WTA: Praga-Rabat-Madrid è l'asse del caos

Focus

WTA: Praga-Rabat-Madrid è l’asse del caos

Alla povera Ostapenko consigliamo di scrivere una letterina alla WTA: per lei quattro partite in due giorni, ma ha alzato bandiera bianca. L’Oscar però è di Hantuchova

Pubblicato

il

Anche se per motivi differenti, la giornata di venerdì ha prodotto un buon numero di disservizi e stravolgimenti nei tabelloni – e nelle entry list – dei tornei femminili del mese di maggio. Se il ritiro di Aga Radwanska dal torneo di Madrid (a tabellone compilato) è imputabile essenzialmente alla sfortuna – a meno di credere che le immani fatiche del Tie Break Tens siano state galeotte – altre tenniste avrebbero di che recriminare, soprattutto di alcune disposizioni discutibili dei regolamenti WTA.

Partiamo dalla nostra Sara Errani, sconfitta venerdì nella semifinale del WTA International di Rabat da Anastasia Pavlyuchenkova. Nella stessa giornata hanno preso il via le qualificazioni del Premier Mandatory di Madrid – mica un torneino – a cui Sara è iscritta, non avendo diritto per classifica ad accedere al tabellone principale. La “clemenza” degli organizzatori madrileni ha concesso all’azzurra un giorno di tolleranza, programmando il suo match contro Pauline Parmentier nella mattinata di sabato (ore 12:30 circa): comunque meno di 24 ore dopo l’uscita dal campo di Rabat, avvenuta nel primo pomeriggio di venerdì. Aggiungiamo 1h e 30m di volo, che immaginiamo Sara avrà prenotato in fretta e furia dopo aver archiviato la sconfitta. Promemoria: per accedere al main draw di Madrid servono due vittorie, non una. E il tabellone principale parte già sabato, quindi a Sara toccherebbe quasi sicuramente il doppio impegno.

Nessuno scrolling frettoloso su siti di prenotazione biglietti aerei invece per Mona Barthel, finalista a Praga, anche lei iscritta al torneo di qualificazione di Madrid. La tedesca avrebbe dovuto affrontare Saisai Zheng venerdì pomeriggio ma la sua rimonta vincente su Barbora Strycova ha sciolto il problema: niente volo per Madrid, Zheng si trovi pure un’altra avversaria, si resta in Repubblica Ceca a giocarsi la settima finale in carriera. L’ultima due anni fa in Lussemburgo, probabile che Barthel non avesse neanche considerato l’eventualità. Vinca o perda il torneo, adesso, dovrà comunque rinunciare a calcare i campi della Caja Magic di Madrid.

 

Proseguiamo quindi con Jelena Ostapenko, classe ’97, che magari avrebbe anche tutte le energie del mondo da riversare su un campo da tennis. Ma non sarà un po’ troppo chiederle di disputare 4, dicasi quattro incontri in due giorni? Se Errani è stata sfortunata in un senso e Barthel in un altro, Ostapenko probabilmente è stata costretta a fronteggiare la situazione più grottesca. In campo giovedì per i quarti di finale a Praga contro Ana Konjuh il suo incontro è stato interrotto per oscurità. Ha ripreso a giocare venerdì (neanche in apertura di programma, ma al termine della prima semifinale vinta da Barthel), ha superato la sua avversaria ed è rientrata in campo neanche tre ore dopo per la semifinale contro Krystina Pliskova.

La povera Jelena, costretta a un MTO per non cadere a pezzi

Stremata, ha ovviamente ceduto il passo alla padrona di casa. Come per Errani i “clementi” organizzatori di Madrid le hanno concesso di scendere in campo sabato (contro Maria Sakkari), e sembrava pronta a farlo, salvo comunicare in serata la decisione di rinunciare a competere. Al suo posto nell’ordine di gioco figura un altrettanto grottesco TBA, to be announced: chissà contro chi si ritroverà a giocare domani Sakkari, magari la lucky loser dell’ITF di Lleida. O forse Barthel, chissà che non le torni comodo come defaticante dopo la finale di Praga.

In silenzio anche la “signorina ctrl+v” Vikhlyantseva ha dovuto patire le pene della Caja Magica, perché dopo aver perso a Praga nella giornata di mercoledì non è riuscita a rimettersi in forza in tempo per concludere il suo match di qualificazione contro Donna Vekic, abbandonandolo quando era sotto 6-2 3-0. Molto meno giustificabile la bella ma colpevole Daniela Hantuchova, arrivata a Madrid con largo anticipo – come testimonia la foto in testa al pezzo – per disputare le qualificazioni a cui aveva diritto grazie a una wild card. La slovacca ha inspiegabilmente dato forfait prima di affrontare Shelby Rogers, lasciando che a perdere fosse la prima delle alternates Bethanie Mattek-Sands e che l’invito andasse sostanzialmente perso. Potrebbe non riceverne altri, dovesse diffondersi la voce.

Ma a parte le peripezione di -eva e -ova, le disavventure del trio Errani-Barthel-Ostapenko costituiscono una pesante spada di Damocle sulla WTA intera e sui suoi precetti organizzativi. Scegliere di far iniziare il torneo femminile di Madrid al sabato nonostante siano in corso ben due altri tornei, pur sapendo che i tornei di categoria Premier (così come gli Slam) non permettono la scappatoia dello Special Exempt, appare molto discutibile. Si tratta di un’eccezione riservata ai tennisti che dovrebbero disputare le qualificazioni di un torneo ma al momento della compilazione del tabellone si ritrovano impegnati in un’altra competizione, e vengono esentati dall’affrontare il torneo cadetto per ritrovarsi direttamente nel tabellone principale. Il regolamento WTA prevede SE soltanto per i tornei di categoria International, e soltanto – questo è ovviamente lecito – previa adeguata richiesta pervenuta entro la scadenza e approvata dal Supervisor del torneo.

Insomma, si tratta di un caos probabilmente prevenibile. L’ATP ad esempio permette l’utilizzo dello SE in tutti i tornei ad eccezione degli Slam, a patto di rispettare i criteri di eleggibilità (una richiesta di SE per un Masters 1000, ad esempio, può arrivare solo da chi sia in corsa in un altro 1000, in un ATP 500 o in uno Slam). Di certo la colpa più grave è quella di sovrapporre l’inizio di un torneo così importante come quello di Madrid con le fasi finali di altri seppur di grado minore. Ottenendo l’ovvio risultato di costringere le atlete a “scegliere” una strategia nell’impossibilità di competere appieno nelle due competizioni. Del resto abbiamo visto in campo maschile come basti la vicinanza di due tornei per renderli quasi incompatibili. Figurarsi sovrapporli.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open: Halep va come un treno, Kontaveit maratoneta vincente

La rumena impartisce un duplice 6-4 a Mertens e approda ai quarti. Non ha concesso un set dall’inizio del torneo. Sfiderà la 25enne estone che è dovuta rimanere in campo oltre due ore e mezza per sconfiggere la giovane Swiatek

Pubblicato

il

Simona Halep - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Simona Halep fa sul serio a questi Australian Open. E, negli ultimi due anni, quando la rumena è arrivata in forma ad uno Slam, in pochissime sono riuscite a fermarla. Dall’inizio del torneo non ha concesso nemmeno un set alle sue avversarie. Ma se nei primi tre turni dall’altra parte della rete si era trovata di fronte tenniste ben meno attrezzate di lei, la sfida di ottavi di finale contro la belga Elise Mertens, testa di serie n.16 e capace di sorprenderla nella finale di Doha dello scorso anno, si presentava sulla carta come particolarmente insidiosa. E invece così non è stato, con Halep che con un periodico 6-4 ha liquidato la pratica in poco più di un’ora e mezza di gioco. La campionessa di Costanza ha così staccato il biglietto per i suoi quarti quarti (si perdoni la ripetizione) di finale a Melbourne. È dovuta stare in campo un’ora di più Anett Kontaveit, testa di serie n.28, per domare le velleità della giovane polacca Iga Swiatek. Kontaveit è venuta a capo di un’autentica battaglia conclusasi 6-7 7-5 7-5. Il modo migliore per raggiungere i primi quarti Slam, dove affronterà per l’appunto Halep. 

Simona Halep – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

HALEP-MERTENS – È Halep a fare il primo strappo nel match. Avanti per 2 a 1 nel primo set, la rumena sfrutta la terza palla break e mette la testa avanti. Mertens però la riaggancia subito sul 3 pari. La belga però soffre tanto sul suo turno di servizio ed è costretta di nuovo a cedere nel nono gioco. Con il servizio a disposizione, nonostante qualche patema, la due volte campionessa Slam chiude il parziale. Rincuorata dall’avvio positivo, Halep si porta sul 3 a 0 pesante nel secondo set. Mertens però continua a crederci e recupera entrambi i break, fino al 4 parti. È ancora il nono gioco ad essere fatale per lei però. Halep vince il suo quinto turno di risposta e poi va a portare a casa il match. A fronte di un maggior numero di vincenti (36 a 21), la fiamminga paga un numero molto più alto di gratuiti, ovvero 38, contro i soli 8 di Halep. A dimostrazione di una prova solida da parte della n.3 del mondo. 

KONTAVEIT-HALEP – Match come detto pieno di emozioni quello tra Kontaveit e Swiatek. Primo set equilibratissimo con le due tenniste che si scambiano break e contro-break fino ad arrivare al tiebreak, dove a prevalere è la 18enne polacca per 7 punti a 4. Secondo parziale altrettanto tirato e apparentemente destinato a concludersi nuovamente al tiebreak. A scongiurare questa eventualità arriva un break decisivo nel dodicesimo gioco in favore della estone che riporta in parità il conto dei set. Sulle ali dell’entusiasmo, Kontaveit si invola sul 5 a 1 nel parziale decisivo. La partita sembra finita quando l’estone va servire per il match. Ma da lì inizia la risalita di Swiatek che, con uno scatto di orgoglio, conquista 4 giochi consecutivi. Il super tiebreak sembrerebbe il finale più giusto. Ma Kontaveit piazza sul 6-5 in suo favore il break che le permette di conquistare il match dopo oltre due ore e quaranta di gioco. A fare la differenza per lei è un pizzico in più di lucidità nelle palle break rispetto all’avversaria: 64% di trasformazione contro 37% di Swiatek.

L’estone, allenata da Kim Sears, suocero di Andy Murray, dovrà recuperare le energie in vista di un complicatissimo primo quarto Slam contro Halep. Non vedo l’ora di giocare contro Simona. È una grande tennista e dovrò mettere in campo il mio miglior tennis. Questo è poco ma sicuro. È molto consistente. Dovrò essere aggressiva per metterla in difficoltà”, ha detto in conferenza stampa. Nelle uniche due occasioni in cui si sono affrontate, entrambe nella stagione 2017, a Roma e Miami, non c’era riuscita, rimediando nove game in due partite. Ma in questi due anni è migliorata tanto. Così come Halep d’altro canto si è trasformata da perdente di lusso in tennista di vertice, capace di travolgere le avversarie con il suo forsennato ritmo da fondocampo. Ci sono tutte le premesse perché riesca a farlo ancora. 

Anett Kontaveit – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Il tabellone del torneo femminile (con i risultati aggiornati)

Continua a leggere

Focus

Stavolta Rafa elogia Kyrgios, che si smentisce il giusto. Con un pensiero a Kobe

Nadal non ha obiezioni: “Ha dato il suo meglio per tutta la partita, quando il suo atteggiamento è questo può giocarsela con chiunque”. Ma Nick: “Lo sapevo già e mi interessa di più essere cresciuto come essere umano. Bryant per sempre un esempio”

Pubblicato

il

Rafa Nadal supera lo scoglio, anche psicologico, rappresentato dal nemico giurato Nick Kyrgios e attracca ai quarti di finale dello Slam australiano. Lo fa con una prova al solito sostanziosa e convincente, battendo un rivale che ha dato tutto concedendo poco alle digressioni extra campo. Stacca il pass, per giunta, imponendo lo stesso identico score dell’ultimo precedente andato in scena a Wimbledon: seitre, tresei, settesei, settesei; eppure, ascoltando Nick, ma anche Rafa se è per quello, la sfida dal punteggio identico è stata molto più combattuta sotto il cielo di Melbourne.

Mi sono sentito molto più vicino a lui stavolta rispetto al match di Londra – ha dichiarato Kyrgios -, perché ho giocato meglio e avuto molte più occasioni. Sul quattro pari al terzo sono riuscito ad arrivare un paio di volte ai vantaggi sul suo servizio, e se avessi vinto quel set credo avrei avuto molte chance di vincere la partita“. Il problema, e chi meglio di Nick può saperlo, è la ferocia con cui il mostro dall’altra parte del net gioca i punti da cornicione. “Lui è un campione, è ovvio, ha giocato molto bene, servito molto bene, usato lo slice e variato i colpi molto bene. In più, cosa fondamentale, ha interpretato i punti decisivi meglio di quanto abbia fatto io“. Chissà cosa sarebbe successo, qualora le condizioni fossero state più inclini alle sue preferenze… “Il campo era lento in modo snervante, soprattutto quando è calato il sole. Negli ultimi tre set la palla non viaggiava e io dovevo rischiare l’impossibile per fargli punto. Già normalmente è difficile, perché lui ti fa giocare sempre una palla in più, così è davvero troppo“.

Sia come sia, l’incontro è girato su non moltissimi game, anche se Rafa, avendo le sue ragioni, ha a lungo avuto la sensazione di avercelo sotto controllo, il match. “Ho governato i miei turni di battuta abbastanza serenamente e per lunghi tratti mi è sembrato di poter controllare piuttosto bene. Il problema è quando serve lui: è uno dei migliori battitori del circuito ma a differenza degli altri specialisti gioca benissimo anche da fondo, quindi ti mette sotto pressione per tutta la partita“. Soprattutto, e Rafa è costretto a commentare il fatto per l’ennesima volta, se l’unico obiettivo dell’australiano è vincere una partita di tennis. “Ho già risposto due giorni fa alla stessa domanda e non ho cambiato idea. Se riesce a pensare solo alla partita, proprio come ha fatto oggi, diventa molto pericoloso perché ha un talento enorme e può giocarsela con tutti, in qualsiasi torneo”.

 
Rafa Nadal – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

La carineria viene riferita a Nick, il quale replica con modalità che non necessariamente stupiscono gli astanti. “Ringrazio Rafa, ma lo sapevo già. Lo so io e lo sanno tutti: il mio problema è mantenere un alto livello di concentrazione agonistica per più ore nella stessa partita e per più giorni nello stesso torneo. Ma ora mi sento motivato a proseguire su questa strada“. Soprattutto in un momento come questo, segnato da profondi rivolgimenti emozionali. “La situazione climatica e ambientale del mio Paese è ancora disastrosa, adesso l’attenzione si è spostata sul torneo e sembra che di problemi non ce ne siano più, invece poco è cambiato. Io ho provato e proverò a dare una mano per quanto sarò in grado di fare ma non per questo mi sento un eroe, mi sento solo molto triste“.

Perché l’atteggiamento di Kyrgios si può sezionare in mille modi e a volte se ne parla persino troppo, ma la sensibilità e il profondo istinto di solidarietà umana che permea il suo essere non dovrebbero essere in discussione. “Il periodo è nero. La notizia della morte di Kobe Bryant mi ha sconvolto. Non ho avuto il piacere di conoscerlo ma è stato un’icona dello sport, prima ancora che del basket. La pallacanestro è la mia vita, non passo una giornata intera senza guardare un match. Questa tremenda disgrazia mi ha dato un’ulteriore spinta per dare tutto me stesso in campo e credo che questa sensazione non mi abbandonerà“.

Nick Kyrgios con la canotta dei Lakers di Kobe Bryant – Australian Open 2020 (via Twitter, @atptour)

Rafa è ancora scottato dalle ultime vicende che lo legano al rivale appena battuto e non può concedere troppo agli elogi, ma le sue parole, oggi, hanno un altro sapore rispetto alle più recenti dichiarazioni in merito. “Io non ho mai avuto nulla contro Nick, contro il suo modo di essere imprevedibile e di interpretare le partite in modo inusuale. Ho avuto problemi con lui solo quando non ha reso giustizia al suo talento; quando con i suoi comportamenti non ha restituito una buona immagine del nostro sport. Ha il dovere di dare sempre il massimo, come ha fatto oggi, perché tutto il movimento ne gioverebbe. Io per primo mi diverto moltissimo a guardare le sue partite“. Kyrgios, com’è naturale, raccoglie fino a un certo punto. “Diventare un giocatore migliore non mi interessa, io voglio diventare un uomo migliore e credo che la strada sia quella giusta. Non avrei dovuto aver bisogno dei tremendi eventi sociali e umani che stiamo vivendo per diventarlo ma ognuno vive e segue il proprio percorso“. Che ci venga conservata una rivalità così.

Continua a leggere

Focus

Del ranking che non dice tutto e di Tennys Sandgren

Per essere forti nel tennis servono tre cose. Se le hai tutte e tre, sei Nadal. Se ne hai due sei Ferrer. Se ne hai soltanto una, ma sai giocartela bene, forse sei Tennys Sandgren

Pubblicato

il

Tennys Sandgren - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Mi chiedo come mai non abbia una classifica migliore, ad essere onesti. Ogni volta che lo vedo giocare mi sembra che lo faccia molto bene. Ha molte armi a disposizione e merita di stare più in alto“. A parlare così di Tennys Sandgren, che ha estromesso Fognini dall’Australian Open, è stato il suo avversario successivo, Roger Federer. Non uno qualsiasi.

Lo svizzero interpreta un pensiero condiviso e condivisibile sul conto del tennista del Tennessee. Nella biografia minima di Sandgren c’è un best ranking di numero 41 e un titolo nel circuito maggiore (Auckland 2019) con una finale persa (Houston 2018). Di continuità, però, dalle sue parti se ne trova pochetta. Dopo il titolo di Auckland dello scorso anno, per esempio, Tennys ha perso tutte le partite giocate fino ad aprile, quando ha deciso di tornare transitoriamente nel circuito challenger fino a metà maggio per recuperare vittorie e fiducia. Sembrerebbero le statistiche di un tennista piuttosto mediocre, eppure Sandgren ha giocato tre ottavi Slam, due dei quali convertiti in quarti di finale. Il secondo lo ha giocato e (incredibilmente) perso contro Federer stanotte. Insomma, il suo score si impenna vertiginosamente verso l’alto quando si analizzano i suoi risultati negli Slam, molto più di quanto il suo rendimento medio lascerebbe intuire.

In top 100 – che Tennys chiudeva nell’ultimo aggiornamento di classifica, occupando proprio l’ultimo posto disponibile – ci sono 43 giocatori che hanno almeno l’età di Sandgren e quasi la metà di loro (19) non ha mai giocato un quarto Slam. 16 di questi 19 giocatori (si escludono solo Bedene, Berankis e Travaglia) hanno un best ranking migliore di quello di Sandgren, un dato che ci indurrebbe – forse frettolosamente – a considerarli giocatori migliori dello statunitense. Ma è davvero così? Il ranking, pur essendo una misura discretamente efficace nel determinare il valore di un tennista in un determinato momento della sua carriera, quanto ci dice della sua forza effettiva?

 

Questa considerazione vuole andare oltre il semplice quanto ovvio assunto che Sandgren non vale la centesima posizione che occuperà ancora per pochi giorni. Per accorgersi di questo basta vederlo giocare pochi minuti e apprezzare il servizio efficace, il grande atletismo e le doti di tocco per nulla disprezzabili. In generale, è il caso che esistano dei giocatori in grado di esprimere un picco di rendimento che per una serie di motivi non si traduce in una continuità apprezzabile sul lungo periodo. Raggiungere i quarti Slam una volta può anche essere un caso, ripetersi (dopo aver giocato un altro ottavo a Wimbledon) non è più ascrivibile all’insieme degli eventi casuali. Soprattutto quando si ha un bilancio di 7 vittorie e 7 sconfitte contro top 20 che questa settimana è diventato addirittura un 5-2 negli Slam. Dove in teoria il livello dovrebbe salire, assieme alle difficoltà di battere i migliori giocatori del mondo.

C’è chi dice che i numeri, torturati a sufficienza, confesseranno qualsiasi cosa. È altresì vera la considerazione opposta, ovvero che i numeri bisogna saperli leggere. Tra i sette top 20 sconfitti in carriera da Sandgren c’è per esempio Cecchinato un anno fa a Auckland, rispetto al quale è ragionevole affermare che non abbia mai valso – né probabilmente mai varrà – le prime venti posizioni del mondo sul veloce. Ci sono anche Berrettini e Fognini (due volte!), battuti a distanza di pochi giorni questa settimana, che però sono due tennisti molto diversi. Potente, metodico e ‘leggibile’ il primo, estroso, imprevedibile e dal servizio più tenero il secondo. Sandgren si è adattato con profitto a entrambi i matchup, dimostrando di non essere soltanto il classico americano impostato per fare sempre la stessa cosa. Ma c’è di più, perché non è mai soltanto una questione di tennis (o di Tennys).

Tennys Sandgren – Australian Open 2018 (foto via Twitter, @AustralianOpen)

Perché so cogliere bene le occasioni? Forse perché non me ne sono capitate così tante” ha spiegato Sandgren in conferenza dopo aver battuto Fognini. “Forse non dovrei essere qui. Il fatto che io sia qui mi fa sentire un po’ su di giri e voglio andare oltre le mie possibilità. Voglio fare bene, non voglio dare per scontato il tempo che passo sul campo circondato da così tanti tifosi dopo aver giocato molte volte di fronte a poche persone. Questo mi fa tirare fuori il meglio“. Qualche minuto dopo questa interessante considerazione, ha contestualizzato meglio cosa intendesse con quel ‘forse non dovrei essere qui’. “Ho trascorso gran parte della mia carriera senza neanche poter annusare queste opportunità. Ci sono giocatori anche migliori di me, contro cui ho giocato in challenger o futures, che hanno smesso di giocare perché non ci stavano dentro economicamente o a causa di infortuni. Io ho avuto abbastanza fortuna da poter continuare a cullare il mio sogno, ma c’erano sicuramente molte possibilità che andasse diversamente. I margini per avere queste opportunità sono sempre molto stretti“.

La chiave, probabilmente, è qui. La vulgata sulla capacità di tenere alta la concentrazione per molte settimane come parametro principale per valutare un tennista forse ha distorto la nostra prospettiva di analisi. Essere mediamente più pronti, disporsi nella condizione di cogliere il maggior numero delle occasioni di cui parla Sandgren non significa che poi le si coglierà. Certo le probabilità sono maggiori, e infatti rimane il modo migliore di riuscirci. Quando però tutto è concentrato nei confini di un singolo match, quando tutto il lavoro che hai svolto nella tua carriera dovrebbe confluire nella capacità di vincere l’ultimo quindici di una partita, la dedizione è un validissimo alleato ma non basta. Serve un po’ di sfrontatezza, serve un istinto particolare, bisogna essere dotati di una forma di talento – sì, è talento anche questo – che consente di trasformare un’opportunità in una conquista. Oppure di azzerare le opportunità per gli altri, come Sandgren ha saputo fare con le cinque palle break di Fognini.

Talvolta passa qualcuno che a questo istinto sa unire una cultura del lavoro spaventosa e vanta un talento fuori dal comune, e ti conviene fermarlo e chiedergli un autografo perché sicuramente si tratta di Federer, Nadal o Djokovic. C’è chi ha istinto e cultura del lavoro ma è dotato di un talento ‘solo’ importante e non straordinario, come per esempio David Ferrer. E poi c’è chi, come Tennys Sandgren, a fronte di un talento normale e di una dedizione alla causa tennistica non certo nadaliana può vantare quell’istinto che non si insegna. La capacità di comprimere nevrosi e insicurezze per un istante e mandare quell’ultima palla sopra la rete, entro le righe e fuori dalla portata dell’avversario.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement