WTA Mosca: Suarez out! Ok Pavlyuchenkova e Kuznetsova

WTA

WTA Mosca: Suarez out! Ok Pavlyuchenkova e Kuznetsova

Dopo la sconfitta di oggi contro la giovane qualificata russa Daria Kasatkina nei quarti del WTA Premier di Mosca, Carla Suarez Navarro dice addio alle sue speranze di qualificazione per le Finals. Flavia Pennetta è così matematicamente No.7 della Race. In semifinale anche Anastasia Pavlyuchenkova e Svetlana Kuznetsova

Pubblicato

il

 
 

Flavia Pennetta può (finalmente) dormire sonni tranquilli per la corsa alle Finals di Singapore: dopo le sconfitte di ieri di Safarova e Pluskova anche la sua ultima rivale diretta, Carla Suarez Navarro, è stata estromessa dal WTA Premier di Mosca dalla giovane russa Daria Kasatikina, blindando la settima posizione nella Race della brindisina, ritiratasi ieri precauzionalmente dai quarti di finale che avrebbe dovuto disputare contro Lesia Tsurenko per un problema al piede destro di lieve entità
L’iberica dice quindi addio alle residue speranze di arrivare fra le prime otto, visto che avrebbe dovuto quantomeno raggiungere la finale del torneo moscovita per riuscire a scalzare Safarova, attuale No.8.

Suarez, autrice di una superba prima parte di stagione, con le finali nei Mandatory di Miami e Roma e le semifinali a Doha e Madrid, ma con un secondo spezzone, da Birmingham in avanti, disastroso (5-12 il suo bilancio vittorie/sconfitte), nella giornata odierna non è letteralmente scesa in campo, nonostante le motivazioni decisamente superiori alla propria avversaria, racimolando solo tre game. Bravissima Kasatkina, qualificata classe ’97 e prospetto decisamente interessante, vincitrice del Roland Garros junior l’anno scorso, a mantenere alto il ritmo e a concedere poco alla sua più quotata avversaria, decisamente fallosa e arrendevole sin dalle prime battute. Dopo poco più di un quarto d’ora, infatti, la russa è già avanti 5-0, disponendo con estrema facilità della spagnola, per poi chiudere il parziale al settimo gioco con il servizio. La musica non cambia nel secondo set, Suarez non c’è in campo, non riesce a vincere uno scambio con più di cinque colpi e viene ancora una volta breakkata all’inizio e alla fine della frazione, senza riuscire ad imbastire una reazione efficace. Kasatkina ringrazia e chiude, in un’ora esatta, 6-1 6-2, centrando la prima semifinale in un evento WTA in carriera.

Nei restanti due incontri di oggi, soffre più del previsto Svetlana Kuznetsova per avere ragione della qualificata lettone Sevastova, giustiziera ieri di Karolina Pliskova, rimontando un set di svantaggio.
Dopo un inizio di partita molto equilibrato, con entrambe le contendenti brave a far valere la propria solidità alla battuta senza concedere alcuna palla break, è proprio la 30enne di San Pietroburgo a cedere per prima il servizio, nel dodicesimo gioco, commettendo due errori gratuiti e un doppio fallo che, di fatto, regalano la frazione a Sevastova.
La reazione dell’ex No.2 del mondo però non si fa attendere: Kuznetsova è bravissima ad alzare il ritmo e l’intensità degli scambi, rendendoli impossibili da contenere per la pur mobile lettone, annichilendola sulla lunga distanza, lasciandole solo 4 giochi nei restanti due set, qualificandosi per la seconda semifinale stagionale dopo Madrid.

 

L’ultima semifinalista del lotto è la giocatrice, probabilmente, più in forma del momento: Anastasia Pavlyuchenkova, dopo il successo di domenica scorsa a Linz, ha letteralmente demolito la sua giovane connazionale e promessa del tennis mondiale, Margarita Gasparyan, concedendole solamente quattro giochi in poco più di un’ora di gioco.
La 24enne di Samara, defending champion del torneo, dimostra ancora una volta sul campo centrale di Mosca tutta la propria fiducia, inondando letteralmente di vincenti, sia da fondo che con il servizio, la povera Gasparyan, apparsa impotente con il suo gioco più leggero e vario. Dopo i primi nove game, con un impietoso score di 6-1 2-0 per Anastasia, la 21enne moscovita approfitta di un leggero calo di tensione della sua avversaria, riuscendo a breakkarla per la prima volta per poi portarsi sul 2-2, ma sarà soltanto un fuoco di paglia: Pavlyuchenkova torna a dominare in campo, tornando a bombardare con regolarità Gasparyan, la quale non può nulla e cede nuovamente la battuta nel quinto gioco, consegnando l’incontro nelle mani della ex No.13 del mondo, che chiude agevolmente 6-3.

Risultati:

L. Tsurenko b. [WC/3] F. Pennetta W/O
A. Pavlyuchenkova b. M. Gasparyan 6-1 6-3
S. Kuznetsova b. [Q] A. Sevastova 5-7 6-1 6-3
[Q] D. Kasatkina b. [5] C. Suarez Navarro 6-1 6-2

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Tokyo: Samsonova completa la sua settimana perfetta. Sconfitta in due set Zheng

Samsonova domina Tokyo conquistando il torneo senza cedere un set. Terzo titolo stagionale e best ranking per la russa

Pubblicato

il

Ludmila Samsonova - US Open 2022 (foto Twitter @WTA_insider)

Settimana perfetta per Liudmila Samsonova che senza cedere un set si aggiudica il Toray Pan Pacific Open, torneo WTA 500, sconfiggendo la giovane cinese Zheng Qinwen con un doppio 7-5. Un successo arrivato sconfiggendo lungo il percorso la campionessa di Wimbledon Elena Rybakina, la testa di serie numero 3 Muguruza e altre due cinesi Wang Xinyu e Shuai Zhang.

Il successo di Samsonova è il diciottesimo negli ultimi 19 incontri disputati, successi che gli sono valsi altri due titoli in stagione nel mese di agosto a Washington e Cleveland. Unica sconfitta di questi ultimi 3 mesi quella contro l’australiana Tomljanovic allo US Open.

IL MATCH – Un incontro che sin dal primo scambio ha fatto intuire l’intensità e l’aggressività che le due tenniste avrebbero messo in campo. Partita che viaggia sui binari dell’equilibrio per i primi 10 game con la sola Zheng ad avere due palle break nel secondo game, entrambe annullate dalla russa.

 

Sul 5-5 il momento chiave, la cinese commette un sanguinoso doppio fallo che concede a Samsonova la prima palla break del set. La russa ringrazia e converte immediatamente con un vincente di dritto ad uscire, dopo essersi aperta perfettamente il campo. Chiamata a servire per il set la mano di Samsonova non trema a chiude 7-5 in 57 minuti, chiudendo il set con 14 vincenti e nove errori non forzati. La cinese, invece, ha messo a segno 11 vincenti contro 10 gratuiti a conferma di un match ben giocato da entrambe.

Nel secondo set è ancora Samsonova la prima a prendere il largo, al termine di un quinto game combattuto alla terza palla break strappa il servizio a Zheng per quella che poteva essere la fine anticipata del match. La cinese, tuttavia, non è dello stesso avviso e sfruttando il primo passaggio a vuoto del match di Samsonova rimette in equilibrio la sfida.

Come nel primo set è l’undicesimo gioco a dirimere la contesa. La russa si guadagna una palla break che abilmente converte con un dritto in contropiede e poi chiamata a servire per il match tiene facilmente a zero.

Una vittoria sofferta come si evince dalle parole di Samsonova durante la premiazione: “È stata una partita davvero difficile, congratulazioni a Qinwen e al suo team perché sta giocando in modo fantastico. Oggi è stata una partita nervosa, combattuta in ogni punto. È stata dura.”

Samsonova conquista il quarto successo della carriera il terzo stagionale e da lunedì si posizionerà al numero 23 delle classifiche mondiali, suo best ranking. Entrerà per la prima volta in top 30 la cinese Zheng, che con la finale odierna si posizionerà al numero 28, la prima teenager cinese a riuscirci.

Il tabellone completo del WTA 500 Tokyo

Continua a leggere

Flash

WTA Seul: terzo titolo in carriera per Alexandrova

La russa regola in due set la lettone Ostapenko e si regala il best ranking al numero 21

Pubblicato

il

Ekaterina Alexandrova - s'Hertogenbosch 2022 (Instagram - @libemaopen)
Ekaterina Alexandrova - s'Hertogenbosch 2022 (Instagram - @libemaopen)

Nella sfida tra le prime due teste di serie dell’Hana Bank Korea Open 2022 a portare a casa il successo è la russa Ekaterina Alexandrova, che ha regolato in due set la lettone Jelena Ostapenko, numero 1 del seeding e vincitrice a Seul nel 2017, 7-6 (4) 6-0 in un’ora e 25 minuti.

Terzo titolo in carriera per la russa, il secondo di questo 2022 dopo il successo conquistato a ‘s-Hertogenbosch e il secondo in Asia dopo quello di Shenzen 2020. Con questo successo Alexandrova si regala anche il suo best ranking al numero 21. Ostapenko, dal canto suo, fallisce l’appuntamento con il secondo titolo stagionale ma si consola con le due posizioni guadagnate nel ranking al numero 17.

IL MATCH – Una sfida tra due atlete con stile diversi, Ostapenko che viaggia ad un ritmo più elevato col suo gioco aggressivo alla ricerca dei vincenti ed un Alexandrova più regolare nello scambio. Il servizio non è un fattore almeno nella fase iniziale con quattro break nei primi cinque game. In risposta la potenza e l’intensità di Ostapenko sono difficili da arginare soprattutto con il diritto, col servizio al contrario la lettone non riesce ad incidere e anche quando comanda lo scambio finisce per rovinare tutto commettendo degli errori.

 

Emblema di quanto descritto l’ottavo e il nono game, con Ostapenko che brekka dominando in risposta per poi subire il controbreak a zero senza mai mostrare la possibilità di poter chiudere il set. Ostapenko riesce comunque a trovarsi a due punti dal match nel decimo game ma Alexandrova a suon di prime rimette il match sul cinque pari.

Per la russa c’è da fronteggiare anche un set point ma anche in quel caso è ancora il servizio, con un ace al centro a rimandare tutto al tie-break. Gioco decisivo che, come tutto il primo set, vede fuggire via Ostapenko, ma come già accaduto gli errori della lettone e il servizio della russa rimettono in carreggiata Alexandrova che riesce per la prima volta nel match a metter la testa davanti. Si arriva al set point Alexandrova sul 6-4, con la russa che chiude con un gran dritto sulla riga laterale al termine di uno scambio di alto livello e si aggiudica il primo set un minuto dopo lo scoccare dell’ora.

Il secondo parziale è senza storia, Alexandrova ritorna in campo con la medesima intensità del primo, Ostapenko al contrario continua a far lievitare il numero dei gratuiti (erano 18 a fine primo set a fronte di 11 vincenti). Ad innervosire ancora di più la lettone il rapporto complicato con Hawkeye per una palla chiamata dentro che Ostapenko giudicava fuori di diversi centimetri. Sul 3-0 sotto di un break Ostapenko chiama il medical time-out per un problema al piede, che sancisce virtualmente la fine del match. Al rientro in campo la lettone è poco mobile e Alexandrova fa punto non appena trova un po’ di angolo. Finisce 6-0 in 24 minuti e la festa è tutta per la russa.

Continua a leggere

Flash

WTA Parma, tabellone di lusso: guidano Sakkari e Trevisan, sei italiane al via

Bronzetti sarà testa di serie n°8. Presenti anche Paolini, Errani, Cocciaretto e Paoletti (le ultime due grazie ad una wild card)

Pubblicato

il

Martina Trevisan - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Da lunedì 26 settembre Parma sarà la sede di un WTA250 su terra battuta di ottimo livello, che l’anno scorso ha visto trionfare Cori Gauff (con una Serena Williams protagonista eccezionale). L’organizzazione del torneo ha deciso di affidare una wild card a Maria Sakkari, attuale numero 6 del ranking che guiderà il seeding. La seguono Martina Trevisan, semifinalista all’ultimo Roland Garros, Irina Camelia Begu e Sloane Stephens, campionessa dello US Open nel 2017. Le altre due wild card sono state consegnate ad Elisabetta Cocciaretto – classe 2001 rientrata tra le top100 dopo un lungo infortunio – e Matilde Paoletti, altro prospetto del tennis azzurro con i suoi 19 anni.

Come detto, Sakkari sarà la prima testa di serie ed esordirà contro una giocatrice proveniente dalle qualificazioni. Se dovesse – come da pronostico – approdare ai quarti di finale, potrebbe trovare Lucia Bronzetti, numero 8 del seeding che partirà contro la belga Maryna Zanevska (in un eventuale secondo turno avrebbe Galfi o Gracheva). Nel secondo quarto del tabellone c’è anche Sloane Stephens (semifinalista lo scorso anno e n°4 del seeding), attesa all’esordio da Magdalena Frech. Poco più giù potrebbe esserci un derby azzurro al secondo turno, nel caso in cui Jasmine Paolini superasse una qualificata ed Elisabetta Cocciaretto battesse Nuria Parrizas-Diaz, testa di serie numero 7.

Nella parte bassa saranno impegnate le altre tre italiane. Matilde Paoletti, in caso di battesimo vincente (anche lei contro una qualificata) troverebbe probabilmente Irina Camelia Begu, numero 3 del tabellone che inizierà contro Viktoriya Tomova. L’ultimo quarto è supervisionato da Martina Trevisan, seconda forza del seeding che avrà un esordio complicato contro Sara Sorribes Tormo. In caso di successo, al secondo turno potrebbe esserci un’altra sfida tutta tricolore, a patto che Sara Errani abbia la meglio su Lauren Davis.

 

Il tabellone completo del WTA250 di Parma

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement