La finale di Coppa Davis fra Belgio e Gran Bretagna si giocherà sulla terra di Gand (Gent)

Flash

La finale di Coppa Davis fra Belgio e Gran Bretagna si giocherà sulla terra di Gand (Gent)

I padroni di casa del Belgio hanno ufficialmente scelto la terra rossa come superficie per la finale di Coppa Davis. Sarà la scelta vincente per i padroni di casa?

Pubblicato

il

 
 

È ufficiale: la federazione belga ospiterà la finale della Coppa Davis 2015 contro la Gran Bretagna sulla terra rossa, a Gent (in fiammingo, mentre Gand è in francese), del 27-29 novembre prossimo.
Il Belgio, in finale 110 anni dopo l’ultima volta, proverà a far leva sulle difficoltà del cambio di superficie per Andy Murray, una settimana circa dopo le ATP World Tour Finals, e per sfavorire ulteriormente Jamie, fratello del No.3 del mondo, nel doppio.

Gent o Gand che dir si voglia dista 23 minuti di treno da Bruxelles. E’ una città piuttosto grande, ma il suo centro storico è molto raccolto e si visiterà infatti in poco tempo. Va vista  la Sint-Baafskathedraal (Cattedrale di San Bavone), la cui costruzione è iniziata nel XIII secolo e terminata solo nel XVII: infatti, nell’interno, allo slancio gotico si accostano arredi barocchi a volte piuttosto pesanti. L’attrattiva principale è certamente il polittico dell’Agnello Mistico, opera dei fratelli van Eyck, capolavoro della pittura fiamminga del ‘400. C’è poi una bella piazza su cui si affacciano edifici notevoli, quali, la Lakenhalle, l’antico mercato dei tessuti, sovrastata dal Beffort, torre trecentesca alta 91 metri e patrimonio dell’UNESCO e il Teatro Fiammingo dal bel frontone affrescato. Imboccando una via laterale al teatro, si arriva all’enorme costruzione dello Stadhuis, il Municipio, risultato dell’unione di due edifici di epoche diverse (‘500 e ‘600); di fronte, ad angolo si vede, addossata al Beffort, l’antica prigione, chiamata Mammelokker dal rilievo sulla facciata raffigurante la leggenda del romano Cimone, condannato a morire di fame in carcere e allattato dalla propria figlia. Al di là della Braunplein la mole della Sint Niklaas (Chiesa di San Nicola), gotica-primitiva eretta nel XIII secolo.

Molti avranno sentito nominare la città di Gand per via della famosa corsa ciclistica di fine marzo, la Gand-Wevelgem, una cosiddetta “classica per velocisti” vista la conformazione dell’arrivo, con un rettilineo in piano adatto ai velocisti. Plurivincitori della corsa sono Robert Van Eenaeme, Rik Van Looy, Eddy Merckx, Mario Cipollini e Tom Boonen, che si sono aggiudicati tre edizioni ciascuno. Quest’anno l’ha vinta il nostro Luca Paolini ed è stata la settima vittoria italiana.

 

Fornite queste brevi note ai turisti (e agli appassionati di ciclismo) che volessero conoscero Gand-Gent torniamo al tennis.

Andy Murray salterà davvero, come paventato da lui stesso pochi giorna fa, l’evento di fine anno (pur essendo obbligatorio, come recentemente ricordato da Chris Kermode) per preparare al meglio l’ultimo atto della manifestazione a squadre più famosa e celebrata del mondo?

Intanto lo scozzese commenta così, sul suo profilo Twitter, la notizia (commettendo un errore di ortografia sul nome della città che non è Ghent, ma Gent o Gand):

Continua a leggere
Commenti

Flash

Roland Garros, Cecchinato: “È stata una vittoria di testa”

Soddisfatto della vittoria in rimonta, Marco Cecchinato racconta le difficoltà del rientro dopo l’infortunio: “Non è stato facile, la parola d’ordine è stata ed è sacrificio”

Pubblicato

il

Marco Cecchinato - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

È un Marco Cecchinato visibilmente soddisfatto per la vittoria in rimonta al quinto su Andujar quello che si presenta in sala stampa dopo il match. Spiegando come sia riuscito nell’impresa. ”Una vittoria di testa, la forza per rimontare l’ho trovata nella testa. Peccato per i primi due set, dove in entrambi ero al comando nel punteggio. Ma sono contento perché nonostante le tante occasioni sprecate sono riuscite a vincere da due set sotto. E poi con un terraiolo come lui che non molla un punto, ci ha provato fino alla fine, cercando di cambiare qualcosa anche sul 5-0 nel quinto. Sono molto soddisfatto di questa vittoria.”

Gli viene ricordato che anche nel 2018, l’anno della semifinale, al primo turno aveva vinto rimontando due set. Il tennista palermitano sta al gioco: “Ora vado a dire a Max Sartori che l’ho fatto apposta di andare due set a zero sotto. Devo dire che sono arrivato qui con buone sensazioni. Ho ricominciato a giocare benino, ho battuto Thiem, che è in difficoltà ma devi sempre batterlo, e Cuevas. Non è stato facile dopo i tre mesi di stop, per me era il primo infortunio ed è stato difficile rientrare, non credevo così tanto. Ma con Max abbiamo deciso di intraprendere un percorso, anche cambiando un po’ i programmi di inizio anno.”

 

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Gli chiediamo se ci sia una parola chiave con cui possa sintetizzare il percorso intrapreso con Sartori a cui ha accennato: “Beh, la parola più importante è sacrificio. Per me dopo l’infortunio l’importante è stato allenarmi e stare lì, in un momento in cui ho perso per undici volte di fila al primo turno. Ho giocato anche un po’ da infortunato per provare a sentire le emozioni, le sensazioni del match. Questa è stata una nostra scelta che non è stata facile, non è mai bello perdere al primo turno. Ma era necessario, era necessario questo sacrificio per ripartire e questa deve essere la parola chiave fino alla fine dell’anno”.

Chiudiamo con l’osservazione che sul campo non c’era solo la solita rappresentanza di tifosi italiani a sostenerlo, ma anche un rumoroso gruppo di tifosi locali: “Vero, mi porto dietro un po’ di fans parigini da tanti anni. Qui è sempre bello tornare, anche negli anni scorsi ho sempre avuto un tifo pazzesco e mi fa piacere, mi fa stare bene in campo.”

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Sinner sul velluto, si vedono miglioramenti al servizio

Nessun problema per Jannik Sinner all’esordio contro Bjorn Fratangelo. Prevista la partecipazione ad Halle, Eastbourne e Wimbledon nella stagione sull’erba

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

[11] J. Sinner b. [Q] B. Fratangelo 6-2 6-2 6-3

Ormai Sinner si è guadagnato il diritto di essere uno di quei giocatori per i quali un primo turno vinto molto nettamente ormai non fa nemmeno più notizia. Il suo avversario di primo turno, il qualificato Bjorn Fratangelo che dopo una brillante carriera junior finora è riuscito a passare solamente una settimana nella Top 100, non era di quelli che dovevano impensierire Jannik, ma si trattava comunque di un giocatore che veniva da tre vittorie consecutive, quindi certamente in palla.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

La partita non c’è stata, Sinner è sempre stato in vantaggio, è subito scappato 4-1 nel primo set e da lì non si è mai guardato indietro. Altra solida prestazione alla battuta per l’altoatesino, che ha ottenuto quasi l’80% di punti sulla prima di servizio e il 63% sulla seconda. Sicuramente il servizio è una parte del mio gioco nella quale sono migliorato [da quando lavoro con Simone Vagnozzi], anche se ci sono ancora delle partite in cui servo meno bene di altre. Con alcuni giocatori non basta tirare forte, bisogna anche variare gli angoli, per devo ancora riflettere su ciò che faccio. L’obiettivo è comunque quello di migliorare ancora e di continuare a lavorare su questo colpo”.

 

Sinner si è presentato a Parigi con largo anticipo, quasi una settimana prima del suo esordio, e in questo periodo ha avuto tempo di acclimatarsi sulla terra del Roland Garros che è un po’ diversa rispetto all’altura di Madrid e ai fondi più rapidi del Foro Italico. Fisicamente tutti gli acciacchi della prima parte della stagione sono dimenticati: “I problemi fisici che ho avuto negli ultimi tornei possono sembrare più gravi di quanto in realtà non siano. A Indian Wells sono stato male, e può succedere; a Miami ho avuto una vescica come mi era già capitato altre volte; l’unico problema vero è stato a Roma dopo l’ultimo punto del primo set, per cui non sono preoccupato per la mia condizione fisica, e mi sento bene. Spero di poter continuare a giocare come oggi e ad avere partite come quella di oggi per poter continuare a conoscere campi e palle”.

Al prossimo turno per Sinner ci sarà Roberto Carballes Baena (n. 89 del ranking ATP), con il quale non ha mai giocato e non si è mai nemmeno allenato, “per cui sarà una palla nuova da imparare, una palla nuova da gestire”. Come sempre concentrato sull’avversario successivo, Sinner non ha voluto parlare del tabellone e di eventuali traguardi importanti in questo Roland Garros, e non ha ancora pensato al da farsi per quel che riguarda la stagione erbivora alla luce degli ultimi sviluppi della vicenda Wimbledon-punti ATP: “Non ci ho ancora pensato, per cui non ho avuto occasione di formarmi la mia opinione. Al momento il nostro programma prevede Halle e probabilmente Eastbourne, dato che non ho fatto molte partite sull’erba. Naturalmente dipende da quante partite giocherò ad Halle, ma è un torneo molto vicino a Londra, per cui non c’è problema. Per il momento il programma prima di Wimbledon è questo, e speriamo di giocare qualche partita sull’erba in più rispetto all’anno scorso”.

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

Flash

Roland Garros: Halep e Sabalenka soffrono ma vincono, Badosa avanti facile

Halep e Sabalenka cedono un set ma vincono. Travolgenti Badosa e Kasatkina

Pubblicato

il

Guarda il video integrale sul sito Intesa Sanpaolo

Esordio sofferto ma vincente per la nuova pupilla di Patrick Mouratoglou, nonché ex n. 1 del mondo ed ex campionessa del Roland Garros, Simona Halep. La rumena, attuale n. 19 del mondo, ha ceduto il secondo set alla lucky loser Nastasja Shunk riuscendo poi ad intascare la vittoria al terzo con lo score di 6-4 1-6 6-1. Al prossimo round incrocerà la racchetta con quella della cinese Qinwen Zheng.

Soffre anche Aryna Sabalenka. La bielorussa si fa sorprendere al primo set dalla francese Chloé Paquet che se lo aggiudica per 6-2. Ma, alla distanza, è Aryna a dominare chiudendo 2-6 6-3 6-4. La sua prossima avversaria sarà l’americana Brengle.

 

Una passeggiata di salute, invece, per la n. 4 del mondo Paula Badosa. La spagnola non ha lasciato diritto di replica a Fiona Ferro, travolgendola 6-2 6-0. Al prossimo round ci sarà per lei la slovena Kaja Juvan.

Daria Kasatkina conferma le buone sensazioni del momento infliggendo un netto 6-2 6-0 alla lucky loser Sramkova, così come passa senza problemi Jessica Pegula contro la cinese Qiang Wang.

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement