOUS RANK CURRENT RANK PLAYER COUNTRY DATE OF BIRTH POINTS TOURNAMENTS
[1] 1 WILLIAMS, SERENA UNITED STATES 26 SEP 1981 9981 15
[3] 2 HALEP, SIMONA ROMANIA 27 SEP 1991 7755 18
[2] 3 SHARAPOVA, MARIA RUSSIA 19-apr-87 7525 17
[4] 4 KVITOVA, PETRA CZECH REPUBLIC 08-mar-90 6060 20
[5] 5 WOZNIACKI, CAROLINE DENMARK 11 JUL 1990 4790 22
[7] 6 BOUCHARD, EUGENIE CANADA 25-feb-94 4122 20
[6] 7 IVANOVIC, ANA SERBIA 06-nov-87 4000 21
[8] 8 MAKAROVA, EKATERINA RUSSIA 07 JUN 1988 3465 22
[9] 9 RADWANSKA, AGNIESZKA POLAND 06-mar-89 3345 21
[10] 10 SUÁREZ NAVARRO, CARLA SPAIN 03 SEP 1988 3335 24
[11] 11 PETKOVIC, ANDREA GERMANY 09 SEP 1987 3260 25
[14] 12 KERBER, ANGELIQUE GERMANY 18 JAN 1988 3230 23
[13] 13 SAFAROVA, LUCIE CZECH REPUBLIC 04-feb-87 2895 23
[12] 14 PLISKOVA, KAROLINA CZECH REPUBLIC 21-mar-92 2875 29
[15] 15 ERRANI, SARA ITALY 29-apr-87 2720 23
[16] 16 WILLIAMS, VENUS UNITED STATES 17 JUN 1980 2591 17
[17] 17 KEYS, MADISON UNITED STATES 17-feb-95 2325 21
[18] 18 JANKOVIC, JELENA SERBIA 28-feb-85 2140 19
[19] 19 LISICKI, SABINE GERMANY 22 SEP 1989 2127 23
[20] 20 MUGURUZA, GARBIÑE SPAIN 08 OCT 1993 2075 21
[22] 21 BACSINSZKY, TIMEA SWITZERLAND 08 JUN 1989 1971 20
[23] 22 STRYCOVA, BARBORA CZECH REPUBLIC 28-mar-86 1945 26
[21] 23 PENG, SHUAI CHINA 08 JAN 1986 1926 22
[25] 24 STOSUR, SAMANTHA AUSTRALIA 30-mar-84 1835 25
[27] 25 SVITOLINA, ELINA UKRAINE 12 SEP 1994 1820 24
[26] 26 PENNETTA, FLAVIA ITALY 25-feb-82 1776 19
[24] 27 KUZNETSOVA, SVETLANA RUSSIA 27 JUN 1985 1771 20
[28] 28 CORNET, ALIZÉ FRANCE 22 JAN 1990 1650 24
[29] 29 GARCIA, CAROLINE FRANCE 16 OCT 1993 1605 26
[30] 30 LEPCHENKO, VARVARA UNITED STATES 21 MAY 1986 1430 20
[31] 31 AZARENKA, VICTORIA BELARUS 31 JUL 1989 1423 15
[32] 32 DIYAS, ZARINA KAZAKHSTAN 18 OCT 1993 1420 25
[33] 33 BEGU, IRINA-CAMELIA ROMANIA 26 AUG 1990 1409 22
[34] 34 BENCIC, BELINDA SWITZERLAND 10-mar-97 1405 23
[35] 35 GIORGI, CAMILA ITALY 30 DEC 1991 1350 24
[43] 36 BRENGLE, MADISON UNITED STATES 03-apr-90 1324 27
[36] 37 VANDEWEGHE, COCO UNITED STATES 06 DEC 1991 1313 18
[38] 38 STEPHENS, SLOANE UNITED STATES 20-mar-93 1255 20
[39] 39 BARTHEL, MONA GERMANY 11 JUL 1990 1253 28
[40] 40 WATSON, HEATHER UNITED KINGDOM 19 MAY 1992 1214 22
[37] 41 PAVLYUCHENKOVA, ANASTASIA RUSSIA 03 JUL 1991 1202 21
[42] 42 CIBULKOVA, DOMINIKA SLOVAKIA 06 MAY 1989 1173 22
[41] 43 VINCI, ROBERTA ITALY 18-feb-83 1142 23
[44] 44 DELLACQUA, CASEY AUSTRALIA 11-feb-85 1131 20
[45] 45 RISKE, ALISON UNITED STATES 03 JUL 1990 1130 24
[46] 46 SCHMIEDLOVA, ANNA KAROLINA SLOVAKIA 13 SEP 1994 1074 27
[47] 47 PUIG, MONICA PUERTO RICO 27 SEP 1993 1010 27
[48] 48 LARSSON, JOHANNA SWEDEN 17 AUG 1988 1004 24
[49] 49 GAJDOSOVA, JARMILA AUSTRALIA 26-apr-87 1000 25
[51] 50 KANEPI, KAIA ESTONIA 10 JUN 1985 960 20

La Race 

PREVIOUS RANK CURRENT RANK PLAYER COUNTRY DATE OF BIRTH POINTS TOURNAMENTS
[1] 1 WILLIAMS, SERENA UNITED STATES 26 SEP 1981 3390 4
[2] 2 HALEP, SIMONA ROMANIA 27 SEP 1991 3185 6
[3] 3 SHARAPOVA, MARIA RUSSIA 19-apr-87 2011 7
[4] 4 SUÁREZ NAVARRO, CARLA SPAIN 03 SEP 1988 1855 9
[5] 5 PLISKOVA, KAROLINA CZECH REPUBLIC 21-mar-92 1650 8
[10] 6 WOZNIACKI, CAROLINE DENMARK 11 JUL 1990 1471 9
[12] 7 KERBER, ANGELIQUE GERMANY 18 JAN 1988 1417 10
[7] 8 MAKAROVA, EKATERINA RUSSIA 07 JUN 1988 1366 8
[6] 9 KEYS, MADISON UNITED STATES 17-feb-95 1270 6
[8] 10 WILLIAMS, VENUS UNITED STATES 17 JUN 1980 1215 6
[9] 11 PETKOVIC, ANDREA GERMANY 09 SEP 1987 1168 9
[11] 12 BACSINSZKY, TIMEA SWITZERLAND 08 JUN 1989 1085 6
[16] 13 ERRANI, SARA ITALY 29-apr-87 937 10
[13] 14 KVITOVA, PETRA CZECH REPUBLIC 08-mar-90 916 8
[21] 15 BRENGLE, MADISON UNITED STATES 03-apr-90 907 10
[14] 16 SAFAROVA, LUCIE CZECH REPUBLIC 04-feb-87 901 8
[17] 17 MUGURUZA, GARBIÑE SPAIN 08 OCT 1993 876 7
[19] 18 GARCIA, CAROLINE FRANCE 16 OCT 1993 851 10
[15] 19 JANKOVIC, JELENA SERBIA 28-feb-85 841 7
[18] 20 RADWANSKA, AGNIESZKA POLAND 06-mar-89 796 8
[20] 21 SVITOLINA, ELINA UKRAINE 12 SEP 1994 726 8
[22] 22 LISICKI, SABINE GERMANY 22 SEP 1989 680 9
[23] 23 AZARENKA, VICTORIA BELARUS 31 JUL 1989 676 5
[24] 24 IVANOVIC, ANA SERBIA 06-nov-87 661 7
[24] 24 STRYCOVA, BARBORA CZECH REPUBLIC 28-mar-86 661 9
[26] 26 SCHMIEDLOVA, ANNA KAROLINA SLOVAKIA 13 SEP 1994 635 10
[27] 27 PENNETTA, FLAVIA ITALY 25-feb-82 591 6
[28] 28 CIBULKOVA, DOMINIKA SLOVAKIA 06 MAY 1989 586 6
[29] 29 BOUCHARD, EUGENIE CANADA 25-feb-94 562 5
[30] 30 GAVRILOVA, DARIA RUSSIA 05-mar-94 550 11
[35] 31 DIYAS, ZARINA KAZAKHSTAN 18 OCT 1993 542 10
[31] 31 HRADECKA, LUCIE CZECH REPUBLIC 21 MAY 1985 542 8
[32] 33 HANTUCHOVA, DANIELA SLOVAKIA 23-apr-83 520 8
[33] 34 BEGU, IRINA-CAMELIA ROMANIA 26 AUG 1990 517 7
[34] 35 GIORGI, CAMILA ITALY 30 DEC 1991 506 7
[36] 36 CORNET, ALIZÉ FRANCE 22 JAN 1990 482 8
[37] 37 MARIA, TATJANA GERMANY 08 AUG 1987 477 14
[38] 38 WATSON, HEATHER UNITED KINGDOM 19 MAY 1992 460 7
[39] 39 DULGHERU, ALEXANDRA ROMANIA 30 MAY 1989 456 11
[40] 40 STEPHENS, SLOANE UNITED STATES 20-mar-93 436 7
[41] 41 PIRONKOVA, TSVETANA BULGARIA 13 SEP 1987 433 8
[42] 42 SHVEDOVA, YAROSLAVA KAZAKHSTAN 12 SEP 1987 431 7
[44] 43 GOERGES, JULIA GERMANY 02-nov-88 426 7
[43] 43 PEREIRA, TELIANA BRAZIL 20 JUL 1988 426 8
[45] 45 GAJDOSOVA, JARMILA AUSTRALIA 26-apr-87 418 9
[57] 46 BENCIC, BELINDA SWITZERLAND 10-mar-97 398 9
[46] 47 LARSSON, JOHANNA SWEDEN 17 AUG 1988 394 8
[46] 47 TSURENKO, LESIA UKRAINE 30 MAY 1989 394 7
[51] 49 RODINA, EVGENIYA RUSSIA 04-feb-89 393 15
[48] 50 LEPCHENKO, VARVARA UNITED STATES 21 MAY 1986 392 6

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Strasburgo: Kerber eroica supera Juvan in tre set

83 vincenti a testa per una finale memorabile: 14° titolo della carriera per Angelique Kerber

Pubblicato

il

[2] A. Kerber b. K. Juvan 7-6(5) 6-7(0) 7-6(5)

Match d’intensità straordinaria durato tre ore e 16 minuti di grande spettacolo. Angelique Kerber batte dopo tre tiebreak Kaja Juvan, e vince il WTA 250 di Strasburgo col punteggi di 7-6(5) 6-7(0) 7-6(5); per la tedesca si tratta del 14° titolo della carriera, terzo sulla terra rossa ma il primo outdoor su questa superficie (gli altri erano arrivati a Stoccarda). Forse restare in campo così tanto – 3 ore e 16 minuti – alla vigilia dell’inizio del Roland Garros non è la preparazione migliore per una tennista di 34 anni, ma dal punto di vista della fiducia tennistica non poteva esserci epilogo migliore. La 21enne slovena esce battuta ma non sconfitta nella prima finale della carriera: se Kerber ha giocato un gran match infatti è anche merito suo che ha lottato su ogni scambio, non curante delle vario occasioni perse qua e là durante il match dai mille voli. Solo un paio di numeri per dare l’idea dell’intensità dell’incontro: alla fine il conteggio dei vincenti sarà 83 a testa, con i gratuiti 38 per Juvan e 42 per Kerber.

Il tabellone completo del WTA 250 di Strasburgo

 

Nell’atto conclusivo dell’Internationaux de Strasbourg, c’è un primo set subito avvincente dove la tedesca n.22 del mondo recupera due volte il break di svantaggio a Juvan e, dopo aver annullato un set point al servizio sul 5-4, riesce a chiudere al tiebreak per 7-5. Anche nel secondo parziale è la slovena a passare prepotentemente in vantaggio: la n.81 Juvan sale nuovamente sopra 4-1 addirittura col servizio, ma alla fine le due tenniste si ritrovano di nuovo sul 6 pari. Kerber arriva al tiebreak stremata; non tenta neanche un passo quando l’avversaria la punge con la smorzata e non trova la lucidità per indirizzare gli smash quando è lei a controllare lo scambio. La tedesca subisce un duro parziale di 9 punti a 0 che rimettono il match in equilibrio dopo due ore e 4 minuti di grande spettacolo.

Il set decisivo, giocato ad armi pari, continua a restare incerto e la sensazione che si giunga di nuovo al tiebreak si trasforma (più o meno) presto in realtà. I primi colpi di classe di Kerber si vedono grazie ad un pallonetto di rovescio vincete a seguito di una palla corta che la manda sopra 4 punti a 2; dopo il cambio campo, l’ultimo di un match estenuante, è il dritto della tedesca a diventare l’arma principale. Con un paio di soluzioni incredibili (il passante stretto sul match point è strepitoso), la 34enne Kerber può alzare le braccia al cielo e trovare persino la forza di saltare dalla gioia. Per lei come detto si tratta del 14° titolo della carriera e grande iniezione di fiducia per il Roland Garros dove esordirà contro la polacca Magdalena Fręch.

Il tabellone completo del WTA 250 di Strasburgo

Continua a leggere

Flash

WTA Rabat: Trevisan, la prima volta (e che prima volta!) non si scorda mai

La prima finale WTA coincide anche con il primo titolo per Martina Trevisan, sconfitta nettamente Claire Liu

Pubblicato

il

Martina Trevisan (foto twitter @LadiesOpenPA)

M. Trevisan b. C. Liu 6-2 6-1

Il torneo di Rabat, WTA 250 in terra marocchina, è intitolato alla principessa Meryem, sorella dell’attuale re, e non a caso si chiama Grand Prix SAR La Princesse Lalla Meryem. Ma oggi, 21 maggio 2022, ha incoronato una nuova regina, una ragazza di Firenze che sognava fin da troppo questo giorno: Martina Trevisan. La n.66 al mondo, dopo un torneo entusiasmante, in cui ha battuto tra le altre Garbine Muguruza, mette la ciliegina sulla torta, conquistando nell’ordine prima semifinale, prima finale e primo titolo WTA, tenendo in balia un’altra esordiente in un atto conclusivo, la statunitense Claire Liu, che ha lottato con le unghie e con i denti nel primo set, a tratti mettendo anche paura, ma nel secondo non ha potuto arginare la voglia dell’azzurra. Martina è la ventesima italiana della storia a vincere un trofeo WTA, la quarta in terra marocchina, e da lunedì avrà anche il suo best ranking, potendo entrare nelle prime 60 al mondo, e andando anche con una vena di ottimismo al Roland Garros. Il primo titolo del tennis italiano in questo 2022 è proprio suo, e allora godiamoci tutti questo sorprendente, e così netto, trionfo, con la cronaca della partita.

Il tabellone completo del WTA 250 di Rabat

IL MATCH – Inizio sprint per Martina Trevisan, che gestisce meglio la pressione tra le due esordienti: break a 15, tirando anche due vincenti con il dritto, subito pesante, mentre Liu accusa già un po’ di tensione ed è troppo tenera. Peccato che sia una gioia alquanto effimera per l’azzurra, dato che l’americana, anche sfruttando un leggero calo della nostra, rientra e porta a casa il contro-break: necessarie ben 5 palle break, ma trova meglio il campo e soprattutto tanti errori di Trevisan, un po’ lenta alle volte, altre troppo frettolosa per cercare il vincente. Ancora rischia la n.66 al mondo, che se non mette la prima ha serie difficoltà, causa di una seconda tenera che Liu puntualmente attacca e sfrutta per entrare in campo; Martina però si fa trovare pronta e con coraggio annulla due palle break, variando sia la spinta che l’altezza della palla. E la resistenza al servizio è fondamentale nel quinto game, dove Trevisan riesce a tornare avanti di un break, senza osare neanche più di tanto ma tessendo una rete di accelerazioni e di variazioni e contando anche su un aiuto di Liu, di nuovo un po’ troppo tesa. Ancora una volta, la paura del break subito si trasforma in gioia per quello ottenuto nel settimo gioco, che sa tanto di ipoteca sul primo set. Da dire, sinceramente, che l’americana ha regalato la maggior parte dei punti, quasi un errore su uno e un vincente o simili sull’altro, con Trevisan che approfitta facendo il minimo, accelerando quando deve. Chiude dopo un game lungo, 4 set point e una palla break, 6-2 un primo set che dal risultato sembrerà essere stato netto, quando è stato un duro braccio di ferro, con Liu che in ogni game di risposta ha avuto palla break. Brava Martina a tenere mentalmente ed essere perfetta nel gioco, variando al momento giusto e pazientando quando serviva.

 

Il secondo set nel terzo game subisce un cambiamento di ritmo importante, con il break di Trevisan, addirittura a 0. Il gioco procede sempre sugli attacchi di Liu, appena può, e le variazioni pericolose di Martina, che qui fa perdere i giri ai colpi della n.92 al mondo, in un game gonfio di errori. Sembra ripetersi il copione del primo set: Trevisan annulla palla break nel quarto game e mette la freccia da un punto di vista emotivo, dove invece Liu ha un calo drastico che la fa giocare con nervosismo e troppa fretta, due ingredienti fondamentali per il doppio break di una Martina incisiva e concreta, a tratti anche spettacolare. Chiude un secondo parziale dominato dall’inizio alla fine Trevisan, addirittura per 6-1, senza concedere nulla al servizio e tenendo un ritmo pressoché perfetto, sia nelle scelte che poi nei colpi. Il tutto va a coincidere con un netto calo di Liu, che a un certo punto sembra proprio arrendersi e non credere neanche più di poter ribaltare le debordanti ondate della toscana. Conclude quasi in lacrime Martina, sinceramente emozionata, lei che è stata costretta a un lungo stop dai campi, e che aveva iniziato una nuova vita tennistica annunciandolo via Facebook, il 25 febbraio del 2014. Sono passati più di 8 anni da allora, tante cose sono cambiate, ma una cosa è certa: Martina Trevisan è una guerriera come ben poche abbiamo visto, e oggi ha finalmente avuto il coronamento del sogno di una vita, perché, come diceva Nelson Mandela: “Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”.

Il tabellone completo del WTA 250 di Rabat

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, Swiatek si toglie pressione: “Prima o poi perderò, ma questa stagione è già un successo”

La numero 1 punta al suo secondo Slam: “Da quando sono in vetta la gente mi tratta in modo diverso. Tenere a mente che questa striscia può finire è salutare”

Pubblicato

il

Iga Swiatek - Mutua Madrid Open 2022 (PHOTO- ANGEL MARTINEZ : MMO)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Non ci sono dubbi da sciogliere, Iga Swiatek a poche ore dall’inizio del Roland Garros 2022 è la chiara favorita per la vittoria finale. La polacca arriva a Parigi come meglio non potrebbe: ha vinto gli ultimi 5 tornei che ha disputato, inanellando 28 vittorie consecutive. Inoltre ha già vinto sui campi del Bois de Boulogne nel 2020, quando però a dire il vero le condizioni climatiche e di conseguenza di gioco erano ben diverse da quelle che i giocatori troveranno da domenica 22 maggio in poi. La gestione della pressione sarà più che mai il fattore decisivo per la numero 1 mondiale, un aspetto che l’ha tradita nella scorsa edizione quando difendeva il titolo. Iga ha parlato così ai giornalisti nella consueta conferenza pre-torneo.

D: È chiaro che il gioco è dove vuoi che sia, ma è una sfida mentale per te adattarsi a questa nuova situazione? Se sì, come ti stai preparando?

Swiatek: “Beh, finora è andato tutto bene, ma in realtà non ho giocato un Grande Slam da quando è iniziata la striscia di successi. Quindi immagino che vedremo se tutto quello che ho fatto finora è abbastanza. Ma ho dei pensieri davvero positivi. Onestamente, è capitato un paio di volte in questi tornei di essere già stressata, sono stata in grado di lavorare su questo e fare un ottimo lavoro semplicemente concentrandomi sul tennis. Quindi spero di poter continuare a farlo”.

 

D: Essere numero 1 sembra essere adatto a te. Non sembri sentire troppa pressione, almeno per tutti noi che ti guardiamo. Avevi pensato molto a come sarebbe stato essere numero 1 mondiale prima di arrivare in cima e ora è come ti aspettavi?

Swiatek: “Non ci stavo pensando, ma è una buona domanda. Di solito quando scalavo la classifica non sapevo nemmeno dove fossi, onestamente. Stavo solo andando avanti, e non mi importava davvero se fossi numero 50 o 100. Era sicuramente importante quando partecipavo ai tornei, ma per me era solo un numero, quindi non mi importava. In questo momento mi sento come se grazie alla mia nuova classifica, le persone intorno a me mi trattassero in modo un po’ diverso. Così il mondo è cambiato, di sicuro (sorride). Mi sento comunque come se stessi rimanendo me stessa, come giocatrice e persona. Ma ritengo che ci sia ancora da migliorare”.

D: Hai pianificato qualche trucco per tenere la mente libera nei day off durante questo torneo, fino al tuo primo turno e si spera dopo, avete alcune attività da fare solo per non pensare alle partite?

Swiatek: “In realtà, quest’anno mi sembra più facile non pensare alle partite, perché ci sono anche molte cose che possiamo fare, come fare un giro turistico, anche fare una passeggiata. L’anno scorso con la bolla è stato piuttosto difficile, ed è stato normale che tutti stessero solo pensando al tennis perché era l’unica cosa da fare alla fine. Sto leggendo molto, come al solito, quindi niente di speciale. Guardo serie TV. Oggi, per esempio, sarà il mio giorno libero, quindi di sicuro andrò a fare un giro se il tempo migliorerà. Quando ho avuto i miei giorni di allenamento, speravo che piovesse, quindi avrò più giorni liberi, ma piove quando ho il giorno libero, quindi come al solito (sorride)”.

D: Cosa stai leggendo ora? In secondo luogo, come potresti definiresti un successo in questo torneo?

Swiatek: “Sto leggendo “21 Lessons for the 21st Century”, ho la tua approvazione? (sorride). È difficile rispondere alla seconda, perché non ho obiettivi come ad esempio raggiungere la semifinale o una finale. Vedrò partita dopo partita. Sono consapevole che questa striscia potrebbe finire presto, quindi non voglio avere il cuore spezzato quando succederà. Penso che esserne consapevoli sia abbastanza salutare. Ho già così tanti punti e sono abbastanza contenta degli ultimi tornei, a tal punto che penso questa stagione sia già un successo per me (sorride)”.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement