US Open interviste, V. Williams: "A nessuno piace fare il guastafeste"

Interviste

US Open interviste, V. Williams: “A nessuno piace fare il guastafeste”

US Open interviste, ottavi di finale, V. Williams b. A. Kontaveit 6-2 6-1. L’intervista del dopo partita a Venus Williams in originale

Pubblicato

il

Venus Williams - US Open 2015
 

Q. If you were not here will you be watching your sister’s match?
VENUS WILLIAMS: Yeah, definitely. But also after the match you have to cooldown and do different things. Have to still respect the process as well.
So it’s a balance between both.

Q. What is the most challenging thing emotionally and what is the most challenging thing in terms of tennis when you’re facing Serena in a match?
VENUS WILLIAMS: Well, obviously that she’s so good. What else can you do except try to win the point and hope she doesn’t hit an ace.

Q. Emotionally what are the challenges? Obviously none of us have ever experienced anything like what you do. How would you best describe…
VENUS WILLIAMS: Yeah, I mean, we’re both prepared obviously hoping she gets through this match. She’s looking good. We both know the draw so we are both prepared to play each other in case we both play well.
It doesn’t always happen, but sometimes it does. Then we go. We go.

 

Q. Do you have fun when you play against her?
VENUS WILLIAMS: Tennis is fun, so any day that I’m out doing what I love, and I think she feels the same, then that’s the day that you feel blessed.

Q. Which is the more powerful feeling looking potentially to a match with her? The irony of meeting her at that stage here, or the sort of joy and wonder of the fact that you’re meeting her again here after so many years?
VENUS WILLIAMS: I don’t know about the joy and wonder, per se, but it’s still all focus. You still have to prepare. Still have to play well.
Even though you’re playing your sister you have to be prepared and focus. The preparation doesn’t change.

Q. We know what will be at stake for her. (Indiscernible.)
VENUS WILLIAMS: Well, obviously getting to a Grand Slam semifinal is the next step toward the final. Pretty clear what’s up for grabs here.

Q. A lot of other players were asked, How does it feel to be the spoiler of the Grand Slam, trying to derail Serena?
VENUS WILLIAMS: Would they feel bad?

Q. Most of them said they would feel fine with it. Just wondering how you would feel.
VENUS WILLIAMS: I don’t think anyone wants to be a spoiler. I think people love to see history being made. I think. No one is out to be a spoiler, but at the same time, you’re focused on winning your match even though the circumstances are really much different than you.

Q. On court when she makes a great crosscourt forehand or good volley or something, an ace, do you ever get a little frustrated with her?
VENUS WILLIAMS: Because I play a lot of opponents who just play out of their head, that’s kind of a usual day for me. There’s no easy days.
At least you expect that from Serena. She’s not playing at a level that’s abnormal, it’s just her level.

Q. How do you account for the level of your play this week?
VENUS WILLIAMS: Been great. I’m happy. Whenever it’s a win, doesn’t matter what the level is because you have a chance to improve.
So today definitely was my highest level; the last round was pretty high, too. I think my opponent today was very good. She took a lot of risk. She has power, determination.
I think just the experience helped me to be able to keep the scoreline a lot easier. I think she’s not used to those kind of balls coming back or coming back at the pace or facing a serve at that pace or the constant focus, so those are probably new things for her.
But if she continues to play then she will experience that more and it will be more commonplace.

Q. Can you recall your first match versus Serena? I remember reading in the newspapers a lot of speculation saying, Oh, father Richard is saying that today Venus should win or today Serena should win. Of course you always say it wasn’t true, but what your father was saying to you before your matches against your sister, and what would he say today when you have to play Serena in such an important match for her especially and for you also?
VENUS WILLIAMS: Yeah. He wouldn’t say anything. Just stay relaxed and have fun. Especially when we play each other, he doesn’t even come to those matches.

Q. Didn’t come but he was talking to you.
VENUS WILLIAMS: No. No. No, at that point it’s both of your daughters, so whoever wins is a win anyway for you. I think that’s how my parents feel.

Q. So much focus on Serena, but do you think you can win the US Open this year?
VENUS WILLIAMS: Of course. I’d love to. But it’s easier said than done.

Q. What would it feel like to win this?
VENUS WILLIAMS: Yeah. (Smiling.) It feels so good. But, you know, that’s not the thing that you focus on. You focus on the moment of whatever round that is.
Next round is the quarterfinals. That’s my focus, and not really to win.

Q. You’re getting a lot of questions on your legacy and impact, especially this year. How does it make you feel? Do you feel lucky to get them or what?
VENUS WILLIAMS: I don’t know. A question is a question for me. I don’t take anything personal. Unless it’s a crazy question. Then we’re going to go toe to toe.
But it’s all good as long as long as it’s respectful.

Q. You said a few minutes ago that it’s fun even when you’re playing Serena. What has the opportunity to play against Serena as many times as you have had that opportunity on the biggest of stages, what has that meant to both of you, you in particular, and what do you think it’s meant to the sport?
VENUS WILLIAMS: Well, I like to think it’s helped the sport to grow because it’s been such an unusual circumstance and so intriguing for everyone.
I don’t remember the other part of the question.

Q. What has it meant to you?
VENUS WILLIAMS: What’s it meant to me? I don’t know. I feel like that’s what we always wanted growing up, just to be out there on the big stage duking it out when someone named Williams will win. That’s a given on that one.

Q. You talk about the informal matches that you and Serena had growing up. Do you remember the first time she beat you?
VENUS WILLIAMS: No, in (indiscernible) she didn’t. That was a giant, though. It was always so tall and she was really small at the time. So it wasn’t a fair match, really.

Q. You and Serena have so many offcourt ventures in the business world and philanthropy. Is there comfort whenever you decide to walk away from the game you have all these opportunities lined up for you the second you leave?
VENUS WILLIAMS: Absolutely, absolutely, because there’s a big part of me that wants to be able not to move away from tennis but to explore other things in life and to transition and to find new challenges.
Of course I will always be involved with tennis, but it’s a certain challenge when you try something new. I love that.

Q. An English writer wrote a line about siblings know every little detail and every little nuance of the other sibling. Do you think you know everything there is about Serena? And if not, what do you think it might be?
VENUS WILLIAMS: I hope so. It might help me in the match, right? I don’t know what the score is, but theoretically, so…

Q. Have your other sisters said who they will root for if Serena makes the quarters?
VENUS WILLIAMS: No, that’s never come up. That’s never come up.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Volandri: “Simone si era infortunato ieri, avevo già deciso di puntare su Berrettini”

Berrettini: “Filippo mi ha chiesto di metterci il cuore e dare tutto quello che avevo”. Shapovalov: “Farò tutto il possibile per giocare la finale”

Pubblicato

il

Photo by Silvestre Szpylma / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

Primi a presentarsi in sala stampa sono i canadesi, capitanati da un Auger che si è guadagnato sul campo i galloni di leader, anche in virtù del fatto di aver salvato la baracca a settembre in quel di Valencia.

Frank, ovviamente un giorno di cui andare orgogliosi, cosa ci puoi dire?

[DANCEVIC]: Qualsiasi cosa può succedere in Davis, bisogna sempre combattere. È duro perdere il primo. Felix ci ha messo in parità nel doppio hanno giocato molto bene. Incredibile lo sforzo prodotto dal team. Ma domani c’è un altro match.

 

Felix, come ti senti? Qual è stato il momento più difficile?

[AUGER] Mi sento bene anche se ho giocato due partite, ma in Davis non c’è tempo di sentirsi stanchi. Nel doppio abbiamo subito due break ma poi siamo stati bravi a reagire e tornare in partita. In generale sono contento del “viaggio” che abbiamo fatto in questa Coppa Davis.

Frank, ci puoi raccontare come è stata la decisione di cambiare il doppio?

[DANCEVIC]. fortunatamente siamo molto flessibili, Vasek gioca benissimo con entrambi. Denis ha giocato tanto 3:15 mentre Felix era fresco, per cui avevamo quest’opzione, a seconda di come andavano i singolari.

Denis come giudichi la tua prestazione? Come ti sei gestito visto che la stagione per te era finita 3 settimane fa?

[SHAPOVALOV] Chi ha visto il match ha visto che il livello era molto alto. Ho fatto tutto il posibile, ne è sempre uscito bene nei momenti importanti. Ha mostrato perché ha vinto un torneo quest’anno e ha vinto contro grandi giocatori. A livello di preparazione credo di aver fatto un buon lavoro, mi sono preparato una settimana in Marbella per arrivare pronto. Farò tutto il possibile domani. Ho giocato due match tirati, ho perso, ma il livello era alto, ci sono cose positive da portare a casa

A seguire poi è arrivato Volandri, accompagnato da Fognini e Bolelli;

Filippo, come è stata la decisione per cambiare il doppio? Perchè hai puntato su Matteo?

[VOLANDRI] Simone si è infortunato ieri; abbiamo provato a recuperarlo, ma contemporaneamente ho cercato soluzioni alternative. Ieri ho chiesto a Matteo di essere pronto in caso di doppio; si è allenato due volte ieri e stamattina; ogni componente del team ha fatto quello che gli ho chiesto e sono orgoglioso di come si sono comportati. Matteo poi è abituato a giocare su questi palcoscenico. Sonego oggi aveva dato tutto e anche di più. Muso era un’opzione, ma ho preferito puntare su Matteo. Brucia, sarebbe stupido dire che non brucia, perdere per così poco, ma non avrei potuto chiedere nulla in più a quanto hanno dato i ragazzi; loro sono una squadra forte, Auger è in gran fiducia ma io sono stra contento della squadra a disposizione. Stiamo molto più avanti di quanto pensassi nel percorso di crescita

Matteo, quest’anno ti successo di tutto; vorrei sapere cosa provi e come valuti la tua stagione?

[BERRETTINI] È complicato, tante cose positive, purtroppo tanti momenti difficili, alcune volte sfortuna; secondo me viste le difficoltà non è stato un anno negativo, con tutto quelle che è successo. Ho veramente sforzato la mente per pensare positivo, è stato mentalmente difficile da gestire. Ho provato, mi sono messo a lavorare, non ho rimpianto di aver giocato. La squadra ha ritenuto che fosse la soluzione migliore. Anche se sarà difficile sono orgoglioso. Non bisogna nascondersi dietro un dito; so di poter giocare molto meglio di così; quello che mi ha chiesto Filippo era di metterci il cuore e dare quello che avevo; ovviamente mi sono sentito meglio in carriera, ma in Davis quello che serve è dare tutto. Nonostante tutto siamo arrivati vicino, ma stiamo mettendo delle ottime basi per il futuro e Fabio sono sicuro starà con noi anche negli anni a venire.

Continua a leggere

Flash

Musetti: “Sono stato troppo nervoso, ho giocato di fretta”

Lorenzo commenta la sconfitta in due set subita da Auger-Aliassime: “Spiace non aver dato il punto decisivo alla squadra per la seconda volta”

Pubblicato

il

A seguito del secondo match del giorno abbiamo avuto modo di ascoltare le parole di Musetti (Felix Auger Aliassime invece parlerà assieme ai compagni del doppio).

Oggi qual’è stata la chiave di lettura del match?

Auger ha meritato di vincere, forse ero un po’ nervoso e ho affrettato un po’ le giocate. è triste perchè è la seconda volta di fila che ho la possibilità di mandare avanti l’Italia e non l’ho sfruttata. Non sono stato bravo abbastanza a fare il mio e mi secca di avere un po’ buttato via queste due partite; invece di eseguire correttamente la mia strategia mi sono lasciato distrarre dal suo gioco e anche da alcuni situazioni poco favorevoli. Lui ha giocato bene ma io non ho trovato il mio miglior tennis. Forse anche il fatto di essere alla fine della stagione incide ed è difficile essere al 100%.

 

Qual’è la differenza più grande che senti in campo con giocatori del calibro di Fritz e Auger?

Non credo ci sia molta differenza, soprattutto a questi livelli ci vuole poco per vincere o perdere. Mi è mancata la tranquillità e la pazienza per giocare in un altro modo. Taylor e Felix vengono da un periodo di gran forma e sono in fiducia. Gli viene spontaneo fare la cosa giusta. sono nel loro miglior periodo e sono difficili da affronatare, ma non li vedo irragiungibili. La differenza sia quella di giocare più partite a questo livello. Hanno un ranking più alto, ma abbiamo visto che il ranking conta fino a un certo punto. Contro Auger poi ci ho vinto, anche se era sulla terra. Va detto però che erano condizioni diverse e che lui nell’ultimo periodo è maturato tanto.

Matteo sta giocando il doppio; come l’avete visto in questi giorni? Avete scambiato qualche palleggio con lui? Come avete deciso di farlo giocare?

Matteo negli ultimi giorni si stava sentendo molto meglio ed è il leader del nostro team. Credo che è il nostro leader e quello con la personalità più forte; questo è il match più importante ed è giusto schierarlo visto che siamo in emergenza. Non ci siamo mai allenati assieme, lui si è allenato a parte e ha lavorato molto bene, si sentiva pronto a scendere in campo; per il singolo ovviamente aveva un occhio di riguardo, ma per il doppio dove la fisicità è ridotta la scelta di schierarlo quella giusta.

Qual’è la differenza più grande che senti in campo con questi giocatori?

Non credo ci sia molta differenza, soprattutto a questi livelli ci vuole poco per vincere o perdere. Mi è mancata la tranquillità e la pazienza per giocare in un altro modo. Taylor e Felix vengono da un periodo di gran forma e sono in fiducia. Gli viene spontaneo fare la cosa giusta. sono nel loro miglior periodo e sono difficili da affronatare, ma non li vedo irragiungibili. La differenza sia quella di giocare più partite a questo livello. Hanno un ranking più alto, ma abbiamo visto che il ranking conta fino a un certo punto. Non sono stato bravo abbastanza a fare il mio e mi secca di avere un po’ buttato via queste due partite; mi sono lasciato distrarre dal suo gioco e anche da alcuni situazioni poco favorevoli.

Se arrivassimo in finale il tuo prossimo avversario sarebbe De Minaur: pensi che potrebbe essere più confacente al tuo stile di gioco?

Ci ho giocato in Australia ed è stato un match tirato. Sicuramente sul veloce è un avversario che gioca bene, ma penso che potrei impostare meglio la partita; è molto solido, ma non è un gran servitore come Fritz e Auger

Continua a leggere

Coppa Davis

Gipo Arbino: “Che cuore Sonego, si è ispirato a Braveheart”

Il tecnico di Lorenzo Sonego parla della prestazione del suo atleta ispiratosi a Braveheart per battere Shapovalov

Pubblicato

il

Una prestazione eroica per Lorenzo Sonego che, dopo aver battuto Francis Tiafoe, con la maglia azzurra si esalta ancora e batte Denis Shapovalov in una battaglia di tre set molto intensa ed emozionante. L’azzurro ha annullato 12 palle break delle 13 concesse all’avversario, due nel primo game del terzo set, tre sul 3-3, crocevia fondamentale del match.

Soddisfatto ed emozionato il suo allenatore Gipo Arbino, intervistato dal direttore di Ubitennis.com, Ubaldo Scanagatta: “Ha dimostrato tanto cuore e coraggio. Oggi è stato veramente grande, ancor più determinato di ieri, spalleggiato dalla squadra. Avevo detto a lui di ispirarsi a “Braveheart”. Ci sta prendendo gusto, spalleggiato da tutta la squadra che gli fa sentire grande fiducia”.

Ti avevo detto che aveva giocato un gran match contro Tiafoe, ma oggi ha giocato ancora meglio.

 

“Sulle ali dell’entusiasmo oggi ha giocato ancora meglio. Doveva essere positivo e bravo in risposta. L’ho fatto giocare al contrario giocando sul punto forte del mancino. Abbiamo fatto le cose al contrario preparando la partita al contrario rispetto alla normalità e il canadese è rimasto sorpreso”.

Quando l’hai visto perdere il secondo set, dopo esser stato avanti 5-2 nel tie break, hai provato un pò di sconforto? I bookmakers avevano dato per scontato la vittoria di Shapovalov con due palle break concesso in avvio di terzo set e sul 3-3.

“Sono stati momenti molto difficili, ma sapevo che mentalmente Lorenzo avrebbe retto. Sicuramente c’era scoramento per l’occasione fallita, ma eravamo fiduciosi sull’andamento del match”.

Quando hai saputo dell’avvicendamento di Bolelli con Berrettini nel doppio decisivo?
“Ieri Bolelli è rimasto fermo tutta la giornata. Non stava bene fisicamente e per me è stata una decisione saggia non rischiare il suo ritiro nel corso del match decisivo. Sono state fatte le prove negli ultimi minuti e a quel punto si è optato per l’avvicendamento”.

Berrettini ha incitato tantissimo Lorenzo, speriamo non abbiamo sprecato molto energie.

Lui è un grande, sono sicuro che farà benissimo nel doppio decisivo. E’ stata una decisione corretta quella di non rischiare Bolelli. Berrettini è un altro che gioca con grande cuore, c’è un bellissimo clima in squadra”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement