È sempre tempo di Fab Four. Dopo il Fedal ecco Djokovic e Murray

Rubriche

È sempre tempo di Fab Four. Dopo il Fedal ecco Djokovic e Murray

Domenica scorsa a Basilea è stato il turno di Federer e Nadal. Adesso, a Parigi Bercy, tocca a Novak Djokovic e Andy Murray. Partita chiusa? Forse no

Pubblicato

il

C’è una parte di servizio al lettore che si deve necessariamente espletare, anche se questa è ormai la settima volta, quest’anno eh?, che i due si incontrano. Sette volte non in 12 mesi, visto che la prima si è giocata il primo febbraio e la settima si gioca l’8 novembre, cioè 9 mesi e una settimana dopo. Significa praticamente poco meno di una volta al mese o, se preferite, una volta ogni 40 giorni, fate i conti. E ripetere precedenti, magari suddividerli per periodo, campo, continente o quel che volete voi, magari si dovrebbe anche fare – e si farà, purtroppo – ma solo perché si deve.

A differenza di Federer e Nadal – sarà perché chi arriva dopo è sempre un usurpatore sarà per la vil razza dannata rappresentata da chi scrive più o meno per professione, sarà per questo o per quell’altro – Novak Djokovic, numero uno del mondo, dominatore dell’anno di grazia 2015, vincitore di tre slam su quattro, in finale 14 volte su 14 (sarebbe su 15 ma vabbè), ad un passo dal grande slam (altra cosa non proprio corretta) e Andrew Barron Murray, numero due del mondo, finalista in Australia e semifinalista a Parigi e a Wimbledon, uno dei 4 uomini a sconfiggere Nole quest’anno, finalista di Coppa Davis e l’unico che davvero potrebbe vincerla da solo, Ringo Starr dei Fab Four, Djokovic e Murray, si diceva, non faranno mai palpitare i cuori o preferiti ad una qualche finale di motociclismo o una partita di campionato. Peccato, forse, perché, lo dicono tutti e quindi sarà vero, i due sono dei magnifici fuoriclasse, anche se i tifosi di Djokovic si adombrano ad essere messi nel calderone con lo scozzese perennemente imbronciato. Loro, e Djokovic,  vorrebbero stare con Federer e Nadal, in quei posti in cui il tennis, lo sport, spezza il confine per diventare costume, forse politica. Problema che non hanno i tifosi di Andy Murray, e che non sembra avere neanche lui, probabilmente già contento dei suoi due slam, della Davis e di chissà cos’altro lo aspetta da qui a fine carriera.
Le partite tra i due – lo ripetiamo: le troverete tutte alla fine di quest’articolo – raramente sono state belle, o forse no: sono state belle ma pochi se ne sono accorti. Prendiamo l’ultima, che è impossibile da dimenticare, visto che è stata giocata meno di venti giorni fa. Uno show del numero uno del mondo in stato di grazia, capace di far malissimo soprattutto nei momenti in cui Murray riusciva a giocare. Ma se andate indietro di un paio di mesi trovate una vittoria di Murray, a Montreal, che interrompeva una serie di otto partite di fila vinte da Djokovic. Serie cominciata dopo Wimbledon 2013, dove Murray ha finalmente vinto senza neanche sudare troppo.

Allora forse, per cercare di rendere equilibrata una sfida che è sul 20-9 per il serbo, si ptorebbe ricordare il curioso andamento delle finali slam: se si giocano a Melbourne vince Djokovic, altrimenti no, vince Murray. Un po’ tirata per i capelli, visto che Nole ha vinto – ma non in finale – sia a New York che a Parigi, zona Bois du Bologne però, non Bercy. E poi la trentesima partita non è una finale slam, dobbiamo inventarci qualcos’altro. Forse le tre finali di fila vinte all’inizio da Andy, a Cincinnati, la seconda volta frustrandolo il povero serbo fino al ritiro, e Miami, senza perdere lo straccio di un set. Insomma, trascinati dai ricordi invece che dai numeri si finisce con lo scoprire che se arrivano in finale i due non sono così distanti. Dello Slam abbiamo detto tre (Australian Open) a due (New York e Wimbledon). Le due partite finite in 3 set vinte una volta ciascuno, le altre delle dure battaglie, vinte grazie al fisico più che al gioco.
E se andiamo nei master mille la musica cambia pochino. Anzi, chi l’avrebbe mai detto?, diventa persino favorevole a Murray: 4-3 con vittorie abbastanza tranquille di Andy e Djokovic che almeno una volta deve ringraziare tutti i suoi santi, visto che a Shanghai annullò 150 match point o giù di lì ad un Andy che poteva vincere quella partita sei volte. Le altre due finali Nole le ha vinte a Miami, soffrendo il giusto.
Insomma qualche speranza di vedere una partita equilibrata l’abbiamo trovata. Aggiungiamo che sembra più stanco Djokovic di Murray e accingiamoci a vedere l’atto 30 di questa sfida (o ottavo?) con serenità: Shanghai non si ripeterà, mettetevi comodi.

E rileggete le cronache di Ubitennis.

2015 Shanghai Masters Hard SF (1) Djokovic b. (3) Murray 6-1 6-3
2015 Canada Masters Hard F (2) Murray b. (1) Djokovic 6-4 4-6 6-3
2015 Roland Garros Clay SF (1) Djokovic b. (3) Murray 6-3 6-3 5-7 5-7 6-1
2015 Miami Masters Hard F (1) Djokovic b. (3) Murray 7-6(3) 4-6 6-0
2015 Indian Wells Masters Hard SF (1)Djokovic d. (4)Andy Murray 6-2 6-3
2015 Australian Open Hard F (1)Djokovic d. (6)Andy Murray 7-6(5) 6-7(4) 6-3 6-0
2014 Paris-Bercy Masters Hard QF (1)Djokovic d. (8)Andy Murray 7-5 6-2
2014 Beijing Hard SF (1)Djokovic d. (6)Andy Murray 6-3 6-4
2014 US Open Hard QF (1)Djokovic d. (8)Andy Murray 7-6(1) 6-7(1) 6-2 6-4
2014 Miami Masters Hard QF (2)Djokovic d. (6)Andy Murray 7-5 6-3
2013 Wimbledon Grass F (2)Andy Murray d. (1)Djokovic 6-4 7-5 6-4
2013 Australian Open Hard F (1)Djokovic d. (3)Andy Murray 6-7(2) 7-6(3) 6-3 6-2
2012 Tour Finals Hard RR (1)Djokovic d. (3)Andy Murray 4-6 6-3 7-5
2012 Shanghai Masters Hard F (2)Djokovic d. (3)Andy Murray 5-7 7-6(11) 6-3
2012 US Open Hard F (3)Andy Murray d. (2)Djokovic 7-6(10) 7-5 2-6 3-6 6-2
2012 London Olympics Grass SF (3)Andy Murray d. (2)Djokovic 7-5 7-5
2012 Miami Masters Hard F (1)Djokovic d. (4)Andy Murray 6-1 7-6(4)
2012 Dubai Hard SF (3)Andy Murray d. (1)Djokovic 6-2 7-5
2012 Australian Open Hard SF (1)Djokovic d. (4)Andy Murray 6-3 3-6 6-7(4) 6-1 7-5
2011 Cincinnati Masters Hard F (4)Andy Murray d. (1)Djokovic 6-4 3-0 RET
2011 Rome Masters Clay SF (2)Djokovic d. (4)Andy Murray 6-1 3-6 7-6(2)
2011 Australian Open Hard F (3)Djokovic d. (5)Andy Murray 6-4 6-2 6-3
2009 Miami Masters Hard F (4)Andy Murray d. (3)Djokovic 6-2 7-5
2008 Cincinnati Masters Hard F (8)Andy Murray d. (3)Djokovic 7-6(4) 7-6(5)
2008 Canada Masters Hard QF (8)Andy Murray d. (3)Djokovic 6-3 7-6(3)
2008 Monte Carlo Masters Clay R16 (3)Djokovic d. (14)Andy Murray 6-0 6-4
2007 Miami Masters Hard SF (10)Djokovic d. (12)Andy Murray 6-1 6-0
2007 Indian Wells Masters Hard SF (12)Djokovic d. (13)Andy Murray 6-2 6-3
2006 Madrid Masters Hard R16 (15)Djokovic d. Andy Murray 1-6 7-5 6-3

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza5 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement