Wimbledon interviste, Radwanska: "Sono state due buone settimane, mi consentono di risalire nel ranking"

Interviste

Wimbledon interviste, Radwanska: “Sono state due buone settimane, mi consentono di risalire nel ranking”

Wimbledon, semifinali. G. Muguruza b. A. Radwanska 6-2 3-6 6-3. L’intervista del dopo partita a Agnieszka Radwanska

Pubblicato

il

 

Qual è la tua reazione complessiva dopo questo match?
Un gran buon match. Penso lei abbia giocato molto bene oggi. Credo senza alti e bassi. Molto solida dall’inizio alla fine. Ho provato tutto quello che potevo oggi, ma non era abbastanza.

Puoi dirci cosa è successo giusto alla fine dal tuo punto di vista? Il tuo box ti stava dicendo di chiedere il challenge?
La chiamata dentro di quella palla era al 50 e 50. Ho deciso di chiedere il challenge. Non proprio una buona scelta.

Lei ha iniziato molto bene. Come pensi di essere rientrata nel match?
Sì, lei ha iniziato molto veloce. Io ero ancora un po’ troppo lenta all’inizio. Poi c’è stato un momento cruciale sull’1-3 nel secondo set. Ero al servizio. Lei ha fatto un paio di errori. Ho approfittato delle mie occasioni nel secondo set. Per questo è andato molto veloce alla fine il secondo set. Il terzo, lo avete visto, era molto combattuto. Io ho avuto l’opportunità soprattutto all’inizio del set. Ma lei era molto solida nei momenti importanti e molto buona al servizio.

 

I punti di svolta nel secondo e nel terzo set: più una questione di dubbi mentali o scelte tattiche di gioco?
Ogni punto è cruciale in questo tipo di incontri. Era molto combattuto. Non c’erano punti facili in questo tipo di incontro. È difficile dire se era mentale o nervoso o, chi sa, solo fortuna qualche volta. Ogni incontro è differente. Ogni punto è differente. Ma io avvertivo che nei momenti cruciali lei serviva molto bene. Questo non mi dava l’occasione di breakkarla.

Che differenza c’è secondo te tra il gioco di Garbiñe rispetto a Serena o Sharapova relativamente alla pesantezza di palla che ti arriva. Eri sorpresa di come lei gestisse i momenti in cui era sotto pressione?
Abbiamo giocato un paio di volte. Avevo idea di cosa aspettarmi. Credo per esempio che Madison colpisca molto più forte di Garbiñe. Quello che credo Muguruza stia facendo è essere solida da ambo i lati. Anche se usa molta forza, ha anche una buona direzione, è un mix. Questo fa di lei una gran brava giocatrice. Credo che la vedremo molto spesso nelle seconde settimane dei tornei del Grande Slam, di sicuro.

Nonostante tu abbia perso, non pensi ci sia da essere soddisfatti perché hai raggiunto forse le semifinali del migliore torneo del Grande Slam di questa stagione?
Certo, sono felice di queste settimane sull’erba. Sono state molto intense. Sono contenta del mio gioco. Certo, è sempre spiacevole quando perdi, soprattutto un match serrato. Ma comunque due buone settimane.

Tatticamente puoi spiegare un po’ quale era il tuo piano di gioco per l’incontro? Anche circa il secondo set, tatticamente avevi iniziato a cambiare un po’ le cose, tenerle la palla un po’ più bassa. Puoi darci idea di quanto volessi giocare quest’incontro?
Talvolta giochi come il tuo avversario ti fa giocare. Penso che quando abbiamo iniziato, ero troppo in difesa nel primo set. Ma poi trovi sempre altri modi per stare nel match, per cambiare le cose. Ma la tattica per questi match è molto semplice: non giocare al centro, concentrarsi sul servizio, mettere dentro il maggior numero di prime. Questo è quello che cercavo di fare. Lei era semplicemente troppo in palla oggi.

Lei ha detto che era nervosa nel secondo set. Lo eri anche tu? Tu hai disputato tante partite a questo livello, ma è passato un po’ di tempo.
Ad essere sincera, no. Certo ho disputato partite del genere in passato, per cui sapevo cosa aspettarmi. In confronto alle altre semifinali e finali qui, non ero affatto nervosa.

Puoi chiarire sul challenge a fine match, hai sentito un urlo che ti diceva di chiedere il challenge o è stata una tua decisione?
Penso che l’ho fatto perché sono io quella che decide se chiedere challenge o meno. Nessuno può farlo al posto mio.

Dopo il tuo inizio di stagione, questo è per te ovviamente un grande risultato. Cosa pensi di questo risultato guardando avanti. Pensi che possa essere uno spartiacque della stagione?
Certo, sono state delle buone settimane. Molto meglio dell’inizio di stagione, di sicuro. Mi consente di risalire nel ranking. Penso a Singapore, questo è l’obiettivo per tutte. C’è un altro slam e qualche altro torneo importante. Vedremo. Tutto può succedere.

Quando sei uscita dalla top ten quest’anno, hai inviato un tweet ironico, del tipo, ce l’ho fatta, sono fuori dalla top ten. Adesso che ci sei rientrata, come ti senti al riguardo?
É sempre una cosa importante essere nella top ten. Alcuni pensano che sia una tragedia essere 12, 13 o qualcosa meno. Credo lo pensino le persone che non fanno mai sport. Ci sono un sacco di esperti che criticano, pensando che loro sanno tutto. Ma io ero numero 13. Non proprio un problema. Sai, se giochi, giochi il tuo miglior tennis, non è proprio un problema. Certo, quando giochi meglio, il tuo ranking è migliore. Ma penso che la cosa importante è se finisci nella top ten a fine anno.

Tu e Martina Navratilova vi siete separate quest’anno. Mi sembra di capire che lei ti ha aiutato un po’ qui in queste due settimane.
Sì, siamo negli stessi spogliatoi, per cui parliamo negli spogliatoi. Ci siamo separate alcune settimane fa, ma ciò non significa che non parliamo, evitandoci. Lei c’è sempre per me. Io posso sempre fare affidamento su di lei.

Pensi che Garbiñe possa vincere il titolo?
Buona domanda. Non so chi vincerà l’altra semifinale. Immagino Serena. Non penso che possa battere Serena in finale. Non credo che Serena glielo consentirà, non in questo torneo (sorride). Ma le auguro buona fortuna. Sarà difficile. Se ce la dovesse fare, grande stima per lei.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Giancarlo Antognoni, un campione del mondo che ama più il tennis del padel [VIDEO]

Lo storico n.10 viola va in controtendenza rispetto a tanti ex calciatori, Maldini, Totti, Albertini, Costacurta, Barzagli pazzi per il padel

Pubblicato

il

Giancarlo Antognoni alla presentazione dell'Unicredit Firenze Open 2022

Dopo il sindaco di Firenze Nardella, il direttore Ubaldo Scanagatta ha intervistato anche l’ex calciatore della Fiorentina Giancarlo Antognoni, il quale ha parlato della sua passione per il tennis e delle similitudini tra questo sport e il calcio. Infine non poteva mancare un commento sulla squadra viola.

LEGGI ANCHE ATP Firenze: US Polo Assn. fa il suo ingresso nel mondo del tennis [VIDEO]

0:20 – “In questo momento gioco sicuramente meglio a tennis che a padel. Preferisco giocare a tennis che a padel, è come giocare a calcio nel campo normale o a calcetto nel campo più piccolo, le similitudini sono uguali”

 

EDITORIALE ATP Firenze: Berrettini, Musetti e Sonego ci sono, Sinner purtroppo no

1:00 – “Berrettini e Sinner sono tutti e due bravissimi sia a livello internazionale che nazionale. Musetti anche l’ho visto giocare ed è molto forte; ci sono tanti ragazzi interessanti e dimostrazione che la federazione ha investito e ha buoni coach”

2:30 – “Il tennis è uno sport abbastanza vicino al calcio anche se si gioca da soli a volte, però anche quando giochi in una squadra di calcio pensa molto a sé stesso, per sé stesso. E quindi il tennis bene o male, visto che giochi da solo, è più di testa che di abilità e quindi si assomigliano molto”

4:00 – “Penso che sia difficile che Batistuta possa entrare in Fiorentina visto che c’ero stato un anno fa io. Quindi non credo che la proprietà sia molto propensa a prendere Batistuta, ma se dovesse venire sarei molto contento per lui. Per quanto riguarda la mia posizione sulla Fiorentina, quest’anno sicuramente qualcosa di sbagliato è stato fatto e oggi ne paghi le conseguenze. L’allenatore secondo me è bravo, propositivo – l’anno scorso ha fatto benissimo – quest’anno si ritrova una squadra sempre competitiva però non riesce ad ottenere i risultati che si è prefissa. Se non si fa gol in questo gioco è difficile vincere le partite”

Continua a leggere

ATP

ATP Firenze: US Polo Assn. fa il suo ingresso nel mondo del tennis [VIDEO]

Lorenzo Nencini, A.D. di Incom spa, azienda licenziataria del brand US Polo Assn., spiega i motivi della scelta. “Siamo accomunati dal fair play che contraddistingue le partite di polo e il gioco del tennis”

Pubblicato

il

EDITORIALE ATP Firenze: Berrettini, Musetti e Sonego ci sono, Sinner purtroppo no

LEGGI ANCHE Il sindaco Dario Nardella: “Sono pronto a fare da guida turistica a Berrettini e agli altri tennisti per far loro scoprire Firenze” [VIDEO]

 

0:50 – “Il tennis e US Polo Assn. sono accomunati da tante cose, ma su tutte il fair play che contraddistingue le partite di polo e allo stesso tempo il gioco del tennis. Io sono un appassionato, amatoriale tennista, ed è un motivo in più per portare il brand nel mondo del tennis, che oggi grazie a tutti questi campioni italiani gode di grandissima visibilità in Italia e non solo. Quindi siamo molto contenti di accostare il nostro brand a questo sport e alla città di Firenze”

2:00 – “Il brand è globale; abbiamo la licenza del brand US Polo Assn. per l’abbigliamento per l’Europa, e la sede dell’azienda è in Toscana a Montecatini, un motivo in più che ci entusiasma. Giochiamo in casa. Siamo uno sponsor tecnico e vestiamo tutto lo staff e l’organizzazione dell’evento

3:00 – “Sponsorizzare altro tennis? Perché no! Speriamo innanzitutto che il torneo a Firenze non sia una tantum ma che sia una prima di una lunga serie”

Continua a leggere

ATP

Il sindaco Dario Nardella: “Sono pronto a fare da guida turistica a Berrettini e agli altri tennisti per far loro scoprire Firenze” [VIDEO]

A Berrettini tifoso Viola, il sindaco consegnerà le chiavi della città

Pubblicato

il

Dario Nardella, sindaco Firenze. 2022

Il direttore Ubaldo Scanagatta intervista Nardella alla presentazione dell’UniCredit Firenze Open

0:30 – “Abbiamo condiviso tanti progetti e traguardi e ora sono contento di questo traguardo. A darmi più soddisfazione è il fatto che Firenze riprenda la sua grande storia col tennis – qui infatti è nata la Federazione Italiana -, il fatto che possiamo mostrare l’utilità di un nuovo impianto, il Pala Wanny”

 

1:20 – “Siamo riusciti a portare a casa un evento ATP 250 che per il livello dei partecipanti sembra un 500 in pochissimi mesi, dimostrando che se si crede in qualcosa e si lavora la si ottiene in pochissimi mesi”

2:00 – “Credo che Firenze possa mantenere questo tornei per gli anni prossimi. Questo tornei Open dimostra di cosa siamo capaci, ad essere credibili. e con questa credibilità possiamo trovare sponsorizzazioni private trovando il supporto della Federazione e del Governo”

3:20 – “Vorremmo fare qualcosa di speciale per coinvolgere i giocatori con la città. Abbinare la bellezza di Firenze unica al mondo con il fascino di questo sport che sta rinascendo. Ci inventeremo qualcosa che possa fare il giro del mondo. Intanto a Berrettini consegneremo le chiavi della città lunedì sera”

Il direttore Scanagatta ha chiesto al sindaco di Firenze cosa intende fare per far conoscere la città d’arte ai tennisti. E a Paolo Lorenzi direttore del torneo, le condizioni di Jannik Sinner… ma la risposta non c’e’ stata.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement