Arantxa Sanchez Vicario: "Serena è di un'altra categoria, però Steffi Graf è ancora superiore"

Flash

Arantxa Sanchez Vicario: “Serena è di un’altra categoria, però Steffi Graf è ancora superiore”

L’ex No.1 del mondo, Arantxa Sanchez Vicario, paragona i domini di Serena Williams e Steffi Graf, scegliendo la tedesca fra le due: “Steffi ha toccato l’apice con il Golden Slam del 1988 e i 22 Slam”

Pubblicato

il

Oltre due decadi e mezzo fa, la No.1 del mondo dell’epoca, Arantxa Sanchez Vicario, vincendo il Roland Garros divenne la giocatrice più giovane a trionfare in un torneo del Grande Slam, superando il record che precedentemente apparteneva a Steffi Graf. Riflettendo sul successo ottenuto nel 1989, Arantxa ha paragonato il livello di dominio imposti nel circuito dalla tedesca e da Serena Williams. Secondo la spagnola, la 34enne nativa di Saginaw è stata sfortunata nel non riuscire a completare il Calendar Grand Slam, disputando comunque uno sport diverso da tutte le altre contendenti: “Serena ha un gioco immensamente potente ed una fame di vincere a dir poco vorace. Finché manterrà alto il livello di questi due fattori e a mantenersi in forma, credo che per qualsiasi tennista sia molto difficile pensare di far breccia nel suo bastione. È una giocatrice completa e c’è davvero un abisso fra lei e altre giocatrici. Se si vuole pensare di batterla, bisogna farlo nei primi turni, più si avanza nel torneo più lei diventa praticamente imbattibile”.

Alla domanda su chi sceglierebbe fra Graf e Williams, però, Arantxa non ha dubbi: “Steffi ha toccato l’apice conquistando il Golden Slam nel 1988 e i 22 successi nei Major.”

Continua a leggere
Commenti

Flash

Sconfitta indolore per Berrettini al Thiem’s 7. Tornerà in campo domenica all’UTS

Matteo cede in due set a Khachanov l’ultimo match del suo girone: passa comunque come primo classificato e in semi avrà Rublev. Sabato non sarà presente alla Mouratoglou Academy

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Ultimate Tennis Showdown 2020 (via Twitter, @UTShowdown)

Grazie alle due vittorie nei primi due match a Kitzbuhel, Matteo Berrettini aveva già conquistato l’accesso alle semifinali nelle prime due giornate del Thiem’s 7, il torneo organizzato dallo stesso numero uno austriaco. Nell’ultimo incontro del gruppo B, il romano ha sfidato il russo Karen Khachanov, battuto tre volte su tre nel 2019. Stavolta – in amichevole – l’ha spuntata il moscovita. Matteo ha ceduto 8-6 il tie-break del primo set nonostante un’ottima partenza (3 punti a 0) e ha poi mollato nel secondo set, vinto 6-4 da Khachanov. Una vittoria inutile però ai fini della qualificazione, dal momento che a passare come secondo classificato è Roberto Bautista Agut dopo un’agevole vittoria su Novak. Berrettini invece era già sicuro del primato.

Oggi, venerdì 10 luglio, è il giorno delle semifinali. L’azzurro sarà l’avversario di Andrey Rublev, che ha agguantato la qualificazione battendo al tie-break decisivo Casper Ruud. Dall’altro lato del tabellone incroceranno la racchetta Dominic Thiem e Bautista Agut. Il numero uno del torneo deve ancora perdere un set, ma lo spagnolo sarà il suo primo avversario di discreta cilindrata a Kitzbuhel.

In questo weekend si chiuderà anche la prima tappa dell’Ultimate Tennis Showdown, organizzato nell’accademia di Patrick Mouratoglou in Francia. Berrettini ha già strappato il pass per le semifinali e scenderà in campo solo nella giornata di domenica per le Final Four. C’è infatti la concreta possibilità che possa arrivare in finale in Austria, ma anche in caso di sconfitta contro Rublev si prenderà un giorno libero prima di (ri)passare repentinamente al cemento dopo quattro match su terra battuta. Lo sostituirà nella giornata di sabato il campione junior Holger Rune, che si allena alla Mouratoglou Academy.

 

Risultati:

K. Khachanov b. M. Berrettini 7-6(6) 6-4
R. Bautista Agut b. D. Novak 6-0 6-1
D. Thiem b. J.L. Sruff 6-4 7-6
A. Rublev b. C. Ruud 6-2 3-6 [10-4]

Continua a leggere

Flash

Calendario WTA: ricompare il torneo di Praga, Washington trasloca in Kentucky

Dopo l’apertura di Palermo, sono stati aggiunti la settimana successiva altri due tornei, uno in Europa sulla terra e uno sul duro negli USA

Pubblicato

il

Jessica Pegula vincitrice del WTA di Washington 2019 (via Twitter, @WTA)

Si procede a fatica con la composizione del calendario per la ripresa del circuito professionistico. La WTA, dopo aver confermato qualche settimana fa la sua ripartenza dal Palermo Ladies Open il 3 agosto prossimo, ha aggiunto alla lista degli eventi agostani altre due manifestazioni: si tratta del Prague Open, in programma nella capitale della Repubblica Ceca a partire dal 10 agosto, e il Bluegrass Orthopaedics a Lexington, in Kentucky, nel corso della stessa settimana.

Il torneo di Praga, originariamente previsto in primavera, era stato provvisoriamente incluso in una bozza di calendario circolato ufficiosamente qualche settimana fa e poi era stato eliminato. Ora ritorna si ripresenta nell’ultima versione del calendario insieme con il torneo sul cemento statunitense di Lexington che sostituisce la versione femminile del Citi Open di Washington.

Dopo un approfondito sforzo collaborativo con tutte le parti coinvolte, ci eravamo impegnati ad ospitare il torneo WTA all’interno del nostro evento per offrire alle giocatrici un’opportunità in più di giocare e per mostrare il tennis femminile ai nostri appassionati – ha fatto sapere la direzione del Citi Open di Washington attraverso i propri profili social – Tuttavia, date le circostanze straordinarie di questa stagione, capiamo e supportiamo la decisione di Octagon [la società di management che possiede i diritti del torneo femminile n.d.r.] di organizzare l’evento in una sede completamente diversa. Auguriamo agli organizzatori di Lexington, Kentucky ogni bene per la disputa del torneo. Abbiamo comunque intenzione di offrire del tennis femminile durante il Citi Open di quest’anno e ci impegniamo fin d’ora a riaccogliere il torneo WTA femminile il prossimo anno e negli anni a venire”.

 

Con ogni probabilità, quindi, a Washington verrà organizzata un’esibizione con le giocatrici disponibili a fare da contorno all’ATP 500 che avrà inizio a partire dal 14 agosto prossimo.

Con il ritorno alle competizioni nel 2020 siamo lieti di offrire qualche opportunità di competere in più alle nostre atlete – ha dichiarato Steve Simon, CEO della WTA – Siamo lieti di accogliere Praga e Lexington nel calendario provvisorio dei nostri tornei e attendiamo con ansia il ritorno del tennis professionistico femminile”.

Continua a leggere

Flash

Federer: “Quando lasciai la scuola, mio padre mi concesse al massimo tre anni”

Lunga intervista di Roger Federer a Zeit Magazin. Nell’estratto che vi proponiamo, parla dei suoi inizi. E c’è un aneddoto su papà Robert che vale la pena conoscere

Pubblicato

il

Mentre gli altri tennisti si scontrano, cautamente sul campo per qualche esibizione o meno cautamente fuori dal campo, Roger Federer resiste in una bolla. Reduce da due interventi allo stesso ginocchio in pochi mesi, ha dato appuntamento al 2021 per recuperare al meglio e nel frattempo si gode la famiglia, collabora alla creazione di un paio di scarpe e rilascia una lunga intervista a Zeit Magazin.

Quando parlo in tedesco ho sempre la sensazione di dover fare più attenzione perché non lo parlo spesso, sono fuori allenamento” esordisce Roger. Tedesco e ‘svizzero tedesco’, sono infatti due lingue diverse. “Con i miei figli, mia moglie, il mio allenatore (si riferisce a Luthi, ndr) e il mio fisioterapista parlo in svizzero tedesco. Con il mio team parlo inglese, mia mamma viene dal Sudafrica quindi parlo inglese anche con lei”. E i sogni, come molte persone bilingui, li fa sia in inglese che in svizzero tedesco.

Il tennis è uno sport speciale. Ecco perché a volte ti ritrovi a parlare con te stesso“. Ed è uno sport solitario, dove capita persino di esagerare e urlare a se stessi. Quando Roger era poco più che uno junior promettente, gli capitava spesso: “I miei genitori stavano impazzendo. Mi dissero che se avessi continuato, non avrebbero più viaggiato con me“. Come per ogni tennista promettente, si tratta di un momento in cui i genitori sono costretti a investire parecchio: tra i 13 i 17 anni, mamma Lynette e papà Robert hanno dovuto scucire circa 30.000 franchi all’anno. Il giovane Roger, nel frattempo, tentava di sistemare tutti i pezzi del puzzle della sua psiche ma non ci riuscì subito, anzi, quando aveva 16 chiese quasi con timore ai suoi genitori di poter lasciare la scuola. “Ti concedo due o tre anni. Se non va bene, torni dritto a scuola“, fu la risposta del padre.

 

Dopo neanche un anno è già professionista, dopo tre anni gioca la prima finale ATP, dopo quattro vince il primo torneo e dopo sei anni, quando sta per compierne 22, è già campione di Wimbledon. La minaccia di papà Robert è servita.

A proposito di papà Robert, che da questo aneddoto sembra emergere come un uomo burbero, c’è invece da dire un’altra cosa assai romantica. Roger la racconta poco più avanti nel corso dell’intervista, parlando del suo rapporto con Nadal: “I primi a congratularsi con lui dopo la vittoria di Wimbledon 2008 furono i miei genitori“. E non si tratta di una boutade, come testimonia questa foto che abbiamo ritrovato in giro per il web. C’è Rafa al colmo della gioia intento ad abbracciare papà Sebastián, e accanto mamma Ana María e lo zio Toni; sulla sinistra, appena incluso nell’inquadratura, c’è un omino col cappellino rosso che sorride. Come se Wimbledon lo avesse vinto suo figlio. E se invece vi dicessimo che suo figlio, Wimbledon, lo ha appena perso dopo una finale mozzafiato?

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement