Keys non trova la chiave: arriva un altro allenatore

Flash

Keys non trova la chiave: arriva un altro allenatore

Lo staff di Madison Keys si arricchisce di un altro nome. È Dieter Kindlmann, ex sparring partner di Maria Sharapova

Pubblicato

il

Madison Keys fatica a ritrovare la sua forma migliore. Eliminata all’esordio a Madrid da Misaki Doi, appena quattro vittorie in stagione prima di questa, la statunitense non sembra per adesso in grado di mantenere i suoi propositi di consacrazione dopo l’operazione al polso che l’ha costretta a ritardare il suo ingresso in campo nel 2017. Nel Premier spagnolo Madison difendeva gli ottavi di finale della scorsa edizione, infatti a causa della sconfitta perderà il suo posto in top 10: quando la graduatoria verrà aggiornata con i punti di Madrid sarà almeno numero 13.

Per provare a invertire la tendenza Madison aggiungerà un nuovo membro nel suo staff, già parecchio soggetto a cambiamenti negli ultimi mesi. Si tratta di Dieter Kindlmann, ex sparring partner di Maria Sharapova. Non è però una bocciatura per Lindsay Davenport, con cui Keys aveva ricominciato a collaborare a fine 2016. L’ex n.1 del mondo continuerà ad affiancare la sua allieva negli Slam e in tutti i tornei statunitensi, dove per lei è più semplice conciliare la sua intensa vita familiare – ben quattro figli – con la professione di allenatrice.

A Kindlmann toccherebbe il lavoro più ingente, seguire Keys giorno per giorno che sembrerebbe essere la vera esigenza della statunitense in questo momento. “Ho bisogno di qualcuno che sia con me al 100%, tutto il tempo. Ho conosciuto Dieter per un paio d’anni, non nei dettagli ma apprezzo molto il suo lavoro. Il mio manager Max (Eisenbud, lo stesso di Sharapova ndr) lo conosce molto bene. Dopo i primi due allenamenti avevamo già un ottimo feeling. Lui è molto bravo a scuotermi quando mi manca intensità, sono queste le piccole cose a cui devo dare importanza”.

 

Credo che non mi abbia fatto bene rientrare a Indian Wells con una buona prestazione (ottavi di finale, sconfitta da Wozniacki) perché ho pensato di essere tornata al 100%, di aver ripreso da dove avevo lasciato. Sfortunatamente non è stato così. Forse sono rientrata troppo presto, ero stanca di allenarmi tutto il tempo e avevo bisogno di ritornare in campo. Probabilmente mi serviva un altro po’ di tempo“.

Anche se non si tratta di un vero e proprio avvicendamento – come detto Kindlmann non sostituirà nessuno – va aggiornata la lunga lista di coloro che hanno preso post nel box di Madison Keys negli ultimi due anni. Dopo aver mollato Davenport a fine 2015 non sono stati affatto fruttuosi tentativi con Jesse Levine prima e Mats Wilander poi, prima di affidarsi al più esperto coach svedese Thomas Hogstedt la cui collaborazione, conclusa a fine 2016, aveva favorito il ritorno della stessa Davenport. Adesso Kindlmann, con Davenport ancora in sella. Durerà?

 

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Challenger: a Oeiras 2 vince Pedro Cachin. A Spalato, Blaz Rola si aggiudica il derby sloveno

In Portogallo il miglior italiano, Gian Marco Moroni, si ferma ai quarti di finale al cospetto del vincitore

Pubblicato

il

Pedro Cachin

Sul delizioso centrale di Oeiras, l’argentino Pedro Cachin (n.336 ATP) si è aggiudicato il Challenger 50 portoghese, superando in finale (7-6 7-6) il padrone di casa Nuno Borges (n.378 ATP), al termine di un match abbastanza interessante, al netto di qualche momento un po’ confuso, soprattutto nella seconda parte.

Il primo set fila via liscio, senza nemmeno una palla break, fino al tie-break che Cachin vince lasciando l’avversario a quattro punti. Il secondo parziale perde ogni linearità e si trasforma in una sorta di rissa da strada, con ben tre break a testa e il servizio che diventa un’opzione del tutto marginale. Solo il tie-break rimane uguale al precedente, con la facile vittoria dell’argentino che lascia non più di tre punti a Nuno Borges. Dopo due ore di gioco, l’argentino alza così il suo secondo trofeo Challenger, a sei anni di distanza da quello di Siviglia, mentre il portoghese, ex n.1 di Mississippi State, si consola con il nuovo best ranking al n.332 ATP. 

La corsa di Gian Marco Moroni si era fermata ai quarti di finale, battuto (6-3 2-6 6-4) dal futuro vincitore, al termine di una partita strana in cui il romano ha sempre dato l’impressione di poter prevalere, senza però che questa sensazione fosse mai corroborata dai fatti. Cachin infatti è rimasto solido e ha ben sfruttato le sue occasioni con due break, uno nel primo e uno nel terzo set, che sono risultati decisivi. Fondamentalmente sterile il dominio di Jimbo nel secondo parziale. 

 

SPALATO – Nella finale del Challenger 80 di Spalato derby sloveno tra il 34enne Blaz Kavcic (n.238 ATP) e il mancino Blaz Rola (n.165 ATP), di quattro anni più giovane. È quest’ultimo a trionfare (2-6 6-3 6-2) al termine di un incontro non proprio entusiasmante.

Inizia bene Kavcic che nel terzo gioco ottiene il break, che replicherà nel settimo game. Nel secondo set stesso copione ma a ruoli invertiti: è Rola che nel secondo game strappa il servizio e il vantaggio gli sarà sufficiente per approdare al parziale decisivo. I due giocano esattamente allo stesso modo: pressione da fondo in attesa dell’errore dell’avversario. Talmente uguali che si distinguono giusto perché uno è mancino. È pura illusione attendersi un cambio di ritmo, una palla corta o una discesa a rete. Così nemmeno il terzo set offre particolari emozioni, anche perché Kavcic sembra un po’ in riserva e Blaz Rola finisce per recitare un monologo. Con tre break, dopo oltre due ore di partita, pone fine a ogni discussione e solleva il trofeo, il quinto in carriera. 

Continua a leggere

Flash

Quote lunedì 12 aprile: pronostici aperti per Fognini, Musetti e Cecchinato

Favoritissimo Caruso contro il monegasco Catarina, servirà un’impresa a Fabbiano contro Hurkacz. Debutti tosti per Auger-Aliassime e Dimitrov

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Sarà subito un lunedì intenso quello in programma a Montecarlo con i primi turni del Masters 1000, in particolare per i tifosi italiani, con ben cinque azzurri da seguire.

Il detentore del titolo Fabio Fognini ricomincia da un altro serbo (aveva vinto due anni fa in finale su Lajovic), affrontando il ventunenne Miomir Kecmanovic: curiosamente i due arrivano al match con lo stesso bilancio stagionale di 7 vittorie e 7 sconfitte, e per i bookmakers il ligure è leggermente favorito a 1,77 in virtù di uno stato di forma incerto, confermato dalla veloce sconfitta contro Munar a Marbella, mentre il giovane avversario in stagione può vantare una semifinale sul rosso a Buenos Aires. Di poco indietro nei pronostici è Lorenzo Musetti, in tabellone con una wild card e atteso dalla sorpresa della stagione Aslan Karatsev, semifinalista agli Australian Open e vincitore del torneo di Dubai: vale 2,10 il successo del carrarese contro il russo, al debutto stagionale sulla terra rossa.

C’è invece il tedesco Dominic Koepfer, già semifinalista ad Acapulco quest’anno, sulla strada di Marco Cecchinato, autore di un inizio di stagione negativo ma di poco favorito a 1,75 da Snai, mentre sembra agevole l’impegno per l’altro siciliano Salvatore Caruso (1,13), qualificatosi con due belle vittorie su Klizan e Tomic, contro il tennista di casa Lucas Catarina, numero 341 ATP. Per Thomas Fabbiano (quota 5) l’avversario è Hubert Hurkacz, reduce dal trionfo di Miami, già battuto però nell’unico precedente, risalente alle qualificazioni di Montreal 2017.

 

Prima uscita sotto la guida di Toni Nadal per Felix Auger-Aliassime, atteso dallo specialista cileno Cristian Garin, già vincitore quest’anno del torneo di casa a Santiago e sfavorito a 2,20, in un match che vede una vittoria a testa nei due precedenti, entrambi su terra nel 2019. Si sono già incontrati due volte a Montecarlo Grigor Dimitrov (1,55) e Jan-Lennard Struff, con una vittoria per parte, mentre è recentissimo l’unico scontro diretto fra Jeremy Chardy (1,77) e Alexander Bublik, terminato con il successo del kazako nella semifinale di Antalya di inizio anno, torneo poi vinto da Alex De Minaur, oggi sfavorito a 2,20 contro l’iberico Alejandro Davidovich Fokina.

Scende in campo anche il finalista dell’ultima edizione Dusan Lajovic, preferito dai quotisti a 1,55 sull’inglese Daniel Evans (che però ha vinto l’unico precedente di Roma ’19), cosi come Ugo Humbert favorito a 1,50 da Bet365 sull’australiano John Millman, uscito vincitore a Melbourne l’anno scorso nell’unico confronto con il francesino. Per concludere, quote in equilibrio nei match che vedono sfidarsi Guido Pella e Lucas Pouille (di poco avanti l’argentino) da un lato e i coetanei Tommy Paul e Pedro Martinez Portero dall’altro.

Luca Chito
***Le quote sono aggiornate alle 21 di domenica 11 aprile e sono soggette a variazione

Continua a leggere

Flash

Quote antepost Montecarlo: favoriti Nadal e Djokovic, il bis di Fognini sembra utopia

Vale 1,85 il dodicesimo successo del maiorchino nel Principato. Un’altra finale per Sinner pagherebbe 12, addirittura 66 una riconferma di Fognini

Pubblicato

il

Rafael Nadal - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Parte a Montecarlo il secondo Masters 1000 stagionale, dopo il successo di Hubert Hurkacz a Miami sul nostro Jannik Sinner. Ci saranno questa volta due dei Fab 3, e chiaramente le quote ne risentono – soprattutto se si gioca sulla terra e uno di questi è Rafa Nadal, già vincitore ben undici volte del torneo monegasco e favorito d’obbligo per Snai a 1,85. Per lo spagnolo, assente dai campi dalla clamorosa rimonta subita a Melbourne da Tsitsipas, un accesso in finale vale solamente 1,50, quello alla semifinale 1,25 (nel suo quarto di tabellone le uniche insidie sembrano Rublev e Bautista-Agut). Secondo candidato alla vittoria del torneo è Novak Djokovic (3,75), ristabilitosi dall’infortunio agli addominali che non gli aveva impedito di vincere gli Australian Open, ma che lo ha costretto lontano dei campi per un paio di mesi. Sono due le vittorie in carriera a Montecarlo per il serbo, nelle edizioni 2013 e 2015, durante le quali ha battuto Nadal (impresa riuscita nelle ultime sedici edizioni solo a lui, a Fognini lo scorso anno e a David Ferrer). La finale di Djokovic pagherebbe 1,95.

Dietro di loro c’è il gruppone degli antagonisti, capeggiato da Daniil Medvedev (quota 15 su Eurobet), seguito da Stefanos Tsitsipas (17), Sascha Zverev e Andrey Rublev (23), Diego Schwartzman (29). Per gli amanti delle sorprese, pagherebbe 81 volte la posta un successo di Aslan Karatsev, 151 un bis 1000 di Hubert Hurkacz o un exploit di Felix Auger-Aliassime ‘grazie’ al nuovo coach Toni Nadal.

Capitolo italiani: il sorteggio non è stato molto clemente, a partire da Jannik Sinner (33 per Snai) che dovrebbe incrociare Djokovic al secondo turno; in caso di miracolo dell’altoatesino, ci sarebbe comunque nel suo quarto di finale gente del calibro di Zverev o dell’ex finalista Dusan Lajovic (mentre sarà un altro ex finalista, Albert Ramos-Vinolas, il suo avversario al debutto), o le mine vaganti Marton Fucsovics e Hubert Hurkacz. Una semifinale per Jannik vale 6,50, mentre una qualificazione alla finale 12. Nello stesso quarto troviamo anche un caldissimo Lorenzo Sonego, il cui successo finale pagherebbe 151, una finale 40 e una semi 25.

 

Il campione in carica Fabio Fognini si presenta in uno stato di forma non ottimale, reduce da tre sconfitte in quattro incontri nell’ultimo mese e da un deludente debutto sulla sua amata terra rossa a Marbella, dove ha raccolto la miseria di tre games contro Jaume Munar. Teoricamente sarebbe in un quarto di tabellone abbordabile, che presenta Medvedev e Schwartzman favoriti (2,75 e 4,50), ma i bookmakers di Snai non sono fiduciosi e danno un suo bis a 66, addirittura a 10 una semifinale.

Si rivedrà anche Matteo Berrettini, sorteggiato dal lato di Tsitsipas e quotato a 75 come vincitore finale; sarà importante tornare a respirare di nuovo l’aria del campo per il romano, fermo per il problema agli addominali che lo costrinse al ritiro proprio prima del match contro il greco a Melbourne. Infine Lorenzo Musetti, in tabellone con una wild-card ma che un’urna non benevola ha accoppiato subito contro Karatsev, per poi eventualmente trovare proprio Tsitsipas: un clamoroso exploit del carrarese vale 125 in media. 

Luca Chito
***Le quote sono aggiornate alle 13 di domenica 11 aprile e sono soggette a variazione

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement