Mi chiamo Seppi e così ti annullo il match point!

Italiani

Mi chiamo Seppi e così ti annullo il match point!

La straordinaria vittoria ai danni di Kyrgios nasce da questo dritto scagliato sullo svantaggio di 8-7. Si può annullare una palla del match con più coraggio?

Pubblicato

il

 
 

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Wimbledon, Sonego verso Nadal: “L’erba mi può aiutare e sul Centrale ho già giocato”

Le speranze dell’azzurro verso il big match contro il campione maiorchino di sabato: “Qui difendere non conviene a nessuno, non si può attendere l’errore dell’avversario”

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Wimbledon 2022

Una bella vittoria contro Hugo Gaston, tra una veronica a concludere uno scambio da cineteca e il sostegno dei tifosi italiani, per confermare di trovarsi molto bene sull’erba. Lorenzo Sonego centra il terzo turno per il secondo anno consecutivo ai Championships: l’anno scorso si fermò in ottavi contro Roger Federer, quest’anno sulla sua strada c’è l’altro totem di questo sport, Rafa Nadal, a livello di terzo turno. Peccato che l’edizione attuale non assegni punti, perché il torinese scivolerà intorno alla 70esima posizione del ranking ATP. Ma il torneo di Londra gli sta dando morale e autostima per andarsi a riprendere i punti in seguito.

Intanto, c’è una partita importante da giocare. “Sì, Nadal qualcosina ha vinto… – sorride Lorenzo dopo il match contro Gaston ai microfoni di Repubblica -. Servirà una prestazione pazzesca. Ma forse l’erba è la superficie migliore per incontrarlo. Dovrò sicuramente essere molto aggressivo con servizio e dritto. Su questa superficie essere attendisti non conviene a nessuno e mi trovo bene perché la palla salta meno, me la trovo ad altezza fianco per il rovescio, preferisco così per giocarlo piatto. Mi può aiutare anche il fatto di aver giocato sul Centrale l’anno scorso contro Federer, almeno un pochino di esperienza ce l’ho”.

Sonego, che ha incassato gli elogi da parte del campione maiorchino, spiega la filosofia con cui sta approcciando questo torneo: “Puntare sul servizio e dritto è fondamentale. Sono le armi principali del mio gioco e devo farle valere. A questo livello aspettare non si può, chi prende in mano il gioco per primo è avvantaggiato”. Infine, un pensiero all’amico Matteo Berrettini. “Ha fatto la scelta giusta con il ritirarsi, ha dimostrato ancora una volta di essere corretto. Non tutti avrebbero fatto lo stesso”.

 

Continua a leggere

evidenza

Wimbledon, Sinner: “Io guardo me stesso, non se la gente segue più me o Matteo”

Sinner e le 52 discese a rete: “Proverò a farlo anche sul cemento”. Su Berrettini: “Mi spiace, era uno dei favoriti”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Wimbledon Credit- AELTC:Jon Super

Dei due italiani scesi in campo ieri mercoledì, solo uno è ancora in corsa a Wimbledon (considerando la sconfitta di Cocciaretto), ma dalle parole che ha detto sembra essere in forma sia fisicamente che mentalmente. Si tratta ovviamente di Jannik Sinner che nel secondo turno ha battuto lo svedese Mikael Ymer per 6-4 6-3 5-7 6-2, e venerdì affronterà John Isner per la terza volta; 1-1 i precedenti. L’attuale n.13 del mondo ha parlato in conferenza stampa dopo la sua vittoria – rispondendo in inglese, italiano e tedesco – facendo qualche considerazione sul suo prossimo avversario (“Spero di leggere il suo servizio, non ci sarà ritmo nel match”), confermando l’aggiunta di discese a rete nel suo nuovo bagaglio tecnico (“Proverò a metterlo in campo anche sul cemento“), fino a spendere due parole sull’amico e collega Berrettini su domanda del direttore Scanagatta (“Mi dispiace per Matteo perché la sua stagione non è stata sicuramente fortunata“).

D. Se affronterai John Isner, cosa pensi della sfida?

JANNIK SINNER: Beh, è ​​sicuramente una partita molto, molto dura, specialmente qui sull’erba. Serve bene. Spero di leggere un po’ il suo servizio, ma è una delle sfide più difficili, rispondere il servizio di John, quindi sì, sarebbe una partita molto difficile. Ci sono sicuramente dei momenti importanti specialmente quando sta servendo, quindi di sicuro farò del mio meglio. Non avrò tanto ritmo, quindi vediamo.

 

D. Cosa ricordi di più della tua ultima partita con lui?

JANNIK SINNER: Ricordo di aver risposto bene lì. Ma la Coppa Davis è un po’ diversa, infatti l’anno scorso ho perso contro di lui a Cincinnati in tre set, quindi come ho detto, mi aspetto una partita difficile, e spero di potermi preparare a dovere. Come ho detto, spero di leggere un po’ il suo servizio.

In italiano

D. Cosa puoi migliorare rispetto a oggi?

JANNIK SINNER: Sono concento per aver vinto due partite su erba per la prima volta, e oggi credo di aver giocato meglio rispetto al match con Stan. Quindi quello che potevo far meglio oggi (mercoledì) erano i punti chiave; ho avuto tante palle break (19 e 6 convertite, ndr), tante volte 0-30. Ci sono delle partite dove non si riesce a brekkarlo più volte ma alla fine posso essere contento della reazione nel quarto set.

D. Risulta che sei andato a rete 53 volte vincendo 38 punti; avete cambiato qualcosa nell’approccio?

JANNIK SINNER: Sì, è sicuramente una parte che stiamo provando a migliorare; andare di più a rete. Ovviamente su erba è un po’ più semplice però proverò a metterlo in campo anche sul cemento, perché secondo noi è una cosa importante per me. Quello che aiuta è che se servi meglio la prima palla, poi quella dopo è un pochettino più corta e si può andar subito, però in generale mi sto sentendo meglio a rete e anche lo slice va meglio. Quindi il lavoro che stiamo facendo è quello giusto e proviamo ad andare avanti.

D. Con il fatto che Berrettini sia fuori, ora tutti i riflettori sono puntati su di te. È una cosa che ti crea mezzo problema in più o se tutto sommato preferivi stare più in penombra?

JANNIK SINNER: Beh, innanzitutto mi dispiace per Matteo perché la sua stagione non è stata sicuramente fortunata. Io guardo me stesso, non se la gente guarda più me o Matteo, non sono il tipo. Sicuramente lui era uno dei favoriti a vincere qua perché ha vinto tanti tornei su erba, tante partite prima di venire qua, e ha giocato bene subito dopo l’infortunio. Ci siamo scritti quando mi ero ritirato io al Roland Garros, perché a noi due non ci stava andando molto bene, purtroppo a lui gli è risuccesso. Questa volta ancora non gli ho scritto perché è una situazione un po’ diversa e non voglio entrare.

D. Piano piano stai facendo strada in questo torneo. Cos’è che ti sta piacendo di più in generale?

JANNIK SINNER: È sicuramente lo Slam che conoscevo di meno, ci ero stato poche volte. È tutto molto comodo; abbiamo preso una casa vicino e giriamo praticamente a piedi; si sta molto bene, qualche volta c’è vento altre pioggia ma fa parte di Londra. Stanno facendo tante cose belle qui. C’è anche l’indoor che mi hanno detto essere nuovo. Tutto alla perfezione, sembra di essere in paradiso ed è sempre un onore scendere in campo a Londra.

Continua a leggere

Flash

Wimbledon, Sonego sul ritiro Berrettini: “Scelta rispettabilissima, altri potevano far finta di niente”

“Matteo ha rispettato gli altri, è un bellissimo gesto” confida Lorenzo Sonego. “Un bel passo avanti” dopo la vittoria su Kudla

Pubblicato

il

Dopo la recentissima sconfitta al torneo del Queen’s, Lorenzo Sonego ha battuto l’americano Denis Kudla, un osso duro sull’erba, al quinto set 6-7(6) 6-3 7-5 4-6 6-2 (qui la cronaca), raggiungendo il secondo turno a Wimbledon. Nell’intervista post-partita ha parlato del match (“Un bel passo avanti”) e delle difficoltà del primo set, che avrebbero potuto indirizzare la sfida in tutt’altro modo, del suo prossimo avversario Hugo Gaston (“Giocatore fastidioso e di talento”), e della questione Berrettini, che ha lasciato il torneo dopo la positività al covid. “La cosa che ha fatto Matteo è rispettabilissima perché magari altri giocatori in quelle condizioni possono anche far finta di niente

EDITORIALE: Mi manca Berrettini. E manca anche a Sinner. Nadal dritto in finale? 15 le “vittime” di primo turno. Serena Williams out ma non per sempre

D. Finalmente dopo due tentativi hai vinto con Kudla.
SONEGO. Sono stato bravo a reagire subito dopo un primo set così tosto, rocambolesco e fortunato, con qualche errore di scelte nel tiebreak, anche un challenge chiesto dopo aver risposto bene, qualche abbaglio. Però comunque bene contro un giocatore fastidioso sull’erba, uno dei migliori secondo me su questa superficie. Quindi per me un bel passo avanti; ci avevo perso al Queen’s anche giocando bene e vincere oggi non era per nulla scontato.

 

D. Cosa hai fatto meglio rispetto alla partita di due settimane fa? 
SONEGO: Sicuramente il servizio mi ha reso tanto oggi. Ho palleggiato bene, cambiavo spesso il ritmo, in lungolinea, perché stare spesso sulla diagonale del rovescio con lui è molto pericoloso; ho usato il back nel modo giusto per variare le altezze e lui ha fatto qualche errore in più.

D. Dopo esser stato avanti due set a uno, quando sei arrivato al quinto che cosa hai pensato?
SONEGO: Mi sono fermato un attimo, sono andato in bagno e ho detto ‘devo dare tutto quello che ho’, e poi vada come vada. Lui è un giocatore molto forte su questa superficie, era 50 e 50.

D. Cosa mi dici del tuo prossimo avversario? Hugo Gaston battuto due volte su due.
SONEGO: Tutte e due al terzo, due partite estremamente complicate. Lui è un giocatore molto fastidioso sulle superfici rapide, di grandissimo talento, ha una mano incredibile.

D. Oggi (martedì) c’è stata la notizia della positività di Berrettini. Che cosa vi hanno detto gli organizzatori del torneo sulle procedure covid, se ce n’è una. Cosa succede se qualcuno di voi si ammala? Cosa vi hanno detto?
SONEGO: Questo non lo so. Penso che ogni giocatore… non credo che ci siano ancora regole legate al covid adesso, però penso che ogni giocatore debba preservare sia la sua che la situazione degli altri. E la cosa che ha fatto Matteo è rispettabilissima perché magari altri giocatori in quelle condizioni possono anche far finta di niente e presentarsi lo stesso in campo. Lui ha rispettato gli altri e questo è un bellissimo gesto. È una bellissima cosa che dovrebbero dare tutti i giocatori.

D. Pensi che il torneo avrebbe dovuto mantenere dei controlli? Per rispetto verso di voi visto che il virus è ancora in giro.
SONEGO: Ora come ora penso sia più una decisione che deve prendere il singolo giocatore per rispettare gli altri. Ora per fortuna le regole sono meno restrittive di prima, però è una cosa che deve partire dal giocatore.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement