Margaret Court ci ricasca, altri commenti contro i matrimoni gay

Flash

Margaret Court ci ricasca, altri commenti contro i matrimoni gay

Con una lettera aperta l’ex tennista australiana sottolinea la sua intenzione di boicottare la compagnia aerea Quantas, rea di aver offerto il proprio supporto ai matrimoni tra coppie dello stesso sesso

Pubblicato

il

Margaret Court non sembra minimamente preoccupata che il suo record di 24 Slam possa essere battuto, anzi al momento sembra che le sue priorità esulino completamente dallo sport e siano più centrate sulla politica. Come più volte ha voluto sottolineare, lei sin da piccola è stata cresciuta seguendo gli insegnamenti cattolici e questo ha avuto una profonda influenza sulla sua visione del mondo, anche una volta raggiunta l’età adulta. Ora che ha 74 anni, e da tempo ormai si è avvicinata al Pentecostalismo, fa il possibile per sostenere i suoi ideali e diffondere le sue parole, anche se spesso può sembrare fuori dal coro. Già nel 2002 intraprese una campagna contro una proposta di legge, poi portata a termine dal Government of Western Australia, che garantiva alle coppie dello stesso sesso di avere diritti uguali a quelli delle altre coppie, e nel 2011 la tre volte campionessa di Wimbledon aveva parlato pubblicamente opponendosi alle intenzioni del governo di legalizzare il matrimonio tra coppie omosessuali.

Questa volta a far scaturire in lei la voglia di rilasciare dichiarazioni è stata Qantas, la compagnia aerea di bandiera australiana, nonché la terza più antica del mondo, che per voce del suo CEO, Alan Joyce, aveva espresso il suo supporto nei confronti dei matrimoni tra persone dello stesso sesso. L’ex tennista ha espresso il suo risentimento in una lettera aperta pubblicata da un quotidiano australiano, dove sottolinea anche la sua intenzione di boicottare i voli di Qantas. “Come voi saprete, io ho rappresentato l’Australia molte volte e sono orgogliosa di non aver mai perso un match di tennis giocando per il mio paese. Sono delusa del fatto che Qantas è diventata una sostenitrice dei matrimoni dello stesso sesso. Io credo nel matrimonio come unione tra un uomo e una donna, come scritto nella Bibbia. Il vostro comunicato non mi lascia altra scelta che, per quanto possibile, optare per altre compagnie durante i miei viaggi. Com’è stato bello promuovere la coda di canguro (simbolo della compagnia, ndr) durante tutti questi anni, ma adesso non sarà più possibile. Io amo tutte le persone e sarà un piacere conversare con la gente in qualunque momento, ma non sarà in una sala d’attesa della Qantas. Che Dio vi benedica”.

Ovviamente questa presa di posizione così forte e anacronistica ha lasciato molte persone sorprese e non sono mancate le polemiche soprattutto tra i suoi compatrioti. In una successiva apparizione televisiva ha ribadito di nuovo il concetto, esprimendolo in maniera ancora più concisa e diretta: “Io non ho niente contro le persone gay, ma semplicemente non toccate il matrimonio”.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Le ATP Finals di Torino fanno il tutto esaurito

Finiti tutti i biglietti normali per le Finals di Torino, ancora disponibili invece per le Next Gen di Milano

Pubblicato

il

Ottime notizie dai botteghini delle ATP Finals, che quest’anno si svolgeranno per la prima volta in Italia a Torino. La FIT ha comunicato sul suo sito che non sono più disponibili alla vendita i biglietti “normali” per le Finals, con le uniche opzioni rimaste nei Corporate Hospitality e nei servizi “Incoming & Experience”. Il Pala Alpitour di Torino sarà quindi tutto esaurito per la kermesse tennistica di fine stagione, in programma dal 14 al 21 novembre 2021. Un grande successo a livello di presenze, visto che è la prima edizione italiana, aiutata anche dalla quasi sicura presenza di Matteo Berrettini negli 8 di fine stagione e in generale dal grande boom di interesse del tennis in Italia.

Discordo diverso per le Next Gen ATP Finals di Milano, per cui sono ancora disponibili biglietti. Le finali per i migliori giovani del circuito ATP si svolgeranno una settimana prima dell’evento torinese, al Allianz Cloud di Milano tra il 9 e il 13 novembre. Al momento sono quasi sicuramente qualificati Jannik Sinner, campione in carica, e Lorenzo Musetti, quarto nella race dei Next Gen. Dovessero confermare entrambi la loro partecipazione potrebbero essere addirittura tre gli italiani presenti alle Finals, con Flavio Cobolli numero 16 della Race e probabile wild card designata dalla FIT. Informazioni più dettagliate sugli eventi si possono trovare sui siti di ATP Finals e Next Gen.

Continua a leggere

Flash

Olimpiadi Tokyo 2020: Pavlyuchenkova e Rublev battono Vesnina e Karatsev nella finale del doppio misto

La finale tra le due coppie russe vede la vittoria di Rublev e Pavlyuchenkova, che superano in un tie-break finale thriller Vesnina e Karatsev

Pubblicato

il

Andrey Rublev e Anastasja Pavlyuchenkova - Olimpiadi Tokyo 2020 (via Twitter, @ITFTennis)

Pavlyuchenkova/Rublev b. Vesnina/Karatsev 3-6 7-6(5) 13-11

Il derby russo nella finale olimpica del doppio misto non tradisce le aspettative e consegna a Tokyo una partita equilibratissima che regala l’oro ad Anastasia Pavlyuchenkova e Andrey Rublev. La coppia porta alla Russia la dodicesima medaglia d’oro di questa edizione, nonostante a livello ufficiale gli atleti russi gareggiano il “Comitato Olimpico Russo” vista la squalifica per doping della Russia. Rublev e Pavlyuchenkova hanno confermato lo status di favoriti della vigilia, conquistato dopo aver superato in semifinale la coppia sulla carta più quotata del torneo, gli australiani Ashleigh Barty e John Peers. Per i due è la prima medaglia olimpica in assoluto, alla prima partecipazione per entrambi i tennisti.

La finale non era iniziata sotto i migliori auspici per i due campioni, con Vesnina e Karatsev che trovano per primi il break e sembrano poter indirizzare il primo set a proprio favore. La reazione è immediata, Rublev è decisivo nel contro-break del game successivo. I due resistono al tentativo di break dei loro colleghi russi e nel sesto game Nastia e Andrej si prendono il secondo break consecutivo con un errore di dritto di Karatsev. Non ci saranno più scossoni al servizio di entrambi e le teste di serie numero 4 del tabellone, vinto il primo set, si ritroveranno a un passo dall’oro.

 

Nel secondo set Pavlyuchenkova e Rublev sono però molto meno brillanti e devono salvare una palla break già nel primo game. Vesnina e Karatsev provano a rifarsi sotto nel decimo game e si procurano due set point, ma i loro avversari si aggrappano al set con le unghie e lo spediscono al tie-break. Nel parziale decisivo è Elena Vesnina a prendere il comando delle operazioni. La tennista di Sochi – tornata in campo da pochi mesi, lo ricordiamo – manda la sua coppia avanti 3-1 con un passante di rovescio e riesce a causare due errori di Rublev decisivi per il set, l’ultimo proprio su una seconda molto carica della tennista russa. Per decidere l’oro serve il long tie-break del terzo set.

Il tie-break decisivo mette in mostra i riflessi fulminei di Karatsev, che in un inizio convulso che vede sei mini-break su otto punti totali gli dà un punto di vantaggio conservato fino al 7-6, in cui Vesnina cede per due volte consecutive il servizio. Ora Karatsev si ritrova a servire per restare nel match, e sull’8-9 i due vengono graziati da una volée sbagliata da Rublev a due passi dalla rete. Sull’11-10 ancora una volta Pavlyuchenkova e Rublev hanno la palla dell’oro, ma questa volta è la tennista russa a sparare fuori un dritto incrociato. L’appuntamento con la medaglia più pregiata è però solo rimandato: con uno smash perentorio sul 12-11 Andrey Rublev chiude tie-break e partita, mettendo al collo e al collo di Pavlyuchenkova l’oro olimpico.

Consolazione comunque per Vesnina e Karatsev, che portano l’argento alla Russia in una storico derby di finale. E’ la seconda medaglia olimpica per Vesnina, vincitrice del doppio femminile a Rio 2016 assieme a Ekaterina Makarova e sconfitta quest’anno nella finale per il bronzo del doppio femminile. Prima medaglia invece per Aslan Karatsev, alla prima partecipazione olimpica assoluta, a coronamento di una stagione per lui importantissima, con vista agli appuntamenti sul cemento americano di questo fine mese.

Continua a leggere

Flash

La Hopman Cup tornerà nel 2022, stavolta in Europa

Chiusa dalla ATP Cup a Perth, la competizione mista è in cerca di una nuova sede e di un nuovo slot nel calendario, come confermato dal presidente dell’ITF Dave Haggerty

Pubblicato

il

Roger Federer/Belinda Bencic, Hopman Cup 2019 (foto via Twitter @hopmancup)

A tre anni dall’ultima edizione disputata nel 2019, la Hopman Cup tornerà nel 2022, come affermato dal presidente dell’ITF Dave Haggerty, ma con una nuova sede e in un altro periodo dell’anno. Organizzata dall’ITF e quindi senza valore in termini di punti ma inclusa nei calendari dei due tour ed estremamente popolare fra i giocatori più forti (soprattutto Roger Federer e Serena Williams), la Hopman Cup è un torneo misto per rappresentative nazionali che ha fatto parte del build-up dell’Australian Open per 31 edizioni, consistendo di un singolare femminile, un singolare maschile e un doppio misto.

Battezzata in onore di Harry Hopman (sette volte campione Slam fra doppio maschile e doppio misto ma soprattutto capitano di 16 vittorie australiane in Coppa Davis al tempo del challenge round), la manifestazione è nata nel 1989, a quattro anni dalla scomparsa di Hopman, svolgendosi sempre a Perth (prima al Burswood Dome, fino al 2012, e poi alla Perth Arena dal 2013 al 2019).

Nel 2020, però, la capitale della Western Australia è stata scelta per diventare una delle tre sedi della ATP Cup assieme a Brisbane e Sydney (o meglio, questo è l’arrangiamento tradizionale, perché come noto l’edizione di quest’anno si è svolta interamente a Melbourne per limitare gli spostamenti dei giocatori in virtù della pandemia), segnando di fatto la scomparsa del torneo.

 

Parlando con “Around the Rings, Haggerty ha spiegato che i dettagli saranno annunciati nelle prossime due settimane: “Vogliamo il ritorno della Hopman Cup perché amiamo vedere uomini e donne competere insieme. Molto probabilmente il torneo si disputerà in Europa, anche se abbiamo diverse opzioni […] Stiamo lavorando con diverse aziende e siamo molto vicini a poter fare un annuncio ufficiale in tal senso“.

Solo in tre occasioni uno dei vincitori del torneo ha poi messo a segno la doppietta con l’Australian Open: Monica Seles nel 1991, Serena Williams nel 2003 e Roger Federer nel 2018. Gli Stati Uniti sono la nazione più vincente, avendo conquistato il trofeo sei volte (l’ultima nel 2011), mentre la squadra di casa ha vinto nel 1999 e nel 2016. L’Italia ha partecipato dieci volte, ma senza mai raggiungere la finale: un’eliminazione ai quarti nel 1990 e nove nel round robin, l’ultima nel 2015 con Pennetta/Fognini.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement