Open del Canada maschile: il passato, il presente e il futuro

Statistiche

Open del Canada maschile: il passato, il presente e il futuro

Nel giorno della finale andiamo a riscoprire i numeri dei vincitori del prestigioso appuntamento canadese della stagione tennistica. E’ Ivan Lendl il super campione all’ombra della foglia d’acero. Djokovic cerca il quarto titolo, Murray il terzo

Pubblicato

il

canada M finals

Il Canadian Open, uno dei tornei più antichi e longevi della storia del tennis (nato nel 1881, nello stesso lustro di Wimbledon e US Open) ha visto disputarsi, dal 1969 in avanti – prima edizione aperta anche ai professionisti – 46 finali, di cui solo una non completata, nel 1980, con Ivan Lendl che ha approfittato del ritiro di Bjorn Borg sul 6-4 4-5 in favore dello svedese.

Il torneo, che dal 1981 alterna annualmente le sedi tra Montréal e Toronto (negli anni dispari gli uomini giocano nella prima città e le donne nella seconda, mentre negli anni pari accade il contrario) ha avuto, nella propria storia Open, 40 atti conclusivi disputati al meglio dei due set su tre, con sei casi di match sulla lunga distanza, fra il 1969 e il 1976.

 

Analizzando i match due su tre, per 22 volte (55% del totale) le finali si sono concluse in due parziali, nei restanti 17 in tre. Dei match al meglio dei cinque sets, in quattro casi (66,67%) gli incontri si sono conclusi in “straight sets”, mentre nei restanti due il perdente ha conquistato un parziale, in entrambi i casi il secondo.

Da segnalare anche come la superficie non è sempre stata la stessa: prima della scelta definitiva, nel ’79, di adottare campi hard in entrambe le sedi, dal ’69 al ’78, quindi per i primi dieci anni Open, i tornei sono stati disputati su terra battuta, har tru (la terra verde americana) e cemento.

canada M winners

I vincitori delle 46 edizioni aperte ai professionisti dell’Open del Canada hanno poi portato a casa, nella medesima stagione, almeno uno fra i quattro Slam e il Master/ATP Finals in 22 casi (47,83% del totale): i giocatori che più volte sono riusciti in questa impresa sono Ivan Lendl e Andre Agassi, entrambi abili a replicarsi per tre volte (1981, ’87 e ’89 per quanto riguarda il ceco, ’92, ’94 e ’95 per il “Kid” di Las Vegas).

L’evento che presenta maggiori correlazioni con il Canadian Open, fra quelli sopracitati, risulta essere lo US Open, bis accaduto in 12 occasioni (26,09%): il giocatore che ha realizzato il maggior numero di queste doppiette è Roger Federer, il quale è riuscito a compierne due, nel 2004 e nel 2006.

Quelli che ne presentano di meno, invece, sono l’Australian Open e il Roland Garros, double avvenuto con il torneo canadese, per entrambi i Major, cinque volte (10,87%): per lo Slam australiano, il tennista che detiene il primato di accoppiate è Novak Djokovic, con due (2011 e 2012), mentre per quello parigino il record è di Rafael Nadal, con tre (2005, ’08 e ’13).

Sono state realizzate, complessivamente, 11 fra “triplette”, “poker” e “pokerissimi”, ossia abbinare il Canadian Open con almeno due o più eventi fra i 4 Major e/o il Master/ATP Finals.

Il trittico verificatosi maggiormente (ossia il torneo canadese più almeno due fra Slam/Finals) è Canadian Open+USO+Master/ATP Finals, avvenuto in 5 occasioni: Federer è stato in grado di ripetersi in due occasioni (2004 e 2006), mentre Ilie Nastase (1972), John McEnroe (1984) e Ivan Lendl (1987) vi sono riusciti una volta ciascuno.

Per quanto concerne i “poker”, quello accaduto con più frequenza risulta essere Wim+Canadian Open+USO+ATP Finals, con sempre Roger Federer a primeggiare grazie alle imprese compiute nei due anni appena citati; Bjorn Borg nel 1979 (RG+Wim+Canadian Open+Master), John McEnroe nel 1984 (Wim+Canadian Open+USO+Master) e Ivan Lendl nel 1987 (RG+Canadian Open+USO+Master) e Novak Djokovic nel 2011 (AO+Wim+Canadian Open+USO) gli altri casi.

Una sola volta è stato realizzato un pokerissimo, ossia Toronto/Montréal ed almeno quattro fra Slam/Finals: Roger Federer, nel 2006, è stato il primo e, finora, unico tennista a realizzarlo, portando a casa, in un’unica stagione, AO+Wim+Canadian Open+USO+ATP Finals.

Players 1 2 4 8 x T Points Media
Ivan Lendl 6 3 2 1 3 15 65 4,333
Andre Agassi 3 1 3 3 4 14 37 2,643
John Mcenroe 2 2 2 5 5 16 33 2,063
Roger Federer 2 3 1 1 4 11 31 2,818
Novak Djokovic 3 2 2 1 8 30 3,75
Rafael Nadal 3 2 1 3 9 29 3,222
Andy Murray 2 2 1 4 9 21 2,333
Andy Roddick 1 2 1 2 2 8 20 2,5
Guillermo Vilas 2 1 2 5 17 3,4
Manuel Orantes 1 2 1 2 6 17 2,833
Patrick Rafter 1 1 3 3 8 15 1,875
Bjorn Borg 1 1 2 1 5 14 2,8
Tom Okker 1 1 1 2 5 14 2,8
Vitas Gerulaitis 1 1 1 4 7 14 2
Ilie Nastase 1 1 1 3 12 4
Jimmy Connors 6 2 8 12 1,5
Jo-Wilfried Tsonga 1 2 1 4 12 3
Wayne Ferreira 1 2 8 11 12 1,091
John Newcombe 1 1 1 1 4 11 2,75
Michael Chang 1 1 1 6 9 11 1,222
Boris Becker 1 1 1 3 10 3,333
Richard Gasquet 2 2 5 9 10 1,111
Thomas Johansson 1 1 6 8 10 1,25
Kevin Curren 1 1 3 6 11 9 0,818
Marat Safin 1 1 6 8 9 1,125
Stefan Edberg 2 1 2 5 9 1,8
Yevgeny Kafelnikov 1 1 3 3 8 9 1,125
Andrei Chesnokov 1 1 8 8
Andrei Pavel 1 4 5 8 1,6
Chris Woodruff 1 4 5 8 1,6
Cliff Richey 1 1 2 8 4
Eddie Dibbs 1 3 4 8 2
Guillermo Canas 1 3 4 8 2
Jaime Fillol 1 2 5 8 8 1
Jeff Borowiak 1 5 6 8 1,333
Mikael Pernfors 1 1 8 8
Nicolas Kiefer 1 2 7 10 8 0,8
Pete Sampras 1 1 2 3 7 8 1,143
Rod Laver 1 3 4 8 2
Petr Korda 1 1 1 6 9 7 0,778
Todd Martin 1 1 1 7 10 7 0,7
David Nalbandian 1 2 6 9 6 0,667
Eliot Teltscher 1 2 2 5 6 1,2
Fabrice Santoro 1 4 5 10 6 0,6
Jay Berger 1 1 2 4 6 1,5
Milos Raonic 1 2 2 5 6 1,2
Wojtek Fibak 1 2 5 8 6 0,75
Anders Jarryd 1 1 3 5 5 1
Cliff Drysdale 2 1 1 4 5 1,25
Jim Courier 2 1 4 7 5 0,714
Mardy Fish 1 1 2 4 5 1,25
Phil Dent 2 1 4 7 5 0,714
Richard Krajicek 1 1 4 6 5 0,833
Roger Taylor 1 1 2 5 2,5
Thomas Enqvist 1 3 5 9 5 0,556
Tommy Haas 2 1 9 12 5 0,417
Andres Gimeno 2 1 3 4 1,333
Andrew Pattison 1 5 6 4 0,667
Butch Buchholz 1 1 4 4
Gustavo Kuerten 1 6 7 4 0,571
Harel Levy 1 1 2 4 2
Janko Tipsarevic 2 3 5 4 0,8
Jason Stoltenberg 1 7 8 4 0,5
Jiri Novak 2 6 8 4 0,5
Jose-Luis Clerc 1 1 4 4
Juan Gisbert 2 2 4 4 1
Juan Martin Del Potro 1 4 5 4 0,8
Malivai Washington 1 2 5 8 4 0,5
Todd Woodbridge 1 2 3 4 1,333
Brian Teacher 3 2 5 3 0,6
Feliciano Lopez 1 1 8 10 3 0,3
Ivan Molina 1 1 6 8 3 0,375
Jakob Hlasek 1 1 7 9 3 0,333
Jimmy Arias 1 1 5 7 3 0,429
John Alexander 1 1 6 8 3 0,375
Nikolay Davydenko 3 6 9 3 0,333
Paul Kronk 1 1 3 5 3 0,6
Richey Reneberg 1 1 8 10 3 0,3
Shlomo Glickstein 1 1 2 4 3 0,75
Tomas Berdych 3 7 10 3 0,3
Adriano Panatta 2 2 4 2 0,5
Bob Hewitt 2 2 4 2 0,5
Brian Fairlie 1 3 4 2 0,5
Brian Gottfried 1 1 2 2 1
Chris Lewis 1 2 3 2 0,667
Christo Steyn 1 1 2 2 1
Fernando Gonzalez 1 7 8 2 0,25
Gilles Simon 1 7 8 2 0,25
Greg Rusedski 1 8 9 2 0,222
Grigor Dimitrov 1 1 2 2 1
John Isner 1 4 5 2 0,4
Jonathan Canter 1 3 4 2 0,5
Ken Rosewall 1 1 2 2 1
Marcelo Lara 2 1 3 2 0,667
Marcelo Rios 1 2 3 2 0,667
Mark Philippoussis 2 3 5 2 0,4
Mark Woodforde 1 5 6 2 0,333
Marty Riessen 2 2 4 2 0,5
Mats Wilander 1 2 3 2 0,667
Michael Belkin 1 4 5 2 0,4
Paolo Bertolucci 2 2 4 2 0,5
Patrick Proisy 1 5 6 2 0,333
Paul-Henri Mathieu 1 6 7 2 0,286
Peter Fleming 2 5 7 2 0,286
Radek Stepanek 1 10 11 2 0,182
Rainer Schuettler 1 4 5 2 0,4
Ramesh Krishnan 2 7 9 2 0,222
Sandy Mayer 1 1 2 2 1
Steve Denton 2 2 4 2 0,5
Tim Henman 1 10 11 2 0,182
Tim Mayotte 2 8 10 2 0,2
Vasek Pospisil 1 3 4 2 0,5
Vijay Amritraj 1 6 7 2 0,286
Wally Masur 1 7 8 2 0,25
Aaron Krickstein 1 4 5 1 0,2
Alex Antonitsch 1 2 3 1 0,333
Alex O’Brien 1 5 6 1 0,167
Alexander Volkov 1 3 4 1 0,25
Amos Mansdorf 1 6 7 1 0,143
Andrew Sznajder 1 8 9 1 0,111
Arnaud Clement 1 9 10 1 0,1
Arthur Ashe 1 1 2 1 0,5
Balazs Taroczy 1 1 1 1
Bohdan Ulihrach 1 2 3 1 0,333
Brett Steven 1 3 4 1 0,25
Bud Schultz 1 1 1 1
Christopher Mottram 1 2 3 1 0,333
Colin Dibley 1 2 3 1 0,333
Daniel Vacek 1 4 5 1 0,2
David Ferrer 1 8 9 1 0,111
Derrick Rostagno 1 5 6 1 0,167
Dick Crealy 1 4 5 1 0,2
Dominik Hrbaty 1 5 6 1 0,167
Ernests Gulbis 1 5 6 1 0,167
Frank Dancevic 1 11 12 1 0,083
Fred Stolle 1 1 2 1 0,5
Gael Monfils 1 4 5 1 0,2
Gaston Gaudio 1 6 7 1 0,143
Gene Mayer 1 1 2 1 0,5
Grant Connell 1 8 9 1 0,111
Hans-Joachim Ploetz 1 1 1 1
Hans-Jurgen Pohmann 1 1 2 1 0,5
Harold Solomon 1 4 5 1 0,2
Heinz Gunthardt 1 5 6 1 0,167
Henri Leconte 1 2 3 1 0,333
Jairo Velasco 1 3 4 1 0,25
James Blake 1 4 5 1 0,2
Jan Hernych 1 2 3 1 0,333
Jarkko Nieminen 1 7 8 1 0,125
Jeremy Chardy 1 5 6 1 0,167
Jerome Golmard 1 2 3 1 0,333
Jim Grabb 1 4 5 1 0,2
Joachim Johansson 1 1 1 1
Johan Kriek 1 4 5 1 0,2
John Frawley 1 1 1 1
John Sadri 1 3 4 1 0,25
Jonas Bjorkman 1 11 12 1 0,083
Jose Acasuso 1 3 4 1 0,25
Juan Carlos Ferrero 1 9 10 1 0,1
Jurgen Melzer 1 7 8 1 0,125
Karol Beck 1 2 3 1 0,333
Karol Kucera 1 1 2 1 0,5
Kevin Anderson 1 4 5 1 0,2
Lester M Sack 1 1 1 1
Lleyton Hewitt 1 9 10 1 0,1
Lloyd Bourne 1 2 3 1 0,333
Marcel Freeman 1 2 3 1 0,333
Marcel Granollers 1 2 3 1 0,333
Mariano Puerta 1 1 2 1 0,5
Marin Cilic 1 5 6 1 0,167
Marinko Matosevic 1 1 1 1
Max Mirnyi 1 8 9 1 0,111
Michael Stich 1 1 2 1 0,5
Nicolas Almagro 1 4 5 1 0,2
Nicolas Pereira 1 1 2 1 0,5
Onny Parun 1 3 4 1 0,25
Pancho Gonzales 1 1 2 1 0,5
Pancho Guzman 1 1 2 1 0,5
Pat Cash 1 4 5 1 0,2
Peter Lundgren 1 4 5 1 0,2
Philipp Kohlschreiber 1 7 8 1 0,125
Pierre Barthes 1 1 2 1 0,5
Raul Ramirez 1 4 5 1 0,2
Ray Moore 1 4 5 1 0,2
Ricardo Cano 1 2 3 1 0,333
Robert Seguso 1 3 4 1 0,25
Scott Mccain 1 1 2 1 0,5
Sebastien Grosjean 1 7 8 1 0,125
Sergi Bruguera 1 1 2 1 0,5
Shuzo Matsuoka 1 1 1 1
Slobodan Zivojinovic 1 4 5 1 0,2
Stanislas Wawrinka 1 7 8 1 0,125
Todd Witsken 1 5 6 1 0,167
Tom Leonard 1 1 2 1 0,5
Trey Waltke 1 4 5 1 0,2
Victor Pecci 1 3 4 1 0,25
Xavier Malisse 1 7 8 1 0,125
Adrian Mannarino 1 1 0 0
Adrian Voinea 1 1 0 0
Agustin Calleri 2 2 0 0
Albert Chang 2 2 0 0
Albert Costa 3 3 0 0
Albert Montanes 1 1 0 0
Albert Portas 1 1 0 0
Alberto Berasategui 1 1 0 0
Alberto Martin 5 5 0 0
Alejandro Cortes 1 1 0 0
Alejandro Falla 6 6 0 0
Alex Bogomolov Jr. 5 5 0 0
Alex Calatrava 1 1 0 0
Alex Corretja 1 1 0 0
Alex Kim 1 1 0 0
Alex Olmedo 1 1 0 0
Alexander Kudryavtsev 1 1 0 0
Alexander Mronz 2 2 0 0
Alexandr Dolgopolov 4 4 0 0
Ali Madani 1 1 0 0
Allan Stone 1 1 0 0
Alvaro Betancur 3 3 0 0
Alvaro Fillol 3 3 0 0
Amir Weintraub 1 1 0 0
Anand Amritraj 3 3 0 0
Andre Cote 1 1 0 0
Andrea Gaudenzi 1 1 0 0
Andreas Seppi 5 5 0 0
Andreas Vinciguerra 2 2 0 0
Andrei Olhovskiy 1 1 0 0
Andres Gomez 1 1 0 0
Andrew Castle 1 1 0 0
Andrew Ilie 4 4 0 0
Andrey Golubev 3 3 0 0
Andy Andrews 1 1 0 0
Andy Kohlberg 3 3 0 0
Anthony Bardsley 6 6 0 0
Anthony Parun 1 1 0 0
Antonio Munoz 5 5 0 0
Antonio Zugarelli 2 2 0 0
Armando Cornejo 1 1 0 0
Arnaud Boetsch 4 4 0 0
Arnaud Di Pasquale 1 1 0 0
Arne Thoms 1 1 0 0
Arvind Parmar 1 1 0 0
Axel Pretzsch 1 1 0 0
Barry Phillips-Moore 4 4 0 0
Belus Prajoux 4 4 0 0
Ben Testerman 1 1 0 0
Benjamin Becker 1 1 0 0
Benoit Paire 2 2 0 0
Bernard Tomic 4 4 0 0
Bernd Karbacher 2 2 0 0
Bernie Mitton 2 2 0 0
Bill Bowrey 2 2 0 0
Bill McDonnell 1 1 0 0
Bill Monan 1 1 0 0
Bill Scanlon 5 5 0 0
Billy Martin 3 3 0 0
Birger Andersson 1 1 0 0
Bjorn Phau 1 1 0 0
Bob Bardsley 1 1 0 0
Bob Bryan 1 1 0 0
Bob Carmichael 2 2 0 0
Bob French 1 1 0 0
Bob Green 2 2 0 0
Bob Lutz 1 1 0 0
Bob Maud 1 1 0 0
Bob Rheinberger 1 1 0 0
Bobby Kokavec 4 4 0 0
Brad Drewett 5 5 0 0
Brad Gilbert 6 6 0 0
Brad Pearce 3 3 0 0
Brayden Schnur 1 1 0 0
Bret Garnett 1 1 0 0
Brian Flood 1 1 0 0
Brian Gyetko 1 1 0 0
Brian Macphie 1 1 0 0
Brian Millar 1 1 0 0
Broderick Dyke 3 3 0 0
Bruce Derlin 1 1 0 0
Bruce Kleege 1 1 0 0
Bruce Manson 3 3 0 0
Bruce Nichols 1 1 0 0
Bruno Agostinelli 1 1 0 0
Bryan Shelton 3 3 0 0
Butch Seewagen 2 2 0 0
Butch Walts 2 2 0 0
Byron Bertram 3 3 0 0
Byron Black 8 8 0 0
Carl Limberger 2 2 0 0
Carlos Berlocq 1 1 0 0
Carlos Costa 1 1 0 0
Carlos Kirmayr 3 3 0 0
Carlos Moya 8 8 0 0
Cassio Motta 2 2 0 0
Cecil Mamiit 4 4 0 0
Cedric Pioline 1 1 0 0
Charles Beckman 2 2 0 0
Charlie Owens 1 1 0 0
Charlie Pasarell 2 2 0 0
Chip Hooper 5 5 0 0
Chris Burr 3 3 0 0
Chris Dunk 1 1 0 0
Chris Garner 4 4 0 0
Chris Pridham 7 7 0 0
Chris Wilkinson 1 1 0 0
Christian Bergstrom 1 1 0 0
Christian Ruud 1 1 0 0
Christo Van Rensburg 1 1 0 0
Christophe Rochus 1 1 0 0
Christophe Roger-Vasselin 3 3 0 0
Chuck Adams 3 3 0 0
Cliff Letcher 2 2 0 0
Colin Dowdeswell 5 5 0 0
Corrado Barazzutti 3 3 0 0
Cristiano Caratti 4 4 0 0
Cyril Saulnier 5 5 0 0
Dale Power 7 7 0 0
Dan Cassidy 3 3 0 0
Dan Goldie 2 2 0 0
Danie Visser 3 3 0 0
Daniel Nestor 15 15 0 0
Daniele Bracciali 1 1 0 0
Danilo Marcelino 1 1 0 0
Darren Cahill 1 1 0 0
David Brown 4 4 0 0
David Carter 1 1 0 0
David Goffin 1 1 0 0
David Lloyd 1 1 0 0
David Macpherson 1 1 0 0
David Nainkin 1 1 0 0
David Pate 3 3 0 0
David Prinosil 1 1 0 0
David Rikl 1 1 0 0
David Sanchez-Munoz 1 1 0 0
David Schneider 3 3 0 0
David Wheaton 6 6 0 0
Davide Sanguinetti 3 3 0 0
Denis Gremelmayr 1 1 0 0
Denis Istomin 3 3 0 0
Denis Naegelen 1 1 0 0
Dennis Ralston 1 1 0 0
Deon Joubert 1 1 0 0
Derek Segal 4 4 0 0
Dick Dell 2 2 0 0
Dick Stockton 2 2 0 0
Diego Nargiso 1 1 0 0
Dmitry Tursunov 4 4 0 0
Dominic Thiem 1 1 0 0
Dominique Bedel 2 2 0 0
Donald Fontana 1 1 0 0
Donald Mccormick 4 4 0 0
Donald Young 3 3 0 0
Doug Crawford 1 1 0 0
Doug Flach 3 3 0 0
Doug Tough 1 1 0 0
Douglas Palm 1 1 0 0
Dudi Sela 1 1 0 0
Eddie Edwards 1 1 0 0
Edouard Roger-Vasselin 1 1 0 0
Eduardo Schwank 1 1 0 0
Eduardo Velez 1 1 0 0
Emilio Benfele-Alvarez 1 1 0 0
Emilio Montano 1 1 0 0
Eric Deblicker 2 2 0 0
Eric Fromm 1 1 0 0
Eric Winogradsky 1 1 0 0
Erick Iskersky 1 1 0 0
Erik Chvojka 1 1 0 0
Erik Van Dillen 3 3 0 0
Eyal Ran 1 1 0 0
Fabio Fognini 6 6 0 0
Federico Del Bonis 1 1 0 0
Felix Mantilla 1 1 0 0
Felix Ponte 1 1 0 0
Ferdi Taygan 1 1 0 0
Fernando Roese 1 1 0 0
Fernando Verdasco 7 7 0 0
Fernando Vicente 4 4 0 0
Filip De Wulf 1 1 0 0
Filip Peliwo 1 1 0 0
Flavio Cipolla 2 2 0 0
Florent Serra 3 3 0 0
Florian Mayer 3 3 0 0
Francisco Clavet 2 2 0 0
Francisco Gonzalez 1 1 0 0
Francisco Maciel 2 2 0 0
Francisco Montana 1 1 0 0
Franco Squillari 2 2 0 0
Francois Jauffret 3 3 0 0
Francois Synnaeghal 1 1 0 0
Frank Froehling 1 1 0 0
Frank Gebert 1 1 0 0
Frank Robbins 2 2 0 0
Frank Sedgman 1 1 0 0
Frank Tutvin 1 1 0 0
Frantisek Pala 3 3 0 0
Fred Mcnair 2 2 0 0
Freddie Sauer 1 1 0 0
Frederic Niemeyer 12 12 0 0
Frederik Fetterlein 1 1 0 0
Frew Mcmillan 3 3 0 0
Fritz Buehning 2 2 0 0
Gary Donnelly 1 1 0 0
Gary Muller 1 1 0 0
Gene Malin 1 1 0 0
Geoff Grant 1 1 0 0
Geoff Masters 4 4 0 0
George Andrews 1 1 0 0
George Hardie 2 2 0 0
Georges Goven 4 4 0 0
Gerald Battrick 3 3 0 0
Gerry Perry 1 1 0 0
Gianluca Pozzi 7 7 0 0
Gianni Ocleppo 1 1 0 0
Gilad Bloom 3 3 0 0
Gilles Moretton 1 1 0 0
Glen Holroyd 2 2 0 0
Glenn Layendecker 2 2 0 0
Glenn Michibata 11 11 0 0
Goran Ivanisevic 6 6 0 0
Graham Stilwell 3 3 0 0
Grant Stafford 4 4 0 0
Greg Failla 1 1 0 0
Greg Halder 3 3 0 0
Greg Holmes 4 4 0 0
Grega Zemlja 1 1 0 0
Gregory Carraz 3 3 0 0
Grover Raz Reid 1 1 0 0
Guillaume Raoux 5 5 0 0
Guillermo Aubone 1 1 0 0
Guillermo Coria 3 3 0 0
Guillermo Garcia-Lopez 2 2 0 0
Guillermo Perez-Roldan 1 1 0 0
Guy Forget 5 5 0 0
Hank Pfister 4 4 0 0
Hans Gildemeister 2 2 0 0
Hans Kary 5 5 0 0
Hans Schwaier 1 1 0 0
Hans Simonsson 2 2 0 0
Harald Elschenbroich 1 1 0 0
Haroon Ismail 1 1 0 0
Haroon Rahim 2 2 0 0
Harry Fritz 3 3 0 0
Hatem Mcdadi 2 2 0 0
Hector Gonzalez 1 1 0 0
Henrik Holm 4 4 0 0
Henrik Sundstrom 1 1 0 0
Henry Fauquier 2 2 0 0
Hernan Gumy 1 1 0 0
Hicham Arazi 3 3 0 0
Howard Schoenfield 2 2 0 0
Hugo Nunez 1 1 0 0
Humphrey Hose 2 2 0 0
Hyung-Taik Lee 6 6 0 0
Ian Aler 1 1 0 0
Ian Fletcher 3 3 0 0
Igor Andreev 4 4 0 0
Igor Kunitsyn 1 1 0 0
Illya Marchenko 1 1 0 0
Ion Tiriac 1 1 0 0
Irakli Labadze 1 1 0 0
Ismail El Shafei 6 6 0 0
Ivan Dodig 3 3 0 0
Ivan Ljubicic 7 7 0 0
Ivo Karlovic 6 6 0 0
Jack Sock 1 1 0 0
Jaime Pinto-Bravo 3 3 0 0
Jaime Yzaga 3 3 0 0
James Boyce 4 4 0 0
James Sekulov 1 1 0 0
Jamie Delgado 1 1 0 0
Jamie Morgan 3 3 0 0
Jan Boruszewski 1 1 0 0
Jan Kodes 6 6 0 0
Jan Kroslak 1 1 0 0
Jan Kukal 1 1 0 0
Jan Norback 2 2 0 0
Jan Siemerink 3 3 0 0
Jan-Michael Gambill 4 4 0 0
Jared Palmer 2 2 0 0
Jaromir Becka 1 1 0 0
Javier Sanchez 1 1 0 0
Javier Soler 1 1 0 0
Jay Lapidus 2 2 0 0
Jean-Baptiste Chanfreau 2 2 0 0
Jean-Francois Caujolle 1 1 0 0
Jean-Loup Rouyer 1 1 0 0
Jean-Philippe Fleurian 4 4 0 0
Jean-Pierre Courcol 1 1 0 0
Jeff Robbins 1 1 0 0
Jeff Salzenstein 1 1 0 0
Jeff Simpson 1 1 0 0
Jeff Tarango 9 9 0 0
Jeremy Bates 5 5 0 0
Jeremy Cohen 1 1 0 0
Jerome Potier 1 1 0 0
Jerome Vanier 1 1 0 0
Jerzy Janowicz 2 2 0 0
Jesse Levine 3 3 0 0
Jim Bentley 1 1 0 0
Jim Delaney 2 2 0 0
Jim Gurfein 2 2 0 0
Jim Mcmanus 3 3 0 0
Jim Osborne 1 1 0 0
Jim Pugh 2 2 0 0
Jimmy Brown 3 3 0 0
Jiri Hrebec 3 3 0 0
Joakim Nystrom 2 2 0 0
Joao Soares 1 1 0 0
Joao Sousa 1 1 0 0
Joaquin Loyo-Mayo 2 2 0 0
Jocelyn Robichaud 3 3 0 0
Joe Osadca 1 1 0 0
Joern Renzenbrink 1 1 0 0
Joey Blake 1 1 0 0
Joey Rive 3 3 0 0
Johan Carlsson 2 2 0 0
John Andrews 1 1 0 0
John Austin 3 3 0 0
John Cooper 1 1 0 0
John Feaver 1 1 0 0
John Fitzgerald 6 6 0 0
John Fort 2 2 0 0
John Geoffrey Paish 1 1 0 0
John James 1 1 0 0
John Lloyd 6 6 0 0
John Marks 1 1 0 0
John Mccurdy 1 1 0 0
John Mcmanus 1 1 0 0
John Picken 3 3 0 0
John Ross 2 2 0 0
John Sharpe 3 3 0 0
John Swann 1 1 0 0
John Whitlinger 1 1 0 0
Jonathan Stark 4 4 0 0
Jordi Burillo 2 2 0 0
Jorge Andrew 1 1 0 0
Jorge Lozano 1 1 0 0
Jose Higueras 3 3 0 0
Jose Lopez-Maeso 2 2 0 0
Josef Brabenec 1 1 0 0
Jose-Luis Damiani 1 1 0 0
Juan Avendano 1 1 0 0
Juan Ignacio Chela 9 9 0 0
Juan Monaco 2 2 0 0
Juan-Carlos Ayala 1 1 0 0
Julien Benneteau 9 9 0 0
Julien Boutter 1 1 0 0
Jun Kamiwazumi 4 4 0 0
Jun Kuki 4 4 0 0
Jurgen Fassbender 1 1 0 0
Jurgen Zopp 1 1 0 0
Justin Gimelstob 2 2 0 0
Karim Alami 1 1 0 0
Karl Meiler 3 3 0 0
Karsten Braasch 2 2 0 0
Kei Nishikori 2 2 0 0
Keith Carpenter 4 4 0 0
Keith Evans 1 1 0 0
Kelly Evernden 4 4 0 0
Kelly Jones 4 4 0 0
Ken Binns 3 3 0 0
Ken Flach 2 2 0 0
Kenneth Carlsen 4 4 0 0
Kenneth Mcmillan 1 1 0 0
Kenny Thorne 1 1 0 0
Kevin Kim 2 2 0 0
Kevin Ullyett 1 1 0 0
Kim Warwick 2 2 0 0
Kjell Johansson 2 2 0 0
Kristian Pless 1 1 0 0
Kristof Vliegen 1 1 0 0
Laird Dunlop 1 1 0 0
Larry Scott 1 1 0 0
Larry Stefanki 2 2 0 0
Laurence Tieleman 2 2 0 0
Leander Paes 2 2 0 0
Leif Shiras 5 5 0 0
Leo Palin 2 2 0 0
Leonardo Lavalle 2 2 0 0
Leonardo Mayer 2 2 0 0
Libor Nemecek 1 1 0 0
Lionel Roux 3 3 0 0
Luis Horna 2 2 0 0
Luis-Enrique Herrera 2 2 0 0
Luiz Mattar 2 2 0 0
Lukas Dlouhy 1 1 0 0
Lukas Lacko 1 1 0 0
Lukas Rosol 1 1 0 0
Magnus Gustafsson 1 1 0 0
Magnus Larsson 1 1 0 0
Magnus Norman 3 3 0 0
Malek Jaziri 1 1 0 0
Marc Flur 1 1 0 0
Marc Rosset 4 4 0 0
Marc-Kevin Goellner 1 1 0 0
Marcos Baghdatis 6 6 0 0
Marcos Hocevar 1 1 0 0
Marcos Ondruska 2 2 0 0
Mariano Zabaleta 4 4 0 0
Mario Ancic 4 4 0 0
Mark Cox 4 4 0 0
Mark Dickson 2 2 0 0
Mark Edmondson 7 7 0 0
Mark Greenan 1 1 0 0
Mark Kaplan 1 1 0 0
Mark Knowles 3 3 0 0
Mark Kratzmann 1 1 0 0
Marko Ostoja 1 1 0 0
Markus Zoecke 1 1 0 0
Martin Damm 8 8 0 0
Martin Klizan 1 1 0 0
Martin Laurendeau 5 5 0 0
Martin Lee 1 1 0 0
Martin Robinson 1 1 0 0
Martin Verkerk 1 1 0 0
Martin Wostenholme 11 11 0 0
Marty Davis 4 4 0 0
Mashiska Washington 1 1 0 0
Matt Anger 2 2 0 0
Matt Doyle 2 2 0 0
Matt Mitchell 1 1 0 0
Matthew Ebden 1 1 0 0
Mauricio Hadad 4 4 0 0
Michael Berrer 2 2 0 0
Michael Grant 2 2 0 0
Michael Joyce 1 1 0 0
Michael Kures 1 1 0 0
Michael Llodra 8 8 0 0
Michael Robertson 1 1 0 0
Michael Russell 6 6 0 0
Michael Sprengelmeyer 1 1 0 0
Michael Tebbutt 3 3 0 0
Michael Westphal 1 1 0 0
Michael Yani 1 1 0 0
Michel Kratochvil 2 2 0 0
Michiel Schapers 1 1 0 0
Mikael Stadling 1 1 0 0
Mikael Tillstrom 1 1 0 0
Mike Bauer 1 1 0 0
Mike Cahill 3 3 0 0
Mike De Palmer 1 1 0 0
Mike Estep 3 3 0 0
Mike Leach 3 3 0 0
Mikhail Kukushkin 1 1 0 0
Mikhail Youzhny 12 12 0 0
Milan Holecek 1 1 0 0
Milan Srejber 3 3 0 0
Miles Walker 1 1 0 0
Miloslav Lacek 1 1 0 0
Miloslav Mecir 1 1 0 0
Mischa Zverev 1 1 0 0
Nduka Odizor 3 3 0 0
Ned Caswell 1 1 0 0
Neil Borwick 1 1 0 0
Nelson Aerts 1 1 0 0
Neville Godwin 3 3 0 0
Nial Brash 1 1 0 0
Nick Kyrgios 1 1 0 0
Nick Saviano 2 2 0 0
Nicklas Kulti 1 1 0 0
Niclas Kroon 1 1 0 0
Nicolas Escude 4 4 0 0
Nicolas Lapentti 5 5 0 0
Nicolas Mahut 4 4 0 0
Nicolas Massu 4 4 0 0
Nigel O’Rourke 1 1 0 0
Niki Pilic 2 2 0 0
Nikki Spear 3 3 0 0
Noam Behr 1 1 0 0
Noam Okun 1 1 0 0
Norman Holmes 3 3 0 0
Olivier Delaitre 3 3 0 0
Olivier Rochus 1 1 0 0
Ove Bengtson 2 2 0 0
Owen Davidson 2 2 0 0
Pablo Andujar 3 3 0 0
Pablo Arraya 1 1 0 0
Paradorn Srichaphan 7 7 0 0
Pat Cramer 3 3 0 0
Pat Du Pre 3 3 0 0
Patrice Dominguez 4 4 0 0
Patricio Cornejo 6 6 0 0
Patricio Rodriguez 1 1 0 0
Patrick Baur 1 1 0 0
Patrick Mcenroe 6 6 0 0
Patrik Kuhnen 2 2 0 0
Paul Annacone 2 2 0 0
Paul Chamberlin 1 1 0 0
Paul Gerken 2 2 0 0
Paul Goldstein 1 1 0 0
Paul Haarhuis 1 1 0 0
Paul Mcnamee 2 2 0 0
Paul Wekesa 2 2 0 0
Pavel Slozil 2 2 0 0
Per Hjertquist 2 2 0 0
Peter Burwash 3 3 0 0
Peter Carter 1 1 0 0
Peter Doohan 1 1 0 0
Peter Feigl 1 1 0 0
Peter Mcnamara 1 1 0 0
Peter Pearson 1 1 0 0
Peter Polansky 8 8 0 0
Peter Rennert 1 1 0 0
Peter Tramacchi 1 1 0 0
Philip Bester 3 3 0 0
Philip Gubenco 1 1 0 0
Philipp Petzschner 3 3 0 0
Philippe Pech 1 1 0 0
Pier Gauthier 1 1 0 0
Pierre Lamarche 3 3 0 0
Pierre-Ludovic Duclos 1 1 0 0
Raemon Sluiter 1 1 0 0
Rajeev Ram 1 1 0 0
Ramiro Gonzalo Benavides Saravia 3 3 0 0
Ramon Delgado 3 3 0 0
Randy Crawford 1 1 0 0
Raul Viver 1 1 0 0
Ray Keldie 1 1 0 0
Ray Ruffels 1 1 0 0
Rejean Genois 7 7 0 0
Renzo Furlan 1 1 0 0
Ricardo Acuna 2 2 0 0
Ricardo Mello 1 1 0 0
Richard Fromberg 1 1 0 0
Richard Lewis 1 1 0 0
Richard Matuszewski 2 2 0 0
Richard Schmidt 1 1 0 0
Rick Fagel 3 3 0 0
Rick Fisher 1 1 0 0
Rick Meyer 1 1 0 0
Rick Meyers 1 1 0 0
Robbie Weiss 2 2 0 0
Robby Ginepri 5 5 0 0
Robert Bedard 1 1 0 0
Robert Bettauer 3 3 0 0
Robert Janecek 1 1 0 0
Robert Kendrick 1 1 0 0
Robert Kreiss 1 1 0 0
Robert Mckinley 1 1 0 0
Robert Puddicombe 1 1 0 0
Robert Steckley 1 1 0 0
Robert Van’T Hof 3 3 0 0
Roberto Bautista-Agut 1 1 0 0
Roberto Chavez 1 1 0 0
Roberto Lombardi 1 1 0 0
Roberto Saad 1 1 0 0
Robin Drysdale 1 1 0 0
Robin Haase 1 1 0 0
Robin Soderling 6 6 0 0
Rodney Harmon 1 1 0 0
Roger Dowdeswell 1 1 0 0
Roger Smith 2 2 0 0
Roland Stadler 1 1 0 0
Rolf Gehring 1 1 0 0
Rolf Norberg 1 1 0 0
Ron Holmberg 3 3 0 0
Ronald Agenor 3 3 0 0
Roscoe Tanner 2 2 0 0
Ross Case 4 4 0 0
Roy Barth 1 1 0 0
Roy Emerson 2 2 0 0
Roy Sprengelmeyer 1 1 0 0
Rudy Hernando 1 1 0 0
Russell Simpson 4 4 0 0
Sam Querrey 4 4 0 0
Sammy Giammalva 7 7 0 0
Sandon Stolle 3 3 0 0
Santiago Giraldo 2 2 0 0
Sargis Sargsian 5 5 0 0
Sashi Menon 1 1 0 0
Scott Davis 6 6 0 0
Scott Draper 5 5 0 0
Sebastien Lareau 12 12 0 0
Sebastien Leblanc 3 3 0 0
Sergiy Stakhovsky 3 3 0 0
Shahar Perkiss 1 1 0 0
Shelby Cannon 1 1 0 0
Sherwood Stewart 4 4 0 0
Simon Larose 6 6 0 0
Simon Youl 5 5 0 0
Simone Bolelli 1 1 0 0
Sjeng Schalken 6 6 0 0
Slava Dosedel 2 2 0 0
Somdev Devvarman 1 1 0 0
Stan Smith 2 2 0 0
Stanislav Birner 2 2 0 0
Stefan Koubek 2 2 0 0
Stefan Simonsson 4 4 0 0
Stefano Pescosolido 2 2 0 0
Stephane Bonneau 7 7 0 0
Stephane Simian 1 1 0 0
Stephen Herdoiza 1 1 0 0
Steve Bryan 2 2 0 0
Steve Campbell 2 2 0 0
Steve Docherty 2 2 0 0
Steve Faulk 2 2 0 0
Steve Krulevitz 3 3 0 0
Steve Meister 2 2 0 0
Steve Rogul 1 1 0 0
Steven Cornell 1 1 0 0
Steven Turner 1 1 0 0
Sulieman Ladipo 1 1 0 0
Syd Ball 1 1 0 0
Tarik Benhabiles 1 1 0 0
Taylor Dent 2 2 0 0
Tenny Svensson 1 1 0 0
Terry Moor 1 1 0 0
Terry Ryan 1 1 0 0
Teymuraz Gabashvili 1 1 0 0
Thanasi Kokkinakis 1 1 0 0
Thiemo De Bakker 1 1 0 0
Thierry Champion 1 1 0 0
Thierry Tulasne 1 1 0 0
Thomas Hogstedt 5 5 0 0
Thomas Muster 2 2 0 0
Thomaz Bellucci 4 4 0 0
Tim Gullikson 3 3 0 0
Tim Noonan 1 1 0 0
Tim Smyczek 1 1 0 0
Tim Wilkison 9 9 0 0
Tobias Kamke 2 2 0 0
Todd Lundy 1 1 0 0
Todd Nelson 4 4 0 0
Todd Reid 1 1 0 0
Tom Cain 1 1 0 0
Tom Gullikson 4 4 0 0
Tomas Carbonell 1 1 0 0
Tomas Koch 1 1 0 0
Tomas Smid 5 5 0 0
Tommy Ho 2 2 0 0
Tommy Robredo 10 10 0 0
Tony Giammalva 1 1 0 0
Tony Graham 1 1 0 0
Tony Mmoh 1 1 0 0
Tony Pospisil 1 1 0 0
Torben Ulrich 3 3 0 0
Toshiro Sakai 1 1 0 0
Tuomas Ketola 1 1 0 0
Udo Riglewski 1 1 0 0
Ulf Stenlund 1 1 0 0
Van Winitsky 3 3 0 0
Vic Rollins 1 1 0 0
Victor Amaya 2 2 0 0
Victor Hanescu 2 2 0 0
Viktor Troicki 4 4 0 0
Vince Spadea 7 7 0 0
Vincent Van Patten 2 2 0 0
Vincenzo Santopadre 1 1 0 0
Vladimir Zednik 1 1 0 0
Wade Mcguire 1 1 0 0
Wanaro N’Godrella 2 2 0 0
Warren Jacques 1 1 0 0
Wayne Arthurs 1 1 0 0
Wayne Black 5 5 0 0
Wayne Odesnik 2 2 0 0
Werner Zirngibl 1 1 0 0
Willem Prinsloo 1 1 0 0
William Brown 3 3 0 0
William Cowan 4 4 0 0
William Harris 1 1 0 0
William Higgins 2 2 0 0
William Lloyd 1 1 0 0
William Lofgren 1 1 0 0
William Maze 1 1 0 0
Yahiya Doumbia 2 2 0 0
Yannick Noah 5 5 0 0
Yen-Hsun Lu 6 6 0 0
Younes El Aynaoui 3 3 0 0
Zan Guerry 2 2 0 0
Zeljko Franulovic 4 4 0 0
Zoltan Kuharszky 1 1 0 0

 

Nella tabella seguente sono riportati il numero delle edizioni giocate in Canada ed i piazzamenti conseguiti da ciascun giocatore nelle varie edizioni del torneo. Abbiamo stabilito di assegnare ad ogni tennista 8 punti per ogni torneo conquistato, 4 punti per ciascuna finale perduta, 2 punti per ogni semifinale raggiunta ed un punto per ciascun quarto di finale giocato. Per le eliminazioni subite nei turni che precedono i quarti di finali abbiamo assegnato un punteggio pari a zero.

In termini assoluti (valori riportati nella seconda colonna a partire da destra) e cioè sommando semplicemente i punteggi assegnati come sopra, vediamo trionfare Lendl, che totalizza 65 punti, grazie a 6 finali vinte e numerosi piazzamenti. Dopo di lui, troviamo ben distanziato Agassi a quota 37 ed a seguire McEnroe a 33 , Federer, Djokovic e Nadal.

I dati più significativi però si evincono dalla media punti (vedere prima colonna a partire da destra), ottenuta in questo modo : per ogni giocatore si divide il numero punti conquistati per il numero di edizioni disputate, ottenendo una cifra che è tanto più elevata quante più volte il soggetto ha raggiunto le fasi finali del torneo.

Lendl, con 6 trionfi su 15 edizioni disputate, ha una media pari a 4,33. Seguono, (ci riferiamo solo a coloro che hanno disputato un buon numero di edizioni) Djokovic, con 3,75 (3 trofei in 8 edizioni) e Vilas con 3,4.

canada M sets_games

Sono in sei a non avere perso neppure un set in tutto il torneo, ma Lendl è l’unico ad esserci riuscito in 2 edizioni (1987 e 1988)! In quanto a percentuale di games vinti, si posiziona al primo posto Orantes, con il 71,17% ottenuto nell’edizione del 1975; troviamo poi McEnroe, con il 70,93% (anno 1985)

Safin, nel 2000, vinse il torneo pur perdendo 4 dei 10 set giocati e aggiudicandosi 79 games su 138.

canada M younger_old

Michael Chang – il più giovane vincitore di Slam a Roland Garros 1989 – è anche il più giovane trionfatore nell’ Open del Canada 18 anni e mezzo. Anche Boris Becker e Rafael Nadal sono riusciti ad imporsi prima dei vent’anni.

Sul fronte opposto la palma di vincitore più anziano spetta invece a Rod Laver   – a 32 anni – nel 1970.
Nella storia open del torneo solo in due occasioni la vittoria è spettata ad un over 30: oltre al già citato Rod, l’impresa è riuscita solo a Mikael Pernfors nel 1993.

Guido Tirone

Continua a leggere
Commenti

Statistiche

Numeri: Djokovic ‘vede’ il record di Federer. Solo l’Italia ha tre under 20 tra i primi 400

A Parigi nessuno ‘difende’ punti, ma il serbo avrà più chance di Thiem e Nadal di guadagnarne di nuovi. Gli mancano 24 settimane per superare Federer. Occhio a Ruud sul rosso

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Internazionali d'Italia 2020 (foto Giampiero Sposito)

12 – le partite vinte sulla terra battuta da Christian Ruud nel 2020. Il figlio di Christian Ruud – ex 39 ATP capace di arrivare in finale a Baastad nel 1995 e sconfiggere Corretja all’Australian Open e Kafelnikov a Montecarlo – si era fatto conoscere al grande pubblico già tre anni fa. Nel 2017, a diciotto anni compiuti da nemmeno due mesi aveva raggiunto la semifinale all’ATP 500 di Rio De Janeiro, un risultato che gli era servito da volano per fargli sfiorare la top 100. Allontanatosi nuovamente da quel range di classifica nella prima parte del 2018 – quando perdeva da 205 del mondo a Francavilla la finale contro Quinzi – quell’anno a Baastad sconfiggeva per la prima volta un top 50, Ferrer, e arrivava sino ai quarti. Casper chiudeva la stagione ancora in prossimità dei primi 100, per poi entrarvi definitivamente nel 2019, quando raggiungeva la prima finale della carriera nel circuito maggiore, a Houston.

Nel 2020 l’evoluzione è continuata: quest’anno è sinora primo per partite vinte sul rosso davanti a Garin, che ne ha vinte 10. Oltre alla semifinale conquistata la scorsa settimana al Foro Italico, le altre gli hanno portato in dote il primo titolo a Buenos Aires e la finale raggiunta a Santiago del Cile. Risultati che avevano consentito al norvegese il precedente best ranking al 34 ATP (questa settimana è 30, con la certezza di essere testa di serie al Roland Garros), grazie ai 400 punti messi complessivamente in cascina sette mesi fa. Tuttavia, nel corso della trasferta sudamericana di febbraio la consistenza dei miglioramenti del 21enne norvegese era avvolta nel dubbio dovuto al mediocre livello degli avversari affrontati (appena due erano top 50).

Perplessità fugate a Roma, dove Casper ha battuto Khachanov (primo successo della carriera sulla terra rossa contro un top 20) e Berrettini, prima vittoria in assoluto contro un top ten. La semifinale contro Djokovic, nonostante la sconfitta in due set, nelle oltre due ore di partita è stata la prova del nove del valore elevatissimo del tennis sul rosso di Ruud. Restano invece i dubbi sul valore del norvegese fuori dalla terra battuta: solo tre dei dieci quarti di finale raggiunti in carriera sono arrivati fuori dal rosso e, sulle altre superfici, non ha ancora raggiunto alcuna semifinale. Il futuro è dalla sua parte, anche perché solo Auger-Aliassime, Shapovalov e De Minaur, tra chi gli è avanti in classifica, sono più giovani di lui.

 

14 – i tennisti a non aver ancora compiuto vent’anni presenti questa settimana nella top 400 ATP, la fascia di classifica che indicativamente consente di entrare in alcuni casi nei tabelloni principali e quasi sempre in quelli delle qualificazioni dei tornei Challenger. Quando un tennista è intorno ai primi 400 al mondo, ha vinto qualche buona partita in cadetteria ed è professionista a tutti gli effetti (sebbene oltre i primi 100, ancora esista l’annoso problema delle mancate soddisfazioni economiche): l’ingresso nel circuito maggiore non è così lontano e si è consci di potersela giocare, nella singola partita, alla pari con molti giocatori. Il tennis è uno degli sport più praticati al mondo ed è un grande merito per questi ragazzi, nonché una buona indicazione per il loro futuro in questa attività, esserci arrivati in fretta. 

Se Jannik Sinner è l’unico, a 19 anni e un mese, a essere tra i primi 100 e aver vinto match in tornei Major (13 in totale nel circuito maggiore, di cui due addirittura contro top 10, il secondo dei quali contro Tsitsipas la scorsa settimana a Roma), la speranza concreta di diventare tennisti di alto livello ha basi solide anche per altri. A partire da Carlos Alcaraz, 186 ATP che a 17 anni e quattro mesi è tra i primi 200, ha già vinto una partita a livello ATP (lo scorso febbraio a Rio, sconfiggendo Ramos), conquistato un torneo Challenger (a Trieste) e fatto finale in un altro (Cordenons). Anche lo statunitense Brandon Nakashima – 199 ATP di 13 giorni più grande di Sinner, ha vinto tre partite nel circuito maggiore – e il tedesco Rudolf Molleker – che fa vent’anni il prossimo 26 ottobre, sin qui capace di vincere quattro partite nel circuito maggiore, di sconfiggere un top 50 e vincere un Challenger – sono tra i primi 200, fascia di classifica nella quale da questa settimana è presente un altro nostro rappresentante, Lorenzo Musetti. Il toscano è salito al 181 ATP con un balzo di 68 posizioni per quanto fatto al Foro Italico, dove è stato capace, da qualificato, di sconfiggere due ex top 5 come Wawrinka e Nishikori.

Lorenzo Musetti – Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Più indietro troviamo gli altri under 20, a partire dal mancino francese Hugo Gaston, 236 ATP, che il prossimo sabato esce da questa categoria di età compiendo 20 anni: ex numero 2 juniores, è stato sinora incapace di acuti importanti, anche a livello challenger (dove sinora ha raggiunto una sola semifinale, a Bergamo lo scorso febbraio). Al 252 ATP c’è il ceco Tomas Machac (altro tennista che uscirà da questa categoria prestissimo, il prossimo 13 ottobre), vincitore del challenger di Koblenz sette mesi fa, ma anche lui senza partite vinte a livello ATP. Al 286 ATP c’è il cinese di Taipei Chun Hsin Tseng, vincitore di Roland Garros e Wimbledon juniores nel 2018: nato come Sinner e Nakashima nell’agosto del 2001, ha vinto nel luglio 2019 il Challenger di Praga (in Italia si è fatto conoscere sette mesi fa a Bergamo, perdendo in semi solo al tie-break del terzo set). 

Ancora tra i primi 300 e nemmeno diciottenne troviamo poi il britannnico Jack Draper, 290 ATP, finalista a Wimbledon junior due anni fa, ma al momento incapace di superare i quarti in un challenger. Il secondo statunitense di questo elenco è Jenson Brooksby, 292 ATP, anche lui prossimo a compiere 20 anni (è nato esattamente lo stesso giorno di Molleker) e sin qui famoso per aver sconfitto allo US Open 2019 un Berdych prossimo al ritiro, ma pur sempre ancora top 100. Proseguendo ancora troviamo poi il terzo italiano, il classe 2001 Giulio Zeppieri, che a Roma ha mostrato i suoi miglioramenti battendo nelle quali il primo top 200, Dellien, e il primo top 100, Norrie, per poi cedere al terzo set nel turno decisivo all’amico Musetti e interrompere un cammino che gli ha fruttato un salto in avanti di 25 posizioni, sino al 320 ATP. Tra gli under 20, seguono due argentini: Juan Manuel Cerundolo, 346 ATP, ancora diciottenne ma capace lo scorso novembre di cogliere la prima semifinale a livello challenger e Sebastian Baez, 360 ATP ed ex numero 3 juniores sinora impostosi solo a livello ITF. Chiude l’elenco il romeno Filip Cristian Jianu, 383 ATP, questa settimana al suo giovane best career ranking (qualche giorno fa ha compiuto 19 anni), ma con una classifica costruita al momento quasi esclusivamente sui tornei futures.

Questa ricerca parte da una imprescindibile premessa: va presa con le molle. Tanti tennisti maturano dopo i vent’anni (abbiamo in casa il brillante esempio di Matteo Berrettini), altri si dedicano sino all’ultimo momento possibile alla carriera juniores, alcuni sono infortunati e hanno perso la classifica, altri ancora hanno preferito per il momento provare a migliorarsi in allenamento e aspettare per cimentarsi con continuità nel circuito. Tuttavia è certamente di buon auspicio per il nostro tennis l’indicazione derivante dall’analisi della classifica ATP: per il movimento italiano essere l’unico paese con tre giocatori under 20 tra i primi 400 può far guardare con molta fiducia ai prossimi 10-15 anni.

19 – i set giocati in otto giorni da Dominik Koepfer agli Internazionali d’Italia. Solo per qualificarsi -nel corso dei tre incontri di qualificazione tutti vinti nel parziale decisivo contro Cobolli, Simon e Kujhuskin- il 26enne mancino tedesco era stato in campo una manciata di minuti sotto alle sette ore e mezza. Arrivato a Roma pressoché sconosciuto al grande pubblico -s inora la sua classifica l’aveva costruita grazie agli ottavi raggiunti allo US Open nello scorso anno, sconfitto solo al tie-break del quarto set dal futuro finalista Medevedev – la scorsa settimana ha raggiunto i primi quarti di finale della carriera, non solo a livello Masters 1000, ma di circuito maggiore. Koepfer c’è riuscito non solo sconfiggendo nettamente Musetti in ottavi, ma grazie alla seconda vittoria della carriera contro un top 30 (su De Minaur al tie-break del terzo dopo aver annullato un match point) e alla prima su un top 10 (Monfils al secondo turno, superato facilmente).

Ancora fuori dai 300 ATP ad inizio 2018, il tedesco che al massimo era stato 83 del mondo, nei quarti si è tolto la grande soddisfazione di tenere in campo per più di due ore il numero 1 al mondo e strappargli anche un set, unico ad esserci riuscito nel torneo. Difficile stabilire il suo preciso valore, ma sicuramente non va dimenticato che seppur sia un classe ’94, la sua carriera professionistica è molto giovane. Dominik ha deciso di diventare tennista molto tardi, dividendosi tra golf e sci sino ai 16 anni. Ha poi intrapreso la carriera dei college negli USA, dove si è laureato in finanza all’universita di Tulane (divenendo nel frattempo numero 1 universitario). La svolta è però arrivata a fine 2018, quando ha scelto come coach Rhyne Williams, ex pro statunitense (best ranking 113 ATP) che gli ha dato disciplina fisica e lo ha convinto della bontà dei suoi mezzi. Dopo aver vinto il primo Challenger sull’erba di Ilkey, l’anno scorso Koepfer si è qualificato a Wimbledon e poi, come detto, per lo US Open. Dopo quell’exploit, prima di Roma aveva però vinto una sola partita nel circuito maggiore: solo le prossime settimane ci diranno qualcosa in più su quale sia il suo reale livello.

24 – le settimane che separano Novak Djokovic dal conquistare il record assoluto del maggior numero di settimane al numero 1 del mondo. Qualora da oggi in poi il serbo non perdesse più la cima della classifica l’8 marzo 2021 dovrebbe superare in tal senso Roger Federer, fermo a 310 settimane in un primato sicuramente meno simbolico e universalmente riconosciuto rispetto agli Slam vinti ma probabilmente, dal punto di vista tecnico, di importanza paragonabile. Gli appassionati ricordano facilmente i trionfi negli Slam dei grandi campioni e, contando il loro numero, possono paragonarli – pur tra mille distinguo – non solo a quelli dei migliori tennisti degli ultimi cinquanta anni, ma anche ai campioni di un passato più lontano (la classifica ufficiale, redatta da un computer, è nata solo nel 1973). Tuttavia contare le settimane nelle quali un tennista ha fatto meglio di tutti i colleghi è un altro criterio molto importante per valutare l’impatto dominante di un campione. In ogni caso, riuscirà il serbo a superare le 310 settimane di Federer sulla cima della classifica? E se sì, ce la farà già tra poco meno di sei mesi?

Roger Federer e Novak Djokovic – ATP Parigi-Bercy 2018 (foto via Twitter, @RolexPMasters)

Difficile dirlo: di sicuro c’è che questa settimana Djokovic ha 1410 punti di vantaggio su Nadal e 2145 su Thiem, gli unici due che hanno concrete chance di superarlo entro metà marzo prossimo. Per quella data si giocheranno – di significativo per la classifica – due Slam, le ATP Finals, un Masters 1000, l’ATP Cup e un paio di ATP 500 nel mese di febbraio. Un totale potenziale di oltre 6000 punti che lascia tutto in sospeso, anche se, ad eccezione del Roland Garros in partenza la prossima settimana, il resto della programmazione si giocherà in condizioni – indoor e cemento all’aperto – che sembrano favorire il serbo rispetto ai suoi due rivali. Sino all’8 marzo, Nole difende 4085 punti (quelli dei titoli a Bercy, ATP Cup, Australian Open e Dubai, della semifinale al Roland Garros e della partita vinta nel girone delle ATP Finals) ma i 1720 conquistati a Parigi (Bercy e RG) sono ‘protetti’ dalla riforma del ranking fino al 31 dicembre. Sono 515 in più dei 3870 difesi nello stesso lasso tempo da Nadal (ben 2360 dei quali protetti come quelli di Nole) e 730 in più dei 3355 che scadono nei prossimi mesi a Thiem (1290 li conserverà almeno per altri tre mesi). 

Come detto, le previsioni sono difficili: tuttavia sembra probabile che il serbo riuscirà già a marzo a centrare questo prestigiosissimo record, per una serie di ragioni. Nole ha un bel vantaggio in classifica e due occasioni importanti per aumentarlo. Nadal e Thiem non perderanno punti al Roland Garros, quantomeno fino al 31 dicembre, ma solo l’austriaco può guadagnarne vincendo il torneo: a Nole ‘basta’ la finale per aggiungerne 480. Il serbo arriva a Parigi reduce dalla quinta vittoria negli ultimi dieci anni nella capitale italiana, un titolo che ha confermato la capacità del serbo di essere pronto a recitare da grande protagonista sul rosso anche in questo 2020. Ma è soprattutto alle ATP Finals, dove ha vinto cinque volte e l’anno scorso ha fallito, che Djokovic può giocarsi una carta molto importante. Senza contare che, come detto, Nole giocherà quasi sempre in condizioni di gioco in cui si trova tecnicamente molto bene, sicuramente più di quanto si sentano a loro agio Thiem e Nadal (in particolar modo nello indoor). Di sicuro, tra due settimane si avrà un quadro della situazione un minimo più chiaro: non resta che aspettare le sentenze del Roland Garros.

1462 – i punti che separano Simona Halep dalla vetta della classifica WTA, attualmente detenuta da Ashleigh Barty, al numero 1 da poco più di un anno. Un distacco consistente, ma colmabile per la rumena con una vittoria al Roland Garros (l’anno scorso si fermò ai quarti, sconfitta da Anisimova). Quello parigino è un torneo dove Simona ha vinto due anni fa e raggiunto due finali e, soprattutto, si gioca sulla sua superficie preferita (sul rosso Halep ha vinto nove dei ventuno trofei conquistati in carriera e giocato nove delle sedici finali perse). Vincendo a Parigi Simona guadagnerebbe 1570 punti in più rispetto ai 430 che attualmente porta in dote dallo Slam parigino, salendo al primo posto e assicurandosi così la chiusura della stagione in vetta alla classifica per la terza volta negli ultimi quattro anni.

Comunque vada a finire questo 2020 segnato dalla pandemia rimarrà una stagione positiva per la rumena, che dal 2014 chiude l’anno nella top 5. Halep, infatti, dopo la sconfitta in semifinale all’Australian Open contro Muguruza, ha vinto quattordici partite di fila (di cui tre contro top 20 e una contro una top 10, sebbene infortunata e costretta al ritiro, Pliskova, contro la quale Simona era in vantaggio nei precedenti, ma aveva perso tre degli ultimi quattro confronti diretti). Una serie aperta di vittorie che le ha consentito di incamerare i titoli a Dubai, Praga e, per la prima volta, Roma. Agli Internazionali d’Italia, in nove partecipazioni nel tabellone principale, rispetto alle sue potenzialità sinora non aveva avuto mai molta fortuna: due finali nel 2017 e 2018 (sempre perse contro Svitolina) e due semi (nel 2013 e nel 2015), ma questa volta si è rifatta soffrendo davvero solo con Muguruza, contro la quale ha vinto solo al terzo dopo più di due ore di partita, e approfittando di un pizzico di fortuna consistita nei ritiri di Putintseva (quarti) e appunto Pliskova in finale.

Continua a leggere

Flash

US Open, tutti i numeri e le curiosità dei primi turni

Sapete chi è la più giovane singolarista in gara? Quanti vincitori Slam ci sono nel secondo turno? Chi ha scagliato il servizio più veloce? Leggete qui

Pubblicato

il

Passati i primi due giorni di torneo, possiamo tirare le somme del primo round dello US Open 2020. Con l’aiuto dei dati ufficiali pubblicati dal torneo, eccovi una carrellata di tutte le curiosità e dei numeri più interessanti emersi nel day 1 e nel day 2 dello Slam newyorchese.

7 – il numero di rimonte da due set a zero sotto dei primi turni (Garin, Coria, Ruud, Norrie, Cilic, Murray e Khachanov).

10le rimonte da 0-2 nella carriera di Andy Murray, quattro allo US Open (Melzer nel 2008, Haase nel 2011, Mannarino nel 2015 e Nishioka nel 2020). Non ne collezionava una da Parigi 2016. Andy è primo nella classifica delle rimonte alla pari con Federer, Boris Becker e Aaron Krickstein.

28-0 – il record di Nole Djokovic nei primi due turni dello US Open. Vincendo contro Edmund potrebbe arrivare a 29. Sia lui, che Nadal, Federer e Murray non hanno mai perso al primo turno allo US Open.

225 – la velocità del servizio di Matteo Berrettini in chilometri orari, per il momento il più veloce del torneo. Tra le donne sono da battere i 200 di Serena Williams.

11 – il numero di campioni e campionesse Slam che hanno raggiunto il secondo turno: Serena, Azarenka, Kenin, Stephens, Kerber, Kvitova, Osaka, Muguruza, Murray, Cilic e Djokovic.

73 – il numero di Slam giocati consecutivamente da Feliciano Lopez (record). La primatista tra le donne in attività è Alizé Cornet (54).

16 – le tenniste americane al secondo turno, il numero più alto dal 1995. Dieci sono invece, gli uomini (dal 2012 non se ne vedevano così tanti).

6 – le mamme che hanno raggiunto il secondo turno: Serena, Azarenka, Bondarenko, Tig, Govortsova e Pironkova, tornata a vincere una partita dopo oltre tre anni

(se non visualizzi il post Instagram, CLICCA QUI)

8 – le wild card ancora in gara: Scott, Bellis e Vickery tra le donne, Mmoh, Krueger, Cressy, Nakashima e Wolf tra gli uomini.

102 – le vittorie di Serena Williams allo US Open. Con il successo su Ahn ha staccato Chris Evert, ferma al secondo posto con 101.

22 – le apparizioni nel tabellone principale a Flushing Meadows di Venus Williams. Prima di perdere contro Muchova martedì sera, non era mai uscita all’esordio (21 volte su 21 al secondo turno).

637 – il ranking della giocatrice più giovane nel secondo turno dei tabelloni di singolare, la wildcard Katrina Scott (16 anni).

Continua a leggere

Focus

Numeri da numero uno: contro i Fab Four è tutto più difficile

Dal 2015 a oggi, di fronte a Djokovic, Nadal, Murray e Federer, qualsiasi situazione di punteggio è risultata più svantaggiosa rispetto a quanto è accaduto contro avversari”normali”

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Wimbledon 2019 (foto via Twitter, @Wimbledon)

Quanto è complicato battere un numero uno del mondo (chiunque egli sia)? Prova a spiegarcelo – almeno con i numeri – Infosys, che gestisce il servizio statistico dell’ATP. Il periodo preso in esame nello studio di Craig O’Shannessy parte dal primo gennaio 2015, cinque anni che hanno visto alternarsi in vetta al ranking i Fab Four, con una netta prevalenza di Djokovic nel conteggio delle settimane (155) davanti a Nadal (68), Murray (41) e Federer (8). Il “resto del circuito”, termine di confronto, è rappresentato dai giocatori che da gennaio 2015 a marzo 2020 – quando sono state congelate le classifiche – sono scesi in campo almeno 50 volte nel tour. I dati riguardano le sfide tra questi giocatori e i quattro big, disputate nel momento in cui Djokovic, Nadal, Murray e Federer comandavano il ranking.

Lo sviluppo delle situazioni di punteggio ci racconta che, contro un numero uno del mondo, in meno della metà dei casi (45% di media, 43% se parliamo di Nadal) si riesce a difendere il servizio da 15-30. Contro tutti gli altri, il break viene invece evitato 58 volte su 100. Spostandoci dall’altra parte del campo: strappare il servizio a uno dei fenomeni da 15-30 è meno probabile dell’11% rispetto al farlo contro chiunque altro. La differenza si evidenzia anche nel primo punto del game: da 0-15, contro un numero uno, la rimonta è avvenuta solo nel 52% dei casi, addirittura nel 45,1% quando al comando c’era Andy Murray.

L’incrocio dei dati sullo scozzese produce uno scenario ancor più netto: nelle sue 41 settimane in vetta alla classifica, da 0-15, su campi veloci, solo 22 volte su 53 l’avversario “normale” ha difeso il turno di battuta (41.5%). La tendenza è riscontrabile: vincere il primo punto sul servizio di chiunque apre una buona strada verso il break (38%), ma le cose cambiano se hai di fronte uno dei quattro Fab (25%) e ancor di più, nello specifico, contro Djokovic (23%). Da 15-30, invece, chi ha recuperato più volte è Federer (contro lo svizzero il break avversario si concretizza solo nel 27.8% dei casi, dato che sale al 34% contro gli altri numero uno e al 45% contro il resto del circuito).

 

La tabella aiuta a ricostruire tutte le combinazioni.

2015-2020: % contro il N. 1 / % contro il “resto del tour”

Situazione di punteggiovs. Resto del Tourvs. ATP N. 1
Tenere il servizio da 15/3058%45%
Tenere il servizio da 0/1565%52%
Tenere il servizio da 30/3075%66%
Tenere il servizio da 40/3091%84%
Tenere il servizio da 0/3043%31%
Break da 0/1538%25%
Break da 15/3045%34%
Break da 30/3027%20%
Break da 40/3011%7%
Break da 0/3059%39%
Breaking after being broken20%14%

La tendenza che i big data vogliono sottolineare è che, alla resa dei conti, le classifiche non mentono. Due esempi. O’Shannessy – specialista di questo genere di lavori – di recente aveva evidenziato come da 0-30 solo 18 giocatori, nel 2018, fossero riusciti a mantenere il servizio in più della metà dei casi. Di questi ben otto erano top 10 del momento.

Tra i Fab 3 (qui Murray non è considerato) il servizio di Nadal (48.7%) è risultato quello meno adatto a togliere le castagne dal fuoco a partire dal doppio svantaggio (52.5% Federer, 53.9% Djokovic). Diversi gli equilibri in parità: nel 2019, è stato evidenziato come sul 30-30 proprio Federer e Nadal siano stati i più costanti nel mantenere il servizio, seguiti al terzo posto della speciale classifica da Matteo Berrettini. A proposito del maiorchino: se nello specifico non è forse quello più in grado di aggrapparsi al servizio quando è spalle al muro, risulta fuori discussione la sua capacità di uscire vincente dai momenti di pressione (indice derivante dalla media tra le percentuali di palle break convertite, palle break salvate, tie-break vinti, e set decisivi – terzi o quinti a seconda del format – portati a casa). In questa particolare classifica ha primeggiato nel 2019 davanti a Federer e Thiem. Con una serie di argomentazioni tecniche e statistiche che comunque non possono prescindere da una straordinaria forza mentale.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement